Archivio mensile aprile 2019

Diredazione2 casertaprimapagina

Sicurezza urbana, fondi per 38mila euro al Comune di Caserta

“Scuole Sicure 2019-2020: il Comune di Caserta è destinatario di fondi statali per la sicurezza urbana, per circa 38mila euro, che abbiamo ottenuto anche grazie al lavoro delle assessore Corvino e Petrillo e che verranno utilizzati durante il prossimo anno scolastico per le attività di prevenzione e contrasto dei fenomeni di spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolastici cittadini”: lo rende noto il sindaco Carlo Marino.
Entro il prossimo mese l’Amministrazione redigerà un piano che sarà sottoposto alla Prefettura e che poi, in sinergia con l’Ufficio Territoriale di Governo, diventerà operativo a partire dalla riapertura delle scuole. “Una vera sicurezza urbana – dice il sindaco – non è solo un problema di ordine pubblico, perchè le misure e le iniziative di contrasto e prevenzione dei fenomeni che sono l’obiettivo del progetto nazionale Scuole Sicure vanno coniugate e indirizzate al miglioramento della qualità del tessuto sociale e delle relazioni urbane”.

“In tale quadro – prosegue il Sindaco – anche ad un’Amministrazione locale spetta il compito di rendere tutti i cittadini partecipi convinti dei valori sociali su cui si fonda la comunità. Per chi assicura il governo locale di una città questo è un investimento sociale, una risposta ai bisogni di sicurezza talvolta alterati da una percezione negativa. Lo faremo rafforzando il quadro delle unità operative della Polizia municipale destinate ai controlli quotidianamente visibili da parte dei cittadini e con programmi di comunicazione, informazione e prevenzione. Lo faremo con un’attenzione sempre più determinata alla coesione sociale, che è strumento primario di prevenzione nella partita quotidiana della sicurezza urbana. Il nostro obiettivo è la costruzione partecipata di una città sicura perché coesa, coesa perché sicura”.

Diredazione2 casertaprimapagina

Aversa, il 1 maggio appuntamento con la “Festa diocesana della Famiglia”

Mercoledì primo maggio si rinnova l’appuntamento che la diocesi di Aversa riserva alla riflessione su realtà familiare e vita di coppia: la “Festa diocesana della Famiglia”, com’è tradizione consolidata, sarà ospitata dal Santuario “Madonna di Briano” e ruoterà intorno al tema “È ancora possibile”. La giornata inizierà alle 9.30: dopo l’accoglienza, alle 10.00 è prevista la Celebrazione Eucaristica presieduta dal Vescovo di Aversa, S.E.Mons. Angelo Spinillo; alle 11.30, l’incontro-testimonianza con Padre Stefano Nava OFM, Padre francescano dell’Ordine dei Frati Minori e scrittore. Dopo il pranzo a sacco e un momento di animazione, il sipario calerà con la preghiera conclusiva delle 15.30. Il tema della giornata si rifà al libro recentemente pubblicato proprio da Padre Stefano Nava dal titolo “È ancora possibile”: un testo che raccoglie storie di fidanzamenti e matrimoni cristiani ed offre testimonianze vive che toccano molteplici aspetti della vita (e della crisi) di coppia. Dall’infanzia ferita al tradimento, dal non amore a sé ai figli, dalla sterilità alla malattia, Fra Stefano analizza le tante ferite che mettono a rischio il matrimonio cristiano, eppure vi sono piccoli focolai di bene che attestano come sia ancora possibile amarsi come “Dio comanda”, affrontare le crisi ed uscirne più uniti, più vivi, più saldi.

DiRedazione

Rivoluzione VOLALTO 2.0, Bracci a casa!!! Arriva Dragan Nesic per le semifinali per la A1!!!

La Società Golden Tulip VOLALTO 2.0 pensa già a costruire il futuro e a poche ore dalla semifinale contro il Delta Trentino Rosa rivoluziona tutto!!! Una decisione societaria che già era nell’aria dopo la prima fase di campionato. Oggi dopo cinque partite perse e altre vinte, con una squadra da top player di A2 targata VOLALTO 2.0, dove si è arrivati ai play off con affanno, questa cosa non è mai scesa giù alla dirigenza. Arriva il cambio a poche ore dalla trasferta e si rafforza il progetto Caserta ‘Città del Volley’ già per il prossimo anno, con a capo Coach Dragan Nesic della scuderia Saltini, numero 1 dei Procuratori di Volley mondiale.

DiRedazione

Golden Tulip VOLALTO 2.0 prende multa. Accusati i tifosi di aver buttato tappi in campo, ubriachi e spinellati

57333594_10216157106513451_4930901383869104128_nLa Golden Tulip VOLALTO 2.0 su richiesta ufficiale ha dato agli organi competenti video e elenco tifosi. La società ha sempre difeso i propri tifosi, domenica sono stati accusati di lanci di tappi di birra, ubriachi e spinellati, sono stati accusati anche sui social. La società VOLALTO 2.0 ha avuto una multa e su richiesta degli organi competenti ha dovuto giustificarsi, c’è volontà degli organi delle Forze dell’ordine di dare qualche Daspo.
Il Club VolAlto 2.0 più volte ha cercato di far capire ai tifosi la linea da portare avanti. Alcuni facinorosi sotto ubriacatura ma pensiamo che non sono i nostri, hanno usato atteggiamenti poco consoni anche nei confronti dello staff della nostra società. Il Club chiede ufficialmente agli organi competenti e garantisce: misure drastiche nel PalaVignola, non accadranno più tali bambinate anche perché noi non abbiamo visto tutto questo. Il responsabile capo tifoso è stato già’ avvertito e avvertirà tutti!!! Anche questi fatti veritieri o non veritieri rafforzano e fanno crescere tutti.

DiRedazione

Partita a Palmi, Soverato contro Volalto 2.0: l’antimafia calabra vedrà la partita?

soveratocasertaCalabria: operazione volley. A Palmi si gioca il ritorno di play off tra Soverato e Volalto 2.0. Si gioca a Palmi e non a Soverato perché il Palazzetto non è a norma per i play off. Partita tranquilla e tifosi nel mirino. Minima scorrettezza e scatta operazione legalità? L’antimafia sul pezzo? Ah saperlo…

DiRedazione

Grant candidato alle Europee? Lista su misura, sarà eletto!!!

Valentino GrantProfessione: Presidente Bcc, e membro del cda Cassa depositi e prestiti. Carattere: tranquillo ma sa il fatto suo. Se decide di risolvere i problemi li risolve, altrimenti ‘palleggia’ e accompagna le persone al macero. Se decide di arrivare all’obiettivo ci arriva. Uomo di fiducia della Lega da oltre 20 anni. Grant sarà eletto alle Europee e non è incompatibile con i ruoli che attualmente rappresenta.

DiRedazione

Blitz nella ‘connection-house’: sequestrati 4 kg di marjiuana

arresti droga carabinieri-2 (1)Il Giudice per le indagini preliminari, accogliendo pienamente le risultanze investigative emerse nell’ambito di una articolata attività di indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere (investigazioni delegate ai Carabinieri del Reparto Territoriale di Mondragone) ha emesso quattro ordinanze applicative di misure cautelari custodiali nei confronti dei seguenti cittadini extracomunitari, tutti di origini nigeriane: Ansime Oke, 38 anni; Beauty Efe, 31 anni;  Augustine Oshanor, 21 anni; Brighi Igaluyi, 47 anni.

Gli indagati erano destinatari di un provvedimento di fermo del Pubblico Ministero per i delitti di illecita cessione di sostanze di  marijuana, fatti consumati nel comune di Castel Volturno e nelle province di Napoli e Salerno. L’attività di indagine è originata da un intervento della locale Stazione Carabinieri a seguito di una rapina con sequestro di persona, commessa da Austine Oke in danno di un connazionale. A seguito di tale episodio, i Carabinieri iniziavano dal mese di ottobre del 2018 un’attività info-investigativa, con frequenti servizi di osservazione, in località destra Volturno, area particolarmente degradata del comune, con particolare attenzione alla via Fiume Panare e via Largo Fusaro, strade ove dimoravano gli indagati.

Le prime risultanze permettevano di acclarare che, principalmente alla prima via, era stata organizzata un’intensa attività di vendita al dettaglio di stupefacente da parte di Oke e della compagna Efe, i quali, tramite contatti telefonici e la collaborazione del complice Ifaluyi, provvedevano direttamente presso il proprio domicilio alla cessione della sostanza fornitagli da Oshanor.

L’abitazione fatiscente era stata adibita a “connection-house” (casa di incontro), ove, i cittadini di origine africana, potevano ritrovarsi consumando alcolici o droga. Gli ulteriori sviluppi dell’attività permettevano di ricostruire la filiera dello stupefacente, approvvigionato alle porte di Roma e trasportato sui treni grazie al ricorso di “corrieri”. Parte della droga, una volta giunta nel comune del litorale domitio, veniva frazionata e portata a Napoli e Salerno oppure ceduta e/o consumato in loco.

Veniva inoltre disposto, con provvedimento del Procura, il sequestro preventivo d’urgenza di due abitazioni, teatro dell’attività di spaccio contestata agli indagati, immobili stabilmente utilizzati per consumare i delitti, anche attraverso molteplici accorgimenti e cautele volti a celare le attività criminose poste in essere al loro interno e di scongiurare i controlli da parte delle forze di polizia. Nel corso dell’attività di indagine venivano sequestrate consistenti quantitativi di marijuana per un totale di quasi quattro chili

Diredazione2 casertaprimapagina

Asd Rinascita Pianese, storia di un’impresa leggendaria diventata realtà: ed ora avanti in Seconda Categoria!

Immaginate una sera di fine estate, un tavolino di un bar con intorno amici di vecchia data che chiacchierano tra di loro. Strano a credersi ma esattamente in questo modo è stata concepita l’idea della Rinascita Pianese: capolista del Girone A di Terza Categoria dalla sesta giornata e che si è aggiudicata la promozione in Seconda con ben 90′ di anticipo dalla fine del campionato. A ribadirlo con orgoglio e occhi lucidi il Mister Loreto Tarantino e il Presidente Angelo Falco- più che un Presidente il dodicesimo uomo in campo- i quali hanno sottolineato con voce emozionata quello che voleva essere le Rinascita Pianese: una scommessa sul ritorno del calcio nel comune di Piana di Monte Verna dopo più di dieci anni di assenza oltre che un centro di aggregazione per il paese stesso. Scommessa vinta grazie a un percorso leggendario terminato con l’ennesima vittoria in trasferta contro l’ASD H2o Riardo Soccer. La dirigenza della società che ha puntato sui giovani pianesi e l’intuito di Mister Tarantino che sapientemente ha mixato veterani dal calibro di Coppola Valerio, Della Rocca Michele e Senese Antonio con risorse emergenti – come il giovanissimo bomber della squadra Ciaramella Alessandro – hanno portato a risultati straordinari: primo posto in classifica già dalle prime giornate di campionato, 53 punti totali, 50 goal fatti, solo 12 subiti e il riconoscimento di miglior attacco e miglior difesa.

Numeri importanti, certo, ma forse ciò che di meglio è riuscita a conquistare l’ASD Rinascita Pianese è stato l’interesse e il totale coinvolgimento da parte della popolazione di Piana di Monte Verna che ad ogni partita ha colorato di colore rosso e blu l’intero paese e che ha costantemente incitato la squadra con striscioni, cori e canti al grido di: «Non posso stare senza la mia Pianese». Forse, ciò che di più bello è riuscita a conquistare l’ASD Rinascita Pianese è stato creare un appuntamento fisso settimanale al campo comunale per padri, madri, fidanzate e per nonni con a seguito nipotini in bicicletta. Ed è proprio il Presidente Falco a dichiarare: «È stato fantastico quando passeggiando per il paese mi rendevo conto che il più delle volte al centro del discorso c’era l’organizzarsi per andare al campo a tifare Rinascita Pianese». Un coinvolgimento importantissimo che sarà vitale per il desiderato e tanto atteso fischio d’inizio del campionato di Seconda Categoria.

DiRedazione

Aggredito dipendente Inps. “Era stata bocciata la pratica di invalidità”

inps caserta-2Un dipendente dell’Inps aggredito negli uffici di Caserta. E’ quanto accaduto la mattina del 12aprile, intorno alle ore 7.20, quando un uomo si è introdotto negli uffici del CML, il Centro Medico Legale dell’Inps, sede di Caserta, chiedendo “in modo aggressivo” di poter parlare con il dirigente sanitario circa il mancato accoglimento della sua istanza di invalidità civile. La discussione è continuata fino alle 9,30 concludendosi purtroppo con l’aggressione fisica del dipendente.

“Si denuncia così l’ennesimo episodio di violenza i danni dei dipendenti dell’Istituto – commenta una nota dei rappresentanti sindacali della sede casertana – il ripetersi in questi anni di eventi del genere, favoriti anche da una mancata manutenzione degli accessi alla sede, vedesi le sbarre del parcheggio non funzionanti da tre mesi, le porte di accesso alla sede e agli uffici mal funzionanti e mal vigilate, il numero insufficiente di addetti alla vigilanza armata”.

“Si precisa – continua la nota – che si è immediatamente provveduto a chiamare la Polizia, la quale però, considerata la natura della situazione ha ritenuto di non intervenire. A tal fine si invita quindi a segnalare l’evento al Prefetto di Caserta, quale rappresentante dello Stato che sovraintende le forze di polizia nella provincia e nel contempo a chiedere allo stesso un incontro urgente, vista la poca considerazione da parte delle Forze dell’ordine verso questa sede. Denunciamo inoltre con forza l’insensibilità sul problema sicurezza di questa amministrazione che a distanza di un anno dalla nomina dei rappresentanti RLS dei lavoratori, non ha ancora provveduto alla formazione degli eletti nonostante i ripetuti solleciti. Inadempimento gravissimo questo, alla luce degli episodi accaduti e della situazione descritta”.

“Il personale non viene adeguatamente tutelato  – commenta Franco Della Rocca, Segretario Generale, Cisl Fp Caserta – la Segreteria è preoccupata ed invita i responsabili preposti, i dirigenti a provvedere al più presto a delle soluzioni adeguate al grave problema. Invitiamo pertanto il Direttore ad attivare tutte le misure cautelative utili a prevenire situazioni del genere incresciose e pericolose, affinchè tali episodi non vengono mai più reiterati”

 

Diredazione2 casertaprimapagina

Casal di Principe ospita la Giornata Diocesana della Gioventù

“Tra sentinelle e profeti… influencer di Dio”: è questo lo slogan della Giornata Diocesana della Gioventù che la Chiesa di Aversa ha vissuto sabato 13 Aprile 2019 a Casal di Principe. La scelta della location è dettata dall’inserimento di questo evento diocesano nel percorso della memoria di don Peppe Diana, a venticinque anni dalla sua uccisione per mano della camorra.

Ecco un servizio video sulla giornata e le interviste a Mons. Angelo Spinillo, Vescovo di Aversa; Don Fabio Ruggiero, Responsabile del Servizio Diocesano per la Pastorale Giovanile; Augusto Di Meo, amico di don Peppe Diana e testimone del suo omicidio; Gianni Solino, Coordinatore Provinciale di Libera; Elisabetta Reccia e Antonella Esposito del Circolo Letterario Maeditactio e del Caffè Letterario Artespressa.