Archivio degli autori Redazione

DiRedazione

La VolAlto Caserta 2.0 fa bis: dopo il titolo provinciale Under 16 conquistato anche quello Under 18

VolAltoCASERTA – La VolAlto Caserta 2.0 fa bis: dopo il titolo provinciale Under 16 della squadra guidata da coach Campolattano, ecco che arriva anche la vittoria nel campionato provinciale Under 18. La squadra guidata da coach Arcangelo Madonna (allenatore anche della Serie A) ha sbaragliato la concorrenza riuscendo a vincere a mani basse il proprio girone nonostante abbia avuto fino alla fine il fiato sul collo delle ottime formazioni di Aversa e di Orta di Atella. Coach Madonna si dice “soddisfatto di un lavoro importante di tutta la società che sta gettando le basi, grazie al numero uno del sodalizio, per un futuro roseo che regalerà sicuramente grandi risultati per il futuro”. Adesso ci sarà la gara di mercoledì prossimo contro Monteruscello e poi venerdì prossimo, al ‘Diaz’ di Caserta, ci sarà la gara di ritorno. E’ una semifinale regionale che mette in palio la Final Four che poi decreterà la squadra che rappresenterà la Campania alle finali nazionali. Gentile, Basso, Pipola, Schiavone, Tagliafierro, Farina, Trombetta, Buono, D’Andrea, Iaselli, Scialla, Somma, Raucci, Coluni, Maiorino, Basile, Montanaro e Del Prete sono le atlete che si sono laureate campionesse provinciali. E da loro si potrà scrivere una pagina importante del futuro della VolAlto Caserta 2.0!

DiRedazione

ELEZIONI A MADDALONI. Inaugurato il comitato elettorale del candidato sindaco Cortese: “Parte il viaggio in città per un percorso di ascolto con i cittadini”

Cortese inaugurazioneSi è tenuta questa mattina in Corso I Ottobre l’inaugurazione del comitato elettorale del candidato Sindaco Bruno Cortese. L’aspirante primo cittadino ha incontrato alleati della sua coalizione e tanta gente comune che ha partecipato interessata all’evento.  “La sede è un luogo strategico importante affinché la cittadinanza possa avere un punto di riferimento dove potersi informare sulle nostre proposte – afferma Cortese – Ma dalla settimana prossima inizierà un viaggio in città che ci porterà in ogni angolo dove incontreremo persone toccando con mano i disagi presenti nelle varie zone. Questo nostra attività sarà di fondamentale importanza affinché le testimonianze della nostra comunità possano essere inserite nel nostro programma elettorale e, con un’adeguata forza di governo possano essere risolte le problematiche che vivono e affliggono quotidianamente i cittadini, fare sintesi e tradurle in azioni concrete con un approccio ed una progettualità pragmatica. Un programma elettorale partecipato e redatto direttamente da chi vive il territorio in ottemperanza con la “Carta dei Valori” nel rispetto dell’etica e della morale, valori fondamentali della nostra campagna elettorale e che porteremo nell’azione amministrative che ci vedrà sicuramente protagonisti”
DiRedazione

Domani la Flik Flok alla Reggia, partecipa anche l’Azienda Ospedaliera di Caserta

Ospedale Flik Flok 3Quest’anno anche l’Azienda ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” partecipa alla Flik Flok, la gara podistica organizzata dalla Brigata Bersaglieri Garibaldi. Una tensostruttura nel «Villaggio Cremisi» allestito in piazza Carlo III dinanzi alla Reggia vede presenti i cardiologi del nosocomio casertano che forniscono informazioni sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari, proiettano filmati e diapositive o anche eseguono elettrocardiogrammi e visite cardiologiche, coinvolgendo la Fondazione per il tuo cuore e l’Associazione Amici del cuore di Caserta

L’adesione dell’Azienda ospedaliera è stata fortemente voluta dal direttore generale del “Sant’Anna e San Sebastiano” Mario Nicola Vittorio Ferrante, nell’ottica di una collaborazione sempre più attiva con le istituzioni cittadine civili, militari e religiose.

Domani domenica la conclusione degli eventi con lo svolgimento della Flik Flok, che rappresenta ormai un appuntamento fisso e consolidato negli anni, per la componente militare, per gli sportivi della Campania e delle regioni limitrofe, per la cittadinanza di Caserta e dei Comuni adiacenti.

DiRedazione

Spaccio di sostanze stupefacenti, 23enne bloccato con marijuana e hashish

marijuanaI Carabinieri della Stazione di Santa Maria Capua Vetere (CE), in quel centro, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato per spaccio di sostanze stupefacenti, di  Castaldo Vincenzo, cl. 1995, del luogo.

I militari dell’Arma, nel corso di un servizio di controllo del territorio hanno sorpreso l’uomo in piazza San Francesco, dopo che aveva ceduto ad un avventore delle bustine contenenti gr. 4,3 di marijuana e hashish per un peso complessivo di gr. 0,3.

L’immediata perquisizione personale ha consentito di rinvenire e sequestrare ulteriori gr. 30,1 di hashish, suddivisa in 14 dosi nonché la somma in contanti di euro 25, quale provento dell’attività illecita.

Castaldo Vincenzo è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.

DiRedazione

Rapina e pugni ad una vittima, i carabinieri arrestano 2 giovanissimi di Maddaloni

CarabinieriNel corso della mattinata odierna, militari del Comando Compagnia Carabinieri di Capua e quelli della Stazione CC di Vitulazio, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – Ufficio G.I.P., su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di MANDATO Rosario, nato a Maddaloni (CE) il 24/08/1995, ivi residente in Via Roberto Carafa, 15 e SANTONASTASO Michele, nato a Maddaloni (CE) il 07/03/1997, ivi residente in Via Appia, 348, in ordine ai delitti di concorso in rapina aggravata e continuata, lesioni, danneggiamento aggravato e violenza privata ai danni di un anziano signore residente a Maddaloni. Le indagini condotte dai Carabinieri della Stazione CC di Vitulazio e dirette dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, svolte mediante acquisizione di dichiarazioni testimoniali e attività d’individuazione fotografica e di persone, hanno consentito di acquisire gravi indizi di colpevolezza a carico dei prevenuti circa la consumazione dei reati sopra indicati, commessi sempre ai danni della stessa persona nei comuni di Vitulazio e Maddaloni. In particolare, gli indagati, in data 17.03.2018, dopo aver infranto con un pugno il finestrino dell’autocaravan condotto dalla vittima, usavano violenza ai danni dell’ottuagenario, colpendolo con un pugno all’occhio sinistro, procurandogli così un grave trauma, così impossessandosi della somma di duemila euro.

Inoltre, i medesimi soggetti, nei primi giorni del mese di marzo in Maddaloni aggredivano l’anziano e sotto la costante minaccia di una pistola si facevano consegnare la somma di euro trenta. In altre due occasioni, in Maddaloni, i due arrestati, danneggiavano il caravan dell’ottantacinquenne colpendolo con grossi sassi e, sempre nello stesso mese di marzo, bloccavano nuovamente l’anziano mentre era a bordo del suo mezzo e sotto minaccia costante di una pistola cercavano di rapinarlo, evento quest’ultimo che non si verificava poiché la vittima riusciva a fuggire con il proprio veicolo.

Tutti i reati sono stati commessi con l’aggravante di aver approfittato delle circostanze di tempo e di luogo, ai danni di una persona anziana, tali da ostacolare la pubblica o privata difesa.

DiRedazione

LUTTO AI SALESIANI. A 102 anni è tornato alla casa del padre Don Carmine Sciullo

don carmine sciulloUna folla commossa ha salutato per l’ultima volta Don Carmine Sciullo, sacerdote salesiano molto amato ed apprezzato scomparso all’età di 102 anni. I funerali si sono svolti ieri mattina, venerdì, nel Santuario salesiano di via Don Bosco. Una persona straordinaria, così lo consideravano (e lo considerano tutt’ora), i tanti che lo hanno conosciuto e accompagnato nel suo percorso spirituale e di vita. Una vita altrettanto ricca di impegno e soddisfazione per aiutare gli altri. Nato il 20 novembre 1915 a Capracotta (Molise) e ordinato sacerdote il 5 luglio 1942 ha vissuto, in prima linea, le conseguenze funeste del secondo conflitto mondiale divenendo un volontario della Liberazione nell’alto Molise. Proprio nella sua regione, nel piccolo paese di Ateleta ricordano molto bene la Pasqua del 1944 quando don Carmine, sceso da Capracotta con gli sci per attraversare i boschi, si era presentato al paese vicino per celebrare la messa visto che il parroco locale era stato sfollato in Puglia dopo il passaggio degli eserciti tedesco ed alleato che avevano lasciato solo macerie. Il parroco portava conforto religioso ai superstiti ma riaccompagnava anche a casa un ufficiale del disciolto esercito italiano che, dalla Puglia, tentava di rientrare alla sua famiglia. Impegno civile che è proseguito anche dopo la guerra come dimostra la decorazione al Valore Civile concessagli dal comune di Vietri sul Mare nel 1956. Don Carmine dirigeva la casa salesiana del paese in costiera e lì, nel 1954 aveva prestato aiuto in occasione dell’alluvione che aveva colpito ampie porzioni della provincia di Salerno. A quella sarebbe poi seguita anche una medaglia d’Oro, sempre dal comune di Vietri che ringraziò don Carmine per la sua attività in loco anche con la cittadinanza onoraria. All’attività in Italia, dove ha diretto varie case salesiane nel paese, si aggiunse in età matura anche una quindicinale esperienza come missionario volontario. Giunse in Argentina, nella località di Formosa dove, nel 1965 venne nominato vicario generale della Diocesi. Una esperienza sudamericana che ha portato don Carmine a stringere importanti rapporti di amicizia e di fede con le popolazioni aborigene che vivevano nel paese. A lui, nel 1997, venne dedicato il nuovo museo sacro-provinciale di Formosa. “La perdita di Don Carmine è una perdita non solo per la grande famiglia salesiana ma anche per Caserta e per le altre comunità dove don Carmine ha operato, in Italia e all’estero – ha commentato al termine della funzione don Luigi Martucci, direttore dell’Istituto Salesiano –  È riuscito con la attività quotidiana in favore dei più deboli ad essere un testimone ed un esempio costante di come andrebbe vissuta la vita degli operatori di fede, con altruismo, carità e gioia. Ha tracciato un solco profondo che noi e chi ci seguirà continueremo a seguire”

DiRedazione

La Romeo Normanna contro la Florigel Andria, il team manager Nerone: “Contano solo i tre punti”

Romeo NormannaA tre giornate dal termine della stagione regolare e dopo la bella vittoria di Sorrento, nel derby contro la Snav Folgore Massa, la Romeo Normanna Aversa torna al Palajacazzi per la sfida con la Florigel Andria. Sabato 21 aprile, i gialloblu avranno di fronte una squadra non facile da affrontare, ma devono proseguire il cammino per tenersi stretto quel secondo posto ora condiviso con la Gis Ottaviano e guardarsi le spalle dalla M2G Group Bari, che segue a sole due lunghezze di distanza. Il roster aversano ha, quindi, un solo risultato utile per non perdere il treno dei play-off. «I ragazzi sono, allo stesso tempo, sereni e carichi» – afferma il Team manager Giuseppe Nerone – «per la partita contro la Florigel Andria. In settimana si sono allenati nel migliore dei modi e sono consapevoli, ma questo mi pare ovvio, che contro i pugliesi bisogna vincere e vincere bene. Non sottovalutiamo i nostri prossimi avversari. Sono una squadra che, secondo me, ha una classifica bugiarda: ventisei punti, in una zona della classifica non del tutto tranquilla. Hanno battuto in casa per 3-1 Ottaviano e noi, nella gara di andata, abbiamo avuto la meglio solo al tie-break. Quindi l’obbiettivo per noi è quello dei tre punti, senza abbassare la guardia nei confronti dei pugliesi. Poi penseremo all’incontro con Ottaviano. Quella sarà una partita bella a prescindere, per la qualità e la forza delle due squadre. Ma pensiamo un match alla volta. Ora c’è Andria». Primo servizio di Romeo Normanna Aversa-Florigel Andria alle ore 18.30, con ingresso gratuito. Arbitreranno l’incontro i signori Michele Lotito (primo arbitro) e Stefano Capobianco (secondo arbitro).

DiRedazione

Ipotesi CPR nella ex caserma Andolfato, il sindaco Mirra a Roma per ribadire il “no”

Si è tenuto ieri mattina presso il Ministero dell’Interno un incontro fra il Capo del Dipartimento per le libertà civili e per l’immigrazione, il Dott. Ruberto – Prefetto di Caserta – e il sindaco di Santa Maria Capua Vetere Antonio Mirra. Si è trattato di un incontro meramente tecnico nell’ambito del piano che prevede, per ogni regione, l’ubicazione di un centro per il rimpatrio. Il Capo Dipartimento ha illustrato tutti gli aspetti tecnici relativi al funzionamento di Maggiori informazioni