Archivio mensile giugno 2019

DiRedazione

Assalto in banca, i ladri costretti alla fuga a mani vuote

L’istituto di credito messo a soqquadro, danni pesanti ma per fortuna la fuga a mani vuote. Tentato colpo questa notte di un gruppo di ladri alla filiale di ‘Che Banca’ di Caianello, in via Ceraselle, già finita nel mirino lo scorso dicembre, quando lo sportello Bancomat venne divelto per recuperare i soldi.

Questa volta i malviventi sono entrati all’interno dell’istituto, non riuscendo però a portare via nulla. Il loro ingresso ha fatto scattare l’allarme e sul posto si sono precipitati gli uomini della vigilanza privata e i carabineri, che hanno costretto la banda a scappare rapidamente

Sono in corso le indagini per cercare di identificare i membri della banda tramite i filmati della videosorveglianza.

DiRedazione

Violento scontro all’incrocio, tre ragazzi trasportati in ospedale

C’è probabilmente una precedenza non rispettata dietro l’incidente avvenuto questa notte all’incrocio di viale Colucci, a Lusciano, che ha visto coinvolte una Fiat 600 e una Renault Clio.

L’impatto, particolarmente violento, ha provocato grossi danni alle due vetture, mentre tre persone sono rimaste ferite in modo lieve. Due ragazzi ed una ragazza sono stati trasportati in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale ‘Moscati’ di Aversa per le cure mediche del caso.

Sul posto è intervenuta anche una volante della Polizia per i rilievi del caso.

DiRedazione

Soldi o botte, arrestati i ‘protettori’ di una prostituta

I carabinieri della Stazione di Gricignano di Aversa, all’esito di una indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, hanno eseguito l’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere nei confronti di un un uomo di 44 anni residente a Caivano (Napoli) e di una donna 38enne di Gricignano di Aversa, per sfruttamento della prostituzione.

L’indagine condotta nel corso del mese di maggio ha permesso di raccogliere un grave quadro indiziario in merito all’esistenza di un vincolo di assoggettamento posto in essere nei confronti di una donna, costretta dalla coppia a prostituirsi tra Aversa e Castel Volturno sin dal 2016.

I due arrestati, come emerso dalle indagini, costringevano la vittima a versa la somma di 150 euro al giorno, una cifra che quando non veniva raggiunta causava alla donna percosse e violenze.

Dall’inchiesta, basata su pedinamenti e servizi di osservazione, è emerso il concorso dei due arrestati nello sfruttamento della prostituzione e l’individuazione dei precisi momenti in cui la vittima consegnava i soldi frutto della sua ‘attività giornaliera’.

DiRedazione

Si spoglia davanti ai bambini, ‘maniaco’ arrestato dai carabinieri

Si è spogliato davanti ad alcuni minori, ‘toccandosi’ e mimando gesti dalla chiara valenza sessuale. Per questo nella tarda serata di ieri, martedì 25 giugno, i carabinieri della Stazione di Castel Volturno hanno tratto in arresto nella pineta di via Machiavelli un 53enne di origini francesi, senza fissa dimora, resosi responsabile di atti osceni in luogo pubblico alla presenza di minori.

L’uomo verrà giudicato con rito direttissimo

 

DiRedazione

Ucciso da un colpo di pistola

Dramma a Sant’Arpino dove, intorno a mezzogiorno, un uomo è stato trovato senza vita all’interno della sua abitazione, in via Pirandello, con un colpo di pistola alla testa. Sul posto i carabinieri e i sanitari del 118 per constatare il decesso. Sul corpo sarà disposta l’autopsia.

DiRedazione

Dissequestrato allevamento di cani

Dopo due mesi è stato dissequestrato l’allevamento di cani a Macerata Campania. Il pubblico ministero Pontillo della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ha dato il placet al dissequestro della struttura a cui erano stati posti i sigilli nell’aprile scorso. Accolta dunque l’istanza dell’avvocato Nicola Musone, che rappresentava il proprietario dell’allevamento di cani, residente a Macerata Campania, che ha attestato come gli animali fossero in buone condizioni. Il sequestro era scattato a seguito dei controlli dei medici veterinari dell’Asl di Caserta e Marcianise insieme ai carabinieri della Forestale di Marcianise che avevano riscontrato come i cani fossero tenuti in recinti più piccoli rispetto alle loro esigenze (erano tutti di razza Setter e Spinone)

DiRedazione

Trovato con 100 tordi in auto, nei guai ‘trasportatore’ casertano

Lo hanno fermato gli agenti della Questura nella sua auto a Scandicci, in provincia di Firenze, mentre trasportata a bordo 100 esemplari di tordi bottacci di non più di 10 giorni di vita. È stato denunciato per ricettazione e maltrattamento di animali G.R., 67enne di Grazzanise ma residente a Pisa, beccato in flagranza dai militari.

L’uomo nascondeva gli uccelli in cinque scatole chiuse con del nastro adesivo e con delle piccole fessure su due lati, destinati al ‘mercato nero’ dato il valore di circa 3mila euro ad esemplare. I piccoli uccelli sono stati salvati e, come disposto dal sostituto procuratore, sono stati affidati ad un centro specializzato di Modena che li rimetterà in libertà una volta cresciuti.

Sono in corso ulteriori indagini per risalire all’identità della persona che ha venduto i 100 tordi al ‘trasportatore’ casertano.

DiRedazione

Truffa dello specchietto, fermato l’uomo dell’Audi bianca

Un uomo di 31 anni è stato fermato martedì mattina a Caserta dagli agenti in moto della Questura perché considerato l’autore di diverse truffe dello specchietto. Nelle ultime due settimane, sono state diverse le segnalazioni arrivate alle forze dell’ordine relativamente ad un uomo a bordo di un’Audi bianca che tentava di mettere a segno la truffa dello specchietto. Gli agenti hanno fermato il 31enne di Casalnuovo nella zona di viale Lincoln e lo hanno portato in Questura per accertamenti. Si è verificato che l’uomo ha precedenti per reati simili. E’ stato denunciato a piede libero.

DiRedazione

Falsi incidenti per truffare l’assicurazione, denunciati due casertani

Ci sono anche due casertani tra le quattro persone denunciate dai carabinieri della stazione di Villa Castelli (Brindisi) al termine di un’indagine scaturita dalla querela presentata dal legale di una compagnia assicurativa con sede a Roma.

Nei guai, con l’accusa di fraudolento danneggiamento di beni assicurati, sono finite in totale quattro persone: una 42enne e di una 58enne, entrambi residenti a Napoli, e un 38enne e una 41enne residenti a Marcianise.

Dalle verifiche effettuate dall’Arma, è emerso che i quattro indagati hanno simulato due sinistri stradali avvenuti a Nola e Marcianise nel dicembre del 2016, per i quali sono stati richiesti risarcimenti alla compagnia assicurativa.

DiRedazione

Folle inseguimento in autostrada, sfondano il casello e scappano a piedi

Un inseguimento degno di un film poliziesco americano. È quello avvenuto questa notte nel tratto dell’autostrada A1 Milano-Napoli a Caianello, con protagonisti una Alfa Romeo 159 e gli agenti della Polizia Stradale, che hanno provato in ogni modo a fermare i quattro uomini a bordo dell’auto, segnalata nel pomeriggio come la vettura utilizzata da una banda per un furto in abitazione nella provincia di Frosinone.

La volante, si è posta all’inseguimento ordinando di accostare, ma dall’Alfa Romeo l’unica risposta è stata una improvvisa accelerazione, con una fuga pericolosissima a zig zag tra le auto in transito sull’autostrada. Una volta giunti nei pressi dello svincolo del casello di Caianello, con l’ennesima folle manovra l’Alfa si spostava quindi dalla terza corsia direttamente su quella di decelerazione in uscita, tagliando la strada ai veicoli in transito e uscendo al casello forzando la barriera.

I quattro uomini a bordo dell’Alfa Romeo sono poi riusciti a far perdere le loro tracce, abbandonando l’auto poi risultata con targa appartenente ad altro mezzo con denuncia di furto il 22 giugno scorso, mentre il  telaio risultava abbinato ad altra targa rinvenuta nel bagagliaio ed appartenente a C.D. 56enne campano, il quale risulta intestatario di altre 156 auto