Archivio mensile ottobre 2017

Digeneralmanager

La soddisfazione del movimento “Terra di Idee” per l’approvazione del Consiglio comunale di Marcianise della mozione di adesione a “Rifiuti Zero”

rifiuti_zero_connett__terra_di_ideeTerra di Idee è soddisfatta per l’approvazione ieri in Consiglio Comunale della Mozione riguardante l’adesione, da parte del Comune di Marcianise, alla strategia “Zero Waste” (Rifiuti Zero). Il mese scorso, il movimento politico Terra di Idee presentò alla città il progetto nel Palazzo Monte dei Pegni alla presenza dello scienziato statunitense Paul Connett (professore alla St.Lawrence University dal 1983 al 2006 e fondatore della strategia “Zero Waste”) e subito dopo è stata protocollata al Comune di Marcianise dal capogruppo Giovanni Vallosco, Consigliere comunale di maggioranza. L’adesione alla strategia prevede l’assunzione di un percorso verso l’azzeramento dei rifiuti attraverso la definizione di atti deliberativi e di concreti strumenti operativi volti a scoraggiare l’incremento dei rifiuti e lo smaltimento in discarica e volti a favorire, oltre ad iniziative di generalizzata estensione della raccolta differenziata, anche la responsabilità estesa del mondo dell’industria nell’assunzione di produzioni sempre più pulite ed in grado di incorporare i costi ambientali delle merci prodotte.
“Nel programma elettorale presentato ai cittadini di Marcianise – spiegano gli attivisti di Terra di Idee – durante la scorsa campagna elettorale dalla coalizione di Centro-Sinistra, al capitolo “Più ambiente” si includevano impegni precisi in materia ambientale. E’ necessaria una corretta gestione dei rifiuti verso la tutela dell’ambiente, della salute, del lavoro sostenibile e dell’intera comunità e la necessità di stabilire una data entro la quale raggiungere l’obiettivo rifiuti zero. Si tratta una strategia di gestione dei rifiuti che si propone di riprogettare la vita ciclica dei rifiuti considerati non come scarti ma risorse da riutilizzare come materie prime seconde, contrapponendosi alle pratiche che prevedono necessariamente processi di incenerimento o discarica, e tendendo ad annullare o diminuire sensibilmente la quantità di rifiuti da smaltire. Il processo si basa sul modello di riutilizzo delle risorse presente in natura. In Italia c’è già una proposta di Legge di Iniziativa Popolare “Rifiuti Zero”, presentata il 30 settembre 2013 (Atto n. 1647 della Camera dei Deputati – VIII Commissione Ambiente con il titolo: “Legge Rifiuti Zero: per una vera società sostenibile”), ma ancora ferma in Parlamento per l’iter di approvazione definitiva.
Digeneralmanager

Beni confiscati, fondi per il riuso ai comuni casertani. Zannini: “sviluppo e legalità”- l’elenco di tutti i comuni

zannini giovanniCon il Decreto Dirigenziale n. 67 del 26/10/2017, pubblicato sul BURC n. 79 del 30/10/2017, la Regione Campania ha approvato l’avviso pubblico per “l’individuazione di interventi finalizzati al riuso e alla rifunzionalizzazione di beni confiscati alla criminalità organizzata nell’ambito dell’Accordo in materia di sicurezza, legalità e coesione sociale in Campania”. Il recupero degli immobili confiscati alla criminalità organizzata ha lo scopo di rafforzare gli standard di sicurezza in particolari aree della Campania considerate strategiche per lo sviluppo, di rafforzare la coesione sociale attraverso il recupero dei patrimoni confiscati, di favorire l’inclusione sociale e la diffusione della legalità e di migliorare le competenze della PA nel contrasto alla corruzione e alla criminalità organizzata, mediante le seguenti tipologie di proposte progettuali previste dell’articolo 5 dell'”Accordo per il rafforzamento della legalità, della sicurezza e della coesione sociale in Campania”:

a)centri per l’accoglienza e l’integrazione degli immigrati regolari e dei richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale, umanitaria e sussidiaria;

  1. b) centri per donne vittime di violenza;
  2. c) centri per minori non accompagnati;
  3. d) strutture di servizio, in aree caratterizzate da alti tassi di dispersione scolastica e carenze di servizi a favore della comunità, per gli Istituti scolastici finalizzati alla formazione e alla creazione di alcune professionalità (es. palestre, laboratori linguistici o informatici, aziende agricole, aziende alberghiere, convitti, ecc.), d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca;
  4. e) interventi che prevedono la riduzione dei fitti passivi a carico delle Pubbliche Amministrazioni (sedi istituzionali, scuole,servizi sanitari, servizi socio-sanitari) attraverso l’utilizzo istituzionale di beni confiscati;

Per il finanziamento delle suddette iniziative sono state complessivamente stanziate risorse pari a Euro 34.194.224,91, di cui Euro 16.200.000,00 a valere sull’Asse 3 del PON “Legalità” ed Euro 17.994.224,91a valere sull’Asse 8 del POR Campania.

Ai sensi dell’avviso pubblico, i comuni che possono inviare proposte progettuali, appartenenti alla Provincia di Caserta sono: Aversa, Arienzo, Capua, Carinola, Casagiove, Casal di Principe, Casapesenna, Caserta, Cancello ed Arnone, Carinola, Castel Volturno, Cellole, Falciano del Massico, Francolise, Frignano, Grazzanise, Gricignano d’Aversa, Lusciano, Maddaloni, Marcianise, Mondragone, Orta di Atella, Parete, Pignataro Maggiore, San Cipriano d’Aversa, San Felice a Cancello, San Nicola la Strada, Sant’Arpino, Santa Maria Capua Vetere, Santa Maria la Fossa, Sessa Aurunca, Sparanise, Teano, Teverola, Trentola Ducenta e Villa Literno.

L’articolo 6 del citato accordo disciplina nello specifico le modalità di presentazione delle proposte progettuali. Le domande dovranno essere presentate entro e non oltre il 15 Gennaio 2018.

Sull’approvazione dell’importante avviso è giunto il commento del consigliere regionale Giovanni Zannini: “Si tratta di un provvedimento di cruciale importanza – commenta il consigliere – che conferma la volontà della Regione Campania guidata dal Presidente De Luca di riappropriarsi degli spazi che in passato erano ad uso esclusivo della criminalità organizzata, che oggi diventano un nuovo presidio di libertà e legalità ripristinata. Un’opportunità da non perdere per gli amministratori dei comuni che potranno accedere all’avviso, tra i quali figurano quelli della provincia di Caserta, con la possibilità di sfruttare a pieno i vari usiprevisti dal protocollo d’intesa. Lo sviluppo del nostro territorio, mediante il riuso e la rifunzionalizzazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata – conclude Zannini – riparte dalle basi solide di una rinnovata legalità.”

 

Digeneralmanager

Enoteca Provinciale, 6 novembre. La presentazione della Guida al Bar Italiano “The Cafè Review”: la premiazione dei migliori 10 Bar di Caserta e consegna Premi Speciali

caffe' The Cafè Review è il titolo della guida online alla sua prima edizione che valuta e premia il miglior Bar Italiano. La presentazione lunedì prossimo 6 novembre alle ore 17:00 presso l’Enoteca Provinciale della Camera di Commercio di Caserta, situata in via Cesare Battisti.
Una classifica strutturata per categorie merceologiche e tecniche, nata dall’idea di Alessandro Capotorto, coordinatore del gruppo di lavoro, che ha accumulato la sua esperienza con la creazione e gestione del gruppo Kriò s.r.l. di Salerno nato nel 2012 (bar, pasticceria e gelateria, caffèB&B e resort sul mare), del Country Club di Casalduni inTerra Sannita e dopo aver visitato più di cento bar su tutto il territorio nazionale, compresi alcuni dei migliori segnalati e recensiti dalle guide cartacee, per studiare e aggiornare le sue competenze. Il progetto parte da Caserta, la città dove vive da circa quarant’anni, con la voglia di mettere in ordine attraverso una classifica i 10 migliori bar seguendo specifici parametri tecnici di valutazione, quelli del Bar Italiano. Una guida che si avvale del lavoro di ispettori specializzati, professionisti del settore: Antonella Ruggiero,architetto referente layout dei locali; Adolfo Orlando, esperto in caffè e latte art; Giulia Capece, pasticcera e maître chocolatier; Roberto Belmonte, bartender formatore ed esperto in mixology cocktail e distillati di eccellenza. Ispettori che hanno valutato le categorie in riferimento alle loro competenze e poi dato un giudizio ed un voto finale con un massimale di 10/10. La serata della premiazione del 6 novembre verterà su due categorie distinte: i premi speciali (per ogni categoria) e la classifica finale dei migliori bar di Caserta città dal decimo al primo posto.
I bar che saranno premiati sono, in ordine sparso: Chirico, Flora, Sparago, Martucci, Hackert, Pieretti, Mungiguerra, Benefico, Margherita e Sweet Cafè.
Nella stessa serata verranno assegnati i premi speciali relativi al migliore: aperitivo, caffè, cappuccino, cioccolato, cocktail, coerenza del progetto, colazione, layout del locale, pasticceria, personale di sala.
Alessandro Capotorto, responsabile della Guida ha dichiarato: “il Bar Italiano è un contenitore di qualità: ottima caffetteria, pasticceria artigianale prodotta possibilmente nel proprio laboratorio, buona cantina, eccellente ospitalità e magari una gelateria del territorio. Il nostro scopo è essere rigorosi ma soprattutto costruttivi con il grande desiderio di poter aiutare gli operatori del settore, il pubblico e di poter far crescere le strutture”.
La serata a cui parteciperanno  tutti i premiati, il gruppo di lavoro, giornalisti e food blogger sarà  moderata dalla giornalista gastronomica casertana, Antonella D’Avanzo.
Il 7 novembre sarà pubblicata la guida on line e sui social network.
 
Digeneralmanager

Aversa – De Cristofaro:”Siamo in prima linea nella lotta alla mala-movida”

movida notturna“La nostra amministrazione è da sempre attenta al tema della movida e soprattutto siamo in prima linea nella lotta alla mala-movida”. Queste le parole del sindaco Enrico de Cristofaro in seguito agli episodi dell’ultimo weekend. E continua: “Chiedo al Prefetto di Caserta un comitato ordine e sicurezza da tenersi in città. Ho chiesto di istituire un tavolo permanente sulla questione sicurezza. Ma soprattutto chiedo al Prefetto l’intensificazione di uomini e mezzi delle forze dell’ordine”. La richiesta di de Cristofaro non è nuova. Lo scorso mese di agosto l’Amministrazione Comunale ha chiesto al Prefetto di Caserta un autorevole intervento per garantire, ove possibile, una sistematica e continua presenza delle forze dell’ordine e/o dell’esercito per fronteggiare tale grave situazione, anche attraverso interventi di natura straordinaria a supporto dell’attività svolta dalla Polizia Municipale nelle zone della movida. “Questa Amministrazione Comunale, che ha posto particolare cura ed attenzione alle problematiche connesse alla movida – ha detto ancora de Cristofaro – da molto tempo ha attivato un servizio notturno della Polizia Municipale per intensificare i controlli delle zone interessate e degli esercizi pubblici che operano nel centro storico. Gli sforzi ad oggi compiuti, purtroppo, non risultano sufficienti a garantire la sicurezza pubblica nelle zone in questione che diventano quotidianamente teatro di risse ed atti vandalici. Con le risorse umane a disposizione di questo Ente, peraltro preposte al controllo della mobilità e delle zone a traffico limitato, nonché degli esercizi pubblici, non si riesce a fronteggiare le situazioni di pericolo la cui frequenza è ormai divenuta allarmante”. E spiega ancora il primo cittadino: “Intanto però continuiamo con la nostra azione. È di appena due giorni fa la reiterazione dell’ordinanza che prevede la chiusura dei locali alle 2 e l’interruzione della musica a mezzanotte”. E ha concluso il primo cittadino: “Non ci sottraiamo al nostro lavoro, ma siamo consapevoli che abbiamo bisogno di una mano. Maggiori uomini e mezzi sul nostro territorio ci garantirebbero ordine e sicurezza”.

Digeneralmanager

Tamburrino si appella a cittadini e associazioni: lavoriamo insieme al risanamento. La sfida agli oppositori: se vogliono mandarci a casa vengano in consiglio

Sindaco_Nicola_Tamburrino«Ho deciso di riunire il consiglio comunale perché mi è sembrato giusto informare la città del mutato quadro politico che si è determinato in queste settimane con la comunicazione da parte dei consiglieri Diana e Della Corte del loro passaggio all’opposizione e con le dimissioni dell’assessore Iannone per motivi personali». Ha esordito così il sindaco di Villa Literno Nicola Tamburrino questa sera in occasione dell’assise. «Mi sarei aspettato che anche altri avessero utilizzato il consiglio comunale per le loro scelte e le loro comunicazioni anziché tentare agguati politici in case private raccogliendo firme per far terminare, senza successo, il mandato della nostra amministrazione – ha spiegato il sindaco – se qualcuno ritiene che questa sia un’esperienza da far finire, venga in consiglio comunale, presenti la mozione di sfiducia e, a viso aperto, dica alla città cosa intende fare». Tamburrino spiega come le regole non scritte della buona politica impongono questo tipo di condotta. «Purtroppo, qualcuno, ha perso il senso delle regole – ha sottolineato – come dimostrato questa sera dal comportamento di alcuni esponenti della minoranza che hanno cercato di imporre una condotta del consiglio comunale che non è contemplata dallo statuto». Il sindaco, comunque, coglie l’occasione anche per rivolgersi alla città. «E’ il momento di impegnarci per portare avanti tutti quanti a termine un’incisiva azione di risanamento – ha spiegato – sono convinto che forze politiche, associazioni, movimenti e singoli cittadini saranno al nostro fianco in questo difficile compito». Tamburrino sottolinea come, quello di questa sera sia stato un momento istituzionale, ma come ci sarà spazio anche per uno politico. «Domenica terrò un importante comizio alle 18 nella sala Splendore – ha specificato il sindaco – nel corso del quale affronterò la questione politicamente. Invito pertanto tutti i cittadini a partecipare».

Digeneralmanager

Ieri a Castelvolturno la missione della Commissione Parlamentare sui Migranti

FOTO PINETA GRANDE HOSPITAL 30-10-17Ieri  si è tenuta al Pineta Grande Hospital di Castel Volturno, la Missione della Commissione Parlamentare sui Migranti. La delegazione, guidata dall’On. Federico Gelli, Presidente della Commissione, e composta dall’On. Camilla Sgambato, componente della Commissione, e dallo Staff Tecnico di Dirigenti e Consulenti è giunta sul Litorale Domitio per constatare il livello di integrazione sociale e di assistenza sanitaria su questo territorio, in cui circa metà della popolazione è rappresentata da stranieri. I lavori sono iniziati alle ore 11,00 con un breve tour della struttura in cui la delegazione, accompagnata dal Management aziendale, ha avuto l’occasione di interloquire con molti pazienti ed in particolare quelli extracomunitari ricoverati presso le varie Unità Operative del Presidio Ospedaliero. A seguire i lavori sono continuati nell’aula multimediale del Pineta Grande Hospital, prima con la presentazione del Direttore Generale, Dott. Vincenzo Schiavone, in merito alle attività sanitarie svolte dal Presidio Domitiano, e successivamente con l’audizione in seduta riservata delle massime autorità territoriali, che ha visto il coinvolgimento del Prefetto di Caserta, Dott. Raffaele Ruberto, del Questore di Caserta, Dott. Antonio Borrelli, del Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, Dott. Alberto Maestri, del Commissario Straordinario di Governo per l’Area di Castel Volturno, Dott. Francesco Antonio Cappetta e del Sindaco di Castel Volturno, Dott. Dimitri Russo. Al termine della prima audizione, come da programma, si è tenuta una conferenza stampa nel corso della quale l’On. Gelli ha espresso il suo apprezzamento “per la professionalità e per l’elevato livello tecnologico riscontrato a Pineta Grande, a dimostrazione che anche al Sud esistono realtà di grande eccellenza”, oltre a riconoscere un ruolo fondamentale per l’assistenza agli extracomunitari in questa area geografica unica nel panorama nazionale. Sul tema dei Migranti, l’On. Gelli ha evidenziato la necessità di svolgere “un censimento sui migranti non regolari che popolano questo territorio” al fine di ottimizzare le sinergie Istituzionali tra il Commissario Governativo e le massime Autorità Locali. La giornata è proseguita con l’audizione del Dr. Severo Stefanelli, Direttore del Distretto Sanitario di Castel Volturno-Mondragone e della Dr.ssa Antonella Guida dell’Assessorato alla Sanità della Regione Campania oltre che di varie Associazioni di volontariato (Emergency, Centro Sociale ex Canapificio, Caritas diocesana di Caserta, Centro Fernandes) che hanno manifestato la necessità di maggiore integrazione ed azioni volte a semplificare l’accesso alle prestazioni agli extracomunitari ed in particolare con l’utilizzo di mediatori culturali. Al termine il Presidente Gelli ha invitato il Sindaco di Castel Volturno ed il management del Pineta Grande Hospital alla presentazione del Rapporto sui Migranti che si terrà a Montecitorio il prossimo 9 Novembre.

Digeneralmanager

Sabato e Domenica Master nazionale di Scherma per il trofeo “Sgueglia”

 

 

Gianluca Sgueglia sul podio con la coppa fra le mani e con il prof Iodice e altri allievi della Giannone  Si svolgerà a Caserta nel prossimo fine settimana la seconda prova del “Campionato Italiano Master di Scherma -Trofeo delle Regioni”, organizzato dal Gruppo Sportivo Schermistico “Pietro Giannone” con il patrocinio della città capoluogo.

La manifestazione si svolgerà nell’ormai tradizionale sede del Golden Tulip Plaza Hotel in viale Lamberti, i cui saloni si trasformeranno nel fine settimana in una grande ed attrezzata palestra con decine di pedane di gara.

Saranno due giorni intensi di gare i prossimi 4 e 5 novembre per gli oltre cinquecento iscritti alla manifestazione che, da quest’anno, ricorderà Gianluca Sgueglia giovane promessa della scherma casertana, prematuramente scomparso.

Alla conferenza stampa di presentazione svoltasi presso la sede provinciale del Coni hanno partecipato il sindaco di Caserta Carlo Marino con l’assessore comunale allo sport Alessandro  Pontillo, il consigliere nazionale della Federscherma Gigi Campofreda, il coordinatore tecnico del Coni di Caserta Geppino Bonacci, il presidente del Gruppo Sportivo Schermistico “P. Giannone” Giustino De Sire con la  maestra Ewa Borowa, il maestro Willy Loyola, la prof.ssa Titti D’Angelo del liceo Diaz, referente del progetto alternanza scuola lavoro. Presente la famiglia del campionato giovane schermidore con la signora Maria Luisa Ventriglia, mamma di Gianluca, Presidente dell’Associazione “Gianluca Sgueglia” onlus, intitolata allo scomparso che opera con borse di studio, nel campo della ricerca delle malattie neurodegenerative.

Tutti gli intervenuti, hanno sottolineato l’importanza dello sport nella società, è stato esaltato in particolare il ruolo svolto dalle competizioni sportive; quelle ospitate a Caserta fra l’altro contribuiscono a diffondere l’immagine e le bellezze della nostra terra.

“Siamo contenti di aver potuto dedicare il trofeo al compianto Gianluca – ha affermato il consigliere della Federscherma Gigi Campofreda – perché se fosse stato ancora con noi avrebbe sicuramente gareggiato. Sarà come averlo al nostro fianco”.

Anche quest’anno alle gare dei master di scherma, si affiancano gli studenti del liceo Diaz di Caserta che, nell’ambito del progetto di alternanza scuola – lavoro realizzato con l’ufficio Parco e acquedotto carolino della Reggia di Caserta, che per il terzo anno consecutivo promuoveranno le bellezze della reggia vanvitelliana sia ai protagonisti delle gare di master che ai loro accompagnatori ed ai turisti presenti al Golden Tulip.

Le categorie dei master in gara dalle 8,30 di sabato mattina, saranno cinque maschili e cinque femminili, si parte dalla “categoria 0” ovvero per partecipanti di età compresa fra 24 e 39 anni, poi “categoria 1” per la fascia di età fra i 40 e 49 anni, poi “categoria 2” da 50 a 59 anni, “categoria 3” da 60 a 69 anni, “categoria 4” da 70 anni in poi. Prevista poi la gara regionale a squadre.

Digeneralmanager

Stanotte la Polizia a Marcianise ha arrestato un cittadino albanese irregolare

PoliziaLa scorsa notte  la Polizia di Stato, in Marcianise, ha arrestato il cittadino albanese D. R., del 1980, per lesioni aggravate. In particolare, l’uomo, domiciliato a Marcianise, irregolare sul territorio nazionale e già colpito da un ordine di allontanamento dal territorio nazionale, mentre consumava una birra in un bar di via Fuccia, veniva coinvolto in una violenta lite, scaturita da futili motivi, con un altro avventore, un pregiudicato originario di Marcianise, che, a sua volta aveva avuto una discussione animata con l’addetta al bancone, una cittadina ucraina, che lo aveva severamente redarguito perché aveva colpito con un giornale un gatto che si era furtivamente introdotto nel locale. L’arrestato  era intervenuto in difesa della donna ma, probabilmente a causa dello stato di ebbrezza di entrambi, la discussione era degenerava in una violenta scazzottata che il gestore del bar ed un altro avventore avevano tentato di sedare inutilmente, tanto che era stato necessario allertare il locale Commissariato di P. S.. Nel frattempo,l’uomo si era  momentaneamente allontanato dal bar, vi era rientrato ed aveva prelevato un coltello riposto dietro al bancone, avventandosi nuovamente sull’avversario al quale puntava l’arma alla gola causandogli una ferita da taglio per fortuna solo superficiale, giudicata guaribile in 7 giorni. L’immediato arrivo dei poliziotti impediva che la lite avesse ulteriori e più gravi conseguenze. D. R., che dai successivi accertamenti risultava anche gravato da diversi precedenti penali, veniva arrestato per lesioni aggravate dall’uso dell’arma da taglio, ed al termine delle formalità di rito, veniva tradotto presso la Casa circondariale di S. Tammaro a disposizione dell’A.G..

Digeneralmanager

Commemorazione dei defunti, navetta gratuita per il cimitero: attivati due percorsi

Cimitero SMCV 1In occasione della commemorazione dei defunti, l’amministrazione comunale della città di Santa Maria Capua Vetere, per facilitare la visita dei cittadini ai loro cari, ha predisposto un servizio di collegamento con bus navetta da e per il cimitero.

Il servizio, completamente gratuito, è finalizzato a facilitare la mobilità e a razionalizzare l’afflusso al cimitero e sarà garantito attraverso due diversi percorsi cittadini nei giorni e modi seguenti:

Giorni 31 ottobre, 1 e 2 novembre dalle ore 8.00 alle ore 17.00

Prima Linea:

Piazza Matteotti, via Avezzana, sottopasso, via Napoli, rione Sant’Andrea, liceo scientifico “Amaldi”, via Saraceni, via Avezzana, viale Kennedy, via M. d’Ungheria, via Righi, via Santella, via Bosco, via Vittorio Emanuele II, Cimitero, via Galatina, piazza San Francesco, Corso Aldo Moro, Corso Garibaldi, via Mazzocchi, Piazza Matteotti.

Seconda Linea:

Rione IACP, via Michelangelo, via del Lavoro, Corso Aldo Moro, piazza San Francesco, piazza San Pietro, via M. d’Ungheria, via Righi, via Santella, via Bosco, via Vittorio Emanuele II, via Palack, via Martiri del Dissenso, via G. Paolo I, Cimitero, via Galatina, via dei Romani, Rione IACP.

Digeneralmanager

Genesis mobile Atellana batte Altamura 29 a 25.Toscano:”Felice per la vittoria ma non per il gioco”

pallamanoDopo la prima giornata di campionato, con il successo a Roma contro la Lazio, anche la seconda regala alla Genesis Mobile Atellana Handball una meritata vittoria e il primato in classifica. Davanti ad un buon pubblico presente al ‘Palalettieri’, la formazione di mister Toscano ha sconfitto la Pallamano Altamura, nonostante qualche errore in ripartenza e le troppe sospensioni di due minuti subite. L’allenatore giallorosso, inoltre, deve fare i conti con l’assenza di Silvestre, convocato dal Club Italia. Solo nella parte iniziale della partita gli ospiti riescono ad andare avanti nel punteggio. Al 10’ Calcagno aggancia l’Altamura sul 4-4. Da questo momento in poi la Genesis Mobile Atellana prende in mano le redini del match. Subito dopo lo stesso Calcagno commette un fallo sancito con la sospensione per due minuti dal terreno di gioco. La Genenis Mobile Atellana è con un uomo in meno, ma alza le barriere davanti al proprio portiere e il pugliesi non ne approfittano. Anzi sono i padroni di casa ad andare in vantaggio, con un rigore realizzato da Sall. Calcagno rientra e si fa perdonare: prima segna, poi si procura un altro rigore, realizzato sempre dal numero dieci atellano. Al 20’ la Genesis Mobile Atellana è sopra di tre: 8-5. I tre gol di vantaggio diventano quattro grazie al contropiede di Sall, servito da capitan Mozzillo con un millimetrico lancio. La Genesis Mobile continua ad essere fallosa. A distanza di pochi secondi l’uno dall’altro, Russo e Cirillo subiscono i due minuti di sospensione. Con la doppia inferiorità numerica la difesa dei padroni di casa diventa maestosa. Ristabilita la parità degli uomini in campo i giallorossi sembrano voler prendere il largo (11-7), ma sprecano due clamorosi contropiede. Altamura ne approfitta, riducendo a tre i gol di scarto. I primi trenta minuti di gioco si chiudono con la Genesis Mobile Atellana in vantaggio per 12-9.

Inizia bene la squadra di mister Toscano anche il secondo tempo,  Si porta subito sul 16-11, massimo distacco dagli ospiti. Altamura soffre il gioco veloce dei padroni di casa e sembra calare fisicamente. Ma la Genesis Mobile Atellana ci mette del suo per far tornare i pugliesi in partita. Continua ad essere fallosa, con Migliaccio costretto dai direttori di gara a sedersi in panca per altri centoventi secondi. I pugliesi questa volta ne approfittano è realizzano due reti, accorciando le distanze: 16-13 al 10’. Il match va avanti veloce, tra espulsioni temporanee, da una parte e dall’altra, imprecisioni della Genesis Mobile Atellana nelle conclusioni e l’elastico delle reti di vantaggio dei giallorossi: minimo due, massimo quattro. Al 20’ la Genesis Mobile Atellana conduce per 21-17. Ogni qualvolta che i padroni di casa hanno la possibilità di chiudere il match c’è sempre l’errore in attacco o l’immancabile sospensione di un giocatore. A due minuti dal termine, la Genesis Mobile Atellana conduce per 26-22. La partita sembra in porto, ma Liparulo è costretto alla doccia in anticipo. Con un uomo in più l’Altamura ci crede ancora. Per fortuna Calcagno mette al sicuro la partita, con la rete del definitivo 29-25.

Nel dopo-gara mister Toscano non è del tutto soddisfatto. «Sono felice per il risultato non per il gioco espresso. Abbiamo permesso all’Altamura di rientrare in gara per colpa delle nostre imprecisioni. Abbiamo fretta di concludere, anche quando partiamo in contropiede. Anche le troppe sospensioni sono frutto della inesperienza di molti dei nostri giocatori. Comunque, ci godiamo il primato e iniziamo a pensare al prossimo match, il derby contro il Capua, lavorando in settimana sugli errori commessi in questa gara».