Archivio degli autori redazione2 casertaprimapagina

Diredazione2 casertaprimapagina

Operazione di controllo straordinario tra Caserta e Napoli, sequestrate aziende e stabilimenti

Operazione di controllo straordinario del territorio di Aversa e dei comuni di Mugnano di Napoli, Nola, Villaricca, Acerra, Sant’Antonio Abate, Giugliano in Campania, Mondragone, Gricignano d’Aversa, Trentola Ducenta e Capodrise.
In campo 34 equipaggi, per un totale di 93 unità appartenenti al Raggruppamento “Campania” dell’Esercito Italiano, al Commissariato della Polizia di Stato di Aversa, ai Carabinieri della Stazione di Teverola, alla Compagnia della Guardia di Finanza di Aversa, al Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Napoli, alla Polizia Metropolitana di Napoli, alla Polizia Provinciale di Caserta, alle Polizie Locali dei Comuni interessati, nonché personale dell’ASL e dell’ARPAC di Caserta. Controllati 10 esercizi commerciali e imprenditoriali operanti nei settori meccanico, calzaturiero, di stoccaggio e smaltimento rifiuti (6 sono stati sequestrati) e 75 veicoli (19 sottoposti a fermo amministrativo). Identificate 69 persone (8 denunciate all’Autorità giudiziaria e 7 sanzionate amministrativamente) e contestate sanzioni amministrative per circa 23.500 euro.

In particolare, ad Aversa è stato sequestrato uno stabilimento, in parte già sottoposto ad analoga misura qualche anno addietro, esteso su un’area di 1500 mq, dove erano impiegate 13 persone per la lavorazione di legnami. All’interno dell’azienda venivano stoccati illegalmente rifiuti anche pericolosi e sono state contestate violazioni della normativa in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro, in quanto erano utilizzate attrezzature e macchinari pericolosi. 12 dipendenti sono risultati irregolari tra i quali tre extracomunitari sprovvisti di permesso di soggiorno. Sempre ad Aversa sono state sequestrate due officine meccaniche, ed alcune aree annesse, fortemente compromesse sotto il profilo ambientale per la presenza di materiali pericolosi, quali oli esausti, parti di veicoli, batterie per auto, in violazione della normativa in materia di smaltimento dei rifiuti.

A Gricignano di Aversa è stata sequestrata un’azienda specializzata nel recupero e stoccaggio di rifiuti pericolosi nella quale erano depositati illegalmente una gran quantità di rifiuti speciali e pericolosi in violazione delle norme in materia di tutela ambientale e di sicurezza sul lavoro, nonché un fabbricato all’interno del quale veniva svolta un’attività non autorizzata di rimessa di rifiuti ferrosi. Alle modalità operative e coordinate di contrasto, promosse dalla Cabina di Regia presieduta da Gerlando Iorio, Incaricato per il contrasto al fenomeno dei roghi nella regione Campania, concorrono l’Esercito, le Forze dell’Ordine e le Polizie locali.

Diredazione2 casertaprimapagina

Boxing Improta conquista sette cinture nazionali I.C.O-A.SI. ad Aversa

Presso la palestra del liceo scientifico “Enrico Fermi” di Aversa, si sono svolti i “campionati nazionali di boxe A.S.I. promotion” e “Spartan Fighting Italian Championship”. L’evento è stato organizzato dallo staff Improta, capitanato dal Maestro Antonio Improta di Teverola, in collaborazione con I.C.O. Italia, presieduta dal Maestro Alessandro Cecchini di Roma. A partecipare alla manifestazione sono stati circa 200 atleti provenienti da tutta Italia al cospetto del presidente regionale A.S.I. Campania, Nicola Scaringi.

“E’ stata una grande giornata di sport da combattimento – affermano i componenti del team teverolese -, durante cui si sono svolti gli incontri su due ring diversi, garantendo un grande spettacolo agonistico e tecnico”. Il Maestro Antonio Improta commenta: “Hanno partecipato alla gara anche gli atleti del nostro team di Teverola, portando a casa sette cinture nazionali”. A conseguire le cinture sono stati Davide De Rosa (categoria esordienti), Pasquale Tozzi (cat. Junior), Carmine Ianniello (cat. Dilettanti), Giuseppe Moscariello (cat. Dilettanti), Giuseppe Marino (cat. Dilettanti), Pasquale Tozzi (cat. Dilettanti) e Carlo Molinaro (cat. Dilettanti).

“Ringrazio – conclude il Maestro Antonio Improta – la dirigente scolastica del liceo Fermi, Adriana Mincione, per la grande disponibilità mostrata, tutti i Maestri intervenuti per l’occasione ed i miei allievi, che, costantemente, onorano il nome della mia palestra e quello della comunità teverolese”.

Diredazione2 casertaprimapagina

Le Meraviglie della Campania Felix: visite guidate gratuite al Museo Campano di Capua

Ci sarà anche il Museo Provinciale Campano di Capua tra i protagonisti delle visite organizzate ogni anno per la Giornata Internazionale della Guida Turistica, celebrata in tutto il mondo il 21 febbraio coinvolgendo i professionisti regolarmente abilitati all’attività di Guida Turistica che, in occasione di questa ricorrenza, si offrono di accompagnare gratuitamente visitatori e curiosi alla scoperta del patrimonio culturale locale.
Per l’edizione 2019 il Museo Provinciale Campano è stato scelto per una visita guidata a due voci proposta dalle dott.sse Sara De Matteis e Francesca Memoli, guide turistiche abilitate dalla Regione Campania, «per festeggiare l’evento ribadendo quanto sia affascinante, e in egual grado complessa, questa professione, che non può affidarsi all’improvvisazione, bensì necessita di una formazione di base adeguata, nutrita e consolidata da continui aggiornamenti ed approfondimenti». L’appuntamento è per domenica 24 febbraio alle ore 10 all’ingresso del Museo Provinciale Campano. La partecipazione all’evento è ammessa su prenotazione ed è totalmente gratuita, fatta esclusione del titolo d’ingresso previsto per il Museo che è a carico dei partecipanti. Al termine della visita gratuita sarà possibile contribuire con una donazione: l’intero ricavato sarà devoluto all’Associazione Genitori Oncologia Pediatrica (AGOP).

Il percorso si svolgerà all’interno del Museo attraversando gli spazi dello storico Palazzo Antignano e dell’ex convento della Concezione, custodi di un vasto e vario patrimonio: 32 sale di esposizione, 20 di deposito e 3 grandi cortili in cui le opere sono organizzate per classi, per tipi e per provenienza; ancora, la Pinacoteca e, non meno importante, la Biblioteca ed archivio storico. Quest’ultima straordinaria sezione sarà eccezionalmente aperta per l’occasione grazie alla disponibilità accordata dal direttore Mario Cesarano, con i suoi 70000 volumi, tra documenti, manoscritti e stampe che raccolgono e raccontano oltre cinque secoli di storia della Terra di Lavoro. Il Museo Campano è scrigno di cultura, luogo di studio e di tutela per le opere che raccontano la storia trimillenaria dell’antica Capua e di tutta la Regione: dall’imponenza delle sculture Federiciane che ornavano la porta della Città medievale sul fiume Volturno all’unicità delle “Madri di Capua”, passando attraverso le copiose raccolte di epigrafi, stele e lapidari, l’insieme dei vasi attici ed italioti, le numerose terrecotte architettoniche e votive, i bronzi e le monete, le statue, gli affreschi funerari ed i tre importanti mosaici, culminando nel candore del cratere marmoreo decorato con scene tratte dai riti celebrati in onore del dio Dioniso, sottratto ai depositi, restaurato e nuovamente esposto in una teca funzionale e interattiva per garantire un’ottimale fruizione al pubblico. Una passeggiata che susciterà interesse, piacere e curiosità nei visitatori, spesso ignari dell’immenso valore di questo sito nato per conservare le più fulgide memorie di tutta la regione, e che rientra nell’ambito dei molteplici i percorsi in programma per la Giornata Internazionale della Guida Turistica, istituita nel 1990 dalla World Federation of Tour Guide Associations e promossa in Italia dall’Associazione Nazionale Guide Turistiche (ANGT) e in Campania dall’Associazione Guide Turistiche Campania.

Diredazione2 casertaprimapagina

Caserta: operazione congiunta di controllo del territorio, numerose irregolarità nel centro cittadino

Gli uomini della Polizia Municipale di Caserta guidati dal comandante Luigi De Simone hanno partecipato, nella serata di venerdì scorso, ad una operazione di controllo del territorio svolta congiuntamente con i Carabinieri del Norm, Nas, Cio di Caserta, VigilFuoco e Asl Caserta. Nel corso del controllo svolto presso alcuni esercizi pubblici sono state rilevate, in uno di essi, numerose irregolarità di varia natura che hanno condotto, peraltro, alla chiusura della relativa cucina. In un secondo esercizio sono state accertate irregolarità circa l’impatto acustico e irrogate le relative sanzioni. Per un terzo esercizio, la Polizia Municipale sta ancora conducendo accertamenti negli Uffici comunali per rilevare compiutamente le irregolarità del caso. Nel corso del controllo i vigili urbani hanno altresì proceduto ad accertare numerose infrazioni al Codice della Strada, oltre trenta, in corso Giannone, piazza Vanvitelli, via Redentore.

Diredazione2 casertaprimapagina

Caserta, arrivano le facilitazioni per i parcheggi: al via telepass pyng ed abbonamenti a costo ridotto

Novità, semplificazioni e facilitazioni in arrivo per il parcheggio a pagamento negli spazi pubblici in città: al via Telepass Pyng, per pagare dal cellulare la sosta nelle strisce blu; al via anche la possibilità di acquistare abbonamenti mensili per la sosta nelle strisce blu, con costi molto più bassi rispetto agli importi normali.

La Tmp srl, che gestisce la sosta negli spazi pubblici delimitati dalle strisce blu in città, ha comunicato all’Amministrazione comunale il varo del Telepass Pyng in città, dopo alcune sperimentazioni e applicazioni adottate in aree metropolitane come Milano e Roma o città minori. Il sistema, dopo aver scaricato la relativa app, consente il parcheggio senza più sprechi di tempo e denaro, pagando l’importo e indicando targa e numero di stallo direttamente da ogni cellulare, con addebito del costo direttamente sul proprio Conto Telepass, anche per vetture diverse da quella nota alla società Telepass.

Direttamente dal telefono la sosta può essere anche gestita a distanza, prolungandola o concludendola anticipatamente: da qui un ulteriore guadagno di tempo prima invece indispensabile per tornare al parchimetro, nonché di denaro rispetto a quanto preventivato e saldato finora in contanti nel parchimetro.

“Caserta è la prima città italiana – dice il sindaco Carlo Marino – dove il sistema, già sperimentato altrove, viene ora applicato completamente e compiutamente, consentendo di indicare nel pagamento il numero di stallo occupato. Continuiamo in tal modo il nostro percorso di innovazione per migliorare la qualità della vita nella nostra città. Telepass Pyng, peraltro, consente a tutti i cittadini casertani modalità smart di fruizione delle città in tutto il territorio nazionale”.

Al via anche gli abbonamenti mensili nelle strisce blu. Da giovedì 7 febbraio sarà possibile acquistare in contanti presso il point Tmp in piazza Ruggiero (il martedì e giovedì, dalle ore 9.00 alle ore 13.00; il mercoledì dalle ore 14.00 alle ore 17.00), gli abbonamenti mensili definiti per le varie zone cittadine, ad un costo notevolmente ridotto rispetto a quello praticato.

“Mettiamo in campo in tal modo – dice il vicesindaco Franco De Michele – una serie di facilitazioni, a tutto vantaggio degli automobilisti casertani e non casertani che frequentano la città, che corrisponde ampiamente a tutte le più varie esigenze. I costi definiti, in alcuni casi, sono anche più bassi di quelli contrattualmente previsti: una iniziativa indirizzata espressamente a semplificare e facilitare la fruizione dei parcheggi a pagamento a Caserta”.

Le tipologie degli abbonamenti in vendita dal 7 febbraio:

– abbonamento mensile zona A e zona B full: 250 euro, invece di 421,84 euro;
– abbonamento mensile zona A e zona B (dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 14.00): 120 euro;
– abbonamento mensile zona B full: 70 euro, invece di 184,45 euro;
– abbonamento mensile solo zona B (dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 14.00): 40 euro.

Diredazione2 casertaprimapagina

Caserta, buone notizie dal Comune: prolungato il pagamento delle bollette dell’acqua

L’Amministrazione comunale rende noto di aver appreso da Italgas Acqua che, “a causa di un disguido relativo all’attività di confezionamento e recapito, le bollette relative al servizio idrico di Caserta saranno consegnate a ridosso della data di scadenza in esse indicata, ovvero il 5 febbraio 2019”. Per questi motivi Italgas Acqua “ha disposto la proroga dei termini di pagamento al successivo 6 marzo 2019”. La società si scusa per l’involontario disservizio e ricorda che per maggiori informazioni è attivo il numero verde 800 909 109.

Diredazione2 casertaprimapagina

A Telese Terme il “Minislalom Città dei Vini” aspettando il Rally del Matese

L’A.S.D. New Matese MotorSport allarga i suoi orizzonti e approda in valle telesina per l’organizzazione, in programma per il prossimo 9 giugno 2019 a Telese Terme (BN), della prima edizione del Minislalom denominato “Città dei Vini”. In attesa della settima edizione dell’ormai atteso e famoso “Rally del Matese”, che si terrà il prossimo 29 e 30 giugno 2019, l’A.S.D. New Matese MotorSport è già a lavoro per un nuovo, per la zona, approccio alle auto da rally. Gli organizzatori, ormai da anni a lavoro sui suggestivi percorsi sia beneventani che casertani, territorio su cui verte il 7’ Rally del Matese – 5’Rally del Medio Volturno, si preparano “ad una nuova avventura con l’adrenalina di sempre”, come precisa il presidente Gennaro Gentile.

Saranno due i Comuni beneventani ad essere coinvolti nel Minislalom “Città dei Vini, il 9 giugno: Telese Terme e la vicina Castelvenere. Gli organizzatori preannunciano, infatti, che saranno tanti i dettagli e le curiosità, ad essere divulgate nelle prossime ore. “L’idea di questo Minislalom, – ci dice il presidente dell’A.S.D. New Matese MotorSport Rino Gentile – nasce dalla collaborazione con altre realtà molisane: la Tecno Motor Racing Team, l’A.S.D. Riccia Corse ed il Gruppo Ufficiali di Gara “LaCasta”. L’obbiettivo è quello di proporre, a partire dal prossimo maggio, tre gare slalom tra Molise e Campania. Si correrà il 5 maggio a Riccia, il 9 giugno a Telese, il 4 agosto a San Giuliano del Sannio”. Le iniziative messe in campo propongono un incentivo per i piloti che parteciperanno.

Diredazione2 casertaprimapagina

Sviluppo sostenibile Corso Trieste e Via Roma, Caserta vara il Progetto Soped

Urban Innovative Actions in Europa, Caserta vara il suo progetto SOPED per lo sviluppo urbano sostenibile, con un programma che prevede iniziative di contrasto alle isole di calore urbano nel centro storico della città, in particolare per corso Trieste e via Roma. Nel corso della sua più recente riunione, in merito, la giunta comunale ha approvato il progetto, ad iniziativa dell’assessora al reperimento dei Fondi comunitari Tiziana Petrillo. Il progetto SOPED (green and smart SOlutions to tackle Problems of urban hEat islands and street flooDing), per un importo di 5.911.933 euro, aderirà ora al quarto bando delle azioni innovative urbane promosso dalla Commissione Europea, considerando altresì – e in ogni caso – la realizzazione del progetto grazie all’intercettazione di risorse europee di altra natura.

“Il nostro progetto – dichiara l’assessora Petrillo – ha ottenuto l’adesione dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani – nel pieno e totale riconoscimento di validità e replicabilità dell’idea in altre città italiane -, dell’Università del Sannio di Benevento, dell’Università Federico II di Napoli, del Centro Italiano Ricerche Aerospaziali (CIRA) e del Centro Euro-Mediteraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC). Inoltre – fatto significativo – ha ricevuto la disponibilità di partnership da un’associazione e due società (Agenda 21 Carditello e Regi Lagni, Euphorbia srl, FOS srl) che si sono fatte carico del 20 per cento del costo totale del progetto, pari a 1.202.386,60 euro. UHI – Urban Heat Island (isole di calore urbano) e SF – Street Flooding (allagamenti in città) sono problemi che le nostre città stanno affrontando da tempo. Il Mediterraneo è esposto ai loro effetti e risulta da tempo vulnerabile ai cambiamenti climatici globali. Le osservazioni scientifiche, in proposito, evidenziano che gli eventi estremi, come le intense ondate di calore e le inondazioni improvvise, stanno diventando sempre più frequenti ed intensi. A parte le condizioni climatiche, il traffico urbano, i condizionatori, l’impermeabilizzazione del suolo e la mancanza di verde rendono ancora più grave la situazione. In tale quadro Caserta, città media e non fortemente industrializzata, non è esente da questi problemi, risultando anche la città più “calda” d’Italia”.

Da qui il progetto SOPED, che vara una proposta di intervento originata da un approccio olistico fondato su NBS (soluzioni basate sulla natura). Quindi: arredi urbani innovativi con una parte vegetale composta da un biofiltro in grado di assorbire gli inquinanti atmosferici, una parte strutturale realizzata con componenti modulari costituiti da biomateriali ed una parte intelligente costituita da sensori IoT e altre strutture. Per SOPED e quanto occorrerà, in particolare per i materiali botanici e strutturali utilizzati, lavoreranno in autoproduzione un vivaio ed una fabbrica digitale “di progetto”. Verranno inoltre realizzati giardini della pioggia, tetti freddi, balconi e tetti verdi.

“Dobbiamo guardare al futuro di Caserta e delle sue prossime generazioni – spiega l’assessore Petrillo – senza fermarci alle iniziative di piccolo ed immediato respiro, che pure servono per affrontare le emergenze quotidiane del nostro tessuto urbano. La modernità proposta da SOPED risiede in un eco-approccio sistemico che combina varie forme di innovazione: scientifica, tecnologica, organizzativa, sociale, culturale e comportamentale, coinvolgendo e rafforzando la partecipazione della società civile nelle dinamiche e nei processi di governo della città.
L’obiettivo principale è quindi quello di innescare una trasformazione ecologica a Caserta, trasferibile e replicabile domani in altre città, rendendo la città più vivibile, salubre e resiliente, grazie alla riduzione degli effetti UHI e SF e ad un migliore adattamento ai cambiamenti climatici”.

“Il cambiamento, con gli occhi al futuro di Caserta – così commenta il progetto il sindaco Carlo Marino – è responsabilità prioritaria di questa Amministrazione, nell’auspicio che l’intera comunità condivida sempre più l’indispensabilità di azioni e iniziative forse oggi viste solo sotto la lente del disagio ma che rivestono invece la funzione di poterci davvero proiettare, a pieno titolo, in Europa”.

Diredazione2 casertaprimapagina

Universiadi a Caserta, in arrivo l’accordo con il Comitato Paritetico Territoriale per la Prevenzione Infortuni

Venerdì 1 febbraio 2019 sarà presentato l’accordo sottoscritto tra il Commissario Straordinario per la realizzazione dell’Universiade Napoli 2019 ed i CFS/CPT della Regione Campania. La conferenza stampa è in programma, alle ore 11, nella sede dell’Agenzia Regionale Universiadi – in Viale J.F. Kennedy 54, presso la Mostra d’Oltremare, a Napoli. L’intesa è relativa al “servizio di supporto operativo in materia di sicurezza e salute sui cantieri dei lavori previsti dal Piano degli Interventi per la realizzazione delle Universiadi Napoli 2019” in tutto il territorio della Campania. In particolare, sono state sottoscritte tre convenzioni: con il CFS di Napoli; con il CPT di Salerno e con il CFS Benevento (capofila)-CFS Avellino (mandante) -CPT Caserta (mandante), per le attività nelle province di competenza che riguarderanno in totale 65 cantieri.

Gli scopi delle convenzioni sottoscritte sono quelli di: apportare una collaborazione, per il miglioramento
delle condizioni di sicurezza e salute dei lavoratori impegnati nei cantieri interessati dallo svolgimento delle
Universiadi 2019; favorire la consapevolezza nell’applicazione della sicurezza e della salute dei lavoratori, e
del lavoro regolare, non soltanto mediante il rispetto delle norme, ma promuovendo, insieme azioni mirate e
specifiche, atte a garantire l’informazione, la formazione e l’assistenza a tutto il sistema interessato dalla
realizzazione degli interventi; incrementare la consapevolezza del ruolo dei coordinatori in fase di
progettazione e di esecuzione, e delle imprese nella gestione sostanziale della sicurezza.

Diredazione2 casertaprimapagina

La Scuola Specialisti dell’Aeronautica Militare con le Istituzioni e la società civile in campo per il futuro dei giovani studenti

E’ stato presentato presso la Scuola Specialisti, nell’aula multimediale Ottone Huber, dedicata al giovane sottufficiale pilota – deceduto in prigionia nel 1929 – medaglia d’oro al valor militare, l’innovativo progetto didattico “School Talk”, un vero e proprio esperimento di peer education teso a far crescere nei giovani – attraverso esperienze concrete, esempi positivi e la conoscenza delle storie personali di successo – consapevolezza nei propri mezzi e delle loro potenzialità per recuperare sicurezza in se stessi e affrontare le sfide che la vita propone. Il progetto, rivolto in via sperimentale agli Istituti casertani “ISISS Terra di Lavoro” ed al “Liceo Artistico San Leucio”, è stato elaborato dal Comitato Ad Astra con la collaborazione ed il supporto della Scuola Specialisti dell’Aeronautica Militare, l’Assessorato alla Cultura e l’Assessorato all’Istruzione del Comune di Caserta.

Nel dettaglio, personaggi del mondo dello sport, dello spettacolo, delle professioni, del mondo delle imprese e della Difesa racconteranno a scuola, in qualità di mentori, la loro esperienza di vita e di lavoro rispondendo alle domande degli studenti, in incontri informali e, soprattutto, per piccoli gruppi secondo un approccio didattico, proposto dal Comitato Ad Astra, che è lo stesso già applicato e verso cui tende sempre di più anche la Scuola Specialisti dell’Aeronautica Militare. Infatti nell’occasione, l’Istituto militare casertano ha messo a disposizione anche la propria competenza nel campo della formazione, in un’ottica generale di “dual use” non solo degli assetti fisici e dei servizi tecnico-logistici ma anche del know how specifico e delle migliori pratiche nel campo didattico per i futuri specialisti del mezzo aereo, a favore della collettività.

Il Col. Nicola Gigante, Comandante della Scuola Specialisti, nel suo intervento di apertura, ha sottolineato il carattere innovativo del progetto non solo per l’aspetto didattico, in un contesto sociale sfidante, com’è quello del Sud Italia in generale, ma anche per il metodo adottato con la positiva sinergia e la capacità di fare squadra fra istituzioni e società civile per il bene comune. Egli ha aggiunto: “il progetto consentirà anche di declinare concretamente ed in modo innovativo il senso di responsabilità verso la comunità dei cittadini, i più giovani in particolare, ed il territorio che ci ospita valorizzando in tal modo la dimensione etica e di servizio al Paese che è propria del personale, militare e civile, di questa Scuola e dei nostri frequentatori di corso”.

Durante il suo intervento, la dott.ssa Giovanna Passariello, Presidente del Comitato Ad Astra, dopo aver ringraziato la Scuola Specialisti e le altre Istituzioni coinvolte nel progetto, ha dichiarato: “Abbiamo da anni ingaggiato una dura lotta contro la dispersione e l’abbandono scolastico; non ci stancheremo di far comprendere ai ragazzi che lo studio non serve solo ad accrescersi dal punto di vista della cultura generale, serve a sviluppare capacità di apprendimento e capire con senso critico il mondo che ci circonda. Immensa è la nostra gratitudine al Comandante della S.S.A.M., Col. Nicola Gigante, per il concreto supporto di mezzi e personale qualificato e soprattutto per essere tra i nostri mentori. Siamo sicuri che faremo tutti un buon lavoro !”.

Di rilievo, fra gli altri, l’intervento istituzionale del Prefetto di Caserta, dott. Raffaele Ruberto che, rivolgendosi direttamente agli studenti – nel vero spirito del progetto – ha detto loro: “… il detto latino dice PER ASPERA AD ASTRA cioè si arriva alle stelle attraverso le asperità, attraverso le difficoltà. Sappiate che niente viene regalato: io non sono nato prefetto, sono diventato prefetto. (…) Non so quanta consapevolezza abbiate alla vostra età della grande opportunità che vi si offre. Io vi auguro di non avere rimpianti … il rimpianto delle occasioni perdute. Alla vostra età bisogna seminare perché non si potrà poi chiedere di raccogliere ciò che non si è seminato”.

Alcuni dei mentori che hanno aderito al progetto, hanno voluto salutare, già in questa prima occasione, i giovani studenti destinatari dell’iniziativa – presenti in aula – dando loro appuntamento presso le scuole, a partire dal primo incontro, già la prossima settimana e poi, per i prossimi due mesi, fino a marzo. Fra questi, il campione di pallanuoto Francesco Postiglione, il Managing Director Accenture Raffaele Castagna, il produttore e soggettista di “Nato a Casal di Principe” Amedeo Letizia e, in collegamento Skype da Edimburgo, la CEO della Smar Azure e ActBlade, Sabrina Malpede.

Completano l’elenco dei mentori, il Direttore Generale Ospedale AORN Cardarelli di Napoli Ciro Verdoliva, il professore di diritto commerciale presso l’Università di Chieti – Pescara, Ciro Esposito, la rappresentante del dicastero della Difesa nel Comitato Tecnico per il Piano strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne, per l’attuazione della convenzione di Istanbul istituito presso la Presidenza del Consiglio, T.Col. Rosa Vinciguerra. Con loro ci sarà, a marzo, anche il Comandante della Scuola Specialisti, Col. Nicola Gigante, che – in tuta da volo – racconterà presso le due scuole casertane selezionate, la sua esperienza di vita quale pilota e dirigente dell’Aeronautica Militare affrontando il tema “raggiungere gli obiettivi”.