Archivio mensile marzo 2019

Diredazione2 casertaprimapagina

San Nicola La Strada, cure termali gratuite per gli over 60 con “Le settimane del benessere”

L’amministrazione Comunale di San Nicola la Strada, guidata dal Sindaco Vito Marotta, di concerto con l’Assessore alle Politiche Sociali Lucio Bernardo, ha organizzato un ciclo di cure termali per cento cittadini sannicolesi over 60. Le cure termali, come per il passato, saranno effettuate presso le terme di Telese dal prossimo 2 e fino al 14 settembre. Il servizio di trasporto in bus, da San Nicola la Strada a Telese è gratuito. Coloro che vorranno aderire al ciclo di cure termali, dovranno solo pagare la quota del ticket sanitario prevista per la cura prescelta e prescritta dal medico di famiglia. La domanda di partecipazione potrà essere ritirata presso l’Ufficio Servizi Sociali, sito preso la casa comunale di San Nicola la Strada in piazza Municipio 1 e dovrà essere presentata entro le ore 12 del giorno 2 agosto 2019. A cura dell’assessorato ai Servizi Sociali, sarà inviato ai medici di famiglia sannicolesi una comunicazione relativa all’iniziativa con allegato il prospetto con i codici per i vari tipi di terapia che si possono effettuare presso le Terme di Telese, per facilitare le relative prescrizioni.

Diredazione2 casertaprimapagina

Un pezzo di Piedimonte Matese a Grosseto, una strada sarà intitolata al Questore Maria Alessandra Barbantini

E’ di qualche giorno fa una notizia che fa onore ai piedimontesi tutti. Approvata in sede alla Commissione comunale toponomastica a Grosseto l’intitolazione di una strada a Maria Alessandra Barbantini, già questore di Grosseto. Tra qualche giorno la conclusione dell’iter procedurale: l’approvazione in giunta e la localizzazione definitiva. Poi sarà realtà, Grosseto avrà una strada dedicata alla compianta congiunta di un grande piedimontese: Pasquale Sposato, anch’egli questore di Siena.

Nata a Roma nel 1934 Maria Alessandra Barbatini, giovane atleta laureata in giurisprudenza, giunse a Grosseto nel 1961 come ispettrice, dopo aver vinto il primo concorso per la neonata polizia femminile, interessandosi soprattutto di minori e diritto di famiglia. Venuta a mancare nel 1997 a seguito di una malattia. Rimasto vedovo, il piedimontese Pasquale Sposato, rotariano di vecchia data, ha ottenuto diversi encomi e riconoscimenti per importanti operazioni di polizia giudiziaria e per essersi particolarmente distinto per impegno e spirito di sacrificio in occasione della grave alluvione che colpì la provincia di Grosseto nel 1966. E’ insignito dell’onoreficenza di Grande ufficiale al merito della Repubblica italiana e di Cavaliere ufficiale dell’Ordine “Orange Nassau” conferitogli dalla regina Giuliana D’olanda per i servizi di tutela e sicurezza svolti durante i soggiorni estivi della regina e della sua famiglia a Porto Ercole.

Il Consiglio Comunale di Piedimonte Matese, nel 1989, gli ha conferito la “Cittadinanza benemerita” per aver dato lustro alla sua città natale per le sue doti di ingegno, cultura e umanità. Ieri come oggi orgoglio tutto matesino.

Diredazione2 casertaprimapagina

Giornata della legalità, il “Giovanni XXIII” di Recale ricorda Siani e don Diana

Doppio appuntamento per la “Giornata della legalità” al “Giovanni XXIII” di Recale. L’istituto comprensivo attraverserà due figure simbolo della lotta alle mafie: Giancarlo Siani e don Peppe Diana. Il 22 marzo, alle 11, all’auditorium di viale Europa, le classi IV e V della Primaria parteciperanno a un dibattito promosso dal dirigente scolastico Giovanni Spalice. Tra i relatori, i giornalisti Angela Mallardo e Nando Misuraca, lo scrittore Paolo Miggiano, Agostino Morgillo dell’Anpi, il rapper Tueff e il maresciallo Baldassarre Nero, comandante della stazione dei carabinieri di Macerata Campania. Il confronto ruoterà intorno alla figura di Siani, cronista de Il Mattino ucciso dalla camorra il 23 settembre 1985 per la sua attività d’inchiesta sul fronte della commistione tra criminalità organizzata e politica locale; nello specifico, il “condanno” il suo interesse sugli appalti pubblici per la ricostruzione delle aree colpite dal terremoto dell’Irpinia del 1980 nei dintorni del Vesuvio. Sul giornalista, Mallardo, insegnante di lungo corso, ha scritto “Giancarlo Siani. Il bambino che vivrà per sempre”, edito da Buk Buk.

Il 25 marzo, sempre alle 11 e all’auditorium, è attesa, invece, la presentazione del libro “Solo un prete”, cui parteciperanno le classi III della Secondaria di primo grado. Il volume, pubblicato da Pasquale Gnasso Editore, narra la storia di don Peppe, raccontata da un suo fedele amico, don Giuseppe Sagliano, attraverso la penna di Luigi Intelligenza. Il libro è un viaggio a ritroso nel tempo, alla scoperta di un uomo la cui figura appare diversa rispetto a quella riproposta negli anni; una figura che intreccia la sua vita e la sua morte con la storia di un territorio e di migliaia di persone. Ne discuteranno con Sagliano il maresciallo Nero e Leonardo Piccolo, del laboratorio FareAmbiente di Casapesenna. L’intervento di introduzione sarà affidato al dirigente Spalice. Diana, sacerdote a Casal di Principe, fu ucciso dalla camorra 25 anni fa, il 19 marzo 1994. Il suo impegno civile e religioso contro la criminalità ha lasciato un profondo segno nella società campana e in Italia.

DiRedazione

Spari e rapina, terrore per una coppia: 2 arresti

rapina pistola auto-3Sono stati arrestati praticamente in flagranza di reato i due rapinatori che nel pomeriggio di ieri hanno rapinato una coppia che viaggiava a bordo di una Bmw in via Stellato, a San Prisco. I carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere hanno infatti bloccato i due, napoletani, dopo un breve inseguimento conclusosi in via Ugo Foscolo.

Come ricostruito dai militari, guidati dal capitano Macrì, nel mirino dei rapinatori era finito un noto imprenditore edile e la moglie. I due malviventi in sella ad uno scooter hanno affiancato la vettura intimando all’imprenditore di aprire lo sportello e consegnare soldi e gioielli. Al secco ‘no’ della vittima, i due rapinatori hanno estratto una pistola e hanno sparato tre colpi: uno verso l’asfalto, un secondo contro l’auto, che per fortuna non ha raggiunto le vittime, e un terzo in aria.

Una breve colluttazione ha permesso ai due malviventi di farsi consegnare la borsa della dona e un orologio di marca dall’imprenditore. La fuga è durata pochissimo: in sella ad uno scooter sono stati bloccati dai militari, in servizio per un normale controllo della zona. I due sono stati arrestati e tradotti in carcere su ordine della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

Le due vittime della rapina hanno subito lievi escoriazioni durante l’assalto dei malviventi. I carabinieri sono riusciti a recuperare parte del ‘bottino’, mentre l’arma utilizzata dai rapinatori deve essere ancora rintracciata: i due durante l’inseguimento si sono disfatti della pistola.

 

DiRedazione

Centinaia di proiettili ‘illegali’ trovati dai carabinieri

cartucce-2


Cartucce occultate in un sacchetto di plastica in un fondo di Marzuli, frazione di Sessa Aurunca. Nella mattinata di martedì una ditta che provvedeva alla bonifica di un terreno utilizzato come deposito di lastre di amianto ha rinvenuto un sacchetto di plastica contenente un centinaio di cartucce da caccia calibro 20.

Allertati i carabinieri di Sessa Aurunca a cui sono affidate le indagini. Si tratterebbe di un episodio di bracconaggio e presumibilmente l’avventore ha lasciato lì le cartucce al fine di eludere i controlli, seppellendole nel terreno dismesso.

DiRedazione

Scappa dai domiciliari e viene sorpreso in un bar

carabinieri bar-2Fine settimana di intensi controlli per la compagnia carabinieri di Sessa Aurunca. A Rocca D’ Evandro i carabinieri della locale stazione ed i colleghi di Mignano Monte Lungo hanno tratto in arresto D.A.G., 29enne di Rocca D’ Evandro, che ha evaso gli arresti domiciliari per andare a ‘prendere un caffè’.

Difatti i militari lo hanno trovato in un bar del centro cittadino intento a sorseggiare il suo caffè. A seguito di rito per direttissima presso la Procura di Santa Maria Capua Vetere, gli è stato convalidato l’arresto.

 

DiRedazione

Scappa dalla guerra e muore nel casertano: aveva 24 anni

funerali chiesa-2Era arrivato a Sant’Arpino da pochi mesi. Dopo aver attraversato tutto il mare Mediterraneo per raggiungere prima la Sicilia e poi la Campania. Sperava in un futuro migliore. Ed invece la sua vita è finita ad appena 24 anni. Era scappato dalla guerra in Nigeria, per cercare una vita migliore ed invece ha trovato la morte.

Ha lavorato per tutti questi mesi in Italia in un terreno agricolo, e lì ha trovato anche la morte. Ufficialmente è deceduto per una ‘morte accidentale’ mentre stava lavorando lo scorso 11 marzo. La sua salma, dopo l’autopsia al Policlinico di Napoli, ieri mattina è tornata a Sant’Arpino per i funerali. Presente al funerale anche il sindaco Giuseppe Dell’Aversana e alcuni componenti dell’amministrazione comunale.

Asowata Wisdom, 24enne nigeriano, è stato salutato da decine di persone che hanno voluto ricordarlo l’ultima volta: “Era un bravissimo ragazzo, lavorava dalla mattina alla sera per poter inviare un po’ di soldi alla sua famiglia”. Ma nei pochi mesi di lavoro non ci era ancora riuscito, anche a causa della paga ‘da fame’. Asowata Wisdom era un ragazzo di 24 anni, morto di lavoro, nella campagna di un paese straniero, lontano dalla sua Africa. Che non potrà riabbracciare neanche da morto.

DiRedazione

Colpo dei ladri nello studio fotografico

corso freda cellole-2Furto in corso Freda a Cellole: preso di mira uno studio fotografico del centro cittadino.

Approfittando della pausa pranzo del titolare, i ladri, forzando la porta d’ingresso in alluminio dello studio (dato che la saracinesca non era stata abbassata), si sono introdotti sottraendo 4 macchine fotografiche ed una videocamera per un valore di circa mille euro. Non sono state toccate altre apparecchiature presenti all’interno del locale.

I ladri si sono concentrati su oggetti facilmente asportabili ed occultabili dato l’ orario. Allertati dal proprietario al suo rientro indagano i carabinieri di Cellole. Per i rilievi è intervenuta l’ aliquota radiomobile dei carabinieri di Sessa Aurunca

DiRedazione

Schiaffeggia bambino che lo deruba, il padre si vendica con un bastone

polizia bastone-2Il personale del commissariato di polizia di Aversa diretto dal primo dirigente  Vincenzo Gallozzi, ha tratto in arresto Francesco Del Piano, aversano di 26 anni, perché responsabile del reato di lesioni gravi.

Gli agenti operanti, mentre si apprestavano ad uscire dal Commissariato, udivano delle urla provenire dalla strada contigua e avvicinandosi notavano un uomo, successivamente identificato per Del Piano, che armato di bastone di legno percuoteva violentemente un’altra persona.

Il tempestivo intervento degli operanti consentiva di bloccare l’aggressore che veniva disarmato mentre la vittima veniva soccorsa dal personale sanitario del 118 fatto giungere sul posto. Presso il locale presidio ospedaliero alla vittima a seguito degli accertamenti medici veniva riscontrata una frattura esposta all’avambraccio sinistro.

Dalle successive indagini emergeva il movente dell’aggressione avvenuta per futili motivi. In particolare, la vittima, venditore ambulante di generi alimentari, dopo aver visto un bambino di circa dieci anni rubare dei panini dal proprio furgone lo colpiva con uno schiaffo.

Dopo qualche minuto sopraggiungevano i parenti del bambino che chiedevano spiegazioni al venditore, al culmine della discussione si avvicinava armato di bastone Del Piano, padre del bambino, che poneva in essere la violenta aggressione. Alla luce degli elementi acquisiti, ultimate le formalità di rito, il fermato veniva dichiarato in stato di arresto e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

DiRedazione

La Fipav Perugia cala il Poker e chiede accrediti per la partita VOLALTO 2.0 – Bartoccini Perugia. La Fipav Campania e Provinciale restano a guardare e non difendono Caserta

logo_fipav_nazionaleStamattina di buon’ora arriva la prima mail ufficiale alla VOLALTO 2.0 Caserta per la partita contro la Bartoccini Perugia, senza dire buongiorno e con un distinti saluti per una richiesta di accrediti in quanto possessori di tessera. I nomi sono: Tardioli Luigi Presidente CT Umbria 1 Fipav, Lomurno Giuseppe Presidente CR Umbria Fipav, Brunozzi Monica Commissione Giudicante CT Umbria 1 Fipav e Bacchi Filippo Responsabile CT Umbria 1 CT Umbria 2 Fipav. Caserta freme e risponde: ci sarà la presenza della Questura, Carabinieri e GDF e farà chiedere documenti all’entrata e accertamenti personali in quanto possessori di Tessere Agenzia Delle Entrate come da mail. Intervistato il Presidente Nicola Turco: “Abbiamo preparato anche al Presidente del Bartoccini Perugia vino, mozzarella di bufala e bacche, prodotti di eccellenza campana”. Vi aspettiamo a braccia aperte.