Archivio mensile maggio 2017

Digeneralmanager

“Giocattolo sospeso” , l’iniziativa di solidarieta’ a favore dei bambini di Casapulla

 

fortunato miriamL’amministrazione comunale, diretta dal sindaco Michele Sarogni, con avviso pubblico, ha predisposto un procedura di sponsorizzazione per la ricerca di soggetti che sostengano l’iniziativa ‘Giocattolo Sospeso’. Si tratta di un’attività promossa dall’assessore alle Politiche Sociali, Miriam Fortunato, con l’intento di creare una rete di solidarietà formata da commercianti ed aziende intenzionate a contribuire economicamente all’acquisto di giochi da mettere a disposizione ai nuclei familiari con difficoltà. Gli interessati potranno aderire formalmente all’iniziativa reperendo la domanda di adesione sul sito istituzionale dell’Ente. La volontà del gruppo di governo cittadino è di fare da intermediario tra i soggetti presenti sul territorio per contribuire alla crescita del senso di solidarietà soprattutto verso i più piccoli. In merito alla questione l’assessore Fortunato ha avuto modo di dichiarare: ‘Tutte le nostre iniziative sono tese a garantire alle famiglie meno abbienti uguali possibilità. Nel caso specifico riteniamo che tutti i bambini abbiano diritto di avere dei giochi affinché possano sviluppare la loro fantasia e vivere l’infanzia con spensieratezza’.

Digeneralmanager

Ostetricia a Maddaloni, Zinzi interroga De Luca: “Riapra il reparto e dimostri la sua attenzione verso il territorio”

zinzi Il consigliere regionale Gianpiero Zinzi ha depositato un’interrogazione indirizzata al Presidente della Giunta regionale avente ad oggetto il “Ripristino del reparto di Ostetricia e Ginecologia presso l’Ospedale di Maddaloni”. L’interrogazione prende le mosse dalle avvertite esigenze di assistenza dei cittadini, preoccupati per l’assenza – in un’ampia area che comprende la Valle di Suessola ed arriva fino alle zone confinanti con il territorio beneventano e napoletano – del reparto di ostetricia. “Razionalizzare il sistema sanitario – ha dichiarato il consigliere regionale Zinzi – non significa depotenziare le strutture ospedaliere smembrando reparti, soprattutto se sono in linea con gli standard quantitativi. La mancanza di un punto nascita è sempre una sconfitta per i territori, nel caso di Maddaloni rappresenta poi una doppia beffa dal momento che la Città è al centro di un’incessante attività di propaganda elettorale da parte del centrosinistra in Regione che da un lato promette attenzione, dall’altro mostra di dimenticare le reali esigenze dei cittadini. E’ necessario, poi, sgomberare il campo da ogni equivoco: non si chiede lo spostamento del reparto da un territorio ad un altro, ma il ripristino del punto nascita, nella convinzione che strutture ospedaliere come Maddaloni e Marcianise meritino entrambe, per incidenza demografica, di avere all’interno reparti di ginecologia ed ostetricia”. Il consigliere Zinzi interroga De Luca al fine di “riconsiderare gli indirizzi del Piano 2016-2018, riconoscendo l’assoluta necessità di avere un reparto di Ostetricia e Ginecologia presso l’Ospedale di Maddaloni”.

Digeneralmanager

Due giornate di sensibilizzazione a S.Maria Capua Vetere : si parla di ambiente dalle piazze alle scuole

comune s.mariaIn occasione della «Giornata Mondiale dell’Ambiente», istituita nel 1972 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e celebrata ogni anno il 5 giugno, il Comune di Santa Maria Capua Vetere ha inteso aderire attraverso una propria manifestazione, intitolata «Condividiamo l’eco della Città», finalizzata a promuovere iniziative volte esclusivamente a sensibilizzare i cittadini in merito alle tematiche ambientali. L’evento cittadino, articolato nelle giornate di domenica 4 e lunedì 5 giugno, si svolgerà in due diverse fasi: la prima (domenica 4 giugno dalle 9.00 alle 20.00) nel centro storico e quindi a contatto diretto con i cittadini, la seconda (lunedì 5 giugno) presso le scuole dell’infanzia dove, in collaborazione con «Legambiente», verranno proiettati video didattici per scoprire insieme con i bambini la «vita delle bottiglie di plastiche» e il loro possibile riutilizzo. La stessa «Legambiente» provvederà inoltre a gettare le basi per gli «orti didattici» che, dal mese di settembre, saranno realizzati all’interno delle stesse scuole cittadine e consentiranno di mettere a contatto diretto i bambini con la natura. Il tema 2017 della «Giornata Mondiale dell’Ambiente», infatti, è quello del Connecting People to Nature, vale a dire il legame tra le persone e la natura. A tal proposito, i 16 partner (tra associazioni cittadine e ditte) che, a titolo gratuito e quindi a costo zero per l’Ente, hanno contribuito fattivamente per la realizzazione dell’iniziativa finalizzata alla sensibilizzazione dei cittadini hanno inteso promuovere attività ed iniziative che, nella giornata di domenica, evidenzieranno uno stretto legame tra le persone e la natura. Su tutte la «Guerrilla Gardening» che si svolgerà nel pomeriggio di domenica (dalle ore 17.00) e che si concretizzerà in un autentico flash mob ad opera di volontari ed attivisti che contribuiranno a «colorare» la villa comunale e un tratto del corso piantando diverse centinaia di piantine fiorite. In piazza Bovio verrà invece allestito un «gazebo del baratto» dove verranno distribuite piantine aromatiche in cambio di bottiglie di plastica e/o lattine che saranno raccolte direttamente dalla DHI, società che si occupa del servizio di igiene urbana in città. Non mancheranno i momenti di aggregazione e le attività ecosostenibili tutte finalizzate ad avviare un percorso di sensibilizzazione dei cittadini sulle tematiche ambientali in generale: dalla biciclettata che attraverserà le vie del centro con tappe nei pressi dei principali monumenti cittadini, passando per la raccolta straordinaria di indumenti usati in piazza Matteotti con collegata animazione per bambini ai quali verranno regalati giocattoli ricavati da materiale riciclato, finendo, in piazza Malatesta dove si terrà anche una raccolta di oli esausti, con la premiazione del concorso «Oliimpiadi» che vedrà la partecipazione degli alunni degli istituti comprensivi «Raffaele Uccella», «Alessio Simmaco Mazzocchi» e «Raffaele Perla». In piazza Mazzini invece, per l’intera giornata di domenica, si svolgerà il Mercatino Bio che vedrà la partecipazione, tra gli altri, della «Coldiretti», di «Slow Food» e di «Campagna Amica» con l’esposizione di prodotti biologici e a chilometro zero. Proprio in piazza Mazzini alle ore 20.00, al termine della giornata di sensibilizzazione, si procederà all’estrazione della «RiciCletta»: la bicicletta messa a disposizione da «SRI srl – società di recupero imballaggi» e realizzata con 800 lattine in alluminio. Al sorteggio parteciperanno tutte le persone che avranno aderito alle iniziative di sensibilizzazione della giornata durante le quali verranno distribuiti appositi biglietti per l’estrazione serale. Per la realizzazione dell’evento, che ha come unico obiettivo quello di promuovere la sensibilizzazione rispetto al delicato tema dell’ambiente, il Comune di Santa Maria Capua Vetere si è avvalso della collaborazione di sedici partner (Animalisti Sammaritani, Aqua Cristallina, Campagna Amica, Ciò che vedo in Città, Città Giovane, Club 33 Giri, Coldiretti, Endas, Fare Ambiente, Legambiente, Leo Club, Slow Food e delle ditte Chiarotex, DHI, Papa Ecologia Srl, SRI srl); in particolare tutte le associazioni coinvolte hanno, del tutto gratuitamente, fornito il loro contributo di idee e di tempo prezioso per un tema che, in questa come in altre città, per la sua rilevanza merita di essere affrontato facendo fronte comune.

Digeneralmanager

70° Anniversario della Riconquistata Autonomia Comunale di Casagiove: domani presentazione del libro di Luigi Granatello, il 9 giugno rievocazione del primo consiglio comunale

autonomia“Una generazione che ignora la storia non ha passato… né futuro” – un concetto che è stato espresso dallo scrittore statunitense di fantascienza Robert Anson Heinlein e che trova conferma nell’opinione dell’Amministrazione Comunale di Casagiove, sempre attenta a valorizzare e rivendicare la propria identità storica, culturale e politica. In occasione delle celebrazioni del 70° Anniversario della Riconquistata Autonomia Comunale, l’Ente di via Jovara promuove due eventi che sono stati organizzati in collaborazione con il Comitato Pro 70°.

Domani giovedì 1 giugno alle 18, presso il Salone del Quartiere Militare Borbonico, avverrà la presentazione del libro “Il sentiero racconta, lungo le falde del Tifata”, scritto dal professor Luigi Granatello. Interverranno le autorità cittadine, i relatori e l’autore che rivelerà tanti aneddoti riguardanti la cittadina casagiovese. Per l’occasione il Comune acquisterà una serie di volumi del libro che verranno donati alle scuole ed altri enti, in maniera tale da dare la possibilità a tanti cittadini di ripercorrere, leggendo, importanti passi della storia della città. A fare da cornice l’affissione sui pannelli di tutte le opere dei bambini delle scuole di Casagiove.

Suggestivo sarà l’appuntamento in programma venerdì 9 giugno alle 18 in Piazza degli Eroi. Minuziosa e dettagliata sarà la rievocazione del primo consiglio comunale, avvenuto il 9 giugno 1947, quando per la prima volta Casagiove poté acclarare la propria autonomia. Presenzieranno tutti i componenti dell’attuale Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Roberto Corsale, tutti i sindaci viventi di Casagiove, i familiari dei sindaci scomparsi, esponenti politici e religiosi, ex consiglieri e molto probabilmente anche il Prefetto di Caserta che deve però ancora dare conferma. Durante la rievocazione verrà presentato un libro di sessanta pagine, creato dai membri del Comitato Pro 70°, che hanno deciso di raccogliere in un piccolo volume i tratti importanti della città di Casagiove.

In apertura, dalle 17.45, il corteo della banda musicale “Città di Casagiove” che partirà da Piazza della Vittoria, percorrerà strade cittadine e terminerà a Piazza degli Eroi, mentre dopo la rievocazione del primo consiglio comunale, si svolgerà la premiazione delle opere più belle, composte dai bambini delle scuole di Casagiove. La festa terminerà con lo spettacolo musicale a cura dell’associazione “Metodo Suzuki”. Tutti i cittadini sono invitati a partecipare ad un evento di grande importanza per la città.

Il consigliere con delega alla cultura Gennaro Caiazza esprime la propria soddisfazione per gli eventi: “Tra mille difficoltà si cerca di fare il massimo, nonostante l’organizzazione di tali eventi sia abbastanza faticosa. Ringrazio i componenti del Comitato Pro 70° per la disponibilità e la saggezza. Grazie alla vicinanza di persone come loro che si sono adoperate in maniera instancabile, grazie all’apporto di qualche consigliere, del dirigente Giuseppe Brasilio ed Andrea D’Errico che si sono attivati tantissimo, siamo riusciti ad allestire un evento incantevole ed affascinante, che dà lustro alla nostra Casagiove. Ora rimaniamo in attesa della presentazione dello stemma ufficiale, che avverrà appena riceveremo l’autorizzazione dal Ministero tramite un decreto”.

Digeneralmanager

A Macerata Campania premio regionale “Bellezze del Territorio”

premiazioneNella mattinata di lunedì 29 maggio si è tenuta una cerimonia di premiazione presso il plesso ‘Pascoli’ dell’Istituto ‘Presidio della Legalità’. Il vice sindaco Giovanni Battista Di Matteo e l’assessora alla Pubblica Istruzione Agnese Vetrella, in nome dell’amministrazione comunale del sindaco Stefano Cioffi, hanno consegnato l’attestato di merito conseguito dalla scuola, nell’anno 2016-17, in quanto vincitrice del concorso regionale ‘Le bellezze del territorio: arte, paesaggio e tipicit@ tradizionale’ per la progettazione multimediale con soggetto la valorizzazione del proprio territorio (patrimonio artistico culturale, paesaggistico, folkloristico e tradizione eno-gastronomica) anche attraverso il ricorso ad alternanza scuola-lavoro. Si tratta di un riconoscimento concesso dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e dall’AICA (Associazione Nazionale per l’Informatica ed il Calcolo Automatico) all’istituzione scolastica cittadina diretta dalla preside Carmela Mascolo con motivazione ‘eccellente valore del progetto multimediale realizzato e l’originalità ed efficacia comunicativa dell’argomento trattato Cantare la tradizione’. Il progetto, curato dalle insegnanti Gallo, Di Matteo e Perillo, è stato realizzato dagli alunni della classe IV A del plesso Gramsci.  Nel pomeriggio di martedì 30 maggio presso l’Auditorum di Via Roma si è tenuto il saggio di fine anno delle classi ad indirizzo musicale. Nel corso della manifestazione, il gruppo di governo cittadino ha consegnato un riconoscimento al maestro Donato Fortuna, compositore dell’Inno di Macerata Campania, interpretato da un gruppo di allievi diretti dalla professoressa Anna Trotta. Il musicista maceratese, dopo il diploma presso il Conservatorio di San Pietro a Majella, ha intrapreso una brillante carriera di sassofonista, clarinettista e fisarmonicista che lo portato ad esibirsi in giro per il mondo presso importanti e prestigiosi club come ‘Le Lido’ di Montpellier, l’ ‘Imperial’ di Francoforte e lo ‘Sport Hotel’ di Francoforte. Lungo il proprio percorso artistico il maestro maceratese ha avuto modo di accompagnare nomi illustri del mondo della musica tra i quali Claudio Villa, Aurelio Fierro, Nino Taranto e Miranda Martino. Successivamente gli assessori Agnese Vetrella ed Andrea Di Matteo ed il sindaco Cioffi, unitamente alla dirigente scolastica Mascolo, hanno consegnato un attestato di merito all’alunno Gabriele Tommasone, vincitore del primo premio per pianoforte al festival di Lusciano ed all’orchestra dell’istituto, insignita del secondo posto all’Italia Smim Festival. Presente anche il consigliere comunale Giovanni Ventriglia.

Digeneralmanager

Il Movimento 5 Stelle sui lavori in Piazza della Pace a Aversa

movimento 5stelleLa consigliera del Movimento 5 Stelle Maria Grazia Mazzoni in seguito a una richiesta di  accesso agli atti per i lavori eseguiti in Piazza della Pace ad Aversa comunica che dalla lettura degli atti si evince che : prima che iniziassero i lavori per la riqualificazione dell’area standard di via S. di Giacomo nell’ottobre del 2003 viene eseguito uno studio geologico dell’area interessata dal geologo dott. Giancarlo Ferrierro. Dalla relazione si evince che alcuni sondaggi evidenziano la presenza di una grotta sottostante l’area o, per meglio dire, di un vuoto. Il geologo fornisce un preciso programma di bonifica specificando anche i materiali da utilizzare.
Nelle conclusioni della relazione si legge: “…presenza di vuoto ad una quota di circa mt. 3,50 dal p.c. che attualmente potrebbe collassare se soggetta a sovraccarichi, quali la presenza di auto od anche fenomeni piovosi.”
Per un importo pari a 131.342,28 € oltre iva, iniziano i lavori che dovevano concludersi entro 180 giorni.
Successivamente vengono riscontrate “condizioni impreviste e imprevedibili” che rendono necessaria la modifica del progetto per un ulteriore spesa di 12,397,50 euro.
In  seguito si verifica la necessità di effettuare altri lavori giustificati con un atto aggiuntivo (05/02/2009).
I lavori sono concessi sempre alla ditta ” Dieffe di Diana Francesco s.a.s. per un importo di € 50.161,18 e la concessione di altri 210 giorni per completare questa “grande opera faraonica”.
Per ultimo in data 09/05/2017 una nota con prot. 15407 che prevede una spesa di 9.000 euro oltre Iva per la messa in sicurezza della vasca ornamentale posta nell’area standard.
Nella nota si legge: “non si sono potute accertare responsabilità dirette e/o indirette stante la mancata esecuzione di un’ispezione nel sottosuolo…così come sarebbe apparso utile riferirsi a prove meccaniche sul terreno…”.
Ovviamente nessuno mai è responsabile di niente.
Insomma dagli atti si evincono delle singolarità: la relazione del geologo evidenziava la possibilità di collassi e crolli e comunque si è deciso di realizzare una pubblica infrastruttura.
E’ stato fatto quello che il geologo consiglia a pag. 15/16 “per riempire e stabilizzare la cavità”?
I lavori sono costati € 200.403,46 (di cui 5.962,50 per la sicurezza) sono iniziati nel 2006 e sono terminati nel 2010.
A questo si aggiunge l’aggravante che la piazza, anche prima del cedimento del sottosuolo, è stata sempre lasciata in uno stato di abbandono e di degrado che non ha mai portato nessun beneficio alla collettività.
Al costo della piazza va aggiunto anche quello delle famose bike sharing mai utilizzate.
Dulcis in fundo gli attuali lavori di “messa in sicurezza dell’area” sono iniziati senza l’esposizione del cartello di cantiere con i dati sui lavori da eseguire e le relative autorizzazioni, come prevede la legge.
E solo successivamente grazie a varie segnalazioni è stato esposto un cartello in cui non si legge né il direttore dei lavori né i dati della Camera di Commercio della ditta esecutrice né l’importo anche previsionale dei lavori. Insomma una storia senza fine, in uno spazio mai restituito alla collettività con uno spreco enorme di denaro pubblico.
D’altra parte tutte le areee standard aversane hanno la loro triste storia. Il M5S presenterà nel merito una interrogazione comunale e informerà dei fatti le autorità competenti.

Digeneralmanager

VERSO META. Il Centro di Salute Mentale di Capua a Officina Teatro.

 

teatro Mercoledi 7 giugno, alle 19.00 presso Officina Teatro in via dei Platani 10, San Leucio – Caserta, il Laboratorio IntegrAZIONI presenta VERSO META – Appunti per un viaggio di ritorno, ideato da Michele Pagano, con Armano De Renzo (assistente di Laboratorio). Gli attori del Laboratorio IntegrAZIONI sono ragazze e ragazzi frequentatori del Centro di Riabilitazione dell’Unità Operativa Salute Mentale di Capua, diretta dal dr. Luigi Cioffo. Grazie all’intenso lavoro delle operatrici Anna Maria Tozzi e Patrizia Rondon, insieme alla cooperativa sociale “Olmo”, è stata possibile la realizzazione del progetto teatrale. Il lavoro di ricerca è partito analizzando il “Mago di Oz”. E’ il viaggio di Dorothy, che attraverso il superamento delle proprie paure e delle proprie barriere arriva ad acquisire una maggiore consapevolezza della propria identità e a superare i propri limiti. Michele Pagano, regista e fondatore di Officina Teatro, spiega com’è nato il laboratorio/spettacolo con le seguenti parole: “Abbiamo chiesto ad ognuno dei nostri attori quali fossero le paure che volessero affrontare in questo viaggio teatrale e da lì nasce il loro spettacolo. I loro occhi sono lì, pronti a superare loro stessi davanti al pubblico, in un viaggio continuo che li condurrà ad Oz.”  L’ingresso è libero con prenotazione obbligatoria. Ulteriori informazioni sono disponibili presso Officinateatro.com.

Digeneralmanager

Stasera a Maddaloni comizio del candidato Luigi Bove

comunedimaddaloni Il candidato sindaco de “Il Patto per Maddaloni”, Luigi Bove stasera terrà un altro comizio. L’ appuntamento è alle ore 19.00 presso la villetta comunale di via Appia in Maddaloni. Prima del candidato sindaco Bove interverranno alcuni candidati e responsabili delle liste che appoggiano il candidato sindaco Bove. La coalizione è formata da Cambiamo Insieme, Nazionalisti Italiani per Maddaloni, Maddaloni Pulita, Maddaloni Bene Comune e Prima Maddaloni. Dal comitato di Bove fanno sapere “la nostra campagna elettorale riceve , ogni giorno che passa, maggiori consensi e fiducia. Stasera sicuramente renderemo noti altri scomodi argomenti. L’ attenzione è davvero tanta nei nostri confronti”.

Digeneralmanager

La ‘Merienda Real’ alla Reggia di Caserta – Cento figuranti protagonisti del pic-nic nei giardini reali sulle orme dei racconti di Lady Miller

merendia Venerdì tappa a San Leucio Una ‘Merienda Real’ per rivivere un pezzo di storia dei Borbone. L’evento si svolgerà sabato 3 giugno nella Reggia di Caserta ed è stato organizzato dalle associazioni “Borboni si nasce” e “Officina delle Idee” di Napoli, in collaborazione con la Reggia di Caserta e col patrocinio di Regione Campania, Comune di Caserta e Real Casa di Borbone delle Due Sicilie e Confesercenti Campania. La giornata di sabato partirà dalle ore 10.30, orario in cui tutti i figuranti in costume si raduneranno in piazza Margherita per poi sfilare fino alla Reggia dove si esibiranno, nel vestibolo superiore, in alcune danze tipiche dell’epoca. Successivamente si recheranno nei giardini reali dove verrà rappresentato un aneddoto che risale ai tempi di Lady Anna Miller, intellettuale del 1700 che fu ospite dei Borbone nella Reggia, raccontandone poi nelle sue ‘Lettere dall’Italia’. Fu proprio Lady Miller a ‘svelare’ l’esistenza della sala caffè e della ‘Merienda Real’, una sorta di pic-nic organizzato nel parco che sarà riproposto da 100 figuranti aderenti ad alcune tra le più prestigiose Associazioni nazionali di categoria quali Associazione Culturale romana “Voli d’Arte”, Associazione “A&M Danza Passi dell’800 ensemble” di Roma, Associazione “Patrizi Veneti” di Padova, Compagnia Italiana di Teatro e Danza di Genova, Associazione Internazionale del Carnevale di Venezia, ospite d’onore Miky Reine tra i figuranti principali del Carnevale di Venezia, Associazione “Dame e Cavalieri“ di Venezia, nonché la “Compagnia dell’Aquila Bianca” e l’Associazione “Karma” di Napoli. All’evento ha contribuito l “Allevamento del Nolano” nel fornire cani del periodo storico borbonico, completando coì la figurazione durante la rappresentazione della “Merienda Real”. Inoltre, la Scuola della Moda Partneopea ha fornito ai figuranti di Napoli gran parte degli abiti oltre a riprodurre le divise dei “canettieri” dell’epoca dal quadro di Heckert. Per la buona riuscita dell’evento hanno collaborato: le “Seterie Leuciane” con cuscini in seta di San Leucio, Il Consorzio di Mozzarella di Bufala Campana con prodotti caseari, la Pasticceria Pieretti con il dolce del Re, la Ferrarelle per la fornitura di acqua minerale, l’Agricola Antropoli per la fornitura del vino, la Profumeria Goccia d’Oro che per l’occasione ha creato il “Profumo Borbonico”, la “Cucina di Mammà” con i timballi di pasta, i Make-up Artists Antonio Riccardo e Nicola Acella, l’azienda “Nozze Meravigliose” che ha preparato fiori di cartapesta da mettere nei giardini reali. Inoltre, al fine di dare risalto alla città di Caserta, venerdì 2 giugno, grazie alla collaborazione col Comune di Caserta, i figuranti avranno la possibilità di visitare il Belvedere di San Leucio e di intrattenersi in danze tipiche borboniche nel cortile, per poi concludere visitando le Seterie Leuciane.

Digeneralmanager

Protezione Civile: approvato il Piano di Emergenza Comunale. Marino: “Colmiamo un vuoto durato 5 anni”.

Marino primarie Da oggi è disponibile il Piano di Emergenza Comunale (P.E.C.), ovvero lo strumento che include tutte le procedure operative di intervento per fronteggiare una calamità, consentendo ai rappresentanti istituzionali, e in particolare al Sindaco in qualità di massima autorità locale di Protezione Civile, di predisporre e coordinare gli interventi di soccorso a tutela della popolazione e dei beni. Il Piano è stato messo a punto dal sindaco di Caserta, Carlo Marino, e dall’assessore alla Protezione Civile, Francesco De Michele, assieme al Servizio di Protezione Civile del Comune, coordinato dal Comando della Polizia Municipale. Si tratta di un’iniziativa di grande importanza, dal momento che la legge 100 che obbligava i Comuni a dotarsi di un Piano di Emergenza Comunale è stata approvata nel 2012. La finalità del Piano è quella di garantire, con ogni mezzo a disposizione, assistenza alla popolazione al fine del recupero e mantenimento del livello definito di “vita civile”, messo in crisi da una situazione che comporta gravi disagi fisici e psicologici. Nel Piano sono comprese tutte le informazioni tese ad individuare le fragilità territoriali, ad adottare ogni misura per prevenire le cause dei fenomeni prevedibili e ad organizzare una catena operativa finalizzata al superamento dell’evento. Nel documento particolare rilevanza viene attribuita alla collaborazione dei cittadini per superare le situazioni di emergenza. In tal senso è previsto che la popolazione civile venga adeguatamente informata sui rischi cui è esposta, sulle procedure e modalità di allertamento e, soprattutto, sui comportamenti da adottare per ogni singolo rischio ed infine sull’organizzazione dei soccorsi. L’obiettivo è far conoscere ai cittadini gli elementi salienti dello stesso Piano di Emergenza Comunale nell’ottica dell’ottimizzazione del servizio di Protezione Civile, realizzando una rete sostenibile tra i diversi attori sul territorio comunale. Il Piano, infatti, fornisce informazioni precise in merito a quali eventi calamitosi potrebbero interessare il territorio comunale, a quali persone, strutture e servizi ne saranno coinvolti, a quale organizzazione operativa è necessaria per ridurre gli effetti dell’evento e a chi vengono assegnate le diverse responsabilità nei vari livelli di comando e controllo per la gestione delle emergenze. “Abbiamo colmato un vuoto che durava ormai da 5 anni, – ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino – dimostrandoci molto efficienti nel dotare il Comune di Caserta di un Piano dettagliato e fondamentale per l’intera cittadinanza. Siamo di fronte ad uno strumento estremamente utile e moderno di cui un Comune capoluogo come Caserta deve necessariamente essere dotato”.

“E’ un ulteriore passi in avanti – ha aggiunto l’assessore alla Protezione Civile, Francesco De Michele – in un settore, quale quello della Protezione Civile, di strategica importanza. Siamo convinti di dover lavorare in questo senso e migliorare sempre di più investendo energie e risorse per far crescere questa nostra realtà anche nella città di Caserta. Questa della pubblicazione del Piano va letta, quindi, – ha concluso De Michele – come una prima fase di un rilancio che intendiamo portare avanti con convinzione”.