Archivio per Categoria Spettacoli e Cultura

DiRedazione

Ancelotti sta a Napoli come Cristofani sta alla Golden Tulip Volalto 2.0: colpaccio del presidente Turco. Caserta può sognare…

Luca CristofaniUn allenatore che fa sognare. E che permette alla neonata Golden Tulip Volalto 2.0 di mettere nel mirino quella Serie A1 già annunciata dal presidente Nicola Turco. Luca Cristofani è un tecnico che non ha bisogno di presentazioni. Se a Napoli hanno esultato per l’ingaggio di Carlo Ancelotti, si può dire che della stessa caratura è anche l’operazione messa a segno dal numero uno della società casertana di pallavolo. La Golden Tulip Volalto 2.0 con Cristofani può volare. E promettere ai propri tifosi una stagione di vertice nella prossima Serie A2. Dopo l’acquisto del titolo di Cuneo, il presidente Turco porta avanti la campagna di rafforzamento della società e dello staff tecnico. Il primo passo da fare era proprio quello del coach e si è puntato al top in Italia: Luca Cristofani viene da un exploit mai riuscito a nessuno prima d’oro. Con il Volleyro’ ha conquistato tre scudetti nel settore giovanile, dimostrando di essere uno dei più vincenti nel Belpaese. E’ un 49enne, di Roma, che fa parlare i numeri e i successi: a livello giovanile ha vinto praticamente tutto mentre con le ‘grandi’ ha portato a casa ben 7 anni di Serie A2 e una Coppa Italia. Poi ha accettato il progetto vincente del Volleyro’ che gli ha regalato grandi soddisfazioni. Prima di questa estate: poi è arrivata la chiamata di Nicola Turco. Il progetto è troppo interessante, e non si può rifiutare. C’è l’accordo e oggi pomeriggio il primo vertice nel quartier generale di Caserta. Cristofani e Turco guardano al futuro. Con la grinta di voler scrivere un pezzo di storia…

DiRedazione

Ancelotti sta a Napoli come Cristofani sta alla Golden Tulip Volalto 2.0: colpaccio del presidente Turco. Caserta può sognare…

Luca CristofaniUn allenatore che fa sognare. E che permette alla neonata Golden Tulip Volalto 2.0 di mettere nel mirino quella Serie A1 già annunciata dal presidente Nicola Turco. Luca Cristofani è un tecnico che non ha bisogno di presentazioni. Se a Napoli hanno esultato per l’ingaggio di Carlo Ancelotti, si può dire che della stessa caratura è anche l’operazione messa a segno dal numero uno della società casertana di pallavolo. La Golden Tulip Volalto 2.0 con Cristofani può volare. E promettere ai propri tifosi una stagione di vertice nella prossima Serie A2. Dopo l’acquisto del titolo di Cuneo, il presidente Turco porta avanti la campagna di rafforzamento della società e dello staff tecnico. Il primo passo da fare era proprio quello del coach e si è puntato al top in Italia: Luca Cristofani viene da un exploit mai riuscito a nessuno prima d’oro. Con il Volleyro’ ha conquistato tre scudetti nel settore giovanile, dimostrando di essere uno dei più vincenti nel Belpaese. E’ un 49enne, di Roma, che fa parlare i numeri e i successi: a livello giovanile ha vinto praticamente tutto mentre con le ‘grandi’ ha portato a casa ben 7 anni di Serie A2 e una Coppa Italia. Poi ha accettato il progetto vincente del Volleyro’ che gli ha regalato grandi soddisfazioni. Prima di questa estate: poi è arrivata la chiamata di Nicola Turco. Il progetto è troppo interessante, e non si può rifiutare. C’è l’accordo e oggi pomeriggio il primo vertice nel quartier generale di Caserta. Cristofani e Turco guardano al futuro. Con la grinta di voler scrivere un pezzo di storia…

DiRedazione

Un anno di musica: torna lo spettacolo di Music Time nell’incantevole piazza dei Giudici

piazza dei giudici32 esibizioni, circa 60 ragazzi per uno spettacolo che racchiuderà il meglio del panorama musicale nazionale ed internazionale: Un anno di musica.

A fare da scenario alla settima edizione della kermesse, in programma domenica 24 giugno alle ore 20.00, sarà piazza dei Giudici, a Capua, suggestiva location da sempre teatro a cielo aperto per rassegne culturali di grande portata.

L’evento, organizzato dall’accademia musicale Music Time, con la preziosa collaborazione della Pro Loco locale guidata da Luigi Di Cecio, vedrà l’esibizione di allievi cantanti e musicisti che al termine di un percorso lungo e duro, da un punto di vista lavorativo, concluderanno così l’anno accademico.

“Da sempre vediamo la musica nella prospettiva inclusiva – ha spiegato Guido Di Iorio, fondatore nel 2009 della Music Time –  ci piace impostare l’educazione al suono come nutrimento acustico e crediamo fortemente nell’importanza della musica d’insieme, al fine di favorire pari opportunità per il proseguo degli studi musicali. L’accademia nasce con l’obiettivo ultimo di promuovere e divulgare la cultura musicale sul territorio anche attraverso occasioni come questa”.

Guido Di Iorio, musicista e insegnante di percussioni, ha sempre fatto affidamento su un team di insegnanti affiatato e instancabile come Mario Paduano e Claudia De Simone per il canto, Gianluca Borrelli e Domenico De Marco per la batteria, Luciano Bellico per il sassofono, Giuseppe Illiano per il pianoforte, Ezio Lambiase per la chitarra, Rossella Marino per il violino e Alessandro Anzalone per il basso.

DiRedazione

“Le stagioni del Palazzo”: negli scatti di Musone la rinascita del PalArti di Capodrise

Capodrise_Palazzo-Arti_PalArti_Capodrise_2018CAPODRISE. Una mostra, un video, musica live e un brindisi. Prima di ripartire! Il 22 giugno, alle 18, il Palazzo delle Arti di Capodrise, nella versione “rigenerata”, festeggerà il primo anno di attività. L’evento coincide con il finissage della rassegna “In cerca del padre”, un viaggio entusiasmante che, in appena nove mesi, ha trasformato il PalArti in uno dei poli culturali e di formazione più vivaci e sperimentali di Caserta e della Campania; alla festa, tra l’altro, parteciperanno molti degli artisti che hanno animato lo Spazio espositivo permanente. Il racconto per immagini, dal titolo “Ritrovarsi, le stagioni del Palazzo” (visitabile fino al 12 luglio), è stato affidato al fotografo Alessandro Musone, occhio discreto e profondo della rassegna. «Tra quelle mura – rivela Musone –, ho trascorso un anno intero a osservare, scrutare, fotografare; un’esperienza umana e professionale, forse, irripetibile in compagnia di persone straordinarie. Ognuno ha donato la propria energia, “senza aspettarsi ricchezze”, consapevole che nel cammino non si ricordano i passi, ma le impronte che lasciamo. “Le stagioni del Palazzo” è un punto di vista personale di questo “bel viaggio”, mentre per il visitatore sarà l’occasione per rivedersi attraverso i miei occhi. Per me, un doppio privilegio. Citando il poeta Costantino Kavafis – conclude –, il Palazzo ci ha donato un’Itaca e la rassegna “In cerca del padre”, indicato la rotta. A noi spetta coglierne il significato». Alessandro Musone, 56 anni, vive e lavora a Capodrise. È un fotografo e film-maker con un occhio attento ai fenomeni sociali. Personalità eclettica, ha sempre spaziato in diversi campi artistici. Studioso di filosofie orientali, si definisce un “cercatore di energia”. Ingresso gratuito. Info: 3245583137

DiRedazione

Sant’Arpino celebra la XXVI edizione della ‘Sagra del casatiello’ in Piazza Umberto I dal 22 al 24 Giugno

CasatielloSant’Arpino, in provincia di Caserta, celebra la XXVI edizione della Sagra del Casatiello, tra i più antichi e suggestivi sapori della tradizionale cucina contadina campana.

L’evento, ideato alla fine degli anni Ottanta dalla Pro Loco di Sant’Arpino, col patrocinio del Comune di Sant’Arpino, oltre ad essere un emozionante appuntamento di folklore e di gastronomia, rinnova un’antichissima usanza secondo la quale gli atellani per festeggiare l’avvento della Primavera (in epoca pre-cristiana) e della Pasqua (in epoca cristiana), si riunivano per una scampagnata nello spazio antistante il complesso monasteriale di San Francesco di Paola e, in tempi più recenti, nell’area attigua al Romitorio di San Canione. Qui, tra musiche popolari e balli coinvolgenti, consumavano il casatiello, rozzo rustico e prelibata pietanza della cucina rurale, sintesi di valori e costumi di un tempo semplice e genuino travolto dal moderno consumismo. Di questa tradizione si sono spesso interessati nomi importanti della cultura italiana, tra cui Pier Paolo Pasolini che ne parla nel film Decameron.

La Sagra nel tempo è sempre più cresciuta tanto da acquisire una notorietà nazionale così come dimostrano i numerosi servizi televisivi e giornalistici ad essa dedicati da parte di testate nazionali. Tanti anche i vip che hanno assaggiato il rustico santarpinese, tra questi si citano Gigi Proietti, Giancarlo Magalli, Fortunato Cerlino, Giancarlo Giannini, Amedeo Minghi, Michele Cucuzza, Michele Placido, Luigi De Filippo, Marisa Laurito.

Negli anni scorsi è stato realizzato anche il “Casatiello da Guinness dei primati”: una mega ciambella che ha raggiunto il peso di circa quattro quintali, con oltre quattrocento uova e con un diametro di poco superiore ai tre metri.

Il centro storico, dunque, si prepara anche quest’anno ad accogliere, con incantevoli atmosfere di altri tempi abilmente “ricostruite”, le migliaia di visitatori che come da consuetudine arriveranno a Sant’Arpino da ogni parte d’Italia.

La macchina organizzativa, capeggiata dal presidente della Pro Loco Aldo Pezzella, con la collaborazione dell’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Giuseppe Dell’Aversana, ha lavorato alcuni mesi per la messa a punto dell’articolato programma della sagra alla cui ottima riuscita contribuiscono a diverso titolo anche le associazioni “Scusate il Ritardo” (che promuove le visite guidate al Palazzo Ducale, alla Chiesa di S. Elpidio V. e al centro storico) e “Incontro Cultura”, la Pro Loco di Sant’Agata dei Goti, l’Istituto Comprensivo “Rocco – cav. Cinquegrana”, il Liceo Artistico di San Leucio e Aversa, la Parrocchia di Sant’Elpidio, la  locale Protezione Civile.

Si parte venerdì 22 con l’inaugurazione di diverse mostre, tra cui una di costumi d’epoca dal titolo “Dalle prime Civiltà al Ten. Giuseppe Macrì – 1100-1800”. Nella corte si terrà invece la mostra dei bozzetti partecipanti al concorso “Un manifesto per la XXVI edizione della Sagra del Casatiello”. Nella Pinacoteca di Arte Contemporanea “M. Stanzione”, invece, sarà visitabile la rassegna pittorica del maestro Carmine Meraviglia dal titolo “I Drappeggi di Meraviglia”. Le esposizioni e le visite guidate funzioneranno per tutta la durata della sagra. Sempre ogni sera si terranno spettacoli di animazione per bambini con trampolieri e giocolieri.

Ricco il programma degli spettacoli in cartellone. Venerdì 22 giugno è prevista una esibizione itinerante con Ivan e la Dyke Orchestra; uno spettacolo musicale con il gruppo “Sole Luna”; infine cabaret e risate con il bravissimo comico Lino Barbieri.

Sabato 23 giugno: spettacolo itinerante con diverse compagnie di artisti di strada a seguire musica folkloristica con il gruppo “La Viscianese”.

Domenica 24, prevista la cerimonia dell’alzabandiera e dell’annuncio ai fedeli delle festività in onore di Sant’Elpidio V. ( a cura del Comitato Festa); a seguire la premiazione di tutti gli allievi partecipanti al concorso “Un manifesto per la XXVI edizione della Sagra del Casatiello”.  Infine canti e balli popolari con “I Tammorrari del Vesuvio”.

DiRedazione

Caserta Festival Jazz: 4 serate di musica, 8 concerti e …molto altro ancora

ManifestoCaserta Festival Jazz: quattro serate di raffinato swing (dal 28 giugno al Primo luglio prossimi) con artisti di primissimo ordine nel panorama della musica jazz internazionale.

Inaugura Rosalia De Souza che presenta il nuovo disco Tempo, che il settimanale Panorama ha inserito tra i cento appuntamenti musicali da non perdere nel 2018; seguirà (venerdì 29) Ada Montellanico che ha musicato e dunque canterà alcuni inediti di Luigi Tenco; quindi sarà la volta (sabato 30) di Nick the Nightfly, voce e icona del programma radiofonico “Monte Carlo Nights” su Radio Montecarlo; chiuderà la kermesse (domenica primo luglio) The Quintet, vale a dire, Emanuele Cisi, Flavio Boltro, Eric Legnini, Massimiliano Rolf e Adam Pache, che sono nomi tra i maggiori musicisti del universo jazzistico (alcuni di questi si esibiranno, a metà luglio, a Umbria Jazz).

L’evento è stato illustrato dal direttore artistico della manifestazione, Edgardo Ursomando, presso il Setificio Leuciano nei cui giardini si svolgerà la kermesse, nel corso della conferenza stampa di presentazione che è stata introdotta dal giornalista Antonio Arricale, e a cui hanno partecipato l’assessore comunale Emiliano Casale; l’amministratore delegato del setificio, Rosaria Letizia; il presidente dell’Assostampa Casertana Michele De Simone; il conduttore radiofonico Gigio Rosa  del gruppo Radio Marte, media partner della manifestazione; il maestro Pietro Condorelli, docente di chitarra jazz del conservatorio San Pietro a Majella di Napoli; Michelangela Lanzante dell’associazione Idee 22; Vincenzo Paolisso dello Spartacus Rugby Club; Emilio Di Donato della Yamaha Music School; e Mario Cipriani, patron del birrificio Karma.

Insomma, i rappresentanti di imprese, prodotti, enti e associazioni che a vario titolo interagiranno con il festival. Il quale, appunto, è stato concepito con un format davvero innovativo, destinato probabilmente a fare scuola. Nel senso che i concerti saranno preceduti da mostre (con le preziose sete ci sarà anche un’esposizione dell’artista Akira Zakamoto, il quale peraltro ha dipinto pure il fondale del palco) attività didattiche e soprattutto dall’aperjazz, spazio affidato al swing di affermati gruppi campani (Dr. Jazz & Dirty Buks Swing Band, Brava La Cantante Swing Band, Comoverao e A-Typical Trio). E all’interno del quale per gli ospiti sarà possibile degustare i prodotti tipici di “Terronia”, a cominciare dalla mozzarella di bufala campana dop, proposti di volta in volta dagli chef Nunzio Bugetto del ristorante Il Palazzo del Gusto, Rudi Quinto del ristorante Trattoria Caprese, Giuseppe Daddio della scuola di cucina Dolce e Salato e Giuseppe Sabbatino del ristorante Prosit 1990; e assaggiare, oltre alla birra artigianale Karma, i vini di Antropoli Agricola, il Verro, i Borboni e Regina Viarum.

La manifestazione sarà presentata da Piero Grant, attore casertano che si sta affermando sui principali palcoscenici italiani.

Con questa seconda edizione – è appena il caso di aggiungere – Caserta Festival Jazz dichiara di voler ambire ad un posto stabile all’interno di “Terronia”, la “città del bello e del gusto” che nei piani del Gruppo industriale Letizia spa dovrà sorgere ai piedi del Complesso monumentale del Belvedere di San Leucio, nell’ambito di un progetto di trasformazione e riuso turistico del preesistente sito industriale.

DiRedazione

Ricco parterre per la presentazione della terza edizione di ‘Un’estate da Re’, il sindaco Marino: “La grande novità è rappresentata dagli eventi al Belvedere di San Leucio”

WhatsApp Image 2018-06-07 at 15.52.32Presentata stamattina la terza edizione di ‘Un’estate da Re’, la grande musica alla Reggia di Caserta che quest’anno annuncia dieci appuntamenti: un inizio travolgente il 27 giugno con la Nona di Beethoven diretta da Juraj Valčuha premiato come il migliore direttore d’orchestra dell’anno e la chiusura, il 7 agosto, affidata alla star indiscussa dei palcoscenici lirici internazionali, il tenore Jonas Kaufmann, in coppia con il soprano Maria Agresta. La rassegna quest’anno si allarga anche al Belvedere di San Leucio e si riconferma l’appuntamento da non perdere della stagione estiva per tutti gli appassionati della grande musica sinfonica, lirica e del balletto. L’iniziativa è stata fortemente voluta dal Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel 2016 per creare un evento che promuovesse allo stesso tempo la Reggia e i siti Unesco dell’area e la tradizione culturale musicale che in Campania vanta eccellenze internazionali. La manifestazione è realizzata in collaborazione con il MIBACT e con il Comune di Caserta. “Per il terzo anno la Regione Campania porta d’estate la grande musica sinfonica e l’opera alla Reggia di Caserta – spiega il Governatore della Campania Vincenzo De Luca -. Un’azione nata nel 2016 con l’obiettivo di unire alla valorizzazione di uno dei monumenti più importanti d’Italia la promozione di due eccellenze culturali come il Teatro di San Carlo di Napoli e il Teatro Verdi di Salerno. Un successo che nelle due passate edizioni ha fatto registrare sempre il tutto esaurito, spingendoci addirittura l’anno scorso a organizzare una seconda serata con il Maestro Morricone per rispondere alle migliaia di richieste e prenotazioni. “La grande novità di questa edizione di ‘Un’Estate da Re’ è rappresentata dagli eventi che si svolgeranno al Belvedere di San Leucio – ha affermato il sindaco di Caserta Carlo Marino -. Il 21 luglio andrà in scena la ‘Madama Butterfly’ di Giacomo Puccini, mentre il 28 sarà il turno di ‘Cavalleria Rusticana’ di Pietro Mascagni. È un grande risultato e rappresenta una straordinaria occasione di sviluppo e di crescita culturale, sociale ed economica per il nostro territorio, dal momento che questa rassegna porterà a Caserta il meglio della musica classica a livello internazionale. Stavolta, però, oltre alla magnifica Reggia, un ruolo di primo piano lo rivestirà anche il Belvedere di San Leucio. Ciò è stato reso possibile grazie alla volontà del presidente della Regione, Vincenzo De Luca, al quale va la mia più profonda gratitudine”. A dichiararlo è stato il sindaco di Caserta, Carlo Marino, intervenuto stamani a Napoli, presso la sede della Regione Campania, alla conferenza stampa di presentazione di “Un’Estate da Re”, manifestazione che si svolgerà alla Reggia e al Belvedere di San Leucio dal 27 giugno al 7 agosto. Ad accompagnare il primo cittadino l’assessore agli Eventi, Emiliano Casale. “Il Belvedere – ha aggiunto Marino – sarà assoluto protagonista degli eventi estivi. Oltre a ‘Un’Estate da Re’, infatti, sono in programma alcuni concerti di musica pop con la presenza di eccellenti artisti, oltre al Corteo Storico e a tante altre manifestazioni di rilievo. Finalmente, dopo due anni di duro lavoro, abbiamo inserito questo eccezionale bene Unesco nel circuito dei grandi eventi artistici e culturali”.

DiRedazione

Calabrò organizza un convegno sabato 26 maggio nell’Aula Magna dell’A. O. R. N. Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta

CasertaIl convegno è dedicato alla ‘Strategia terapeutica ottimale per il paziente ipercolesterolemico a basso-medio e alto rischio cardiovascolare’. L’evento, organizzato in collaborazione con l’Università degli Studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli’ ha come responsabile scientifico il professor Paolo Calabrò – U. O. C. Cardiologia Clinica a Direzione Universitaria A. O. R. N. Sant’Anna e San Sebastiano, Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli”. L’obiettivo del convegno è quello di approfondire alcuni dei temi più attuali nel campo della prevenzione cardiovascolare. Si inizierà intorno alle 8.30 con i saluti del direttore generale dell’Ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, il dottor Mario Nicola Vittorio Ferrante e quindi si procederà con la prima sessione con gli interventi di Paolo Calabrò, Franco Mascia, Carmine Riccio, Matteo Pirro, Felice Gragnano, Maurizio Di Stasio e Antonio Palermo. Successivamente, nella seconda sessione, spazio a Roberto Giorgio, Mario Parillo, Francesco Natale, Arturo Cesaro, Paolo Calabrò, Claudia Concilio, Donato Soviero e Alfredo Vetrano. Le conclusioni del corso saranno affidate sempre a Paolo Calabrò che consegnerà anche gli attestati di partecipazione e verificherà le ‘conoscenze’ dei presenti attraverso un questionario.

DiRedazione

Aqua Ignis Terra Vento, stasera il viaggio in un racconto fantastico al ‘Caffè degli Artisti’ di Caserta

acquaignisSi terrà stasera, alle 18.30, la presentazione del romanzo ‘Aqua Ignis Terra Vento’ di Arturo Perrotta, primo capitolo della Saga degli immortali nonché libro d’esordio dell’autore. L’appuntamento è al ‘Caffè degli Artisti’ nel Teatro Comunale di Caserta dove l’autore parlerà di quello che è un racconto fantastico che narra di tre ragazzi rimasti orfani a causa della guerra. Arturo Perrotta nel suo romanzo edito da Artetetra parla di questi tre ragazzi, Frank, John e Calliope, che non conoscono nulla del loro passato, né tantomeno della Grande Guerra e degli eventi in cui persero la vita i loro genitori; tuttavia, giunti nel pieno dell’adolescenza, sentono di possedere poteri fuori dall’ordinario, come la capacità di controllare il fuoco o la possibilità di muoversi a velocità sorprendente. Quando la minaccia di una nuova guerra si profila all’orizzonte, i ragazzi vengono chiamati ad un grande compito, forse più grande dei loro stessi poteri: fermare Genesis, un malvagio generale che per anni ha condotto esperimenti genetici sui bambini. Aqua Ignis Terra Vento trasporta il lettore in un universo popolato di guerrieri e alchimisti, creature fantastiche e strani mutanti, tessendo le trame di un’avventura che lo terrà col fiato sospeso fino all’ultima pagina.

L’autore, Arturo Perrotta, invece nasce nel 1992 a Caserta, ed è stato autore e conduttore di NABS – Not Another Boring Show, progetto culturale trasmesso su YouTube nel 2014. In un primo momento ospite fisso, è diventato uno dei conduttori del programma radiofonico Newsroom Café, contenitore d’informazione andato in onda nella stagione 2014-15 sulle frequenze di RCM Live, web radio di Castel Morrone, dove ne curava gli aspetti artistici e culturali. È volto di punta del sito d’informazione La Soffiata ed è stato impegnato in attività teatrale nelle compagnie “Cioccolata Calda” e “RisArte”.

DiRedazione

Progetto Meglio Insieme a Vairano Patenora, un successo l’evento al Palasport ‘Morelli’

VairanoIl 2 maggio presso il Palasport Walter Morelli di Vairano Patenora Vairano, la comunità L’incontro di Vairano Scalo in collaborazione con la società sportiva dilettantistica Folgore ha organizzato l’ultima tappa del torneo di calcio balilla, ping-pong e gioco delle carte targato Progetto Meglio Insieme, il programma riabilitativo di riabilitazione psichiatrica che raggruppa diverse cooperative sociali con l’obiettivo di realizzare attività sportive, culturali, artistiche e ludico-ricreative.

Hanno partecipato le strutture riabilitative gestite dalle cooperative Mercurio D’oro, Aria Nuova, Santiago, Alba, nonché il dipartimento di Salute mentale di Teano, diretto dal dott. Nicola Bonacci.

Il torneo, importante momenti di integrazione sociale, ha dimostrato in che modo lo sport acquista uno spazio importante tra gli strumenti di riabilitazione psichica.

L’incontro sportivo si è concluso con un grande pranzo sociale offerto dalla struttura ospitante, che si è occupata anche della realizzazione degli straordinari trofei.