Caserta, flash mob dei lavoratori dell’Ospedale licenziati: “Chiediamo alle Istituzioni di ricordarsi di noi”

Un flash mob davanti alla Regione Campania al Centro Direzionale martedì 3 maggio, un reminder per dire alle Istituzioni “ricordatevi di noi”. Lo scorso 31 gennaio 2022 è stato l’ultimo giorno di lavoro per il residuo dei lavoratori somministrati dell’Azienda Ospedaliera di Caserta, un manipolo dei quasi 300 che da anni, già prima della pandemia, stavano lottando per conservare il proprio posto di lavoro.
In molti sono riusciti a restare attraverso i concorsi, alcuni rientrando nel bando previsto per i dipendenti che avevano raggiunto un certo numero di requisiti ed anni di servizio, altri sono andati via in altre strutture ed altri ancora sono riusciti ad essere ripescati grazie allo scorrimento delle graduatorie.


Numerose in questi due anni e in questi mesi, le proroghe, i tentativi salvacontratto, gli appelli nelle more alla legge Madia che sembrava presagire appigli per la stabilizzazione, e poi le agitazioni, gli scioperi. E’ stato tentato di tutto, ma per 15 degli Oss somministrati dell’Aorn è finita così. “Eh sì, dopo 14 anni di lavoro in Azienda Ospedaliera di Caserta quello è stato il nostro ultimo giorno di lavoro – ha riferito Rosa Della Ventura, volto dei somministrati per molti anni, in prima linea nelle battaglie di piazza ed ai tavoli di confronto – tante le lotte portate avanti, fiera di aver comunque lottato”.

“Fino all’ultimo non c’è stata la volontà politica e istituzionale di chiudere questa situazione nel migliore dei modi – ci ha raccontato ancora Della Ventura – siamo stati licenziati in 7 sugli ultimi 20 rimasti, 6 infatti sono stati ripescati. Ma non finirà qui purtroppo, si tratta di pochi mesi e la situazione si ripresenterà tal quale. cosa chiediamo? Desideriamo che La Regione si assuma le proprie responsabilità. E vogliamo spiegazioni e chiarezza e non essere più palleggiati. Siamo operatori sanitari dell’Azienda Ospedaliera di Caserta e delle ASL di Caserta  e provincia abbiamo garantito i LEA (livelli essenziali di assistenza) per 15 anni e più perché la Regione non poteva fare concorsi. Abbiamo garantito urgenza ed  emergenza e per concludere il covid-19 e dopo tutto ciò siamo stati licenziati. Una luce sembra venire dalla legge di bilancio del 30 Dicembre  2022 art 1 comma 268 lettera C n.234 che permette la reinternalizzazione dei servizi appaltanti e di reclutare con una riserva posti personale che ha garantito assistenza ai pazienti in tutto il periodo compreso tra il 31 gennaio 2020 e il 31 dicembre 2021 con almeno 3 anni di servizio.
Desideriamo una risposta dalla Regione sul perché questa possibilità non viene applicata dai direttori di Caserta mentre a Napoli succede. Il Santobono infatti sta provvedendo applicando la suddetta  legge di bilancio. Non si può pensare di stabilizzare solo chi ha  18 mesi di lavoro e Non chi come noi ha 15 anni di lavoro in background, ed anche più, visto che la legge di bilancio lo permette. Non fermeremo la nostra lotta, ci devono spiegare. Gli ex dipendenti dell’AORN Caserta fanno appello a tutti, dal Presidente del Consiglio ai consiglieri tutti. Devono assumersi le proprie responsabilità del resto queste forme passate appaltanti sono state create dalla stessa Regione per garantire i LEA e non possono non riconoscerci ciò che ci spetta sarebbe disumano. A cosa è servito chiamarci eroi?”
scrivono in una lunga nota.

YouTube
Pinterest
Instagram