Caserta, in arrivo nuova piena del Volturno di minore entità: rischio esondazione per aree già allagate

Il Consorzio Generale di Bonifica del Bacino Inferiore del Volturno continua a monitorare le acque del Volturno, interessata da un perdurante fenomeno di piena iniziato il 16 gennaio 2023. Allo stato si rileva che nella mattinata di oggi, alle ore 9.00, l’idrometro di Solopaca su fiume Calore ha toccato un colmo di piena a 365 centimetri sullo zero idrometrico. Al contempo non si registrano afflussi significativi dal bacino alto e medio del Volturno. Purtuttavia sono di nuovo a rischio allagamento le aree già interessate dall’esondazione dovuta alla rottura arginale verificatasi a Cancello ed Arnone per il cedimento dell’argine sinistro in località Masseria Caianello.

La stazione idrometrica appostata al Ponte di Limatola registra un modesto incremento del livello, che alle ore 13:00 di oggi ha raggiunto i 276 centimetri sullo zero idrometrico.

Pertanto, sulla scorta degli eventi storici, è possibile stimare l’orario del passaggio del colmo di piena nei centri più a valle. Il massimo della piena dovrebbe essere raggiunto alle ore 23 di oggi alla stazione di Ponte Annibale tra Capua e Bellona, alle ore 1 antimeridiana di domani 22 gennaio 2023 a Capua e alle ore 5 antimeridiane sempre di domani a Grazzanise.

“L’entità della piena è certamente modesta – scrive il direttore generale dell’ente di bonifica, Camillo Mastracchio in una nota inviata agli enti territoriali ed alle autorità competenti – ma in ogni caso il valore idrometrico del fiume potrebbe intercettare di nuovo il livello della breccia arginale causando un nuovo riversamento. Sarà Possibile al passaggio della piena da Ponte Annibale stimare i livelli di piena medesimi.”

Comunicato Stampa

YouTube
Pinterest
Instagram