Archivio mensile novembre 2017

Digeneralmanager

Bando per la riqualificazione delle periferie: la Giunta ha approvato lo schema di convenzione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri. In arrivo 18 milioni di euro per le frazioni casertane.

 marinoLa Giunta Comunale ha approvato lo schema di convenzione che regola i rapporti tra il Comune di Caserta e la Presidenza del Consiglio dei Ministri e che prevede la realizzazione di progetti per la predisposizione del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluoghi di provincia. La città di Caserta ha ottenuto il massimo risultato possibile, assicurandosi un finanziamento di ben 18 milioni di euro. Tali somme saranno utilizzate, dopo la firma della convenzione che avverrà a Roma alla presenza dei sindaci dei Comuni che hanno ottenuto i finanziamenti, per interventi miranti alla riqualificazione urbana e alla sicurezza delle periferie, con la finalità di realizzare opere urgenti per la rigenerazione delle aree urbane degradate. L’obiettivo è il recupero della dignità e dell’identità espressiva dei luoghi, la coesione sociale, l’attrattività turistica ed il rilancio economico-sociale delle zone degradate.

Per quanto riguarda gli interventi, il progetto prevede azioni da realizzare con finanziamenti pubblici da impiegare per la ristrutturazione di strutture pubbliche esistenti, comprese quelle destinate ad edilizia residenziale sociale e di spazi liberi e il completamento di impianti sportivi che ad oggi versano in stato di abbandono.

Inoltre, è prevista la riqualificazione di aree verdi da destinare allo svago ed alla didattica nonché per la valorizzazione paesaggistica, con particolare riferimento ad orti botanici per lo sviluppo di best-practices relative alla creazione della filiera corta eno-gastronomica.

Il progetto comunale prevede, poi, la riqualificazione dei tracciati viari storici e la valorizzazione di aree e strutture esistenti per il potenziamento dei servizi e della rete viaria. In tal caso l’obiettivo è di riqualificare un’area di interesse storico ed ambientale, limitrofa all’area della Reggia, e che contribuisce in maniera significativa al potenziamento dell’offerta turistica (bed – breakfast, albergo diffuso) e di conseguenza al miglioramento dello sviluppo socio – economico delle aree interessate nonché dell’intero circuito turistico – economico della città di Caserta.

“Ormai – ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino – manca pochissimo alla firma della convenzione, con la possibilità di accedere ad un finanziamento di ben 18 milioni di euro, che sarà capace di cambiare il volto delle nostre frazioni. L’Amministrazione è stata molto brava ad intercettare questi fondi, presentando progetti di assoluta validità che hanno ricevuto il massimo delle risorse disponibili per i capoluoghi di provincia. Si tratta di un’iniziativa di grande importanza, destinata a dare un nuovo futuro e una nuova prospettiva ai quartieri periferici della nostra città”.

Digeneralmanager

“Scarpette Rosse” Incontro culturale tra poesia, musica, letture

 

biblioteca ruggiero casertaDomani  presso la Biblioteca Comunale di Caserta “Alfonso Ruggiero”, sita in Via Lodati n.9, si terrà un incontro culturale avente per tema la violenza sulle donne. La questione, che costantemente torna alla ribalta, sarà trattata in modo originale attraverso la lettura di poesie e brani letterari, il tutto condito da intermezzi musicali (chitarra e voce) eseguiti dal vivo.

Al di là dei dell’attenzione che hanno posto la politica, il sociale e i media sul fenomeno del femminicidio, anche la letteratura e la musica si sono mossi sullo stesso piano, magari non con pari tono, ma certamente con uguale impegno. I brani, recitati e cantati, taluni anche in vernacolo, sia degli autori presenti all’evento, sia di altri, vogliono dare testimonianza di come l’arte non si esprime solo con la fantasia, ma anche raccogliendo i cocci della realtà vissuta.

Un breve riferimento alla cruda attualità sarà garantito dall’intervento di un magistrato donna, mentre il libero approfondimento su questo dramma verrà realizzato attraverso un dibattito finale a cui tutti i presenti potranno intervenire.

L’evento è patrocinato dal Comune di Caserta – Assessorato alla Cultura, dal Centro Italiano Femminile – Sezione Comunale di Caserta, e dall’Unione Mondiale dei Poeti.

Digeneralmanager

M5S, Viglione: “Il vuoto normativo sulla gestione di scarichi fognari e depuratori contribuisce a incrementare l’inquinamento sul territorio domitio”

Viglione M5s“La Regione governata da chi si fregia di aver dato priorità alla tutela dell’ambiente in ogni suo aspetto, resta una delle poche a non avere ancora regolamentato il sistema delle autorizzazioni degli scarichi delle acque reflue e domestiche e delle reti fognarie. Un vuoto normativo che persiste da troppo tempo, nonostante un decreto legislativo del 2006 che pone in capo alle Regioni la definizione di una regolamentazione in materia”. E’ quanto denuncia il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Vincenzo Viglione, firmatario di una interrogazione a risposta scritta nella quale si evidenzia “la totale assenza di norme che disciplinano gli scarichi fognari prodotti da agglomerati urbani con meno di duemila abitanti, la cui gestione è affidata alla più completa anarchia”. A questo proposito, Viglione ricorda che, in particolare per l’area dell’hinterland Casertano, “la Procura di Santa Maria Capua Vetere, in una relazione stilata per la Commissione parlamentare d’inchiesta sugli illeciti legati al ciclo dei rifiuti, ha ampiamente documentato tutte le criticità, con inevitabili conseguenze per i corsi d’acqua ed il mare. Rilevando, in molti casi, che si è verificata l’apertura di impianti di depurazione per i quali è mancata un’adeguata manutenzione a causa dell’impossibilità per i Comuni di piccole dimensioni di accollarsi i relativi costi, con il relativo sperpero di denaro pubblico e l’assenza in molte aree Asi nel territorio casertano della rete di depurazione”.

“Le conseguenze di questa gestione senza regole – sottolinea il consigliere regionale M5S – si riverberano nella stagione estiva per l’impianto di depurazione ‘Foce Regi Lagni’, con emissioni di cattivi odori che saturano diverse aree nei comuni di Villa Literno e Castel Volturno, a causa del mancato trattamento dei fanghi prima della disidratazione. E come se non bastasse per l’impianto che risulta in carico alla Regione attraverso la Sma Campania, quest’ultima avrebbe rilevato di non essere tenuta ad assicurarne la gestione. Insomma, siamo di fronte al solito rimpallo di competenze, unito all’assenza di una regolamentazione aggiornata anche in tema di controlli, le cui conseguenze sono a carico della salute dei cittadini e dei tanti vacanzieri che ogni anno affollano le località del litorale domitio nel corso della stagione balneare, e sulle quali, visto anche il recente impegno della Giunta a lavorare sul recupero del litorale, bisogna intervenire con assoluta urgenza”.

 

Digeneralmanager

Caserta – Accordo con l’Associazione Italiana Persone Down per l’utilizzo dei locali comunali

pontilloArriva a soluzione la vicenda riguardante l’Associazione Italiana Persone Down, ospitata presso i locali al piano terra del fabbricato polifunzionale nella frazione di San Benedetto. Con la delibera “Indirizzi finalizzati alla regolarizzazione dei rapporti con AIDP”, approvata dalla Giunta su proposta dell’assessore al Patrimonio Alessandro Pontillo, si avvia un percorso che consentirà all’associazione, ben nota da decenni per le sue attività sociali svolte sul territorio a favore delle persone con sindrome di down, di formalizzare la propria presenza all’interno di un immobile di proprietà comunale. Sarà infatti stipulato un regolare di contratto di locazione, in quanto il comodato gratuito risultava scaduto da diversi anni, con l’applicazione del canone mensile minimo vista la valenza sociale delle attività. Inoltre, per sanare la posizione debitoria pregressa l’associazione si accollerà le spese per la realizzazione di opere di manutenzione straordinaria e lavori necessari per garantire la sicurezza dei locali e delle persone che lo frequentano. “Viste le norme vigenti e lo stato di difficoltà finanziaria dell’Ente – ha spiegato l’assessore Pontillo – non è più possibile concedere gratuitamente locali di proprietà comunale, nonostante l’indubbia e riconosciuta valenza sociale delle attività svolte dall’associazione. Ma con il buon senso, e per questo ringrazio i rappresentanti dell’AIDP, si può certamente giungere ad un compromesso che consente al Comune di regolarizzare la presenza dell’associazione in un immobile di nostra proprietà ed all’AIDP di continuare ad operare senza il timore di dover liberare i locali. E’ un percorso virtuoso che spero venga avviato anche per altri casi simili che esistono in città e che consentirebbe di mettere fine a diversi contenzioni in atto con associazioni e società sportive. Una cosa deve essere chiara e voglio ribadirla ancora una volta: non è più possibile affidare gratuitamente immobili di proprietà comunale. Siamo disponibili con tutti a trovare accordi e soluzioni, in linea con le normative vigenti, per sanare situazioni debitorie o addirittura presenze “sine titulo”, ma non saranno più ammesse deroghe”.

Digeneralmanager

Gli studenti del Conti di Aversa incontrano il rapper J-One

 

IMG_20171116_092458Domani,  nell’ambito delle attività formative sui temi del mondo giovanile, si terra presso l’Aula Magna dell’Istituto, un incontro tra gli studenti del Conti di Aversa, con e il musicista J-One, rapper diciannovenne del territorio, che già si è messo in evidenza per la forza comunicativa dei suoi testi.

L’idea è quella di favorire attraverso l’incontro e il dibattito, una maggiore consapevolezza delle problematiche giovanili, partendo da un genere, quello Rap, diventato un canale di comunicazione molto efficace nel dare voce ai sogni e alle frustrazioni dei ragazzi.

Perché dei giovani, devono parlare i giovani.

J-One è il nome d’arte di Gianluca Cecora, giovane talento della musica, molto seguito su You-tube e autore di brani di notevole successo, pur essendo ancora un artista indipendente.

Il suo stile, utilizza la lingua napoletana come mezzo espressivo, riprende inflessioni dialettali tipiche del territorio e peculiari dell’Agro Aversano, rivendicando al contempo l’orgoglio dell’appartenenza con la voglia e la rabbia di cercare una strada per il futuro.

J-One è al lavoro per preparare i brani del suo nuovo album con una casa discografica importante.

Sotto la guida degli insegnanti, il dibattito non è il solito convegno calato dall’alto, perché dei giovani, devono parlare i giovani.

La Dirigente Scolastica Filomena di Grazia, si mostra ancora una volta, sensibile alle novità e disponibile alle contaminazioni con i nuovi linguaggi, purché utili a favorire il dialogo educativo.

L’Osvaldo Conti è una scuola complessa e di grandissima tradizione, oggi affianca allo storico Indirizzo Professionale con le articolazioni Moda, Fashion, Audiovisivo, Meccanica, Manutenzione e Assistenza Tecnica, Elettronica, anche un Istituto Tecnico con indirizzo Informatico, Telecomunicazioni, Tessile, ed un Liceo Coreutico ad indirizzo Danza, sia Contemporanea che Classica.

Digeneralmanager

Il ritrovo del lettore compie un anno: la festa con Battista,Pascale e Laudadio

locandina La Festa del LettoreUn pomeriggio di letteratura, una festa con tanti scrittori che parleranno della loro esperienza di lettori. Sabato 2 dicembre alle ore 16:30 alla Biblioteca diocesana di Caserta in Piazza Duomo, in occasione del primo anno di attività del circolo letterario Il ritrovo del lettore, si svolgerà la Festa del lettore. Oltre ai numerosi ospiti che hanno partecipato durante l’anno agli incontri del gruppo, ci saranno scrittoridi spicco come Tony Laudadio (attore e autore Bompiani e Nn Editore), Antonio Pascale (autore Einaudi, Rizzoli, Laterza) e Pierluigi Battista (giornalista del Corriere della Sera, autore Rizzoli e Mondadori).Quattro incontri uno dietro l’altro per parlare di letteratura dal punto di vista dei lettori.

È ormai passato un anno dalla nascita deIl ritrovo del lettore,un circololetterario che ha l’intento di riunire gli appassionati di letteratura e creare un luogo nel quale discutere liberamente, senza alcun intento accademico.Gli incontrihanno cadenza settimanale e si svolgono nella sede di Spazio 17 in via San Carlo tutti i mercoledì: si alternano serate dedicate alla poesia, ai racconti, ai romanzi e a piccole conferenze di ospiti legati al mondo dei libri e della letteratura.Volendo proseguire in questa direzione, Il ritrovo del lettoreha organizzato la Festa del lettore, un pomeriggio di incontri e dibattiti per festeggiare il primo anno di attività del gruppo. Sono stati ben 47 gli eventi settimanali realizzati sino ad ora, trattando decine di autori diversi, classici e contemporanei.

L’incontro che apre la Festa è intitolato “Il ritrovo, gli ospiti: un anno insieme” e vedrà protagonisti tutti gli autori locali con i quali il circolo letterario ha dialogato durante l’anno. Per raccontare l’anno appena conclusosi, Donato Riello, fondatore de Il ritrovo del lettore, dialogherà con Giovanni Gaglione, Alex Ronca, Anna Ruotolo, Elena Starace, Emanuele Tirelli e Maurizio Vicedomini.

Lo scrittore e attore Tony Laudadio, invece, converserà con Sante Roperto (autore ospite de Il Ritrovo) per raccontare un classico della letteratura americana come “Uomini e topi” di John Steinbeck.

“Lessico famigliare”  di Natalia Ginzburg è il libro scelto da Pierluigi Battista per raccontare la sua esperienza di lettore, a intervistarlo sarà Daniela Volpecina, giornalista di La7 e Il Mattino.

Infine, Antonio Pascale porterà sul palco una lettura de “La signora col cagnolino” di Anton Cechov e a seguire converserà con la scrittrice Marilena Lucente, anche lei ospite durante l’anno del Ritrovo.

All’evento sarà presente un punto per l’acquisto dei libri di tutti gli autori presenti, con uno sconto speciale per l’occasione. In più, ci sarà un angolo dove verranno esposti alcuni pensieri dei lettori che hanno frequentato  il Ritrovo.

Digeneralmanager

Basket – Un nuovo elemento si aggiunge alla famiglia del San Nicola Basket Cedri.

gravina starting fiveLa società del presidente Antonio Bracale annuncia di aver aggregato alla prima squadra e all’Under 20 il casertano Luca Gravina. Nato il 4 marzo 1998, Luca è un’ala piccola di 190 centimetri che ha le capacità di adattarsi nello spot di 4. Veloce, dinamico, va bene a rimbalzo ed è dotato di una buona mano dalla media distanza; dopo essere cresciuto nelle giovanili della Juvecaserta e aver figurato dieci volte come convocato in prima squadra nella stagione 2015/2016, si è cimentato per la prima volta fra i professionisti lo scorso anno con la maglia della Cestistica Virtus Fossano, squadra militante nella serie C Gold piemontese. Una esperienza che lo ha visto a contatto con giocatori esperti della categoria e lo ha forgiato; dopo aver iniziato anche quest’annata ancora in Piemonte, Luca ha deciso di riavvicinarsi a casa, sposando il progetto Cedri che punta anche alla massiva crescita dei suoi giovani e debuttando con l’Under 20 allenata da Nino Scano. Gravina elogia l’ambiente che lo ha accolto a San Nicola: “Appena entrato nel palazzetto, mi sono sentito come se fossi già a casa. Ho reincontrato alcuni ragazzi con cui ho condiviso in passato lo spogliatoio delle giovanili della Juvecaserta come Marcello Riccio e Christian Ciccone, e devo dire che tutto il gruppo mi ha accolto come meglio non potevo”. Ma che giocatore è Luca Gravina? Il ragazzo si descrive in maniera umile: “Mi descrivo come un giocatore di sistema, mi piace far giocare la squadra. Non penso molto al mio tabellino, ma preferisco mettere in ritmo i miei compagni per poter arrivare alla vittoria”. Sicuramente l’esperienza in Piemonte gli ha lasciato qualcosa: “Quella a Fossano era la mia prima esperienza lontano da casa, mi ha forgiato sotto il profilo tattico e soprattutto mentale. Quando sono arrivato in Piemonte lo scorso anno provenivo da un anno di allenamenti con giocatori di serie A, tra cui anche Linton Johnson, ma la mia avventura piemontese è stata molto diversa. Ho avuto l’opportunità di giocare minuti importanti, di misurarmi con avversari che hanno toccato l’A2 nel loro passato, è stato un’ottima annata per farmi le ossa”. L’obiettivo in maglia Cedri di Luca Gravina tocca ben poco il personale: “Voglio dare il massimo per questa maglia, dopo che lo avrò fatto tirerò le somme. Ma l’importante è il risultato di squadra: possiamo arrivare fino in fondo in questa C Silver, abbiamo tutte le carte per farlo”.

Digeneralmanager

Ambiente ed Ecologia: il Comune ha consegnato i contenitori per la raccolta differenziata al Rione Michelangelo.

Contenitori3 Contenitori1Stamattina  il Comune di Caserta ha effettuato la consegna dei contenitori della raccolta differenziata nel Rione Michelangelo, quartiere popolare della città che necessita di una particolare attenzione sotto il profilo del potenziamento del servizio. Il vicesindaco con delega all’Ecologia, Francesco De Michele, ha partecipato alla distribuzione dei cassoni, che andranno a coprire le esigenze di ogni fabbricato del popoloso Rione. Nell’occasione il vicesindaco era accompagnato dal Comandante della Polizia Municipale, Luigi De Simone, dal sacerdote della Parrocchia del “Buon Pastore”, don Antonello Giannotti, che ha svolto un ruolo di fattiva collaborazione con l’Amministrazione soprattutto nell’attività di informazione e sensibilizzazione nei confronti degli abitanti del quartiere, e dai vertici di Ecocar, la società concessionaria del servizio di raccolta rifiuti in città.

L’iniziativa di stamani si inserisce nell’ottica di un processo di partnership tra il Comune e le realtà socio-culturali e associative presenti sul territorio, al fine di proseguire il sensibile miglioramento complessivo dei livelli di raccolta differenziata, che negli ultimi 18 mesi hanno già fatto registrare un significativo incremento. L’obiettivo resta quello di una crescita complessiva della qualità della vita in città, passando attraverso un’erogazione dei servizi sempre migliore.

“Siamo di fronte – ha spiegato il vicesindaco con delega all’Ecologia, Francesco De Michele – all’inizio di un percorso che ci ha già portato ad aumentare i livelli di raccolta differenziata di circa dieci punti percentuali negli ultimi 18 mesi. Intendiamo proseguire con questo modello di azione, che prevede importanti attività di sensibilizzazione e di condivisione di pratiche con i cittadini, in ogni zona e in ogni quartiere di Caserta. Il nostro traguardo è la crescita del decoro urbano e del livello della qualità della vita. Ringrazio don Antonello per il prezioso contributo che ha fornito, lavorando con grande efficacia e in maniera diretta con i residenti nel Rione Michelangelo. Naturalmente – ha concluso De Michele – un miglioramento della raccolta differenziata conduce anche ad un notevole risparmio per le casse del Comune e, soprattutto, per le tasche dei cittadini”.

Digeneralmanager

Daniela Pizza vicecoordinatore cittadino pari opportunità di Forza Italia a Caserta. Cicia: una figura di qualità al servizio del partito e della città

pizza-danielaSarà la professoressa Daniela Pizza ad affiancare Daniela Dello Buono nella gestione del coordinamento pari opportunità di Forza Italia a Caserta città. Pizza è stata scelta nominata vicecoordinatore dalla stessa Dello Buono in accordo cona la responsabile provinciale Rosina e con quella regionale Lucrezia Cicia. «Daniela Pizza è una di noi, una di quella che ci ha sempre messo la faccia per cercare di risolvere i problemi della città e per cercare di affermare che sul nostro territorio le donne debbano avere un ruolo perché hanno competenze e qualità da vendere e non perché bisogna dare un riconoscimento a delle riserve indiane… – ha dichiararlo è la coordinatrice regionale Lucrezia Cicia – a Daniela faccio i migliori auguri di buon lavoro per tutto quello che potrà fare con il suo entusiasmo e la sua conoscenza per il bene del coordinamento pari opportunità, per Forza Italia e, più in generale per la città di Caserta».

 

Digeneralmanager

Controlli a tappeto della Guardia di Finanza sui rivenditori di bombole di Gpl e degli impianti di Imbottigliamento

 guardia-di-finanzaNegli ultimi mesi si erano verificati diversi allarmanti episodi di esplosioni accidentali di bombole di gas. In alcuni casi solo la sorte aveva evitato che gli incidenti causassero vittime o crolli strutturali di porzioni di edifici.

In tutti i casi gli approfondimenti svolti dai Vigili del Fuoco, accorsi nell’immediatezza, davano conto di bombole usurate e non collaudate, commercializzate illegalmente da rivenditori senza scrupoli, spesso anche in “nero”, con evasione di IVA ed accise.

Pertanto, su attivazione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere è stata avviata un’attività di approfondimento ed analisi del settore da parte del personale specializzato dei Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco e della Guardia di Finanza.

Una sinergia che si è rilevata proficua e che si è concretizzata nell’individuazione delle imprese con maggiori indici di pericolosità sia sotto il profilo della sicurezza dei prodotti commercializzati che del rispetto della normativa fiscale.

In collaborazione con l’associazione nazionale di categoria “Assogasliquidi”, è stato poi analizzato anche l’attuale assetto normativo e regolamentare con i connessi regimi autorizzatori attraverso una giornata di approfondimento tecnico professionale che ha visto la partecipazione di decine di finanzieri e vigili del fuoco che si sono scambiati le esperienze sul campo così da addivenire alla stesura di un protocollo operativo da applicare nelle attività di controllo congiunte.

Il lavoro svolto ha trovato una prima attuazione concreta nel piano di controlli eseguito ieri nei confronti di rivenditori di bombole GPL e di alcuni impianti di imbottigliamento da parte dei Reparti della Guardia di Finanza della Provincia di Caserta con la collaborazione dell’aliquota di polizia giudiziaria dei Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Caserta.

Ben 25 pattuglie che hanno controllato 23 aziende dislocate sull’intero territorio provinciale.

Significativo il tasso di illegalità riscontrato: in 20 aziende su 23 sono state accertate violazioni penali con conseguente denuncia dei rispettivi amministratori alla competente Autorità Giudiziaria.

Diverse le condotte illecite contestate: mancanza di autorizzazione per l’esercizio dell’impresa e per la prevenzione incendi o possesso di un’autorizzazione scaduta e non rinnovata (8 casi), detenzione di bombole in numero superiore al limite massimo autorizzato (7 casi), irregolare tenuta della contabilità e mancata tracciabilità delle bombole commercializzate (16 casi), ma soprattutto l’utilizzo di numerosissime bombole, di cui non è stato possibile accertare la legittima provenienza, risultate in cattive condizioni di conservazione e prive della certificazione di avvenuto collaudo.

Complessivamente sono state sequestrate e materialmente tolte alla disponibilità dei rivenditori controllati, e quindi dal mercato, 1.904 bombole di diversa capienza. Sequestrate anche 17,7 tonnellate di GPL illecitamente detenuto.

Individuati anche 7 lavoratori completamente “in nero”.

In diversi casi, infine, è stata cautelata anche numerosissima documentazione extracontabile da cui sarà possibile ricostruire la filiera di distribuzione del GPL illecitamente commercializzato e il volume d’affari prodotto in evasione d’imposta.

Lo sforzo operativo profuso ieri testimonia l’impegno costante del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta nell’individuare e sanzionare, anche in questo specifico settore, quella parte di imprenditoria che opera in spregio alle regole, perfino in violazione alla norme di sicurezza degli ambienti di lavoro e dei prodotti offerti sul mercato, mettendo a rischio anche l’incolumità personale dei propri lavoratori e clienti.