Archivio mensile novembre 2016

Digeneralmanager

Eccellenza cardiochirurgica a Caserta: il primo impianto ipercutaneo della Campania

Avatar
cardoUn pizzico di sano e condiviso orgoglio casertano, è il caso di dirlo,  promana dalla cardiochirurgia dell’Ospedale Civile di Caserta, recente  protagonista d’eccellenza campana negli interventi e nella cura delle patologie legate alla valvola mitrale. Si chiama “CARILLON” l’apparecchio percutaneo impiantato ieri per la prima volta in Campania presso la divisione di Cardiologia interventistica del nosocomio casertano dal dottor Alfonso Alfieri e dai suoi validissimi collaboratori. L’impianto è finalizzato alla correzione del rigurgito mitralico, un importante difetto di incompleta chiusura del foro atrioventricolare di sinistra che induce il parziale rigurgito del sangue, veicolato così dal ventricolo sinistro all’atrio sinistro. Il dispositivo “CARILLON” impiantato ieri presso l’ospedale S. Anna e S. Sebastiano di Caserta consente,  attraverso  una  semplice  procedura  percutanea  di modificare lo spazio fra i due elementi concentrici del muscolo cardiaco ridimensionando sensibilmente la dilatazione ed il reflusso sanguigno mitralico. L’apparecchio in oggetto è formato da un impianto destinato ad essere posizionato in modo permanente nel seno  coronarico o nella grande  vena  cardiaca  mediante  un  catetere e un supporto ad impugnatura. Va sottolineato che la forma  e la realizzazione del dispositivo in questione sono assolutamente compatibili con l’anatomia del cuore e permettono, inoltre, successivi rilasci se un primo apparecchio venisse nuovamente catturato. Si tratta di un lodevole esempio di Sanità  perfettamente allineato ai dettami di Diritto e Legislazione Sanitaria per quanto concerne il “Bene Pubblico Salute” e i contenuti inviolabili dell’articolo 32 della Costituzione italiana, purtroppo non sempre opportunamente onorati. L’entusiasmo del dottor Alfonso Alfieri, garbato e scrupoloso professionista, oltre che persona disponibile ed empatico sul lato umano per quanti hanno il piacere di conoscerlo, è palesemente virale. Lo testimoniano le sue dichiarazioni di soddisfazione, estensibili al primario Gregorio Salvarola brillantemente proteso alle innovazioni specialistiche del settore, a tutti i medici, infermieri ed operatori sanitari specializzati che lavorano indefessamente col cuore e per il cuore di Caserta e non solo. Questi sono, a parere di chi scrive, gli uomini che fanno silenziosamente la storia di tutti i giorni, stillando passione e speranze in chi soffre con dignità e in quanti si spendono lealmente per la comunità senza lesinare sacrifici di sorta.
Nando Silvestri
Digeneralmanager

Dal prossimo fine settimana a Caserta saranno disponibili 5 nuovi autobus

 

 

sciopero-trasporti-aprile-2015_278663Saranno operativi dal prossimo fine settimana cinque nuovi autobus che effettueranno il servizio di trasporto pubblico locale (tpl) nella città di Caserta. La notizia è stata ufficialmente comunicata dalla direzione della Clp, che ha precisato che si tratta di mezzi moderni e di ultima generazione, capaci di trasportare circa 60 passeggeri ognuno. Al momento questi nuovi bus si muoveranno lungo le linee attualmente esistenti in città. Successivamente, il Comune, d’intesa con il concessionario, lavorerà per potenziare alcune tratte particolarmente utilizzate, con speciale riferimento a diversi collegamenti strategici sotto il profilo turistico (Reggia, Belvedere di San Leucio, Casertavecchia) o dell’utilità sociale (ospedale, palazzo della salute, cimitero).

Dopo questa prima implementazione del parco mezzi, è previsto, entro il mese di marzo 2017, l’arrivo di altri 11 bus, che andranno a rinnovare in maniera sensibile l’intera dotazione a disposizione del servizio di tpl nella città Capoluogo. Tra questi nuovi autobus, uno sarà dedicato alla funzione di collegamento tra tutti i parcheggi pubblici e privati della città.

Tra le importanti novità in programma, poi, anche il potenziamento del servizio di comunicazione al cittadino, mediante la pubblicazione sul sito internet ufficiale del Comune di Caserta, già a partire dal mese di dicembre, di informazioni utili legate al servizio di trasporto pubblico locale nella città. Verrà realizzata, poi, una sinergia con gli altri Comuni limitrofi alla città di Caserta al fine di aumentare i collegamenti con il Capoluogo, venendo incontro alle esigenze di pendolari e studenti, anche alla luce del provvedimento recentemente adottato dalla Regione Campania e che prevede la gratuità delle corse in autobus per gli studenti di un’età compresa tra gli 11 e i 26 anni.

“L’arrivo di questi cinque nuovi bus – ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino – rappresenta un passo importante per il miglioramento complessivo del servizio di trasporto pubblico locale in città. Vogliamo dare efficienza a quello che consideriamo un settore fondamentale, che deve essere sempre più vicino alle esigenze dei cittadini, garantendo funzionalità e modernità. Proprio a tal proposito, a breve sarà possibile acquistare i biglietti degli autobus mediante l’utilizzo di una app direttamente dal telefonino. Questa applicazione fornirà informazioni utili sull’intero servizio di trasporto pubblico. La mobilità cittadina deve essere sempre più soddisfacente per i casertani e utile per rendere più fruibili i nostri eccezionali beni artistici e culturali”.

Digeneralmanager

Giovanni Leuci dopo 50 anni torna ad esporre nella sua Grazzanise

 

pittore “Il percorso di una vita”: è l’eloquente titolo della mostra antologica di pittura con la quale l’artista Giovanni Leuci, dopo mezzo secolo, torna ad esporre nel suo loco natìo. Un evento culturalmente importante, senza dubbio: per i significati rievocativi che suscita nell’immaginario collettivo, ma anche in ragione dei nuovi germogli che ne potranno derivare soprattutto per la giovane generazione locale. Mercoledì 14 dicembre, alle ore 17, la cerimonia di apertura a libero ingresso, nella Sala consiliare di Via Lauro. Interverrà il sindaco di Grazzanise, dott. Vito Gravante, portando il saluto personale e dell’intera Amministrazione comunale che ha patrocinato l’iniziativa, mentre due amici d’infanzia dell’artista, naturalmente presente, cureranno la presentazione critica della mostra. Le visite, libere e gratuite, potranno continuare giovedì 15 e venerdì 16, in orario mattutino (9-12) e pomeridiano (16-20); si dovrà invece chiede la prenotazione per quelle “guidate” dei gruppi. Trentadue le opere esposte, a cominciare dal solare e silente squarcio di “Via Volturno” in cui l’autore ha poeticamente racchiuso l’irriducibile amore per i luoghi della sua prima età. L’antologia leuciana offrirà ai visitatori un’ampia gamma di messaggi tematici nella quale dominano comunque immagini di umana pietà accanto a qualche esempio dolcissimo dell’arte sacra in cui egli si è cimentato, con prevegoli lavori, negli ultimi anni e che possono essere ammirati in varie chiese di Capua, la città dove Giovanni Leuci vive.L’allestimento della mostra si avvarrà della collaborazione del Cocevest (per i profili riguardanti la storia locale) e dell’associazione giovanile Teens’ Park (offrendo preziosi contributi tecnico-artistici ed organizzativi). Gli appassionati di arti figurative si troveranno di fronte ad un magnifico scenario d’insieme e, soffermandosi davanti a ciascuno dei dipinti esposti, sapranno cogliere subito i nuclei essenziali e l’ambientazione di ogni quadro, perché la comunicazione pittorica di Leuci è semplice, immediata, avvincente. Angelo Raimondo, il primo dei due suddetti amici, in un testo acutamente interpretativo riportato nella brochure che sarà in distribuzione, ha infatti scritto: “Nelle opere di Leuci le figure vengono rappresentate  nella loro intera plasticità, divenendo alla fine facilmente fruibili e gradevoli all’occhio dell’osservatore”. E al secondo, che per il momento qui resta segreto, sembra che il pittore grazzanisano e capuano d’adozione – dando il suo lieto assenso all’esposizione – abba voluto «dire agli amici antichi e nuovi, ad anziani e giovanissimi: “Ho navigato e navigo ancora, umile ma tenace, nel grande mare della pittura, e sono felice di raccontarvi delle meravigliose isole in cui mi sono riconosciuto”».

Raffaele Raimondo

Digeneralmanager

“Sport in…. comune” ,successo del convegno al Teatro Citta’ di Pace

comuneLa Campania e la provincia di Caserta “laboratorio” per sperimentare nel 2017 l’iniziativa patrocinata dall’Anci
“SPORT IN…COMUNE”: IL CONI ESALTA LA PERIFERIA
Oltre 50 Sindaci e Assessori al convegno svoltosi al Teatro “Città di Pace”-Il saluto del rappresentante dell’Anci Andrea Maccarelli, la relazione del dirigente centrale Nello Talento.   Oltre 50 Sindaci e Assessori allo Sport dei Comuni di Terra di Lavoro, in aggiunta ad ampie rappresentanze di dirigenti di Federazioni ed Enti Sportivi e ad esponenti del mondo della scuola, hanno partecipato all’incontro organizzato dal Coni di Caserta presso il Teatro “Città della Pace” a Puccianiello in occasione della presentazione del nuovo progetto nazionale del Coni “Sport in…Comune”, che si svolgerà in Campania ed a Caserta nel 2017.
Così come due anni fa con il Trofeo Coni, per la prima volta allestito in Campania e, specificamente, a Caserta, verrà sperimentato nel 2017 proprio nella nostra Regione, con particolare attenzione a Terra di Lavoro, il nuovo progetto, elaborato dal massimo Ente sportivo e che vede come partner ufficiale l’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani). Denominato “Sport in…Comune” è specificamente rivolto a sollecitare l’impegno degli Enti locali per un rilancio delle attività motorie di base. In pratica la Campania e Caserta rappresenteranno il “laboratorio”, come avvenne per il Trofeo Coni, per testare la validità dell’iniziativa che, se coronata da successo, verrà estesa dal 2018 in tutta Italia.
Ad illustrare le modalità di adesione, partecipazione e svolgimento di “Sport in…Comune”, è stato il componente della Giunta centrale del Coni Nello Talento, affiancato dal membro del Consiglio Direttivo dell’Anci Campania Andrea Maccarelli, sindaco di Presenzano, dal Delegato Coni Caserta Michele De Simone e dal Coordinatore Tecnico Sportivo del Coni Geppino Bonacci.
“E’ stato lo stesso Presidente Giovanni Malagò a scegliere la denominazione del progetto – ha detto il dirigente centrale Talento – e anche in occasione della recente riunione di Giunta a Napoli ha ribadito il suo interesse per il progetto e l’aspettativa nei confronti della Campania, già benemerita con la splendida organizzazione a Caserta del Trofeo Coni due anni fa, diventato parte integrante della mission promozionale del Coni. Ci auguriamo che anche Sport in…Comune si concluda con un successo: mondo sportivo ed Enti lavoreranno in sinergia per rilanciare lo sport di base e coinvolgere soprattutto i centri periferici con il coinvolgimento di tutti i riferimenti locali dell’associazionismo, del volontariato, del terzo settore”.
“L’Associazione Nazionale Comuni Italiani –ha sottolineato il rappresentante Anci in Terra di Lavoro Maccarelli- ha subito aderito con entusiasmo alla proposta del Coni e siamo orgogliosi che l’iniziativa parta dalle nostre terre. Auspico una vasta adesione da parte dei Comuni anche perché il progetto, al di là degli aspetti motori nel coinvolgimento dei ragazzi, prevede momenti socio-culturali di aggregazione e, soprattutto, opportunità conoscitive per un più agevole inserimento nelle normative in vigore quanto ad impiantistica sportiva e ottimizzazione delle strutture esistenti”.
In apertura il Delegato Coni di Caserta Michele De Simone aveva ribadito il ruolo di “servizio” dell’Ente non solo per promuovere attività sportiva a livello periferico, ma anche per creare una “rete” tra gli Enti locali per un proficuo scambio di esperienze e soprattutto per trasferire in tempo reale il “know how” relativo a leggi, normative e provvidenze da cui spesso sono esclusi i Comuni del Sud e anche della Campania per i ritardi e la incompletezza nella presentazione dei progetti, come di recente accaduto con le provvidenze relative al piano “Sport e Periferie”, di cui nelle nostre zone sono arrivate solo pochi spiccioli, anche per l’inadeguatezza delle istanze presentate. E proprio per rafforzare il patto rinnovato tra Comuni e Coni Talento e De Simone hanno consegnato al Sindaco di Presenzano Andrea Maccarelli, in qualità di rappresentante dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani, il distintivo d’onore del Coni.

Digeneralmanager

Lettera aperta del Preside Michele Vigliotti ai cittadini di Maddaloni per il Villaggio dei Ragazzi

villaggio dei ragazziAi cittadini di Maddaloni

Volevo raccontare di questa storia che ancora non riesco a metabolizzare

Ad agosto,quando mi fu notificata la mia posizione di quiescenza a partire dal 1 sept.2016, ho avuto subito un pensiero: pormi a disposizione,IN MANIERA DEL TUTTO GRATUITA,del Villaggio dei Ragazzi.

Porto questa istituzione nel cuore perché io mi considero culturalmente ed educativamente figlio di don Salvatore d’Angelo.

Fosse vissuto in altra parte d’Italia,magari asservito ad altri padroni, l’istituzione di don Salvatore avrebbe avuto ben altra fama e” il prete”sarebbe finito nei libri di pedagogia.

Ora però il Villaggio versa in una crisi profondissima e il generale Alineri,bravissimo nel riordino gestionale e nel mettere a posto i conti,non penso abbia anche le conoscenze didattico-educative per far rinascere le Scuole che sono state il vanto della fondazione e che ora hanno perso centinaia di iscritti.

Mi presentavo con un palmares di tutto rispetto:14 anni di presidenza,e il salvataggio del Liceo Scientifico di Maddaloni, portato da 850 a 1400 alunni,quello della Ragioneria di Santa Maria Capua Vetere,portata da 430 a più di mille alunni in sei anni,ed infine la conduzione del prestigioso Convitto Nazionale,portato al centro del territorio e raddoppiato per numero di iscrizioni. Con questo background mi presentavo conscio che comunque i capi d’istituto designati avevano fatto tutto il possibile,ma carisma e  leadership non si comprano al supermercato.

Il colloquio col generale fu franco e cortese,gli offrii anche di tenere qualche lezione,sempre gratuitamente, agli alunni delle classi terminali,di storia,italiano e Costituzione,mi licenziò promettendomi di risentirci,ma non ho avuto più riscontro Io ritengo di avere fatto il mio dovere verso uno cui sentivo di avere un debito di riconoscenza,so che gli Iscritti quest’anno sono anche meno,faccio gli auguri al Villaggio,ma è inutile dire che sono rammaricato

Preside Michele Vigliotti

Digeneralmanager

Speranza per Caserta contro le potature selvagge e per il regolamento comunale del verde

 

 

alberiIl movimento Speranza per Caserta si associa all’appello urgente ed accorato del WWF e di altre associazioni e cittadini casertani: occorre che l’amministrazione intervenga subito per verificare le modalità di potatura degli alberi in città, per evitare i danni che si continuano a perpetrare. Già negli anni scorsi, quando il servizio era affidato alle ditte di “global service”, troppo spesso le operazioni di manutenzione del verde non seguivano le più elementari norme in materia. Alberi potati fuori stagione, senza particolari motivazioni e spesso con “capitozzature”, ossia tagli radicali che spogliano completamente la chioma riducendo i rami a moncherini, privando le piante delle loro funzioni benefiche primarie verso l’ambiente e l’uomo, ossia l’ombreggiatura ed il rilascio di ossigeno. Situazione che si va ripetendo, se non aggravando, ora che talune potature vengono eseguite da associazioni o privati cittadini nell’ambito di un bando di collaborazione per l’adozione di spazi verdi, di per sé ottima e meritoria iniziativa ma che andrebbe svolta sotto regole tecniche precise e stringenti. Ma evidentemente Caserta è troppo lontana da certi standard di cultura ambientalista e civica per fare attenzione a certe cose. Eppure già tantissimi Comuni, di diverse dimensioni e popolazione, si sono dotati del “Regolamento Comunale del Verde Urbano Pubblico e Privato”; in tutti questi documenti si può leggere che “un albero correttamente piantato e adeguatamente coltivato, in assenza di patologie specifiche, non necessita di potature. La potatura è, quindi, un intervento straordinario da limitare a casi particolari”, ed inoltre “devono essere evitate, in generale, le capitozzature di alberi, vale a dire il drastico accorciamento del tronco o delle branche primarie fino in prossimità di questo, e le potature drastiche, cioè tutte quelle che compromettono in maniera irreversibile la struttura delle piante”. Tutto il contrario di ciò che avviene, purtroppo, nella nostra città. Speranza per Caserta si farà promotrice, attraverso la Commissione Consiliare competente, della stesura del “Regolamento Comunale del Verde Urbano Pubblico e Privato”, anche avvalendosi della collaborazione dell’Ordine dei dottori agronomi e forestali, in base al protocollo d’intesa siglato con la recente delibera di Giunta n.110 del 24 novembre. Nelle more dell’iter di approvazione, è indispensabile uno stop alle potature, che sembrano in procinto di riprendere a pieno ritmo, vista la determina dirigenziale n. 1502 del 9 novembre scorso, sottoscritta dal dirigente ing. Biondi, con la quale si intende affidare il servizio di potatura di oltre 500 alberi per una cifra intorno ai ventimila euro

Digeneralmanager

Recupero e valorizzazione dei siti di interesse storico ed archeologico a S.Maria Capua Vetere

 

 

teatro garibaldiArco di Adriano, Teatro Garibaldi, Museo Civico con annessi Archivio Storico e Biblioteca: sono tre i progetti di valorizzazione dei beni culturali oggetto della delibera approvata dalla giunta guidata dal sindaco Antonio Mirra che ha dato il via libera all’attività di reperimento e accettazione di erogazioni liberali da parte di privati con l’obiettivo di recuperare alcuni beni di grande pregio culturale. Il provvedimento deliberato dall’organo esecutivo di palazzo Lucarelli si inserisce nell’ambito dell’iniziativa del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo denominata “Art Bonus” e consente l’intervento del privato nel recupero e nel riuso dei beni culturali, concedendo una defiscalizzazione del 65% dell’importo donato dall’investitore privato. Il Comune di Santa Maria Capua Vetere ha presentato tre progetti che si trovano attualmente sul sito internet www.artbonus.gov.it, in attesa che qualche privato possa essere interessato a finanziare e quindi a dare corso a questi stessi progetti. Nel dettaglio, il primo progetto riguarda l’Arco di Adriano, con interventi mirati al restauro e alla illuminazione del monumento al fine di raggiungere la migliore fruibilità nell’ambito degli itinerari storico-archeologici della città di Santa Maria Capua vetere; il secondo interessa il Teatro Garibaldi attraverso interventi mirati alla manutenzione straordinaria della struttura; il terzo progetto riguarda il Museo Civico e l’Archivio Storico con interventi finalizzati alla ristrutturazione. “Continua il sostegno e la valorizzazione – hanno dichiarato il sindaco Antonio Mirra e l’assessore Mariarosaria Giuliano – per quei monumenti della città che hanno un forte significato e sono riferimenti culturali più che importanti: Arco di Adriano, ingresso alla città, Teatro Garibaldi fulcro e cuore del centro cittadino, ex Convento di San Bonaventura, testimonianza di un passato di partecipazione attiva di illustri cittadini sammaritani. Gli interventi che si propongono riguardano la manutenzione, il restauro e  la valorizzazione dei nostri monumenti, operazioni finora mai attuate in maniera corale ed organica”.

Digeneralmanager

genetics experts claim that Cherokees are from the Middleeast

For that reason, a lot of women and men wish to get essays online from locations like buyessaysfast. This really is actually the correct area to get documents, expression papers and order other services to create your academic and everyday activity therefore much simpler. Maggiori informazioni

Digeneralmanager

Convenzione tra il comune di S.Maria Capua Vetere e la SMA per le attivta’ di protezione ambientale

 

comune s.mariaCon delibera di giunta, l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Antonio Mirra, ha dato il via libera per la stipula del protocollo di intesa con la “SMA Campania”, società pubblica regionale per lo sviluppo di un programma di collaborazione a titolo non oneroso volto al rafforzamento delle attività di protezione ambientale nel territorio comunale attraverso, in particolare, il pattugliamento e la videosorveglianza. Inoltre, nell’ottica di una collaborazione tra Comuni limitrofi e di un rafforzamento della rete territoriale, il protocollo di intesa verrà sottoscritto contestualmente dai sindaci dei Comuni di Capodrise, Macerata Campania, Recale, San Marco Evangelista, San Nicola la Strada, San Tammaro e Santa Maria la Fossa oltre che Santa Maria Capua Vetere. I dettagli saranno illustrati in occasione della conferenza stampa che si terrà venerdì 2 dicembre, alle ore 12.30, presso il Salone degli Specchi al teatro Garibaldi durante la quale i sindaci presenti apporranno la propria firma al protocollo di intesa.

Digeneralmanager

Neonata abbandonata sul marciapiede a Villa Literno

bimbaNeonata di poche ore abbandonata a Villa Literno. I carabinieri la trasportano in una casa di cura di Castelvolturno dove i sanitari la hanno trovato in discrete condizioni di salute. Il ritrovamento e’ avvenuto nelle prime ore dell’alba in Via Vittorio Emanuele, la piccola era stata abbandonata sul marciapiede avvolta in una coperta. A notarla e’ stato il titolare di un negozio di frutta che ha immediatamente informato i carabinieri. I militari giunti sul posto hanno prelevato la neonata di carnagione chiara con il cordone ombelicale legato con laccio di scarpe e la hanno trasportata d’urgenza alla clinica Pineta grande di Castelvolturno. I carabinieri stanno setacciando l’intera area  per verificare l’esistenza di  sistemi di videosorveglianza che possano consentire l’individuazione della persona che ha abbandonato la piccola