Archivio mensile gennaio 2017

Digeneralmanager

Fabio Bonafede commenta la partita persa domenica contro Soverato

bonafede“Contro Soverato le ragazze hanno giocato una partita importante. Nonostante fossimo in formazione rimaneggiata e con la centrale Mio Bertolo schierata in un ruolo non suo, siamo stati costantemente nella sfida. Ovvio che alla fine eravamo stanchi e si è ceduto al tie break”. Così si apre la nostra intervista con il coach rosanero Fabio Bonafede. Contro Soverato si è ceduto al quinto set al termine di una lunga e dura battaglia sportiva. Un match che ha evidenziato il forte spirito di squadra delle rosanero, la loro grande determinazione. ” La grinta, la voglia di lottare sono tipiche delle mie squadre. – ha proseguito il tecnico volaltino –  Domenica scorsa, come in tutte  le gare questo spirito si è visto nuovamente. Non dobbiamo mollare mai niente, questo deve essere sempre il nostro imperativo”. Peccato per alcuni cali di rendimento.  “Abbiamo dei blackout, frutto del nostro vissuto che, ancora, non sono riuscito a togliere. Dovrei essere molto contento perchè abbiamo sfiorato l’impresa ma io gioco solo per vincere e non ci si può accontentare di un punto”. Bonafede sottolinea, infatti, come la sfida con le calabresi avrebbe anche potuto avere un epilogo diverso. “Potevano essere tre punti, invece ne portiamo a casa uno solo. Non posso essere contento, ma, parimenti, riconosco che è un punto molto pesante ed importante in chiave salvezza”. Già, la lotta per non retrocedere si infiamma ancora di più. Il colpaccio di Mondovì sul campo di Olbia consente l’aggancio delle piemontesi alle volaltine a quota dodici, ma anche la riduzione del gap rispetto alle sarde, ora di soli tre punti. Salvezza diretta e play out, sono, quindi, un discorso ancora apertissimo. Caserta ci crede, è viva ed ha ancora diverse fiches da giocare sul tavolo del campionato.

 

Digeneralmanager

“Musica in bottega” concerto del duo Ferdinando Ghidelli e Antonio De Innocentis

ghidelliNell’ambito della 1ª Stagione Concertistica “Musica in Bottega” per la direzione artistica di Antonio De Innocentis, Venerdì 3 Febbraio, alle ore 20.30, presso la La Bottega del Teatro (in Via Volturno 16-18) Caserta, si svolgerà l’inedito concerto del Duo Ferdinando Ghidelli, pedal steel guitar, e Antonio De Innocentis, chitarra classica, con la partecipazione di Fiammetta De Innocentis, voce.

I due musicisti, provenienti da esperienze diverse propongono un progetto che coniuga la chitarra classica, strumento “storico” e prettamente acustico, con la “pedal steel” che ha una storia relativamente breve (primi anni ’60) ed è uno strumento “elettrificato”. Questa diversità, invece che scoraggiare, ha stimolato la creatività dei due musicisti che hanno cercato un percorso e delle sonorità comuni e il programma della serata è una fusione delle loro esperienze, spaziando dalla musica classica, al pop, al blues, al country

La voce della giovane Fiammetta salderà ulteriormente la trama musicale creata dai due chitarristi casertani.

La serata, terz’ultima della stagione di concerti, si preannuncia quindi di sicuro interesse per gli appassionati di musica d’ascolto

Digeneralmanager

Firmato oggi a San Pietroburgo un accordo di collaborazione tra la Reggia di Caserta e il Museo Statale Ermitage

 

Reggia San Pietroburgo 2017-01-31Un accordo di collaborazione quadriennale, un Memorandum d’Intesa che apre a importanti iniziative future, è stato siglato oggi a San Pietroburgo tra la Reggia di Caserta – patrimonio Unesco dal 1997 – e il Museo Statale Ermitage. Si avvia così una significativa sinergia tra il prestigioso museo fondato da Caterina la Grande – che, ricco di oltre 3 milioni di opere, riserva da sempre un posto di rilievo all’arte italiana – e uno dei siti monumentali più importanti e affascinanti del nostro Paese, oggi Museo Statale Autonomo, al centro di una complessiva azione di rilancio e valorizzazione. A siglare l’accordo, nelle sale del Palazzo d’Inverno sulla Neva, il direttore della Reggia di Caserta Mauro Felicori – da poco più di un anno alla guida del complesso campano su nomina del Ministro Franceschini – e il Direttore Generale dell’Ermitage Michail Piotrovsky, che non ha mancato di sottolineare come siano vaste le possibilità di collaborazione scientifica tra due Istituzioni Internazionali che, oltre a custodire importanti patrimoni d’arte e a ricordare i fasti di dinastie del passato con le loro meravigliose architetture – I Romanov e i Borbone – propongono anche un’inedita e forse inattesa attenzione alla modernità.  Il Museo Ermitage – che due anni fa ha inaugurato una grandiosa ala interamente dedicata all’arte moderna e contemporanea, nell’adiacente Palazzo dello Stato Maggiore – ha anche avviato nel 2007 il progetto “Ermitage 20/21” per l’arte contemporanea, con lo scopo di collezionare, esporre e studiare l’arte dei secoli XX e XXI quale specchio della cultura d’oggi. D’altro canto, la stupefacente Reggia di Caserta, accanto agli appartamenti storci e alla Pinacoteca del Sette e Ottocento vanta, su lascito del collezionista e gallerista Lucio Amelio, la ricca collezione Terrae Motus con opere di artisti di rilevo internazionale, tra i quali Keith Haring, Robert Mapplethorpe, Tony Cragg, Gilbert e George, Andy Warhol, Robert Rauschenberg, Mimmo Paladino, Michelangelo Pistoletto, Emilio Vedova, chiamati a confrontarsi con il dramma del terremoto che colpì Campania e Basilicata nel 1980. Proprio la comunanza di alcuni interessi e tematiche ha spinto a ricercare una collaborazione reciproca su progetti che verranno definiti da appositi gruppi di lavoro nei prossimi mesi. Ricerche congiunte e convegni, scambio di informazioni, stage, sviluppo dei sistemi di fruizione dei Beni culturali, restauro e grandi mostre sono tra i possibili campi d’azione del memorandum sottoscritto da Felicori e da Piotrovsky – presente alla firma anche Maurizio Cecconi, Segretario Generale di Ermitage Italia che ha collaborato all’intesa – che individua in particolare, come tematiche di riflessione e confronto scientifico per possibili esposizioni all’Ermitage o alla Reggia di Caserta:   1) la pittura di paesaggio con i suoi variegati registri iconografi caratteristici delle diverse scuole europee che hanno sviluppato e approfondito la rappresentazione dello scenario naturale, facendo riferimento alla collezione di dipinti del pittore vedutista Jacob Philipp Hackert conservati presso la Reggia di Caserta;  2) la produzione artistica di età contemporanea e quanto in questo ambito è rappresentato dalla Collezione Terrae Motus;  3) il tema delle Corti imperiali, inteso nei suoi diversi  aspetti, storici, culturali, artistici e sociali, in riferimento alla vita di Corte nella sua dimensione pubblica e privata. Relazioni internazionali dunque foriere di iniziative di grande interesse scientifico e culturale che possono contribuire a rilanciare l’immagine della Reggia di Caserta in Europa e nel mondo, anche con effetti e ripercussioni nel settore del turismo culturale. In questo senso entrambi i protagonisti dell’iniziativa hanno sottolineato l’importanza che la collaborazione produca nuove motivazioni e occasioni per l’implementazione del turismo culturale da parte italiana verso la Russia, e in particolare verso il Museo Ermitage, e da parte russa verso l’Italia ossia verso la Reggia e il territorio di Caserta.

Digeneralmanager

“Hart Cinema Food Music”, Caserta e’ rappresentata da Rosanna Marziale,Manuel Lombardi e Mimmo La Vecchia

 

bufalarosanna Giovedì 2 Febbraio alle ore 20.30 torna l’atteso appuntamento con In Poltrona con lo Chef, la rassegna ideata da Wine&Thecity, che mescola cucina, cinema e cultura in un mix inedito di sapori e spettacolo. Il quarto appuntamento celebra Caserta sullo schermo e nel piatto con la chef Rosanna Marziale Stella Michelin di Le Colonne di Caserta, Manuel Lombardi pastore e casaro de Le Campestre a Castel di Sasso e Mimmo La Vecchia conduttore del caseificio Il Casolare di Alvignano che si esibiranno in inedite performance live e racconti di cucina e territori. Ad aprire la serata è il cortometraggio“Caserta Place Dream” del regista australiano James Mc Teigue prodotto nel 2014 da Pasta Garofalo – protagonista il premio Oscar Richard Dreyfuss, Kasia Smutniak, Valerio Mastandrea e con la partecipazione di Ennio Fantastichini e Malika Ayane – un piccolo kolossal in costume ambientato nella Reggia di Caserta. La serata prosegue sul palco del cinema Hart dove è allestita la cooking station di Schettino Cucine Professionali e dove si alternano in una sorta di Jam session gastronomica i tre protagonisti. Il pubblico in sala ascolta, assaggia e interviene. La serata è concepita come un viaggio multisensoriale alla scoperta della Terra di Lavoro, terra di bufale e pascoli, di vigne e prodotti tipici unici come la mela annurca.  Un’audio-degustazione “Il ritorno fantastico di Carlo di Borbone” di Rosanna Marziale introduce la performance gastronomica. Naso, occhi, palato e dita vengono coinvolti nell’esperienza. Mimmo La Vecchia mostra come nasce una mozzarella di bufala campana tra gesti antichi e una manualità sorprendente. Manuel Lombardi racconta il Conciato Romano, unico presidio Slow Food della provincia di Caserta, formaggio antico e prezioso, affinato in anfore di terracotta che schiudono profumi inebrianti. Rosanna Marziale cucina uno dei suoi piatti cult. Nei calici un’altra eccellenza del casertano: i vini dell’azienda Terre del Principe di Castel Campagnano di Manuela e Peppe Mancini. Il vino in degustazione è Le Sèrole 2015 da uve Pallagrello bianco 100% raccontato dalla voce dell’attrice Marialuisa Firpo che scandirà i tempi della serata tra lettura e interpretazione. In poltrona con lo chef fa leva sulla contaminazione di generi, sull’improvvisazione colta e curiosa: cucina, spettacolo, cinema d’autore, grandi vini e design con le poltrone Aris 1967 di Valentina Pisani Architetto, compongono la ricetta sempre nuova di ogni serata.

Digeneralmanager

Calato il sipario su CreaZione Festival

 

sguegliaDopo il poliedrico Maurizio Casagrande e il regista Edoardo De Angelis, si sono raccontati al pubblico di CreAzione Festival altre due grandi artiste. Sabato 28 gennaio a Roccaromana, in una chiesetta dedicata alla Madonna del Castello annessa alla suggestiva Torre Normanna, l’attrice e doppiatrice Renata Fusco, figlia di una pianista e di un pittore, ha raccontato il suo primo amore (la danza), la gelosia che da piccola nutriva nei confronti del “mostro nero con la coda” (il pianoforte), gli anni di studio, la scoperta del canto e del mondo della lirica, la differenza tra operetta e musical, l’incontro con l’attore, regista e coreografo Sandro Massimini e con il magico mondo della Disney, la collaborazione con l’ensemble di musica rinascimentale e barocca Antica consonanza composta da Guido Pagliano (viola da gamba, flauti), Ugo Di Giovanni (liuto a 8 cori), e Pier Francesco Borrelli (clavicembalo), gli stessi musicisti che l’hanno accompagnata nel corso della serata nell’esecuzione di brani di tradizionale napoletana. Non è mancata la proiezione di clip tratte dalla ricca carriera di Renata Fusco, echi dalla fantasia della Disney che hanno emozionato tantissime bambine presenti per l’occasione e che hanno richiesto all’artista “un po’ di Sirenetta”. Alla chiacchierata moderata da Michele Rosco è seguito il concerto-spettacolo del gruppo musicale Ave Gratia Plena fondato a Limatola nel 1991 e diretto da Pietro Di Lorenzo. “Amore, gioco e danza nella musica e nella danza del Medioevo” ha proposto musiche vocali e strumentali dai Carmina Burana ai brani “satirici” tratti dalle raccolte italiane dell’ars nova, a fare da sfondo le colline come luogo suggestivo e la splendida Torre che “governa e controlla tutto il territorio”. “Un’occasione di promozione per piccoli paesi come Roccaromana, sono contenta di aver aderito al progetto”, ha commentato il sindaco Anna Filomena De Simone. Concetto ripreso, la sera seguente a Caiazzo (domenica 29 gennaio) in occasione della chiusura ufficiale di CreAzione Festival, dal direttore artistico Simona Caracciolo e dal primo cittadino-promotore dell’idea progettuale della città di Caiazzo Tommaso Sgueglia. “La sinergia e la collaborazione tra i comuni continuerà con altri eventi – ha sostenuto la fascia tricolore – il binomio cinema e territorio ha funzionato e ha dimostrato ancora una volta la ricchezza storica e culturale dell’Alto Casertano, la generosità e il calore degli abitanti e dei centri storici”. La serata nell’Auditorium ex Chiesa dell’Annunziata è iniziata con un altro coinvolgente talk, sul palco questa volta Cristina Donadio, meglio conosciuta come Scianel della serie Gomorra. Ha ripercorso i suoi 35 anni di carriera, il suo amore e impegno nel teatro, il primo film “Nel regno di Napoli”, l’esordio con Nino Taranto, l’esperienza con De Filippo e Giuffrè, l’esperienza con Gomorra e l’interpretazione della ‘iena’ del clan, fino a lanciare un sano messaggio ai giovani dicendo loro: “Scoprite la vostra passione come esigenza interiore, con essa supererete tutto, ogni difficoltà”. Hanno chiuso il cartellone dedicato alla cultura e al marketing territoriale, il sound, le parole e le note di Enzo Gragnaniello in duo. “Ogni canzone è un viaggio”, ha confessato ai fan e al pubblico presente, lo stesso cantautore partenopeo che dimentica le sue radici e racconta sempre le sue collaborazioni, tra tutte quella con Roberto Murolo e Mia Martini che ha omaggiato con l’emozionante “Cu’mme”. Nella stessa serata sono stati proiettati il corto da fiction e il documentario realizzati grazie ad un concorso con giovani sceneggiatori inserito e voluto fortemente proprio in CreAzione. I soggetti cinematografici sono stati girati e montati durante il periodo di svolgimento del festivaldalla Breeze Entertainment (rappresentanti dal produttore Giovanni Scirocco e dal videomaker e direttore della fotografia Antonio Guastafierro), lavori diretti da Nicola Spanò che hanno coinvolto talenti locali e raccontato uno spaccato incontaminato e naturale della provincia di Caserta.

Digeneralmanager

Terminati i lavori di ripristino della facciata del Belvedere nei pressi della chiesa di San Ferdinando Re

 

belvedere2Sono stati conclusi i lavori di ripristino e di messa in sicurezza del cornicione della facciata esterna del Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio, dopo il distacco di intonaco che si era verificato lo scorso 8 gennaio nei pressi della Chiesa di San Ferdinando Re. Qualche giorno dopo l’accaduto il Comune di Caserta aveva provveduto ad incaricare una ditta specializzata nel restauro di edifici storici e di alto pregio artistico, che ha subito iniziato i lavori di riqualificazione. Dopo un’attività svolta senza sosta, la facciata è tornata alla sua condizione normale e dall’ufficio tecnico del Comune è stato ribadito che la situazione strutturale del Belvedere sarà monitorata costantemente e con grande attenzione. “In questa circostanza – ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino – il Comune si è mosso con grande celerità, ripristinando in tempi rapidi la situazione preesistente. Il Belvedere di San Leucio rappresenta uno dei principali tesori del patrimonio artistico-culturale della città di Caserta. La nostra Amministrazione intende puntare fortemente su questa struttura, che può e deve essere un grande attrattore di importanti flussi turistici. In questo senso – ha concluso il sindaco – l’aumento del numero dei visitatori registrato negli ultimi 6 mesi rappresenta un dato molto incoraggiante. Dobbiamo e vogliamo fare di più, ma la direzione è quella giusta”.

Digeneralmanager

Dal 1° febbraio cambiano gli orari di apertura al pubblico dei registri immobiliari

 

truffa-onlineNuovi orari per i servizi di pubblicità immobiliare. Dal 1° febbraio, infatti, le Conservatorie dei registri immobiliari saranno aperte al pubblico dalle 8.30 alle 13 dei giorni feriali, escluso il sabato. Lo prevede l’articolo 7-quater, comma 38, del decreto-legge n. 193/2016, inserito dalla legge di conversione n. 225/2016. Resta ferma la chiusura alle 11 nell’ultimo giorno del mese. Il nuovo orario, posticipato di mezz’ora rispetto a quello attuale (8-12.30), si riflette anche sulle formalità integralmente trasmesse per via telematica, che quindi si considereranno presentate :nello stesso giorno di trasmissione, di seguito a tutte le formalità presentate fisicamente allo sportello, se la trasmissione viene effettuata entro le ore 13; nel giorno successivo a quello di trasmissione, di seguito a tutte le formalità presentate fisicamente allo sportello, se la trasmissione viene effettuata dopo le ore 13. La nuova normativa prevede anche la possibilità di ampliare l’orario di svolgimento dei servizi di ispezione ipotecaria e di rilascio di copie e certificazioni oltre la fascia oraria 8.30-13. Questo ampliamento sarà reso operativo successivamente, una volta definiti i necessari aspetti organizzativi.

Digeneralmanager

Approvato dal Consiglio comunale di Caserta il Regolamento dei beni mobili e immobili

 

marinoIl Consiglio Comunale ha approvato, nel corso della seduta odierna, il “Regolamento dei Beni Mobili e Immobili”, la cui proposta presentata dall’assessore al Patrimonio, Alessandro Pontillo, era stata deliberata dalla Giunta Comunale nel dicembre scorso. L’obiettivo del nuovo regolamento è la gestione efficiente di beni mobili ed immobili del patrimonio comunale, attraverso procedure amministrative certe e riconosciute. Il Regolamento disciplina tutti i beni di qualsiasi natura ed i diritti di pertinenza del Comune di Caserta ed, in particolare, definisce i principi generali e le modalità di inventariazione, gestione e dismissione degli stessi. Su proposta del consigliere Emiliano Casale, poi, accolta dall’intera maggioranza consiliare, è stato anche approvato un emendamento che prevede per i beni eventualmente affidati alle associazioni la necessità di una relazione semestrale che permetta di valutare i servizi offerti alla collettività.

“Il nuovo regolamento – ha spiegato il sindaco Carlo Marino – ci consente di mettere ordine in un settore per troppo tempo trascurato. Finalmente sono state definite modalità precise di acquisizione, di utilizzo, di concessione e di alienazione di ogni tipo di bene comunale, mobile ed immobile, che ora potrà essere inventariato e valutato anche in termini economici. Le difficoltà finanziarie che esistono ancora, seppur in gran parte superate grazie alla nostra intensa e lungimirante attività, non permettono più errori e superficialità. Ringrazio tutti i consiglieri – ha concluso Marino – che hanno votato il provvedimento ed anche il relativo emendamento che consentirà di affidare beni comuni ad associazioni solo in caso di una concreta e conclamata attività svolta a favore della cittadinanza”.

Digeneralmanager

In audizione il piano emergenza roghi della Regione. Zinzi: bene le misure,vigileremo sull’attuazione

 

zinzi roghiQuesta mattina la III Commissione speciale ‘Terra dei Fuochi, bonifiche ed ecomafie’ del Consiglio regionale della Campania si è riunita per discutere dell’Emergenza roghi e dello stato di attuazione del piano delle azioni ex Dgr 548/2016. All’audizione, presieduta dal consigliere regionale Gianpiero Zinzi, hanno partecipato la vice presidente Loredana Raia, la segretaria Maria Muscarà e i consiglieri regionali: Francesco Emilio Borrelli e Michele Cammarano; l’assessore regionale all’Ambiente, Fulvio Bonavitacola, l’amministratore unico della Sma Campania spa, Lorenzo Di Domenico ed il direttore tecnico dell’Arpac, Vito Marinella. “La presenza dell’assessore Bonavitacola in audizione – ha dichiarato il consigliere regionale Gianpiero Zinzi – ci ha consentito di conoscere nel dettaglio le azioni che ha Giunta ha deliberato per il contrasto al fenomeno dell’abbandono di rifiuti e dei roghi dolosi in Campania. Siamo lieti che l’attenzione del governo regionale – come da noi richiesto mesi fa – si sia concentrata anche sull’odioso e pericoloso fenomeno dell’incendio di rifiuti attraverso l’utilizzo di nuove strumentazioni tecnologiche e l’aumento del numero di centri di coordinamento presenti sul territorio. Se questo piano sarà attuato nei tempi e nei modi stabiliti, saremo i primi a dare un fattivo contributo. Come sempre la III Commissione speciale è in prima linea nella lotta al fenomeno della Terra dei fuochi”.

Digeneralmanager

Due arresti della Squadra Mobile per estorsioni per conto del clan Belforte a Maddaloni

 

polizia arrestiNel corso della notte, nell’ambito di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale di Napoli, personale della Squadra Mobile di Caserta, con la collaborazione del Commissariato di P.S. di Maddaloni, ha eseguito un decreto di Fermo del P.M nei confronti di CERRETO Gaetano, di 34 anni,  e MASTROPIETRO Antonio di 39 anni , ritenuti responsabili del reato di estorsione aggravata dall’aver agito con metodologia mafiosa, al fine di agevolare il clan Belforte operativo nella città di Maddaloni, in pregiudizio di titolari di attività imprenditoriali e commerciali in Maddaloni. Le investigazioni hanno palesato che il vuoto di potere determinato dal contemporaneo stato di detenzione di tutti i personaggi di maggiore spessore criminale della zona maddalonese, consentiva di concentrare il monopolio delle attività delittuose in capo ad alcuni pregiudicati locali, tra cui l’odierno fermato Mastropietro, il quale dava corso alla raccolta dei ratei estorsivi durante le canoniche festività presso consuete e nuove attività estorte. I seguiti d’indagine hanno evidenziato il coinvolgimento nelle suddette richieste estorsive anche di Cerreto Gaetano. In particolare, le indagini hanno permesso di apprendere che MASTROPIETRO e CERRETO si rendevano responsabili di estorsioni ai danni di imprenditori attivi nel settore della ristorazione nell’area di Maddaloni e limitrofi dal mese di aprile 2016 al mese di dicembre 2016. Dopo le formalità di rito, gli arrestati sono stati condotti presso la casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere.