Caserta, la verità di Angela in coma dopo gli interventi per dimagrire: “Hanno falsificato le mie firme per i consensi”

Nuovi sconvolgenti elementi emergono dall’inchiesta che sta facendo luce sugli interventi subìti dalla giovane Angela Iannotta a Caserta, in coma in seguito ad un doppio intervento di bypass gastrico per il dimagrimento. Come scrive il Corriere del Mezzogiorno, la donna, ricoverata dal 3 febbraio all’ospedale di Caserta dopo essere uscita dal coma causato da una grave setticemia, è ora in attesa di un nuovo, delicatissimo intervento.


Angela Iannotta ha dichiarato: «Hanno falsificato le mie firme sul consenso informativo e su altri documenti dove pure occorreva la mia firma in occasione del mio intervento chirurgico presso la Clinica Villa del Sole di Caserta, avvenuto a gennaio di quest’anno e che ha eseguito il dottor Stefano Cristiano». Da qui la nuova denuncia depositata dai legali della famiglia. L’ipotesi di accusa nei confronti del professionista è di concorso in lesioni gravissime per colpa sanitaria per il chirurgo, indagato anche per concorso in omicidio colposo per colpa medica per la morte di un suo paziente, Francesco Di Vilio, 67enne di Marcianise, ed è sotto processo al tribunale di Nola per la morte di una terza persona, un 29enne di Caivano, sempre operato da lui.

YouTube
Pinterest
Instagram