Piedimonte Matese (CE), 2 arresti per un omicidio e occultamento di cadavere del 2008

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Piedimonte Matese, la mattina del 15 novembre, hanno dato esecuzione all’ordinanza con la quale il GIP del Tribunale di S. Maria Capua Vetere, su richiesta di questa Procura della Repubblica, ha applicato due misure cautelari, una in carcere ed un’altra agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico, nei confronti di due persone gravemente indiziate, fatta salva la presunzione di innocenza, dei delitti di omicidio, occultamento e soppressione di cadavere. 

L’indagine nell’ambito della quale sono state emesse le misure riguarda un caso di lupara bianca, cioè di un omicidio seguito dall’occultamento del cadavere.

Il fatto

Il fatto risale al 23 aprile 2008, quando i familiari di Ottaviani Sandro, imprenditore immobiliare, denunciarono la sua scomparsa dopo un incontro avvenuto con gli indagati nei pressi del capannone industriale sito in Dragoni, loc. Ponte Margherita per il quale erano in corso trattative per la vendita tra uno degli indagati e lo scomparso.

Dall’attività investigativa emerse che I’affittuario aveva organizzato un incontro con l’Ottaviani, simulando la disponibilità a consegnargli 175.000 euro, che costituiva il credito vantato dalla vittima per i canoni di locazione non onorati, e per concludere la cessione del bene. Dopo I’incontro, l’Ottaviani venne convinto ad allontanarsi per destinazione ignot4 senza consentirgli di avvisare alcuno, e lì, secondo le indagini, fu ucciso. Il cadavere, nonostante le ricerche effettuate soprattutto nelle zone limitrofe, non è stato mai ritrovato. 

Le indagini

Le indagini, articolate, complesse e prolungate nel tempo, hanno tuttavia consentito di ricostruire la brutale vicenda in danno dell’imprenditore e di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dei due indagati. 

Non possono escludersi ulteriori sviluppi investigativi con riferimento ad ulteriori soggetti che potrebbero aver favorito gli indagati nell’eliminazione e dispersione delle tracce del reato.

Comunicato Stampa

YouTube
Pinterest
Instagram