Archivio mensile marzo 2018

Digeneralmanager

Pasqua di solidarietà per 50 clochard di Caserta grazie al Movimento L’Aura

L'auraPasqua di solidarietà per l’associazione Movimento L’Aura di Caserta. Il centro di accoglienza e ascolto, guidato dalla presidente Floriana Malagoli, ha allestito un pranzo di Pasqua per 50 clochard grazie al contributo dei volontari ed alla generosa collaborazione di ristoratori, chef e commercianti casertani. “Officina14” per i primi; “Isy Food” i contorni; “Profumo di pane” le pizze rustiche; il “Panificio Gusto” il pane; “Natale Coloniali” le uova di cioccolato, “Folies Cafè” la pastiera e la scuola di cucina “Dolce e Salato” dello chef Giuseppe D’Addio le colombe. Il pranzo è stato un modo per celebrare con i senza fissa dimora un momento di festa e condividere tutti insieme la gioia della Santa Pasqua. Un impegno sociale, quello dell’associazione Movimento L’Aura, che non è concentrato esclusivamente alle festività ma che continua ogni giorno. Aperta a novembre, “Casa l’Aura” è la sede operativa del Movimento ed è già diventata in questi pochi mesi un punto di riferimento per i senzatetto offrendo pasti caldi due volte a settimana, cure mediche, la possibilità di fare docce calde e lavare i propri indumenti.

Digeneralmanager

La Giunta approva il Bilancio di previsione 2018: si chiude con un saldo positivo di oltre 1,3 milioni di euro tra entrate e spese. Marino: “La nostra è una gestione virtuosa, con questo Bilancio si può guardare con ottimismo al futuro”

Carlo Marino sindaco CasertaLa Giunta Comunale ha approvato oggi la proposta di Bilancio di Previsione 2018, che ora dovrà passare al vaglio del Consiglio Comunale per il definitivo via libera. La novità più importante è che dopo circa 20 anni si registra un significativo saldo positivo, ovvero di oltre 1,3 milioni di euro, tra le entrate e le spese correnti. Un risultato oltre modo significativo se si pensa che nel 2016 (subito prima dell’insediamento dell’attuale Amministrazione) il Bilancio di Previsione era in perdita per quasi 2 milioni di euro. Nel 2017, il passivo era sceso a poco più di 500mila euro (con un progresso di circa 1,5 milioni di euro), mentre nel 2018 si è arrivati ad un attivo di più di 1,3 milioni.

“Le cifre di questo Bilancio – ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino – confermano che la nostra gestione economico-finanziaria può definirsi virtuosa. Inoltre va specificato che questo attivo di oltre 1,3 milioni di euro lo impiegheremo per pagare i quadri debitori pregressi. Siamo riusciti a portare in attivo il bilancio grazie ai tagli ai costi, riducendo le spese, grazie anche al prepensionamento di circa 100 dipendenti comunali, e ridefinendo i rapporti con i concessionari. Per la prima volta, poi, – ha aggiunto il primo cittadino – riusciamo a portare in attivo un Bilancio e contestualmente a realizzare un nuovo piano parcheggi che prevede il dimezzamento delle tariffe per i cittadini. A tutto ciò va aggiunto il risparmio di 1,5 milioni di euro annui che otterremo sul servizio di riscossione tributi. Inoltre, questo Preventivo ci consente di abbattere le tasse ai meno abbienti, di mantenere alta l’attenzione verso l’assistenza ai disabili e alle categorie protette, di puntare sull’informatizzazione per offrire servizi più adeguati ai cittadini”.

Il sindaco, poi, ha sottolineato come il Bilancio preveda “investimenti per la manutenzione delle strade, dei marciapiedi, del verde e della pubblica illuminazione. Puntiamo anche al potenziamento delle politiche ambientali, con progetti miranti all’aumento dei livelli di raccolta differenziata fino ad arrivare a servizi innovativi, che saranno contenuti nel prossimo bando per lo svolgimento del servizio di raccolta rifiuti in città. Continuiamo a sostenere il progetto Cultura in città – ha aggiunto Marino – riappropriandoci del Teatro Comunale, con un progetto di gestione diretta da parte dell’Amministrazione e rilanciamo la manutenzione dei nostri luoghi più importanti come il Belvedere di San Leucio, Casertavecchia e le zone in prossimità della Reggia. Ci saranno, poi, nuovi scenari sul fronte del decoro urbano, con il netto ridimensionamento delle insegne pubblicitarie, e incentivi verso gli investimenti rivolti al turismo e al sociale. In definitiva – ha concluso il sindaco – dopo i sacrifici condotti in questi ultimi due anni con questo Bilancio si potrà guardare al futuro con fiducia e ottimismo”.

Digeneralmanager

Su Teleprima stasera alle 21.30 in esclusiva il Sindaco di Caserta Carlo Marino

intervistamarinoRitorna il consueto appuntamento in esclusiva su Teleprima con il Sindaco di Caserta Carlo Marino che questa sera alle 21.30 parlerà dei temi più cari ai cittadini. Tra gli argomenti trattati il biodigestore, la viabilità e la mobilità, il dissesto bis del Comune, la riqualificazione e lavori delle strutture sportive casertane, l’apertura straordinaria nelle festività pasquali della Reggia di Caserta e Belvedere di San Leucio. La trasmissione andrà in onda questa sera alle 21.30 sui canali di Teleprima, in streaming su www.teleprima.it e sui social del gruppo Teleprima ed in replica dalla giornata di domani. Conduce: Alessia Bartiromo

Digeneralmanager

ELEZIONI A TRENTOLA DUCENTA. Martina Fabozzi sostiene la candidatura a sindaco di Sagliocco

Michela Fabozzi TrentolaMartina Fabozzi, giovanissima e dinamica studentessa liceale é stata scelta dall’Associazione con sede in via Roma a Trentola Ducenta, per cimentarsi in quest’avventura di rinnovamento insieme all’aspirante primo cittadino, Andrea Sagliocco. La candidatura della Fabozzi é stata fortemente voluta da tutto il folto gruppo di associate, che ha deciso di delegare lei a rappresentare le istanze giovanili. La Fabozzi – visto il calore manifestatole – ha voluto ringraziare pubblicamente le sue colleghe e ha dichiarato di voler “portare al centro della vita cittadina le idee, le aspettative e i bisogni dei suoi coetanei.” Piena di intenti programmatici è la linea che la giovane Fabozzi intende portare avanti per il suo paese, e nonostante sia la sua prima esperienza politica ha alle spalle un passato connotato da forti capacità aggregative. Martina ha affermato: “Sono convinta che oggi piu’ che mai per la mia generazione sia importante ritrovare le motivazioni,  fondamentali per cambiare le cose, questo è stato uno dei motivi che mi ha spinto a intraprendere questo cammino. Credo che lamentarsi serva a poco, per vedere i risultati bisogna agire e fare squadra.”

Digeneralmanager

Nel derby casertano gioisce San Michele Maddaloni, Casapulla finisce ko

basket maddaloniLa Pallacanestro San Michele Maddaloni ha festeggiato con una vittoria il turno pre-pasquale. Il derby contro Casapulla è stato una vera e propria battaglia agonistica, in cui nessuna delle due compagini si è risparmiata. Sin dalla palla a due i maddalonesi hanno dovuto mettere il massimo dell’impegno, perché la gara è stata dura, ed i contatti altrettanto. E in molte circostanze gli arbitri hanno optato per far proseguire il gioco. Mentre il San Michele litigava con il ferro, gli avversari sembravano riprendere il segno della gara d’andata, tirando dalla lunga distanza con percentuali piuttosto alte e anche con le proverbiali mani in faccia. Pur con un po’ di nervosismo, i ragazzi di coach Parrillo sono sempre stati a contatto ricucendo sino al meno uno grazie al gioco da tre punti di Rusciano, che ha segnato nonostante qualche avversario appeso al collo. L’andazzo non è cambiato nel secondo periodo, quando addirittura Casapulla ha raggiunto il massimo vantaggio sul 36-30 al 15′. Questa partita era da vincere con la testa, e così i biancazzurri non hanno perso la concentrazione e con la tripla di Moccia hanno compiuto il primo sorpasso sul 40-42. Senza pensarci due volte, Casapulla è ricorsa al timeout che non ha evitato di andare al riposo lungo indietro di sei lunghezze. Al rientro dagli spogliatoi c’è un immediato botta e risposta e poi per circa 5′ il punteggio rimane fisso sul 47-52. Il gioco scorre senza interruzioni, così come il tempo ovviamente, e Maddaloni non riesce ad approfittare del black-out dei cugini per allungare e dare il colpo mortale. Dopo una buona circolazione di palla sblocca l’impasse un piazzato di Chiavazzo, mentre subito dopo Desiato senza troppo pensarci si alza dai 6,75 e muove solo la retina. Gli ospiti ormai hanno l’inerzia del derby dalla propria, e ci pensa Ragnino con cinque punti consecutivi a regalare il primo vantaggio in doppia cifra sul 52-62 al 33′. La gara sostanzialmente finisce lì, anche perché Casapulla ha pochissimi sussulti e Maddaloni controlla benissimo il punteggio fronteggiando la pressione a tutto campo degli avversari.

MADDALONI FA SUO IL DERBY CONTRO CASAPULLA

Basket Casapulla-Pall. San Michele Maddaloni 67-78

Parziali: 24-19; 40-46; 49-57.

Casapulla: Di Lorenzo 8, Mastroianni n.e., Guastaferro 19, Olivetti 10, Del Vaglio, Delli Paoli n.e., Coda n.e., Damiano, Nacca 24, Avella 4, Lillo n.e., D’Aiello 2, All. Monteforte.

Maddaloni: Requena 4, Ragnino 10, Cioppa 4, Spallieri n.e., Moccia 15, Desiato 18, Pascarella, Rusciano 12, Chiavazzo 15, Cerreto n.e., All. Parrillo, Ass. Dandolo.

Arbitri: Simona Belprato di Cercola (NA) e Francesco Guerrasio di San Giorgio a Cremano (NA).

Digeneralmanager

POLITICA A CASAPULLA. Il consigliere Bosco contro il sindaco Sarogni: “Sta uccidendo con arroganza la volontà popolare sancita dalle urne”

luigiboscoDopo il consiglio comunale di mercoledì mattina che ha palesato ancora di più la crisi dell’amministrazione, diretta da Michele Sarogni, con la bocciatura da parte dell’aula della tariffe, il capogruppo di ‘Campania libera’ Luigi Bosco interviene sull’attuale situazione politica di Casapulla. «Alle elezioni amministrazioni del 2014 – fa sapere Bosco – la comunità casapullese ha assegnato il timone amministrativo alla lista ‘Casapulla Domani’ e non solo al candidato sindaco Sarogni, ragion per cui, quando più dei due terzi della stessa, tra eletti e non, vengono tagliati fuori dall’azione di governo locale, diventa atto dovuto da parte del primo cittadino registrare che la volontà popolare non è più adeguatamente rappresentata nelle istituzioni e ridare la parola ai cittadini. Il 25 maggio 2014 i casapullesi hanno liberamente deciso che le scelte politiche locali dovevano essere condivise anche con Luigi Bosco, Marialaura Buro, Raffaelina Dragone, Elpidio Gagliardi, Maddalena Natale, Marco Santamaria, Francesco Sorbo, Luigi Tecchia, e non congegnate solo tra sindaco, tre consiglieri comunali ed un ristretto ‘cerchio magico’ che ha grosse ed evidenti responsabilità in ordine alla cattiva tenuta del progetto politico ‘Casapulla Domani’. Non era questo lo spirito che ha animato ed entusiasmato la tornata elettorale della primavera del 2014. Invito l’attuale amministrazione – continua il consigliere di ‘Campania libera’ – a mettere nero su bianco opere che alla data odierna sono stati realizzate sotto il suo impulso e che non rappresentano la prosecuzione di progetti avviati dalle passate gestioni. Sotto l’aspetto culturale, continuano ad affermare che le realtà limitrofe prendono spunto dalle iniziative di Casapulla; a questo punto, ci spieghino come mai in occasione della prima vera iniziativa intercomunale di carattere turistico- culturale, ossia la costituzione del distretto turistico ‘Appia Antica’, l’unico paese a non farne parte è proprio il nostro. Nulla è stato detto sui finanziamenti non approvati per inadeguatezza documentale (giostrine per disabili, Notte dell’Appia), sulle proposte di finanziamento di progettazioni ancorate agli ultimi posti di lunghissime graduatorie od ancora su opere più volte annunciate ma mai seriamente nemmeno immaginate (progetto Piazza Stroffolini, Cavalcavia su A1). Si evita, poi, di toccare l’argomento dei lavori ai marciapiedi sull’Appia, commissionati e realizzati sotto l’attuale amministrazione. Possiamo definirci soddisfatti della qualità dei lavori effettuati? E sul livello di tenuta del manto stradale? Dei lavori al cimitero, avviati molti anni fa, ancora non ci è dato sapere circa i tempi. E’ stato di recente approvato un cronoprogramma che avrebbe dovuto vedere realizzato entro il prossimo 6 aprile il parcheggio confinante con Viale del Silenzio. Altro fumo negli occhi. Sul Piano Integrato Territoriale relativo al Distretto Industriale Sant’Agata dei Goti, il progetto di completamento è fermo al palo e non si intende prendere un’iniziativa seria al riguardo. Come si intende giustificare, poi, il livello di abbandono e di degrado di alcune zone del paese, dove, dopo le 19, è come se calasse il coprifuoco, non essendoci aree attrezzate per ricevere giovani ed adolescenti. Da un punto di vista politico – prosegue Bosco – si è iniziato col mortificare gli eletti e le loro professionalità introducendo il principio che una giunta tecnica avrebbe potuto salvare Casapulla (giugno 2016), si è continuato nell’allontanare gruppi di consiglieri che hanno contribuito in maniera determinante all’elezione del sindaco (dicembre 2016), con la scusa che v’era bisogno di ritornare ad assessori interni, smentendosi poi dopo un anno esatto (dicembre 2017) nominando nuovamente due assessori esterni. Dispiace il modo in cui si pensa di prendere in giro i cittadini gridando allo scandalo in merito alla presunta nomina di un commissario, omettendo di dire che trattasi di un Prefetto, uomo delle Istituzioni, che avrebbe esattamente il compito di portare, quale arbitro imparziale, il Comune alle elezioni amministrative che si terranno in ogni caso nei prossimi mesi. C’è bisogno – conclude Bosco – di tanta umiltà e rispetto per i compagni di viaggio che hanno combattuto per la vittoria elettorale, per i cittadini che ci hanno votato perché credevano nel ‘nostro’ progetto, oggi miseramente fallito, per le istituzioni, che tutto devono essere fuorché teatro di lotte dove uccidere con arroganza la volontà popolare sancita dalle urne».

Digeneralmanager

Consiglio sul Bilancio a Casapesenna, Zagaria e Piccolo non si presentano: “Assise irregolare, il sindaco De Rosa non è trasparente”

de rosa sindaco casapesennaCASAPESENNA – “La nostra presenza in consiglio oggi avrebbe legittimato una seduta che, invece, non rispetta alcun criterio di legge e che, quindi, dovrebbe essere annullata”: con queste dichiarazioni Raffaella Zagaria e Carmine Piccolo, consiglieri di minoranza hanno disertato il consiglio comunale sul Bilancio. “Visto che all’ordine del giorno c’è un argomento fondamentale per la vita del Comune e della città di Casapesenna come il bilancio ritenevamo e riteniamo che tale materia debba essere discussa in un clima sereno, nel massimo della trasparenza. La scelta del sindaco De Rosa e dei suoi consiglieri, ci risulta difficile parlare di maggioranza, è, invece di senso opposto. Non si riesce a rispettare il criterio della trasparenza nemmeno per adempimenti banali come l’approvazione dei verbali della seduta precedente. E’, infatti, scomparsa la richiesta di posticipare i consigli al pomeriggio avanzata dalla consigliera Raffaella Zagaria nell’ultima seduta. Ci rendiamo conto che questo era l’unico modo per stendere un velo pietoso sulla risposta inadeguata data dal presidente del consiglio, uomo delle istituzioni che ha affermato che, decide lui e basta, nel segno di quella democrazia e partecipazione osannate sempre dal sindaco De Rosa, ma le regole dicono altro… Le regole dicono anche che sono necessari cinque giorni lavorativi per la convocazione del consiglio che, nel caso di specie, scadono dopo due ore dall’inizio dei lavori. Le regole della politica dicono poi che si convoca prima la conferenza dei capigruppo e poi il consiglio. Riservandoci di rivalerci nelle sedi competenti in caso di approvazione di atti contrari alla norma, ecco perché non saremo in consiglio”.

Digeneralmanager

Vittoria comoda del San Nicola Basket Cedri: 30 punti di distacco sulla Cap Nola

Basket CedriAltra comoda vittoria per il San Nicola Basket Cedri, che nella ventisettesima giornata del campionato di serie C Silver si impone per 79-49 sulla C.A.P. Nola. Una gara dominata sin dalla palla a due, con la squadra di Piero Falcombello capace di incalanare subito la partita sul terreno a lei congeniale per poi mantenere un ampio margine in scioltezza. Si parte nel segno di Linton Johnson. Il numero 43, alla fine miglior marcatore del match con 22 punti, è dominante in pitturato, regalando perle di atletismo agli spettatori accorsi al PalaIlario: i primi dieci punti dei padroni di casa sono tutti suoi, facendoli volare sul 10-1 dopo neanche due minuti e mezzo. Nola si sblocca con riccio, che con cinque punti porta i suoi in linea di galleggiamento sul 10-8, ma i Cedri hanno il colpo in canna. Si comincia con la tripla di Pignalosa, poi è la difesa di coach Falcombello a dar manforte ai biancoblu, che trovano punti facili in campo aperto: il break di 14-2 in 3′ porta San Nicola ad un comodissimo 24-10 a fine primo quarto. Alla ripresa del gioco l’attacco di casa non è lucidissimo, ma il lavoro nella metà campo difensiva è di primissimo ordine. Il bomber del campionato Pasquale Catapano viene ingabbiato dalla pressione biancoblu, l’unico per Nola a trovare il canestro con continuità è il lungo Auriemma che sgomita in area. Ma i Cedri non hanno problemi a tenere distanza fra le parti con i piazzati di Erra e le triple di Pignalosa e Garofalo, il gap si allarga fino al 40-17 dell’intervallo, con la difesa Cedri che ha concesso solo sette punti agli avversari. Il secondo tempo serve solo per fissare il risultato finale: San Nicola, che lascia riposare i suoi alfieri come Viera, Johnson e Pignalosa, controlla la partita in maniera molto agevole, dando minuti importanti alla propria panchina che fa il suo dovere con i punti di Russo. Nel finale Auriemma e Catapano tentano di indorare la pillola, ma non basta per impedire il +30 finale e la venticinquesima vittoria della stagione biancoblu. “Ero un po’ preoccupato per questa gara, come ogni volta che si gioca, conoscendo questo sport. Nola è una squadra che ha giocatori talentuosi e di esperienza, ma li abbiamo anche noi. Siamo partiti fortissimo, con Linton Johnson che ha segnato i primi dieci punti della serata; da lì la partita si è messa sul binario giusto. Sono contento perché ho potuto ruotare ogni mio effettivo ricevendo molto da ognuno di loro, posso veramente contare su tutti”. Ora c’è la Coppa Campania, i Cedri si son dimostrati i più forti fino ad ora ma il coach non vuole bruciare le tappe: “C’è la sfida con Maddaloni, per vincere la coppa dobbiamo prima battere loro. Solo dopo averlo fatto si potrà pensare alla finale”.

San Nicola Basket Cedri – C.A.P. Nola 79-49 (24-10, 40-17, 63-34)

San Nicola Basket Cedri: Pignalosa 9, Riccio 5, Di Martino, Viera 5, Marini, Garofalo 5, Mihalich 11, Erra 12, Zamo, Russo 8, Johnson 22. Donaddio 2. All. Falcombello.

C.A.P Nola: Riccio 5, De Sena, Genovese, D’Angelo 4, Catapano P. 16, Luminelli, Esposito 4, Auriemma 20, Ruotolo, Catapano G.. All. Grande

Digeneralmanager

POLITICA A CASERTA. Corvino dichiara cavolate per paura che la sorella venga cacciata dalla giunta

Pasquale CorvinoLa sorella non si tocca e lui trema, continua a rilasciare dichiarazioni a vuoto. Il vecchio metodo di fare politica di Pasquale Corvino è obsoleto: lascia sempre messaggi strani sui giornali e per di più senza avere validi motivi di allarmismo. Perché Corvino non impara a stare un pochino tranquillo? Perché non evita dichiarazioni stupide? La politica è cambiata…

Digeneralmanager

Del Gaudio e Spirito hanno devastato i conti del Comune di Caserta ed hanno ancora il coraggio di parlare?

Del Gaudio-Spirito-MarinoCASERTA – Ma davvero l’ex sindaco Del Gaudio e l’ex assessore Spirito hanno ancora il coraggio di parlare? Ricordiamo che nel 2012 l’allora delegato Spirito dichiarò il dissesto finanziario che creò poi nei bilanci successivi le condizioni che poi portarono l’amministrazione comunale Del Gaudio a commettere degli errori grossolani sul Rendiconto 2014, e questo elemento fece sforare il Patto di Stabilità al Comune di Caserta creando la necessaria e obbligatoria attività del Prefetto Nicolò che da commissario del Comune di Caserta fu costretto a fare il Riequilibrio chiedendo il fondo di rotazione al Ministero degli Interni per 24 milioni di euro. Sì, avete capito bene: 24 milioni di euro. Tutti soldi necessari per pagare i debiti costruiti proprio dal sindaco Del Gaudio e dall’assessore Spirito. E dopo questi danni macroscopici ai conti dell’Ente hanno veramente ancora il coraggio di parlare? Qualche volta il silenzio sarebbe la forma migliore per nascondersi!