Trentola Ducenta, il sindaco giustifica il provvedimento del Presidente De Luca

Attraverso un messaggio apparso sulla propria pagina Facebookil sindaco di Trentola Ducenta Michele Apicella ha definito ragionevole l’ordinanza

emanata dal Presidente regionale De Luca sulla chiusura delle scuole: “La Regione Campania con l’ordinanza n. 6 del 27.02.2021 del Presidente De Luca, visto l’alto numero di contagi, parte dei quali ha interessato bambini e ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado, ha ordinato la chiusura di tutte le scuole presenti sul territorio regionale. Un provvedimento inauspicato ma necessario, vista l’impennata della curva epidemiologica. Scuole chiuse, quindi, da lunedì primo marzo fino al quattordici. Una decisione sofferta ma ragionevole in un momento in cui il covid19 si diffonde rapidamente anche a causa delle diverse varianti, che si sono sviluppate nel tempo, ed in particolare a causa della variante inglese, molto più contagiosa e che si trasmette anche a soggetti giovani e giovanissimi con estrema facilità. La decisione del Governatore della Campania, in qualche modo, rafforza e giustifica l’atteggiamento prudenziale adottato, fin dalla prima ora, da questa amministrazione comunale che, nonostante le polemiche, sebbene di uno sparuto gruppo di genitori, ha sempre agito nella convinzione che andasse tutelata principalmente la salute degli studenti e del corpo docente, pur cercando di contemperare le diverse e a volte contrastanti esigenze in campo. Oggi più che mai siamo convinti e contenti delle misure precauzionali poste in essere dal sottoscritto, condivise con l’assessorato all’Istruzione e concordate con i dirigenti scolastici, dirette a limitare le occasioni di contatto e di assembramento dentro e fuori le mura scolastiche, attraverso la riduzione del numero degli alunni in presenza e, in alcuni casi, la chiusura di singoli plessi, resa necessaria dal riscontro di casi di positività al virus. Non ci stancheremo mai di ribadire e ricordare, senza voler in alcun modo generare inutili e improduttivi allarmismi, che è necessario rispettare poche e semplici regole per limitare il diffondersi del virus, quali l’uso delle mascherine, il distanziamento fisico e soprattutto limitare le uscite allo stretto necessario, con l’auspicio che, grazie ai vaccini, tutto possa finire al più presto e si ritorni in fretta alla normalità”.

YouTube
Pinterest
Instagram