Caccia al cinghiale, il Tar conferma lo stop in tutta la Campania

Il Tar della Campania conferma lo stop alla caccia al cinghiale in tutta la Regione. Respinta oggi l’istanza di revoca del decreto cautelare urgente del 30 dicembre 2020 proposta dalla Regione, confermando la sospensione della deliberazione della giunta regionale del 29 dicembre scorso con la quale era stata prorogata di un mese la stagione venatoria al cinghiale e di molte altre specie selvatiche.

La decisione del Tar è stata accolta con grande soddisfazione dal delegato per la Campania del Wwf, Piernazario Antelmi, che ha commentato: “Il provvedimento giudiziario è molto importante in quanto liquida il tentativo di far apparire la proroga della caccia al cinghiale come una forma di contrasto alla proliferazione dei cinghiali, precisando che il prolungamento di un mese della caccia al cinghiale non appare direttamente riferibile agli scopi e funzioni dell’attività venatoria, dovendosi fare riferimento per il conseguimento di tali peculiari obiettivi a misure dissuasive o repressive, affidate alla strategia di contrasto selettivo tramite strutture pubbliche. In sintesi, la caccia non è una tecnica per contrastare l’eccessiva presenza di cinghiali, la specie va controllata non con il piombo dei cacciatori ma con interventi pubblici”.

YouTube
Pinterest
Instagram