Caserta, protesta in piazza della Prefettura: chiesti la riapertura e ristori più rapidi

Nella giornata di mercoledì i commercianti aderenti a Confesercenti si sono ritrovati in piazza della Prefettura a Caserta con l’obiettivo di

chiedere ristori più cospicui e veloci oltre alla possibilità di riaprire le rispettive attività. Come riporta l’agenzia ANSA erano presenti i rappresentanti degli ambulanti di Confcommercio, artigiani ed anche il direttore della Caritas Diocesana di Caserta, don Antonello Giannotti che ha affermato: “Ci sono molte contraddizioni nei dettami governativi, perché le Chiese possono restare aperte con i distanziamenti del caso ed altri esercizi commerciali no? Come Caritas c’è stato un incremento di persone del 20%, ci sono persone che non possono nemmeno assicurare pasti ai propri familiari”. 

Presente all’incontro Confesercenti ha usato come slogan “Portiamo le imprese fuori dalla pandemia” e sul punto è stata consegnata dal presidente Salvatore Petrella una lettera al prefetto Raffaele Ruberto con richiesta di inoltrare al Governo un possibile Decreto con sostegni e misure adeguate a far fronte all’emergenza pandemica. “Dopo oltre un anno di emergenza – ha dichiarato il presidente Petrella – molte imprese sono sul lastrico ed altre non riapriranno. Serve certezza per la stagione estiva, cosa stiamo aspettando? Senza imprese l’economia sarà sempre ferma”.

YouTube
Pinterest
Instagram