Caserta, il Sindaco Marino: “Aiutiamo le fasce più deboli, chiederò di riaprire la nostra Reggia”

Il Sindaco di Caserta Carlo Marino lancia un messaggio ai cittadini per fare il punto della situazione coronavirus insieme ad un monito importante in vista del weekend dopo le decisioni del Governo che ha inserito la Campania in area gialla.

“I dati della provincia di Caserta non sono positivi, abbiamo superato i 10.000 positivi ed in città i 700. Abbiamo tanti asintomatici che diventano negativi ma anche numerosi nuovi casi. Per fortuna ci sono anche dei guariti e tra questi Don Primo e ne siamo tutti felici ma ci sono anche tanti ricoveri e terapie intensive. E’ il momento della solidarietà, dell’aiuto, della comunità, per costruire un modello forte di aiuti insieme all’Amministrazione, le associazioni e le Istituzioni. Dobbiamo tenere i nostri figli a casa: non è il momento dell’uscita e dell’aperitivo, dell’assembramento che parte già da tre persone in poi. Ricordiamo le regole, la mascherina, il distanziamento, il gel sanificante. Non voglio persone che soffrono nella nostra città o che stanno male per un virus terribile”.

“La scuole prosegue con la didattica a distanza a tutti i livelli scolastici di primo e secondo grado. I ragazzi devono star a casa, è un momento difficile ma dobbiamo tutti fare uno sforzo, dobbiamo tener fermo il diritto alla salute prevalente a quello della conoscenza e libertà. Da stasera parte il lockdown notturno, dalle 22 alle 5 di mattina: si esce solo con autocertificazione per motivi di lavoro e salute urgenti. Le attività restano aperte fino alle 18, fino alle 22 asporto e domicilio aperto anche dopo. Centri commerciali chiusi nel weekend? Sono ancora più rigido, dico sempre di spendere nei negozi del nostro centro ed evitare rigorosamente gli assembramenti nei centri commerciali che dovrebbero star chiusi sempre, anche durante la settimana. Ricordo inoltre che non ci si può spostare tra le province se non per motivi di salute e lavoro”.

“Scriverò a Franceschini ed alla Maffei per tutelare comunque i Musei e la Reggia di Caserta, chiederò a loro di considerarlo come struttura monumentale così come il parco e non polo museale. Lasciate vivere un polmone importante nella città, dove le persone vanno a trascorrere delle belle giornate distanziate ed in tranquillità”.

YouTube
Pinterest
Instagram