Un’esposizione di macchinari e utensili legati alla tradizione agricola all’interno del Centro Ippico (Crii) di Santa Maria Capua Vetere. E’ il progetto dell’associazione culturale Agorà, che prevede l’allestimento di un museo Demoetnoantropologico (Dea) collegato al museo delle carrozze nella struttura. L’idea è quella di dare maggiore connessione tra Crii, la città e il territorio: il Centro regionale di incremento ippico rappresenta infatti una notevole risorsa per l’intero territorio da un punto di vista storico e culturale promuovendo lo sviluppo, il miglioramento genetico e la salvaguardia della razza equina. E’ infatti il cavallo il filo conduttore del progetto, finalizzato all’integrazione delle attività della struttura, l’inserimento di una scuola di alta formazione, un’area museale, un’area destinata ad ippoterapia e un’area sportiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *