Archivio mensile agosto 2017

Digeneralmanager

Chiusura parcheggio – Stato di agitazione del personale dell’Ospedale di Caserta

 

ospedale casertaLe scriventi segreterie territoriali chiedono una convocazione urgente congiuntamente al sindaco di Caserta ed al direttore Generale dell’azienda Ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta per discutere della chiusura immediata del parcheggio adiacente all’AO.

Come è stato ampiamente ribadito dalla cronaca di questi giorni, la frettolosa chiusura senza soluzioni alternative ha provocato inevitabili disagi sia all’utenza sia al personale ospedaliero fruitori del parcheggio. Tale disagio aggrava particolarmente la dislocazione dei veicoli che accedono al pronto soccorso, in particolare pesanti le difficoltà per i gli anziani che non riescono ad accedere agevolmente alla struttura.

Con la presente le scriventi OO.SS, nel proclamare lo stato di agitazione  di tutto il personale aprono i termini di cui alla legge 146/90 e chiedono al  sig. Prefetto di Caserta di convocare nell’immediato le parti per la dovuta procedura di raffreddamento del conflitto, come previsto dalla normativa vigente, al fine di concordare una soluzione organizzativa che eviti le tensioni in atto con grave nocumento sulla qualità dei servizi assistenziali.

Le segreterie provinciali

Cgil Fp, Felice Zinno

Cisl Fp, Nicola Cristiani

Uil Fpl, Paolo Diana

Fials, Salvatore Stabile

Digeneralmanager

Altra fantasia e qualità per la Casertana, preso Gianluca Turchetta: “Ho subito detto di sì a questo progetto”

casertana (2)Una Casertana che vuole divertire e divertirsi. E, così, ecco arrivare un altro colpo che innalza lo spessore tecnico della squadra rossoblu. La Casertana FC è lieta di annunciare di essersi assicurata le prestazioni sportive del calciatore Gianluca Turchetta. L’esterno offensivo arriva dall’US  Lecce (prestito con diritto di riscatto) dopo che la scorsa stagione ha indossato la maglia della Maceratese. Un altro talento di indiscusso valore che si va ad aggiungere ad un reparto che vanta già numeri importanti. Un altro calciatore abituato ad avere sulle spalle un numero pesante come il 10, capace di infiammare gli stadi con le sue giocate.

Classe 1991, Turchetta è cresciuto nel settore giovanile del Cesena, con la cui maglia ha esordito anche in serie B nella stagione 2012-13. In Lega Pro ha militato nelle fila di Bellaria, Sud Tirol, Matera, Forlì e Barletta. Ora Turchetta è un giocatore della Casertana; un’ulteriore arma all’arsenale messo a disposizione del tecnico Scazzola.

“Per me è un grande piacere e un grande onore vestire questa maglia – commenta con entusiasmo Turchetta – La trattativa è nata e si è evoluta nel giro di pochi giorni. Appena ci siamo incontrati, poi, non è servito nemmeno parlare. Non c’era da pensarci, ma solo da dire di sì. Non vedo l’ora di scendere in campo. Il campionato è già iniziato ed io sono pronto a dare il mio contributo. La politica di questa società si sposa con quello che è il mio modo di vedere il calcio. Puntare a centrare risultati giocando e divertendosi: non posso che condividere in toto questo pensiero. La mia posizione? Prediligo giocare alto a sinistra per potermi accentrare, tirare e servire assist. Ma in carriera ho giocato sia a destra che da trequartista. Arrivo in una squadra importante e forte. Basta leggere soltanto lì davanti chi c’è”.

Digeneralmanager

Il festival riparte dal “Borgo diffuso” anteprima a Sommana,Casola e Pozzovetere

 mesolellaDue anni di attesa, un mese di trepidazione e ora, finalmente, la 45esima edizione di “Settembre al Borgo” è realtà. Domani riprende il viaggio sulle corde del cuore che, ripartendo dalle frazioni pedemontane di Caserta, per poi stabilirsi dal 2 al 6 Settembre nella cittadella medievale di Casertavecchia, teatro degli eventi in cartellone.

La serata di domani, una vera e propria “anteprima” del Festival, quest’anno interamente dedicato al chitarrista Fausto Mesolella, coinvolgerà per la prima volta nella storia della Rassegna tre storiche borgate: Sommana, Casola e Pozzovetere, meno note del Borgo principale ma ugualmente suggestive e ricche di storia e tradizioni.

Lo ‘start’ di quella che l’evento annuncia come una “migrazione nel borgo diffuso” avrà luogo a Sommana, il più piccolo e alto agglomerato urbano del capoluogo di Terra di Lavoro: nella meravigliosa cornice di Palazzo Alois, alle 19, Francesco Oliviero romperà il ghiaccio aprendo di fatto la 45esima edizione di Settembre al Borgo. Il musicista, compositore e arrangiatore originario di Caserta, amico di sempre di Mesolella, regalerà al pubblico una particolare rilettura al pianoforte dei brani più famosi di Fausto. Progetto, questo, che doveva diventare un album ma che si è interrotto a marzo con la scomparsa del musicista. “Mancavano solo tre pezzi, ma ho fortemente voluto concludere il nostro disegno cercando di conservare l’atmosfera che avevamo immaginato insieme – racconta Oliviero – L’album sarà pronto in autunno: ho promesso a me stesso e a Fausto che questo Festival sarà solo il primo di una lunga serie di spazi dove porterò il suo nome. Si è spento un faro, ma lavorerò per conservare per sempre la sua memoria”. “Note immaginarie per chitarra e pianoforte”, questo il titolo, rivela la costruzione dell’esibizione: “Sul palco ci sarò io al pianoforte e accanto a me una sedia con una chitarra: duetterò con Fausto virtualmente, grazie a un minuzioso lavoro di cucitura e di effetti: sarà come quando suonavamo insieme per davvero, e saremo accompagnati persino da una grande orchestra”. Tra i pezzi in scaletta una particolare rilettura di “Sonatina d’estate”, “Principessa” e “Andante opera 32”, oltre ad “un paio di chicche che non voglio ancora svelare – conclude Oliviero – perché saranno una sorpresa”.

Quarantacinque minuti di emozioni e poi il “tour” tra le borgate proseguire, migrando verso Casola dove, alle 20:15, risuoneranno le “Corde del Cuore per donne in armonia” del Quartetto Romantico: Rossella Marino e Giovanna Moro ai violini, Miriam Iaccarino alla viola, Gabriela Ungureanu al violoncello riproporranno grandi classici dentro nuove vesti armoniche. Previste incursioni pop e jazz e tante sorprese lasciate all’improvvisazione, approccio artistico di cui Fausto Mesolella era gran maestro. “Il nostro concerto sarà diviso in due parti – spiega Rossella Marino – Una dedicata ai brani più noti della grande tradizione classica, l’altra con le colonne sonore dei successi immortali del cinema di tutti i tempi, da ‘C’era una volta il West’ a ‘Nuovo Cinema Paradiso’ a ‘Il Postino’. Purtroppo non abbiamo avuto occasione di conoscere personalmente Fausto Mesolella, ma suoneremo con l’intento di dirgli grazie per quello che ha dato alla musica e ai musicisti”.

Salutate le “Donne in Armonia”, l’ultima tappa del viaggio toccherà alle 21:30 la frazione di Pozzovetere, dove in Piazza dei Colli Tifatini sarà proiettato il film “Suonerò fino a farti fiorire” di Alfredo Buonanno: una pellicola, che porta lo stesso titolo dell’album che segnò l’esordio da solista di Mesolella e che tra musica, storie, frammenti di vita e di palcoscenico, racconta l’arte secondo Fausto Mesolella. Tanti i contributi lasciati dai familiari, in primis la figlia Gaia, e gli amici storici come lo scrittore Stefano Benni, la Piccola Orchestra Avion Travel, Petra Magoni, Raiz, Ferdinando Ghidelli, Nada. Alla proiezione sarà presente il regista, che con Mesolella ha lavorato in diverse occasioni e al quale toccherà svelare alcuni aspetti nascosti del singolare “lungometraggio”.  

“Negli ultimi nove anni io e Fausto abbiamo praticamente vissuto insieme – racconta il giovane regista – Abbiamo scattato foto, registrato, sperimentato e “Suonerò fino a farti fiorire” è un po’ il sunto di questo bellissimo viaggio. Peccato che quello che Fausto mi ha dato, in termini di capitale umano, nel video non ci sia. Persino la mia macchina, retta dalla mia mano, è come se fosse stata sempre guidata da Fausto”.

Il film, che sancisce la collaborazione di “Settembre al Borgo” con Tifatini Cinema, (l’unica rassegna di cinema all’aperto gratuita della provincia di Caserta che ha una tradizione lunga vent’anni) e che può essere considerato l’assaggio del vero spirito di questo Festival: corale, scanzonato, pieno di amici e carico di sentimento.

Anche in queste migrazioni, come per tutti gli spettacoli della Rassegna, l’ingresso agli eventi sarà libero e gratuito.

Digeneralmanager

Mozzarella di bufala, nuova stagione di promozione Dal Cheese con Slow Food ai seminari con i grandi formaggi Dop

PRODUZIONE mozzarella Il Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop rilancia le attività di promozione nel mese di settembre. Ecco il calendario di appuntamenti.

A Bologna con il ministro per il Mezzogiorno De Vincenti

Si comincia domani sera, 1 settembre, alla Festa nazionale dell’Agricolturache si apre al Parco Nord di Bologna, dove alle ore 19 il presidente del Consorzio di Tutela, Domenico Raimondo, parteciperà al dibattito “Terra e Acqua. Investire nel Sud”, dialogando sulle opportunità di sviluppo in agricoltura con il ministro per la Coesione territoriale e il MezzogiornoClaudio De Vincenti; il capogruppo Pd alla commissione Agricoltura della Camera dei Deputati Nicodemo Oliverio; l’assessore all’Agricoltura della Regione Sicilia Antonello Cracolici e il responsabile del Dipartimento Agricoltura del Pd Giovanni Epifani. A seguire si discuterà di politica agricola europea con Paolo De Castro e il presidente di FederalimentareLuigi Scordamaglia.

 

Gemellaggio in Veneto

Da sabato 2 a lunedì 4 settembre a Verona il Consorzio parteciperà a “Soave Versus”, una immersione tra i vini e le cantine del Soave con percorsi di show cooking. La mozzarella di bufala campana sarà protagonista al Palazzo della Gran Guardia (Sala Paesaggio, 2 settembre ore 19) dell’evento “Vino e cucina, matrimonio di gusto”, a cura di Alessandro Scorsone, sommelier ufficiale di Palazzo Chigi. Scorsone, curatore della guida “Vini Buoni d’Italia”, accompagnerà i partecipanti in un viaggio tra i cru del Soave e i loro migliori abbinamenti con la “mozzarella d’autore”.

 

Esperti a confronto sulla valorizzazione di Dop e Igp attraverso i beni culturali

La sinergia tra eccellenze enogastronomiche e patrimonio storico-artistico sarà al centro del seminario formativo promosso dall’associazione di consorzi Aicig che si terrà il 12 settembre nella sede del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala campana Dop all’interno della Reggia di Caserta. Un appuntamento che nasce anche in previsione del 2018, proclamato “Anno del cibo” proprio dai due ministeri delle Politiche agricole e dei Beni culturali. Si comincerà alle ore 10.30 con l’introduzione di Rita Serafini, responsabile tecnico di Aicig. Poi i saluti di Carlo Marino, sindaco di Caserta e Mauro Felicori, direttore della Reggia vanvitelliana. La relazione introduttiva sarà a cura di Domenico Raimondo, presidente del Consorzio Mozzarella di Bufala Campana Dop“Il Consorzio alla Reggia: la sinergia fra patrimonio culturale e produzione enogastronomica – benefici per il territorio e replicabilità del modello” sarà il tema sviluppato. Interverranno inoltreAngelo Amato, presidente del Consorzio di tutela del Limone Costa di Amalfi Igp su “Il prodotto tradizionale e il suo territorio d’origine”Nicola Cesare Baldrighi, presidente del Consorzio di tutela del formaggio Grana Padano Dop su “Consorzio Grana Padano e Arena di Verona: connubio tra eccellenze italiane conosciute in tutto il mondo”. Chiuderà il maestro pizzaiolo Franco Pepe di “Pepe in Grani” che racconterà la valorizzazione dei prodotti Dop e Igp nella ristorazione e farà degustare una delle sue creazioni, la pizza “scarpetta”.

 

A Caserta arrivano i Grandi Formaggi Dop

Il giorno dopo, il 13 settembre, di nuovo nella sede del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala campana Dop, arriveranno i vertici dei Consorzi di Tutela di Asiago, Gorgonzola, Pecorino Sardo e Taleggio per la tappa del progetto congiunto “Grandi Formaggi Dop” dedicata alla grande distribuzione organizzata, dal titolo “Qualità che piace e si vede!”. Con una serie di appuntamenti in tutta Italia, i Grandi Formaggi Dop guidano gli operatori della Gdo in un percorso formativo per comunicare al meglio i prodotti a indicazione geografica. Leo Bertozzi, direttore di Aicig, aprirà i lavori con il racconto dei cinque prodotti, comprensivo di degustazione guidata. A seguire interverrà con i propri suggerimenti Luigi Rubinelli, esperto di marketing del settore alimentare.

 

Laboratori del Gusto a Cheese con Slow Food

Il Consorzio di Tutela sarà a Bra in Piemonte dal 15 al 18 settembre per l’edizione numero venti di Cheese, l’evento record organizzato dall’associazione Slow Food Italia e dalla Città di Bra. La mozzarella sarà prodotta “live” in piazza e alla bufala sarà inoltre dedicato un Laboratorio del Gusto, in programma il 17 settembre alle ore 16 all’istituto alberghiero “Mucci”. “Una vera bufala!” è il titolo scelto per l’iniziativa, un viaggio non solo nel mondo-mozzarella, ma anche nella ricotta e nell’affumicata Dop. Il latte di bufala non è solo mozzarella infatti. Un cibo così ancorato alle sue radici territoriali sarà “messo alla prova” dell’abbinamento con alcune birre artigianali italiane, per capire come i diversi stili brassicoli possano accompagnare le varie forme del latte di bufala, alla ricerca dell’abbinamento perfetto con gli stili di alcuni tra i migliori birrifici italiani. Nel corso della rassegna seguiranno anche altri due laboratori all’interno della “Piazza della Pizza” di Cheese 2017.

 

Bufala Fest sul lungomare di Napoli

Dal 15 al 19 settembre il lungomare di Napoli diventerà il set dell’evento di valorizzazione della filiera bufalina, “Bufala Fest”, di cui il Consorzio di Tutela è partner. Quest’anno l’appuntamento si arricchisce con il primo food contest “chef emergente”, in collaborazione con l’Associazione Professionale Cuochi Italiani che coinvolgerà giovani chef chiamati a sfidarsi a colpi di creatività nell’elaborazione di una ricetta, utilizzando almeno uno dei prodotti della filiera bufalina.

Digeneralmanager

Riprendono le visite guidate al Teatro di Corte della Reggia di Caserta a cura dei volontari del Touring Club Italiano

teatro di corteRiprendono le attività dei volontari del Touring Club Italiano che dal 2 settembre riaprono il Teatro di Corte della Reggia di Caserta dove accoglieranno gruppi prestabiliti di visitatori nello splendido teatrino settecentesco ogni sabato e domenica dalle 10 alle 13.

Progettata nel 1752 da Luigi Vanvitelli su mandato di re Carlo, la magnifica Reggia di Caserta fu creata per essere il nucleo della nuova capitale del Regno. Il Teatro di Corte, splendido esempio di architettura teatrale settecentesca, si trova nel lato occidentale della Reggia. La sua ideazione risale ad una fase successiva a quella della progettazione del Palazzo. Venne, infatti, progettato dal Vanvitelli solo dopo il 1756 e fu collocato all’interno del Palazzo ad uso esclusivo della corte e dotato di un ingresso riservato che consentiva al re di accedere direttamente al palco reale. Conclusi i lavori nel 1768, il Teatro di Corte fu inaugurato nel gennaio del 1769 dalla giovane coppia reale, Ferdinando e Maria Carolina, alla presenza di tutta l’aristocrazia napoletana.

L’apertura del Teatro di Corte della Reggia di Caserta è il frutto della ultradecennale esperienza dell’iniziativa “Aperti per Voi” e dei Volontari del Touring Club Italiano per il Patrimonio Culturale per accogliere visitatori nei siti d’arte altrimenti inaccessibili al pubblico o aperti con forti limitazioni di orario. Dal 2005 ad oggi tanti i successi: 2100 i Volontari attivi oggi in tutta Italia, 66 i luoghi aperti in 28 città italiane in 13 regioni e 10 milioni i visitatori accolti.

 

Con la Reggia di Caserta sono 8 complessivamente i siti Aperti Per Voi in Campania, 200 i volontari che hanno consentito la fruizione continuativa di siti culturali campani a circa 200mila visitatori solo nel corso del 2016.

 

Per partecipare al progetto Aperti per Voi e fare esperienza di volontariato culturale in uno dei luoghi simbolicamente adottati dal Touring Club Italiano, si può compilare il form all’indirizzo:

http://associati.touringclub.it/volontari/iscrizionevolontari.asp.

 

Digeneralmanager

Terra Madre – Prima biennale d’arte contemporanea del Belvedere di San Leucio

 

SAN LEUCIO BELVEDERELa Biennale d’Arte Contemporanea del Belvedere di San Leucio è in programma dal primo al 21 ottobre 2017. L’evento, organizzato dalle città di Caserta e Casagiove, in collaborazione con l’associazione di promozione sociale WebClub, vedrà una prima inaugurazione domenica primo ottobre alle ore 17,30 nel Real Sito Borbonico di San Leucio, complesso monumentale patrimonio Unesco, ricadente nel Comune di Caserta. Il secondo opening sarà il 7 ottobre alle 18,30 al Quartiere Militare Borbonico di Casagiove, location che ospiterà gli eventi collaterali.

Sette sono le sezioni in cui è articolata la Biennale: “Tributo a Mark Kostabi”, “Omaggio al maestro del fuoco Bernard Aubertin”, “Campania Semper Felix”, “Identità”, “Passione del Colore”, “International Exhibition” e “Italian Project”. Per quest’ultima sezione gli artisti possono ancora candidarsi per prendere parte all’evento, ma verranno selezionati dal comitato scientifico.

La Biennale nasce dalla collaborazione tra il Comune di Caserta e quello di Casagiove e rientra nell’ambito di un protocollo d’intesa siglato tra i due Comuni, avente come oggetto la realizzazione di progetti di valorizzazione turistico-culturale dei siti borbonici.

Il tema principale della Biennale d’Arte Contemporanea del Belvedere di San Leucio 2017 è “Terra Madre”, la riscoperta dell’amore per la natura e del patrimonio artistico-culturale che attraversa il fascino delle conoscenze, il confronto e l’esaltazione delle differenze, unendo passato e presente in un viaggio fatto di emozioni, bellezza e cultura. L’obiettivo è quello di promuovere le arti visive, dalla pittura alla scultura, al design, alle installazioni, alla fotografia, alla grafica digitale, alla video-art e all’arte ecosostenibile, con un’attenzione però anche alla danza, alla musica, al teatro, ai luoghi e alle eccellenze territoriali. Per questo la Biennale si articolerà in sezioni.

Il tributo dedicato a Mark Kostabi è curato da Enzo Battarra. All’artista americano è stato assegnato il Premio Belvedere, il massimo riconoscimento che la Biennale attribuirà in ogni edizione a un artista internazionale che si è impegnato per la valorizzazione del complesso monumentale di San Leucio e per il territorio casertano. Mark Kostabi ha realizzato proprio nel Belvedere una memorabile performance artistico-musicale e ha allestito una sua personale nel Museo di Arte Contemporanea della Città di Caserta.

L’omaggio riservato a Bernard Aubertin, il grande artista riconosciuto come maestro del fuoco, ha come curatore Giorgio Agnisola.

“Campania Semper Felix”, curatore Enzo Battarra, è la sezione dedicata agli artisti campani di più generazioni che hanno dato lustro al territorio e che si sono distinti sul piano nazionale e internazionale per un lavoro di ricerca.

“Identità” è il tema della sezione di fotografia, è curata da Luca Sorbo e proporrà una rigorosa selezione degli autori più rappresentativi di Terra di Lavoro.

La sezione “Passione del Colore” è curata da Viviana Passaretti e ospiterà artisti nazionali che si connotano per la ricerca cromatica.

“International Exhibition” è il titolo della sezione di artisti stranieri, curata da Irina Machneva Mota.

La sezione “Italian Project”, curata da Luigi Fusco, vuole essere una proposta innovativa, che nasce dalle adesioni di molti artisti nazionali al percorso progettuale messo in campo dall’associazione.

Digeneralmanager

Casaluce. Revoca incarichi professionali Ambito C6, la soddisfazione di Forza Nuova «Una piccola, grande vittoria».

forza nuovaE’ il commento del gruppo cittadino di Forza Nuova alla notizia della revoca degli incarichi professionali nell’AmbitoC6, ambito territoriale socio-sanitario che raggruppa Aversa, Carinaro, Cesa, Gricignano d’Aversa, Orta di Atella, Sant’Arpino, Succivo, Teverola di cui Casaluce, retto dal Sindaco Rany Pagano, è comune capofila. «Siamo soddisfatti dell’esito di questa vicenda. Quella del Conferimento incarico di collaborazione occasionale autonoma per l’Ufficio di Piano dell’Ambito C06, guarda caso assegnato alle figlie di due dipendenti comunali nonché responsabile e dirigente dell’Area Finanziaria del Comune e dello stesso ambito, si configurava come atto di nepotismo. Nella determina pubblicata quest’oggi dal Coordinamento Ambito C6, – afferma il direttivo cittadino FN – il Tavolo Istituzionale, con verbale del 27/7/2017, “ha evidenziato che non è stato approvato, con la stesura del Piano di Zona o altro atto separato, il piano per le assunzioni del personale per l’anno 2017 presso l’Ufficio di Piano, anche sotto forma di contratto di lavoro occasionale e temporaneo. Inoltre, l’avviso pubblico per la formazione dell’elenco dei potenziali prestatori di lavoro, non è stato, ampiamente, pubblicizzato sui siti dei comuni associati”, questo grazie alla nostre denunce presentate illo tempore». «Le nostre segnalazioni si basano esclusivamente sulla trasparenza che un ente Comunale, sia Comune o Ambito territoriale, devono adottare. Nel caso dell’ambito – ribadiscono i nazionalisti – si è configurato un atto di favoritismo da parte dell’Amministrazione Pagano ma ci duole sottolineare l’indifferenza totale da parte degli altri Comuni dell’Ambito, interessatosi della cosa pubblica solo a denunce fatte. Questo fa capire come le riunioni erano soltanto formalità di rito. Da parte nostra – concludono i nazionalisti – resta totale soddisfacimento per la conclusione di questo caso ma l’azione di controllo da parte di Forza Nuova resta comunque attiva».

Digeneralmanager

Aversa – Soggiorno marino ad Ascea Marina per gli anziani,espletate le procedure

porta napoli aversa“Sono state espletate le procedure per l’affidamento del servizio per il soggiorno marino ad Ascea Marina”. Lo ha detto l’assessore alle politiche sociali Dino Carratù che spiega: “Dall’11 al 18 settembre cento nostri concittadini ultra ultrasessantacinquenni parteciperanno al programma di socializzazione per il soggiorno marino posto in essere dall’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Enrico de Cristofaro. Nell’arco degli otto giorni sono state programmate due escursioni: la prima al Santuario di Pompei e l’altra all’area archeologica di Velia sita ad Ascea, all’interno del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano”. E continua Carratù: “Come Amministrazione Comunale abbiamo optato per il Cilento per fare in modo che i nostri anziani possano essere raggiunti facilmente dai familiari e per coniugare il soggiorno climatico ad attività culturali”.

Digeneralmanager

Ztl in corso Giannone – Marino: “Non andrà in vigore prima del mese di gennaio. Ipotizziamo un percorso comune con associazioni di categoria e commercianti”.

marino“La Ztl in corso Giannone, peraltro limitata solo ad un senso di marcia, ovvero alla direttrice Aldifreda-piazza Vanvitelli, e a fasce orarie piuttosto contenute, non sarà attivata prima del mese di gennaio. Inoltre, intendiamo realizzare un percorso comune con le associazioni di categoria, a partire dalla Confesercenti, per raggiungere l’obiettivo di ridurre il traffico veicolare e l’inquinamento di questa arteria, senza arrecare danni a nessuno”. A dichiararlo è stato il sindaco di Caserta, Carlo Marino, che ha ricevuto una delegazione di Confesercenti, composta dal presidente provinciale, Maurizio Pollini, e dal direttore provinciale, Gennaro Ricciardi.

“Senza dubbio – ha aggiunto il sindaco – dei provvedimenti su via Giannone sono necessari, ce li impone la legge, dal momento che la centralina Arpac ha già rilevato decine di sforamenti dei limiti di polveri sottili nell’atmosfera. Pertanto, onde evitare decisioni drastiche derivanti dagli obblighi di legge, bisogna correre ai ripari e disciplinare il traffico in questa strada. È chiaro che siamo disposti a discutere con le associazioni di categoria, aprendo a possibili contributi in termini di idee e di proposte. Tuttavia, una decisione in tal senso va presa: non possiamo più andare avanti con dei rinvii, nell’interesse della salute dei cittadini, a partire dai bambini e dai giovani che frequentano le diverse scuole della zona”.

 

Digeneralmanager

Registi e cast di Gatta Cenerentola inaugurano la nuova stagione del Duel Village

gatta cenerentolaSarà ‘Gatta Cenerentola’, liberamente ispirato alla fiaba senza tempo di Giambattista Basile, ad inaugurare il ciclo di incontri d’autore della nuova stagione cinematografica del Duel Village di Caserta. Venerdì 15 settembre alle ore 20.45 si confronteranno con il pubblico i registi Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri e Dario Sansone e l’attore Massimiliano Gallo. Il film di animazione, realizzato a Napoli dagli autori e dai produttori de ‘L’Arte della felicità’, è in concorso nella sezione Orizzonti della 74esima Mostra internazionale del Cinema di Venezia. Nel cast anche Alessandro Gassmann, Maria Pia Calzone, Mariano Rigillo, Renato Carpentieri, Ciro Priello e tanti altri. La storia, seppur rivisitata, è quella di una giovane Cenerentola che, rimasta orfana dopo la morte del padre, è costretta ad obbedire alle sorellastre e alla matrigna. La sua vita è avvolta nel silenzio e come una vera gatta taciturna si muove felina a bordo della nave Megaride ma la sua indole ribelle presto salterà fuori anche grazie ad un poliziotto che non si arrende facilmente e che riesce a vedere oltre le apparenze. Gatta Cenerentola non è però un cartoon per bambini bensì un’opera corale sulla Napoli di oggi. I quattro registi – Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri e Dario Sansone – hanno deciso infatti di recuperare la versione originaria della fiaba seicentesca e di introdurre tematiche e personaggi della nostra epoca. Tra questi una sorta di camorrista che vorrebbe trasformare il porto di Napoli in un gigantesco centro per lo spaccio di droga. A curare la colonna sonora Enzo Gragnaniello – nella duplice veste di autore di uno dei brani e di doppiatore – (ha dato voce allo sciamano, fidato sgherro del re), i Foja (che avevano già firmato le musiche de L’Arte della Felicità), Francesco Di Bella, Daniele Sepe, I Virtuosi di San Martino, Guappecartò, Marlboro Recording Society, Ilaria Graziano e Francesco Forni. Musiche originali di Antonio Fresa e Luigi Scialdone.