Archivio per Categoria Cronaca

DiRedazione

Il Sindaco di Caserta Carlo Marino e la Società Golden Tulip VolAlto 2.0 rilanciano le ‘porte aperte’ al Palavignola per domani ore 16 contro Mondovì

Bracci-Marino (1)Ancora porte aperte al PalaVignola di Caserta: il sindaco di Caserta Carlo Marino e la società rosanero della Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta rilanciano l’iniziativa della settimana scorsa e ‘regalano’ il ticket per la gara di domani (ore 16) contro la Lpm Bam Mondovì. Sarà l’occasione anche per conoscere il nuovo allenatore Marco Bracci che stamattina è stato per la prima volta nel quartier generale della famiglia Turco. Per coloro che hanno sottoscritto l’abbonamento ci sarà una grandissima sorpresa in occasione della prossima gara interna. Vi aspettiamo al palazzetto, abbiamo bisogno del calore della gente!

DiRedazione

Colpo nel centro scommesse, i ladri sorpresi dai carabinieri

carabinieriI carabinieri della Stazione di Orta di Atella, unitamente ai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marcianise, nel corso di un servizio di controllo del territorio hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato per furto dei pregiudicati Agostino Napolitano, 55enne residente ad Afragola (Na) e Salvatore Russo, 42enne residente ad Acerra (Na).

I due si sono resi responsabili di furto e danneggiamento ai danni di un centro scommesse sito in via Martiri Atellani, ad Orta di Atella. Previa forzatura di alcune slot machine si sono impossessati della somma in contanti di circa 10mila euro.

Nella circostanza i militari dell’Arma, allertati dalla centrale operativa, prontamente intervenuti sul posto hanno sorpreso i due all’interno del locale, dove li hanno prontamente bloccati. La refurtiva è stata interamente la refurtiva e restituendola all’avente diritto. Gli arrestati sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza della Stazione di Orta di Atella, in attesa di essere giudicati con rito direttissimo.

DiRedazione

Sorpreso dalla Forestale a bruciare rifiuti a due passi dalla Pierrel, denunciato 49enne

rogo tossicoNel corso di un’attività di controllo del territorio finalizzata al contrasto dei crimini ambientali, una pattuglia di Carabinieri Forestali, appartenenti al Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale di Caserta, NIPAAF, ha avvistato lungo la Strada Statale 7 bis di Capua in direzione dell’abitato di San Tammaro, nei pressi del ponte ferroviario sito in prossimità dello stabilimento della Pierrel, una colonna di fumo di colore nero e dall’odore acre, segno evidente di una combustione di rifiuti in atto.

Immediatamente i militari si sono portati sul luogo di origine della colonna di fumo che risultava essere una proprietà privata laddove veniva rinvenuto C.C., 49enne di Capua. La combustione dei rifiuti è risultata ancora in atto, nonostante i tentativi di C.C. di estinguere le fiamme alla vista dei militari, e stava interessando un cumulo di sfalci di potatura, plastiche varie e barattoli di alluminio. L’accertamento dei luoghi ha evidenziato che in adiacenza al cumulo di rifiuti già dati alle fiamme ve ne erano altri pronti per essere bruciati. Sul posto è intervenuta in supporto anche una pattuglia della Stazione Carabinieri di Capua. Allo spegnimento del rogo di rifiuti ha provveduto la Protezione Civile – Volontariato, Associazione Radiosoccorso SOS Capua prontamente allertata.

Il 49nne è stato denunciato in stato di libertà sia per il delitto di combustione illecita di rifiuti per il quale il legislatore ha previsto l’applicazione di pene severissime (fino ad un massimo di cinque anni di reclusione per accensione di rifiuti non pericolosi) proprio per assicurare un’adeguata tutela per l’ambiente e per la salute collettiva, e sia per il reato di “getto pericoloso di cose” in quanto il fumo arrecava problemi di visibilità alla viabilità in transito sulla Strada Statale 7 bis.

DiRedazione

Schianto al bivio dell’Appia, violento impatto tra due auto

Carabinieri AversaEnnesimo incidente questa mattina nei pressi del semaforo, spento da tempo, tra Cervino e Maddaloni lungo l’Appia in località Ponte Grotta. Nello schianto sono rimaste coinvolte due vettura, una Seat ed una Fiat Stilo, confermando di fatto come l’incrocio sia particolarmente pericoloso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri con una gazzella della locale stazione. Contusi i due automobilisti alla guida delle vetture.

DiRedazione

Ladri ‘catturati’ dalle telecamere durante l’assalto all’azienda agricola

tentato furtoHanno tentato il raid all’interno di un’azienda agricola di Presenzano, fallendo però grazie all’interno della sicurezza privata. Una coppia di malviventi poco prima della mezzanotte del 17 ottobre scorso si è introdotta nella struttura con l’intento di rubare carburante da una cisterna di gasolio.

Mentre uno faceva da “palo”, l’altro era intento ad aprire la cisterna per iniziare le “operazioni”, ma i due sono stati costretti a scappare per l’intervento da remoto di un operatore della centrale operativa H24 della sicurezza privata.

DiRedazione

Dal Bisonte Firenze di A1 e dopo altre esperienze arriva alla Golden Tulip VolAlto 2.0 Caserta coach Marco Bracci

Marco BracciMarco Bracci è il nuovo allenatore della Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta. E’ sempre stata la scelta numero uno del presidente rosanero Nicola Turco. E’ lui la persona giusta per il progetto perché saprà sicuramente risollevare le sorti della squadra. In tanti hanno provato a ‘diventare’ allenatori della Volalto 2.0 ‘spacciandosi’ già per i tecnici rosanero ma il presidente Turco non ha mai avuto dubbi: Bracci è l’allenatore perfetto per questa squadra. Qualcuno ha provato a sviare ma non ci è riuscito. La società ringrazia tutti i procuratori che hanno proposto i propri tecnici ma ringrazia anche chi ha preferito remare contro.
Ecco chi è il nuovo tecnico rosanero Marco Bracci: ha 52 anni ed è un campione che ha fatto parte della “generazione di fenomeni”, quella Nazionale azzurra che negli anni novanta con Julio Velasco e poi con Bebeto ed Anastasi ha dominato la scena della pallavolo internazionale. Nato a Fucecchio il 23 agosto 1966, Bracci ha giocato per 18 anni a Parma (nella mitica Maxicono) e poi a Modena, Roma e Macerata. In 18 anni da schiacciatore ha vinto sei scudetti, sei Coppe Italia, una Supercoppa Italiana, quattro Champions League, tre Coppe delle Coppe, quattro Coppe Cev, due Supercoppe Europee e un Mondiale per Club. In Nazionale ha vinto, fra le altre cose tre ori mondiali, mentre da allenatore è stato per sette anni nello staff tecnico della nazionale femminile. Poi è stato alla guida del settore giovanile dei Lupi Santa Croce e poi della prima squadra, nella serie B1 maschile. Quindi nelle ultime stagioni è stato in Serie A1 con il Bisonte Firenze.
L’esperienza di certo non gli manca, e con lui in panchina la Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta è pronta a spiccare il volo.
DiRedazione

Tentata rapina alla Banca di Credito Cooperativo di San Vittore, malviventi presi a calci dai dipendenti

rapina_banca_sanvittoreDue persone a volto travisato e armate di cacciavite sono entrate all’interno della Banca di Credito Cooperativo di San Vittore del Lazio ed hanno provato a farsi consegnare l’incasso ma sono stati messi in fuga dai dipendenti che li hanno spintonati e presi a calci. Sul posto i Carabinieri della Compagnia di Cassino. E’ caccia all’uomo anche in tutta la provincia di Caserta.

DiRedazione

Hysaj al PalaVignola: visita alla Golden Tulip VolAlto 2.0 Caserta

Hysaj Hysay1Presenza speciale stasera al PalaVignola per assistere all’allenamento della Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta. Il calciatore del Napoli, Hysaj, ha infatti fatto visita alla società rosanero e si è intrattenuto con dirigenti e atlete della squadra casertana. Il terzino della squadra di Ancelotti è arrivato a Caserta con la moglie e il figlio. E’ un grande onore per la città e per la società ospitare un giocatore internazionale che vanta anche numerose presenze in Nazionale. La sua presenza stasera al palazzetto dimostra che le realtà sportive serie vengono apprezzate e che serve veramente lavorare al 100% per poter conquistare risultati importanti. Solo per il bene della città!

DiRedazione

Il pentito Nicola Schiavone racconta gli accordi tra politici di Santa Maria C. V., camorra e imprenditoria

SCHIAVONE-NicolaDue punti salienti nell’interrogatorio del boss pentito Nicola Schiavone, figlio di Francesco ‘Sandokan’. Secondo il nuovo collaboratore di giustizia ci sarebbero stati alcuni ‘agganci’ del clan dei Casalesi con politici di Santa Maria Capua Vetere ma anche ‘legami stretti’ con alcuni imprenditori disposti a pagare somme ingenti per ‘prendersi’ gli appalti del Comune sammaritano. Sono ben 16 pagine di dichiarazioni che Nicola Schiavone ha reso dinanzi al pubblico ministero antimafia Maurizio Giordano durante l’udienza dell’inchiesta ‘The Queen’ sui presunti accordi tra politica, camorra ed imprenditoria.

Ecco le dichiarazioni di Schiavone jr che riguardano in particolare quattro degli imputati nel processo: Antonio Bretto, Rino Dimola, Pasquale Garofalo e Mario Martinelli. “I fratelli Bretto, almeno fino al 2010, non hanno avuto grazie a me personalmente dei lavori. Ricordo che conducevano anche un tenore di vita abbastanza modesto negli anni Novanta. Per farvi un esempio, la fidanzata di uno dei due, sorella di Luigi Scalzone, vendeva in nero abiti in casa, il che era difficilmente compatibile con un tenore di vita agiato. Ricordo, però, che a partire dagli inizi degli anni Duemila i due Bretto cominciarono a crescere dal punto di vista imprenditoriale aggiudicandosi diversi appalti pubblici. Seppi che questi imprenditori stavano crescendo perché in quel periodo cominciarono a versare nelle casse del clan la quota per i lavori che si aggiudicavano”.

“Nel momento in cui questi imprenditori sono entrati in contatto con noi – prosegue – hanno fin dall’inizio dato la loro disponibilità ad appoggiare imprese che noi avremmo indicato o ad essere aggiudicatarie di lavori nel Casertano. In sostanza, ci chiesero, a me in particolare per il tramite dei miei uomini, di entrare a far parte di quelle imprese disponibili ai nostri interessi. Così è stato, nel senso che io ho sempre saputo di poter contare su queste imprese”“Mario Martinelli – aggiunge – è un imprenditore che ha sempre vissuto accanto alla famiglia Garofalo ed è sempre stato un interlocutore privilegiato per noi del clan. Appartiene, cioè, a quelle categorie di imprenditori collusi con noi del clan dei casalesi”.

DiRedazione

Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta: coach Cristofani si dimette, la società accetta le dimissioni

Tarallo-CristofaniDopo due partite perse 3 a 0 da una squadra quale la Golden Tulip VolAlto 2.0 proiettata a vincere il campionato, si dimette il coach Luca Cristofani. La società ha accettato l’accordo bonario del Procuratore di Coach Cristofani. Il Progetto VolAlto 2.0 non si arena e va avanti ancora più forte. La società fa gli auguri al Coach Cristofani di trovare di meglio e gli augura tutto il bene possibile. La Volalto 2.0 chiarisce: la squadra non è stata scelta dalla società ma è stata completamente scelta dal Coach Cristofani. Ecco le dichiarazioni del collaboratore rosanero Giorgio Tarallo: “La VolAlto 2.0 è una società nuova che in pochi mesi ha accontentato tutti e tutte, tutte le richieste sono state soddisfatte compreso il nuovo Palazzetto con taraflex dove Domenica erano presenti 800 persone, dispiace delle dimissioni del coach ma noi andiamo avanti come caterpillar”.