Ex Macrico, la documentazione in viaggio verso il Vaticano: gli scenari

Il destino dell’ex Macrico di Caserta, nel 2021 potrebbe essere nelle mani persino del Vaticano. La documentazione sull’area militare dismessa, di proprietà dell’Istituto diocesano di sostentamento clero, è stata consegnata nelle mani di Papa Francesco direttamente da Sergio Tanzarella, portavoce del comitato Macrico verde e professore alla Pontificia Università Gregoriana di Roma.


Come scrive infatti Il Mattino, Tanzarella era stato convocato in udienza, insieme ad una collega, per motivi di lavoro e in quell’occasione ha illustrato al Pontefice l’emergenza Macrico fornendogli tutti gli atti e il materiale prodotti negli ultimi venti anni. “Trovo difficile riconoscere una funzione sociale – conclude Tanzarella – in un bene totalmente abbandonato da venticinque anni. Occorre che la Chiesa organizzi una risposta in tal senso. Non è più ammissibile che il Macrico resti un bene inutilizzato soprattutto alla luce della grande valenza che ricopre per la città». «L’interesse mostrato dal Pontefice per questa vicenda è un avvenimento di portata straordinaria – è il commento che arriva da Maria Carmela Caiola, vicepresidente di Italia Nostra e fondatrice del comitato Macrico verde del quale fanno parte cinquanta associazioni – è la prima volta che accade in venti anni“.

Già pronto anche un incontro con il nuovo vescovo di Caserta, Monsignor Pietro Lagnese che si insedierà il prossimo 20 gennaio in occasione delle celebrazioni di San Sebastiano, patrono della città per non lasciare nulla di intentato per la salvaguardia di questo polmone verde.

YouTube
Pinterest
Instagram