Maddaloni, nuovo incontro organizzato da Logistica del Mediterraneo

Ieri pomeriggio si è svolto presso la Biblioteca Comunale di Maddaloni l’incontro pubblico organizzato da Logistica del Mediterraneo.

Alla tavola rotonda erano presenti Bruno Cortese, consigliere delegato per la logistica; il sindaco di Maddaloni, Andrea De Filippo; Silvio Clarizia, Senior Project Manager – Vailog S.p.a.; Antimo Caturano, presidente Free Service S.p.a.; Luca Nardelli, Responsabile Scalo Merci – Mercitalia Shunting. Dopo la manifestazione di interesse emanata dal Comune di Maddaloni, in cui si invitavano tutti gli operatori del settore interessati a partecipare alla costituzione di un consorzio finalizzato alla realizzazione di un Hub della logistica del Mediterraneo, ieri si è passati alla fase operativa. 

Ad illustrare le strategie di questa fase, il consigliere comunale Bruno Cortese che ha fatto un bilancio sulle richieste e i risultati ottenuti in questi mesi. “Ebbene si è attivato un fitto network di contatti ,con una notevole quantità di momenti di approfondimento e confronto con operatori, stakeholders, testimoni autorevoli del mondo scientifico e professionale, esponenti ed organizzazioni del territorio, stampa generalista e specializzata, tutto questo ha favorito la maturazione di una discussione ed una partecipazione che ha consentito di verificare e ritarare in itinere il percorso. L’esito della Manifestazione di Interesse bandita dal Comune – ha spiegato Cortese – ha avuto una risposta che dire semplicemente incoraggiante può apparire riduttivo, infatti entro i termini di scadenza hanno risposto trenta aziende,di cui 22 del settore trasporto ,6 della logistica e 2 di servizi alle aziende. E’ interessante constatare che oltre il 60% sono aziende locali ossia con sede operativa a Maddaloni, al massimo entro i 10 Km. L’85% hanno un fatturato di oltre 500.000,00 euro e di queste ,in particolare del mondo della logistica hanno un fatturato di diverse decine di milioni ed oltre. Tutte hanno richiesto, in primis ,aree attrezzate, per almeno un milione di mq iniziali,su cui è ipotizzabile la realizzazione di circa 400,000 mq di strutture coperte e 500,000 mq di piazzali attrezzati. Tutte hanno condiviso l’ubicazione scelta dall’Amministrazione di localizzare questi insediamenti, nell’area naturalmente vocata tra il nascente casello dell’A3,l’interporto ed il casello dell’A2. Tutte chiedono innanzitutto certezze amministrative e tempi definiti, costi sostenibili, e sono coscienti e determinati a cogliere per le proprie aziende un’opportunità che sentono unica”.

Compito del Comune di Maddaloni, invece, sarà quello di essere il facilitatore di sviluppo. Ed infatti, ha dichiarato il sindaco Andrea De Filippo: “Fungeremo da catalizzatori per innescare un processo virtuoso affinchè le tante aziende di trasporto esistenti sul territorio, e di cui fino a ieri non si parlava, possano fare sistema, produrre non solo utili ma sviluppo, competenze ed occupazione”. 

Dunque, tutti gli attori in campo devono essere consapevoli di voler agganciare il treno dello sviluppo. A partire dall’amministrazione comunale, la quale si attiverà per promuovere ed agevolare tutti gli strumenti e gli istituti che il vigente ordinamento consente. Gli imprenditori daranno corpo progettualità e conseguenzialità alle dichiarate manifestazioni; le FFSS, in particolare la società di scopo che gestisce lo scambio delle merci, Mercitalia Logistic, confermerà il riconosciuto ed apprezzato ruolo di grande risorsa/opportunità del territorio maddalonese. Infine, l’intera comunità localesi sentirà partecipe e protagonista di una grande-piccola rivoluzione: un ecosistema omogeneo e virtuoso.

YouTube
Pinterest
Instagram