Archivio mensile febbraio 2017

Digeneralmanager

Localizzazione di impianti di compostaggio di comunita’,mozione del M5S di Aversa

cinquestelleIl Movimento 5 stelle ha presentato una mozione per invitare il Comune di Aversa ad aderire alla manifestazione d’interesse per ” la localizzazione di impianti di compostaggio di  comunità per il trattamento della frazione organica dei rifiuti”.
Con la mozione la consigliera Maria Grazia Mazzoni, portavoce aversana del movimento 5 stelle,  impegna il Sindaco e la giunta comunale ad inoltrare istanza di adesione  in via urgente, entro i termini previsti (13 marzo 2017)
E’ una grossa opportunità per i Comuni campani  che possono ricevere e installare le compostiere di Comunità (o di quartiere).  Potranno candidarsi per avere nel proprio quartiere una compostiera i cittadini, le associazioni, i comitati e i condomini (con una riduzione della tariffa dei tributi urbani).
L’assessore all’ambiente dottoressa Tiziana D’Aniello  e il primo cittadino si sono dichiarati favorevoli all’iniziativa.
La richiesta della Mazzoni è parallela con il regolamento del compostaggio domestico, ancora fermo in commissione statuto.
A tal proposito la Mazzoni, alla luce degli ultimi articoli di stampa,  dichiara: “durante l’ultimo incontro della commissione statuto qualcuno mi ha fatto, garbatamente notare, che la mia presenza (unica della minoranza) garantiva il numero legale.  Quindi se io fossi andata via, cedendo a questi giochi e calcoli  politici, i cittadini avrebbero aspettato ancora, prima che i regolamenti all’ordine del giorno (adotta un aiuola e bike sharing) venissero approvati.
Se avessi potuto decidere io sarei restata fino a mezzanotte per approvare anche un altro importantissimo regolamento, quello, appunto del compostaggio.
Mi rendo conto che questi concetti cosi semplici sono difficili da capire da chi ragione come se fosse in un eterna campagna elettorale ma, per  quanto mi riguarda, io cercherò sempre di essere presente nella commissione statuto, l’unica di cui faccio parte, e l’unica in cui non è previsto nessun gettone di presenza. Giusto per ricordarlo”.
Digeneralmanager

Cervino,eccellenze casertane si distinguono,oggi e’ il turno della dottoressa Giovanna Vigliotti

GiovannaVigliottiPic._Color La dottoressa Giovanna Vigliotti, cervinese, figlia del preside Michele Vigliotti, ha ottenuto una brillante affermazione nella sua già prestigiosa carriera. E’infatti stata designata tra le trenta giovani donne più promettenti nel campo del diritto della concorrenza in ambito europeo. L’iniziativa, patrocinata dall’associazione W@Competition e dalla società PARR Global, entrambe con sede a Bruxelles, era volta a selezionare professioniste di età inferiore ai 40 anni che si fossero distinte nell’applicazione del diritto della concorrenza nei rispettivi Stati Membri dell’Unione Europea; la selezione finale, operata da una giuria di esperti comunitari del settore, vede la presenza di due sole italiane su trenta cittadine europee. Giovanna è oggi funzionaria dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato presso la Direzione Generale per la Concorrenza, Direzione Comunicazioni. In questa veste si è occupata negli ultimi tre anni di casi rilevanti nei settori nevralgici e in costante evoluzione dei media e, in particolare, nel settore dell’editoria. Diplomatasi all’Istituto Salesiano di Caserta col massimo dei voti, laureata con lode alla LUMSA di Roma, dottore di ricerca in diritto pubblico presso l’Università di Tor Vergata, Giovanna inizia la sua carriera “legale” come praticante avvocato presso l’Avvocatura Generale dello Stato; a 25 anni viene selezionata per far parte del dipartimento di contenzioso della sede italiana di un prestigioso studio legale anglo – tedesco, Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, con il quale collabora per dieci anni sino al 2014, nella qualità di senior associate occupandosi di controversie transazionali, arbitrati e investigazioni. Nel 2007 conquista la Toga d’ Onore per i giovani avvocati più meritevoli, a seguito di concorso bandito dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma ricoprendo per due anni il ruolo di Segretario della XXXI Conferenza dei Giovani Avvocati e rappresentando in tale veste la giovane avvocatura italiana negli eventi internazionali. Nel 2012, tra i più giovani d’Italia, a soli 33 anni supera l’esame per l’iscrizione all’Albo speciale per il patrocinio davanti alla Corte di Cassazione e alle altre giurisdizioni superiori. Vince una serie di concorsi nella Pubblica Amministrazione, ma decide di lasciare l’avvocatura solo a seguito del superamento del concorso presso l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in ragione della passione per il diritto amministrativo e il diritto della concorrenza nonché in virtù del rilevante ruolo sociale rivestito da questa prestigiosa Authority indipendente che si prefigge lo scopo di tutelare al contempo i cittadini-consumatori e il corretto funzionamento del mercato. E’ stata, inoltre, assistente presso la cattedra di diritto amministrativo dell’Università di Tor Vergata e docente e tutor presso la Scuola Forense istituita presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma. Relatrice in numerosi convegni e seminari e autrice di pubblicazioni giuridiche ed economiche, tra cui spicca la collaborazione con la  Rivista “Il Nuovo Diritto Amministrativo” diretta dal notissimo giudice Cons. Francesco Caringella. Felicitazioni e congratulazioni  alla dottoressa sono state inviate da autorità, amici e parenti. Ancora una volta la nostra terra si rivela ricca di eccellenze,che fanno onore a questa nostra zona, spesso posta ai limiti dello sviluppo e della modernità.  Giovanna dovrà ritirare le attestazioni di merito a breve a Bruxelles.

Digeneralmanager

Il Comune di Recale per il sostegno alle fasce deboli,pronti i voucher farmaceutici a

 

vestiniL’amministrazione comunale di Recale ancora al fianco delle fasce deboli. E’ stato, infatti, pubblicato un avviso pubblico per l’assegnazione di 280 voucher farmaceutici che consentono ai cittadini meno abbienti di poter ritirare medicinali non mutuabili o parafarmaci, presso la farmacia comunale di piazza Municipio. Le domande possono essere presentate sino al prossimo 29 marzo. «Sin da quando ci siamo insediati come amministrazione abbiamo cercato di mettere in campo tutte le iniziative tese a venire incontro alle esigenze dei cittadini di Recale – ha sottolineato sindaco Patrizia Vestini – i voucher rientrano sicuramente in questa logica. Attraverso questo sistema riusciamo a venire incontro ai problemi di famiglie con reddito molto basso dove, magari, sono anche presenti patologie particolari che non possono essere curate con medicinali mutuabili. Sono tantissimi i prodotti parafarmaceutici che mediamente le famiglie acquistano. Con i voucher daremo respiro a tante persone consentendo loro di poter godere dei prodotti senza l’esborso di danaro».

Digeneralmanager

“Professione artista” il documentario in anteprima a Caserta

 

scenaOfficina Teatro è il luogo dove un gruppo di artisti fabbrica opere di vario genere, il posto in cui ogni anno andava in scena il festival sulle arti contemporanee che portava a Caserta professionisti da ogni angolo del paese. Ed è proprio in questo piccolo laboratorio a due passi dal Belvedere di S. Leucio che ha preso forma il documentario “PROFESSIONE: ARTISTA”. Era naturale, quindi, che la presentazione in anteprima avvenisse nel teatro che da anni dirige Michele Pagano in collaborazione con Maria Macri. L’opera sarà presentata venerdì 3 marzo alle ore 21 in Viale degli Antichi Platani. La proiezione è ad INGRESSO LIBERO e oltre ad uno degli autori, Gaetano Ippolito, saranno presenti numerosi artisti che hanno partecipato al film con i propri personaggi. In collegamento telefonico interverrà anche l’altro autore Sebastiano Sacco.     Il film è un viaggio nell’affascinante mondo dell’arte ed un’indagine sulle persone che lo popolano. Gli artisti, uomini e donne che hanno scelto una vita di continui cambiamenti, spostamenti e scenografie, piena di passione e soddisfazioni, nonostante la precarietà che questa comporta. Interviste, performance, danze, canti e monologhi ci accompagnano nelle vite di queste persone, prima, e personaggi, poi. Scopriamo il dietro le quinte di individui che, spesso, vediamo solo nelle vesti dei personaggi che interpretano. Dal Sud al Nord dell’Italia, fino ad arrivare ai Paesi europei, questo documentario è un confronto tra gli stili di vita degli artisti, scelti o imposti dalla società, e le prospettive per il futuro, scelte o imposte dagli Stati di provenienza. Il documentario, ideato, scritto e diretto da Gaetano Ippolito e Sebastiano Sacco, è stato girato nel 2015, nell’ambito del Festival Ouverture, tenutosi ad Officina Teatro, teatro sperimentale della città di Caserta. Grazie alla disponibilità di Michele Pagano, direttore artistico di Officina Teatro, degli artisti casertani e di tutti quelli provenienti dal resto dell’Italia e dall’estero per partecipare a questo importante appuntamento, i due autori hanno avuto la possibilità di sviluppare un’interessante riflessione sul binomio arte-precarietà. Viseeva e Terra di Cinema, produzioni del film documentario, hanno supportato i registi nei mezzi e nell’organizzazione. La produzione del documentario, totalmente indipendente, ha richiesto circa una settimana di lavoro di ripresa, seguita da una post-produzione di un anno. Le musiche originali sono state sviluppate da Vincenzo De Lucia. La produzione esecutiva è stata curata da Valentina Crisci. Nell’opera si alternano interviste e performance di artisti che, con passione e caparbietà, affrontano il precario mondo dell’arte consapevoli delle difficoltà ma, al contempo, delle grandi soddisfazioni, soprattutto personali, che questo porta. Chi percepisce se stesso come un “funambolo” in bilico tra il cielo e la terra nel tentativo di raggiungere la bellezza estrema. Chi parla dell’artista come un uomo che affronta la vita “faccia a faccia con la paura”. Chi è consapevole delle maggiori difficoltà di chi fa arte in Italia e, per questo, ha deciso di lasciare il proprio Paese di origine per vedersi realizzato. Sono tutti tasselli di un puzzle più ampio che, alla fine del documentario, porterà lo spettatore ad una maggiore comprensione delle vite, dei bisogni e delle passioni di chi, dietro le quinte, si affanna per rendere l’idea del mondo e della società più bella ed originale. Gli autori, Gaetano Ippolito e Sebastiano Sacco, sono due filmmaker e produttori indipendenti, che hanno già collaborato e co-prodotto “Please”, un documentario girato in Tanzania e presentato in diversi festival.

 

Digeneralmanager

Anci Regione,tra gli 11 componenti del comitato esecutivo un solo rappresentante della provincia di Caserta. Marino: “Un atto inspiegabile e da censurare”

 “L’atto di integrazione del Comitato Esecutivo compiuto dalla dirigenza dell’Anci Regionale della Campania, che determina tra gli 11 componenti la presenza di un solo rappresentante della provincia di Caserta, che così perde un delegato, è inspiegabile, da censurare e mortifica il nostro territorio”. Così si è espresso il sindaco di Caserta, Carlo Marino. Marino primarie“Così come è composto – ha aggiunto il primo cittadino – il Comitato Esecutivo Anci Regionale non è assolutamente rappresentativo dei territori. Inoltre, agendo in questo modo, l’ente dimostra di ignorare le numerose problematiche della nostra provincia, a partire dalle tante criticità legate alla disoccupazione e alle difficoltà economico-finanziarie evidenziate in più occasioni dalle classifiche sul benessere e sulla qualità della vita. L’unico rappresentante in seno al Comitato Esecutivo Anci regionale del nostro territorio è il sindaco di Presenzano, il quale, pur svolgendo egregiamente la sua mansione, ha bisogno di un supporto da parte di altri delegati della provincia di Caserta. Ripeto: l’azione della dirigenza Anci campana è inspiegabile e inaccettabile. Solleverò il caso – ha concluso Marino – al tavolo nazionale, sottoponendolo all’attenzione del Presidente De Caro”.

Digeneralmanager

Conclusi gli incontri di tennis “Trofeo Kinder” mentre proseguono i preparativi della trentesima edizione del torneo internazionale femminile “Citta’ di Caserta”

tennisSi sono conclusi sui campi dello Sporting Club Briano e del Tennis Club Caserta di via Laviano, gli incontri del “Trofeo Kinder”, prima tappa regionale del Circuito Nazionale Giovanile 2017. Alla manifestazione hanno partecipato circa duecento giovani atleti, provenienti da tutti i circoli della Campania e delle regioni limitrofe. Le gare, a cui ha assistito un folto numero di appassionati, familiari e tecnici, hanno confermato il buon livello raggiunto dal tennis regionale campano. Nella categoria 2004 maschile ancora un successo per Mattia Salvatore, giovane atleta del Tennis Club Caserta già inserito nel gruppo dei ragazzi di interesse nazionale, che in finale si è imposto (6-4 / 7-5) su Luciano Barbarino del Tennis Club Capodimonte. Nella categoria 2001/2002 maschile finale in casa fra due atleti dello Sporting Club Briano: ha prevalso Riccardo D’Angelo su Marino Cerrato. Nella categoria 2003 Mariano Tammaro del Tennis Club Capodimonte si è imposto su Giancarmine Iacquinta del Tennis Club Caserta. Nella categoria 2005 successo di Fabrizio Osti del Tennis Club Ercole su Marco Romano dello Sporting Club Poseidon. Intanto proseguono presso il Tennis Club Caserta di via Laviano i preparativi per il tradizionale appuntamento primaverile con il Torneo Internazionale Femminile “Città di Caserta”, che quest’anno (20-28 maggio) raggiungerà la trentesima edizione. Dopo la scelta del bozzetto per la copertina della brochure e dell’almanacco della manifestazione, che è stata effettuata coinvolgendo gli studenti dell’Istituto d’Arte “San Leucio” di Caserta che hanno svolto un concorso interno, altra iniziativa posta in campo per celebrare il prestigioso traguardo della 30° Edizione del Torneo è l’accordo raggiunto con le Poste Italiane per l’emissione di un annullo filatelico speciale in occasione della prima giornata di gare. L’annullo verrà poi ritirato e conservato nel Museo Nazionale delle Poste a Roma. L’iniziativa incontrerà l’interesse non solo degli appassionati di tennis ma anche dei “marcofili” e di tutti gli amanti della filatelia.

Digeneralmanager

Il Ministero dell’Interno esprime parere favorevole sul riequilibrio finanziario del comune di Caserta. Marino:”Risultato straordinario,finalmente possiamo programmare con serenita’”

 

 marinoLa Commissione per la Finanza e gli organici degli enti locali del Ministero dell’Interno, riunitasi stamani, ha espresso parere positivo sulla proposta di riequilibrio finanziario avanzata dal Comune di Caserta. La procedura è durata oltre 6 mesi (è ufficialmente partita il 10 agosto quando la delibera sul riequilibrio è stata approvata dall’Amministrazione) ed ha visto il Ministero dell’Interno svolgere una funzione istruttoria, con l’accurata valutazione analitica del documento proposto dalla città di Caserta. A seguito della conclusione positiva di questa vicenda, il Comune ha chiesto al Ministero l’erogazione di un contributo di circa 20 milioni di euro, che verrà utilizzato per saldare i debiti contratti negli anni precedenti all’insediamento dell’attuale Amministrazione. Un provvedimento, questo, che avrà il compito di ridare fiato al tessuto economico cittadino e che segnerà un passo fondamentale per il ritorno alla normalità sotto il profilo economico-finanziario. Tale importante somma potrà essere corrisposta al Comune allorquando la Corte dei Conti (che adesso avrà la possibilità di avanzare eventuali rilievi) esprimerà lo stesso parere positivo già fornito dal Ministero dell’Interno.

“Questa notizia – ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino – ha un valore straordinario e segna la svolta non solo per l’attività di questa Amministrazione, ma per l’intera città. Oggi il Ministero dell’Interno ha sancito il ritorno del Comune di Caserta alla piena vitalità sotto il profilo finanziario. Da Roma è arrivato un atto di fiducia notevole nei confronti dell’eccezionale lavoro svolto dall’Amministrazione e in particolare dall’assessore alle Finanze, Federico Pica, in collaborazione con gli uffici, con la Giunta e con il Consiglio Comunale. Al professore Pica va il mio ringraziamento sincero per un’attività preziosa ed instancabile al servizio della città. Non era facile, vista la gravissima situazione economico-finanziaria che ci siamo trovati davanti, raggiungere un simile obiettivo. A questo punto – ha concluso il sindaco – la Giunta intende impegnarsi al pagamento dei debiti nei confronti dei numerosi creditori che hanno atteso per tanto tempo. Il nostro intento è far ripartire l’economia della città e programmare il futuro con maggiore serenità”.

Digeneralmanager

In pensione dopo trentotto anni al servizio della collettivita’, il saluto della Questura di Caserta

 

gruppoDa domani, 1 marzo, la Questura di Caserta perde uno dei suoi pilastri. Non un poliziotto, ma un “civile”, o per meglio dire un appartenente all’Amministrazione civile del Ministero dell’Interno, che, alla pari di un poliziotto, ha dedicato la sua vita per la sicurezza dei cittadini di questa provincia. Dopo 38 anni di lavoro, va in pensione il dr. Nicola Bernardo, colonna della Divisione Anticrimine della Questura. Una presenza costante, rassicurante, professionale. Trentotto anni di impegno e sacrificio, in ufficio ogni mattina, dalle otto in punto. Mai un giorno di malattia. Un esempio virtuoso, per dimostrare che, anche nella Pubblica Amministrazione, la passione e la professionalità sono alla base dei risultati, che contano ancor di più se consistono nel garantire tutela e serenità ai propri concittadini. Sposato, padre di due figlie, Nicola Bernardo è entrato in Amministrazione nel ’79, dopo aver conseguito la laurea due anni prima. Ha iniziato la sua esperienza a Cuneo per poi giungere – dopo una tappa a Benevento – alla Divisione Polizia Anticrimine della Questura di Caserta, dove ha lavorato ininterrottamente dal maggio dell’ ’84 fino ad oggi. Per il Questore di Caserta Antonio Borrelli “le Istituzioni e tutta la cittadinanza hanno bisogno di persone come Nicola Bernardo. Uomini che lavorano nell’ombra, in silenzio, ma il cui costante e prezioso contributo è più che visibile e fa funzionare le cose. Va in pensione una persona perbene, un grande lavoratore, “memoria storica” della Questura che ha dato davvero tanto per Caserta e la sua provincia. A nome dei Funzionari e di tutto il personale della Questura gli rivolgo un infinito ringraziamento”. Un contributo silenzioso, riservato, meticoloso di cui tutta la Questura di Caserta sentirà la mancanza. Un vuoto che gli amici e colleghi cercheranno di riempire ispirandosi al suo esempio, fatto di moralità, abnegazione e senso dello Stato.

Digeneralmanager

Operazione della Squadra Mobile di Caserta contro il Clan Bidognetti

 

Polizia Nella mattinata odierna, la Squadra Mobile di Caserta ha dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e agli arresti domiciliari emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta di questa Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di NOVE persone, a vario titolo indagate per estorsione, detenzione e porto illegale di armi comuni da sparo, furto aggravato, rapina aggravata, ricettazione, indebito utilizzo di carte bancomat, favoreggiamento personale, danneggiamento, esplosione di colpi d’arma da fuoco sulla pubblica via, detenzione illegale di cartucce, reati commessi con l’aggravante del metodo camorristico, al fine di agevolare il “clan dei casalesi – fazione BIDOGNETTI”. L’attività di indagine ha permesso di svelare l’esistenza di un gruppo criminale attivo in Castel Volturno – località “Destra Volturno” ed ha fotografato l’evoluzione del sodalizio denominato clan dei Casalesi, in particolare della frangia riconducibile al capo clan detenuto BIDOGNETTI Francesco, nell’arco temporale intercorrente tra agosto e novembre 2015. Il gruppo criminale era capeggiato dal pregiudicato RUSSO Nicola cl. ’83 che, dopo la scarcerazione, si rendeva da subito protagonista di svariate condotte illecite. Lo stesso ha operato quale referente del clan dei casalesi nell’area di Castel Volturno e, in particolare, nel territorio di “Destra Volturno”, ove ha imposto ai proprietari delle abitazioni il versamento di denaro a titolo di “guardiania”. In altri termini, la “guardiania” rappresentava una forma di estorsione in quanto le abitazioni i cui titolari non aderivano al “servizio offerto” venivano sottoposte a danneggiamenti o a furti. L’attività d’indagine ha permesso di dimostrare altresì gli intenti criminosi di RUSSO Nicola nei confronti del Pubblico Ministero Cesare SIRIGNANO, già Sostituto Procuratore della Repubblica di Napoli e ora alla Direzione Nazionale Antimafia, protagonista di diverse inchieste nei confronti di accoliti al clan dei casalesi. Nel corso delle attività è stata infine attestata la commissione di diverse rapine con armi da parte del gruppo criminale e la pianificazione di una di esse in pregiudizio del titolare di un supermercato di Mondragone. L’indagine ha permesso di trarre in arresto il pregiudicato evaso PAGLIUCA Achille cl. ’80 che aveva trovato rifugio in una abitazione messa a disposizione da RUSSO Nicola

Digeneralmanager

Nuovo depuratore di Mondragone,al via le indagini per la definizione di soluzioni alternative

parco archeologico mondragone2 A margine dei diversi incontri tecnici e dei sopralluoghi presso le aree interessate dalla realizzazione delle indagini archeologiche, che hanno permesso di rinvenire ulteriori emergenze di significativo rilievo storico/culturale, fermo restando il prosieguo delle attività già programmate, si comincia a porre in essere ogni azione necessaria al fine di valutare la fattibilità di possibili tracciati alternativi. Infatti, questa mattina – martedì 28 febbraio – al fine di definire una possibile soluzione alternativa a quella ad oggi individuata per il nuovo impianto di depurazione di Mondragone, saranno effettuate indagini con strumentazione geo radar che forniscano indicazioni utili sulla presenza di eventuali strutture murarie archeologiche, alla presenza dei funzionari comunali, saranno effettuate.