Gli allevatori dell’Alto Casertano adottano una stalla “orfana” dei proprietari malati di covid

Il covid colpisce le persone ed indirettamente può nuocere anche alla vita degli animali. È il caso di una famiglia di allevatori dell’Alto Casertano risultata positiva al covid, che non riusciva ad accudire la propria stalla composta da cinquanta bovini in pericolo.

Subito si è attivata una grande solidarietà attraverso l’intervento di altri allevatori della zona che hanno così salvato gli innocenti animali. Racconta l’episodio Coldiretti Campania, evidenziando il lavoro che l’organizzazione sta conducendo in tutte le province per assistere gli agricoltori in questo momento difficile. Come riporta l’Ansa, la famiglia di agricoltori è stata prima divisa dal coronavirus, con i figli in isolamento in un comune vicino, e poi ha colpito marito e moglie con sintomi tali da non consentire di accudire l’allevamento.

Ecco che è stato messo in atto, attraverso gli uffici zona, quanto previsto dal Codice Civile, che consente lo scambio di mano d’opera tra i piccoli imprenditori agricoli. In questo modo si è attivata una sana solidarietà contadina attraverso l’intervento nella stalla di altri allevatori della zona. “La famiglia Coldiretti – si legge – è pronta ad entrare in azione a sostegno dei propri soci”.

YouTube
Pinterest
Instagram