“Il sangue non si lava” il libro di Fabrizio Capocelatro ancora piu’ attuale dopo l’operazione della DIA di oggi contro il clan dei Casalesi

libro«Chi riteneva che il clan dei casalesi fosse un fenomeno del passato si sbagliava di grosso. La fazione Bidognetti non ha mai smesso di agire sul territorio», ha spiegato il Procuratore di Napoli, Giovanni Colangelo, durante la conferenza illustra di questa mattina (come riportato da Repubblica.it), commentando i risultati dell’operazione che oggi ha colpito 31 persone ritenute affiliate al clan Bidognetti. L’odierna operazione, unitamente alle parole del Procuratore Colangelo, dimostra come il clan dei Casalesi sia ancora un pericolo per la società civile. Assume, quindi, un valore ancora più importante il libro, in uscita per ABEditore, “IL SANGUE NON SI LAVA – Il clan dei Casalesi raccontato da Domenico Bidognetti” di Fabrizio Capecelatro che, grazie alla testimonianza del collaboratore di giustizia (cugino di Cicciotto) ricostruisce l’intera storia dell’organizzazione criminale, di cui egli stesso è stato al vertice. Oltre alla ricostruzione dei fatti di cronaca, infatti, nel libro sono spiegate – dalla posizione privilegiata che può avere soltanto chi è stato ai vertici dell’organizzazione – le dinamiche e i meccanismi di funzionamento del clan dei Casalesi. «La mia intervista a Bidognettiha spiegato l’autore, Fabrizio Capecelatro all’Ansa – si è volutamente concentrata sui metodi del sodalizio criminale capeggiato per anni proprio dall’alleanza Schiavone-Bidognetti, al fine di offrire una testimonianza utile a capire, ed eventualmente scoraggiare, l’affiliazione a qualsiasi organizzazione di tipo mafioso»