Archivio mensile settembre 2016

Digeneralmanager

Tre nuovi rinforzi in arrivo per l’Hermes Casagiove

solimeneL’Hermes Casagiove F.C. comunica che sono stati messi sotto contratto tre calciatori. La società giallorossa perfeziona l’ingaggio del difensore centrale classe ’94 Giovanni Tortora, del centrocampista centrale classe ’97 Biagio Setola e del difensore classe ’97 Fabio Mario Solimene. Tre nuovi atleti che potranno dare una grossa mano alla rosa del tecnico Ferdinando Di Benedetto per tentare di perseguire l’obiettivo fissato dalla società: la salvezza. Due di loro, Tortora e Setola, hanno contribuito alla vittoria di sabato scorso contro la Real Albanova. I nuovi acquisti si mettono a disposizione del nuovo allenatore, in vista della delicata trasferta contro il Portici, in programma domenica alle 15.30 al “Liguori” di Torre del Greco.

Giovanni Tortora è un difensore centrale classe ’94 che ritorna a Casagiove dopo la felice esperienza della passata stagione, quando da dicembre ad aprile ha contribuito al raggiungimento della salvezza. Il roccioso centrale difensivo di Pagani si è messo in evidenza da ragazzino nell’Invicta Agro, tanto da meritarsi l’ingaggio da parte della Fiorentina con cui ha disputato due anni di Allievi Nazionali, prima di trasferirsi al Siena con cui ha svolto il campionato riservato alla Berretti Nazionale. Nel 2013-2014 timbra cinque volte il cartellino in Serie C1 con la Paganese, poi l’anno scorso mette a segno 4 goal in 20 presenze con il Faiano nel girone B di Eccellenza. La passata stagione, ha iniziato con l’U.S. Scafatese, per poi arrivare a Casagiove a dicembre grazie all’ex direttore sportivo Massimo Lombardi. In estate ha svolto la preparazione con la Palmese ma ha da subito interrotto il rapporto per diversità di visione rispetto al sodalizio rossonero.

Biagio Setola è un centrocampista centrale classe ’97. Cresciuto nella scuola calcio Satellite Caivano, viene prelevato da giovanissimo dal Napoli, con cui inizia un’esperienza di ben cinque anni. Svolge nel settore giovanile azzurro le categorie Giovanissimi, Allievi per due anni e Primavera per due anni. In occasione delle annate in Primavera, ha svolto la preparazione iniziale due anni fa con la Nerostellati Frattese e l’anno scorso con la Boys Caivanese, per poi ritornare alla base. L’avventura con i partenopei si è conclusa a gennaio del 2016, quando è passato alla Boys Caivanese, con cui ha collezionato otto presenze agli ordini di Ciro Amorosetti. Il promettente centrocampista ha anche affrontato l’Hermes Casagiove lo scorso febbraio, entrando nel secondo tempo della partita che i giallorossi vinsero col punteggio di 2-1.

Fabio Mario Solimene è un difensore classe ’97. Così come Setola, anch’egli ha mosso i primi passi su un campo di calcio nella scuola calcio Satellite Caivano. Poi ha giocato con la Boys Caserta, prima di giungere al Progreditur Marcianise, con cui ha disputato gli Allievi e la Juniores: nella seconda annata conobbe Ferdinando Di Benedetto che lo allenò per un anno. La passata stagione ha giocato nel girone A di Promozione con il Villa Literno, vestendo la casacca biancorossa per quindici partite.

Digeneralmanager

Casertana, Pasquale Corvino ha ormai deciso: “Grazie Petrosino, ma non torno indietro. Saranno contenti gli pseudo tifosi che parlano di casertanità”

Il presidente della Casertana Pasquale Corvino

Il presidente della Casertana Pasquale Corvino

L’ex presidente Pasquale Corvino ha ringraziato pubblicato il dg Petrosino che ha provato a farlo tornare sui propri passi ed ha dato una stoccata ad una parte di tifosi. “Ringrazio di cuore il dottore Petrosino per le dichiarazioni di rispetto e affetto nei miei riguardi, ma la mia decisione è definitiva. Penso che dopo sette anni basta e avanza. Caserta è una città strana, se si pensa che ultimamente per dieci anni c’è stato un Sindaco di Dragoni e per altri cinque uno di Roccamonfina, non mi sorprende che negli ultimi cinque anni ci sia stato prima un presidente di Castellammare e adesso una quaterna Roma, Martina Franca, Terni e Napoli. Sono curioso di sapere quando alcuni pseudo-tifosi parlano di casertanità cosa intendono. Mi sembra solo una parola ripetuta senza senso da alcuna persone. Il mio rapporto con la Casertana è chiuso, tranne una sponsorizzazione già stabilito prima che manterrò solo per quest’anno. Né andrò più allo stadio così toglierò il disturbo a chi vuole solo offendermi e contestarmi a cui auguro tutta la fortuna di questo mondo”.

Digeneralmanager

Sorteggiato il calendario della Coppa Italia: la Casertana sfiderà una marchigiana

LEGA PRO COPPA ITALIASorteggiato il tabellone della Coppa Italia di Lega Pro. La Casertana affronterà la formazione della Maceratese. Ancora da stabilire la data che sarà 1, 2 o 9 novembre. Bisognerà aspettare le qualificazioni del primo turno. Di seguito il calendario completo:

1° TURNO – QUALIFICAZIONI
MARTEDI’ 18 OTTOBRE 2016
PORDENONE vs SUDTIROL

MERCOLEDI’ 19 OTTOBRE 2016
PRO PIACENZA vs GIANA E.
PRATO vs AREZZO
FOGGIA vs JUVE STABIA
VIRTUS FRANCAVILLA vs LECCE
MESSINA vs VIBONESE

2° TURNO – SEDICESIMI DI FINALE
VARIAZIONE DI DATA PER ESIGENZE TELEVISIVE
Si rende noto che per esigenze televisive e per le già programmate gare del Campionato le sotto indicate gare dei Sedicesimi di Finale verranno suddivise nelle giornate del 1, 2 e 9 NOVEMBRE 2016; le stesse comunque verranno in parte calendarizzate dopo i risultati delle gare di qualificazione del 1° turno.

VINC. PRO PIACENZA/GIANA E. vs ALESSANDRIA
COMO vs CREMONESE
MODENA vs REGGIANA
VINC. PORDENONE/SUDTIROL vs VENEZIA
PADOVA vs BASSANO V.
LIVORNO vs CARRARESE
PONTEDERA vs FERALPISALO’
VINC. PRATO/AREZZO vs TUTTOCUOIO
ROBUR SIENA vs VITERBESE CASTRENSE
TERAMO vs LUPA ROMA
ANCONA vs FANO A.J.
MACERATESE vs CASERTANA
FIDELIS ANDRIA vs VINC. FOGGIA/JUVE STABIA
MATERA vs VINC. VIRTUS FRANCAVILLA/LECCE
TARANTO vs COSENZA
VINC. MESSINA/VIBONESE vs CATANIA

Digeneralmanager

Servizio navetta per il Palamaggiò, la nota della Juvecaserta

Una veduta del Palamaggiò

Una veduta del Palamaggiò

In relazione al servizio di navetta da e per il Palamaggiò, la Juvecaserta comunica che, non essendo stato raggiunto il numero minimo di adesione, lo stesso domenica non sarà effettuato. Sarà, comunque, ancora possibile, fino alla vigilia della prossima gara interna, far pervenire eventuali adesioni. Si rammenta che il servizio navetta, se effettuato, non è legato al possesso dell’abbonamento.
La Juvecaserta ricorda, altresì, che attualmente, in località Gradilli, sulla statale Sannitica, sono in corso lavori  che hanno ridotto la corsia di marcia. A tal fine si invitano i sostenitori bianconeri a tener conto di tanto in occasione della prossima gara di domenica.

Digeneralmanager

Aveva partecipato ad una rapina ad una gioielleria di Torino ma lavorava a Santa Maria CV: 41enne di Cesa in manette

poliziaLa Polizia di Stato di Caserta ha arrestato R.V. 41enne da Cesa per concorso in rapina pluriaggravata, in esecuzione di un provvedimento restrittivo emesso dal Tribunale di Torino. Nella mattinata di ieri gli uomini del Commissariato di P.S. di Aversa hanno rintracciato la donna, originaria di S. Antimo  a Santa Maria Capua Vetere mentre era intenta a lavoro in un locale. Nello scorso mese di aprile, a Torino, era stata perpetrata una rapina ai danni di una gioielleria da parte di una coppia. A seguito di una serrata attività investigativa e con il supporto di accertamenti tecnici, veniva individuata la donna che, insieme al complice, si era resa responsabile della rapina. La donna, con precedenti specifici ed in organico ad una organizzazione che gravita nella cittadina di Sant’ Antimo, dedita a rapine in gioielleria in varie regioni d’ Italia, è stata posta a disposizione dell’ A.G e condotta nel carcere femminile di Pozzuoli.

Digeneralmanager

La Casertana vuole i tre punti, Tedesco: “Andria squadra di qualità, guai a subire il loro ritmo. Ecco come batterli”

Andrea Tedesco (Foto Giuseppe Scialla)

Andrea Tedesco (Foto Giuseppe Scialla)

Tempo di presentazione per mister Tedesco. Domenica sera la Fidelis Andria sarà di scena a Caserta e l’allenatore ha incontrato oggi, subito dopo l’allenamento al Talamonti, la stampa casertana. “La partita più difficile è sempre quella successiva. Ti devi consolidare, devi dare continuità agli ultimi risultati, affronti una squadra che esprime un bel gioco e le difficoltà non mancano. Hanno giocatori di qualità come Mancino e Tito, ma in generale una rosa che farebbe invidia a parecchi. Aya, Piccinni, tutti calciatori di esperienza e qualità. Verranno da noi per strappare un risultato positivo e dovremo fare parecchia attenzione. In settimana abbiamo lavorato per consolidare l’attuale posizione della classifica”. Casertana con la miglior difesa del campionato e il tecnico ammette: “Portiamo avanti quella che deve essere la nostra peculiarità in questa stagione. Nel calcio vince chi subisce meno e noi stiamo provando a farlo. Con sacrificio, cattiveria agonistica e tanta umiltà si possono raggiungere i traguardi prefissati. Non ci fanno paura le assenze o cambiamenti degli interpreti. Chiunque è stato chiamato in causa ha sempre dato il massimo”. Come fare a battere l’Andria? L’allenatore ha le idee chiare: “Dovremo evitare di prendere campo, di farli diventare padrone del campo e imporre il loro ritmo. Hanno ottimi palleggiatori, fanno densità in mezzo al campo e ripartono. Noi dovremmo essere bravi a rendergli la vita facile”.

Digeneralmanager

Scarcerati Di Costanzo e l’imprenditore Iavazzi: resta il divieto di dimora per l’ex presidente della Provincia

angelo_di_costanzoE’ stata annullata dal tribunale del riesame l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per l’ex presidente della Provincia di Caserta, Angelo di Costanzo, arrestato lo scorso 13 settembre insieme ad altri indagati coinvolti nell’inchiesta “Assopigliatutto”. Per Angelo Di Costanzo resta però applicata la misura del divieto di dimora. Nuove posizioni giudiziarie sono state inoltre esaminate ieri come quella dell’imprenditore Francesco Iavazzi, anch’egli scarcerato senza però alcun provvedimento. Per Iavazzi è stata dunque accettata l’istanza di libertà avanzata dal suo legale, Gennaro Iannotti, e a differenza dell’ex presidente, potrà fare rientro a casa. Entro pochi giorni i giudici del Tribunale distrettuale del riesame di Napoli dovranno decidere su nuove richieste di libertà.

Digeneralmanager

La prima di “Indivisibili” a Caserta, il pubblico diventa il terzo gemello

fullsizerender-5Indivisibili chiama, Caserta risponde. Un’atmosfera magica, calda e familiare quella che ieri si è creata al Duel Village di Caserta dove il cast di “indivisibili”, guidato dal regista Edoardo De Angelis, ha presenziato alla prima del film, da ieri nelle sale. Punta di diamante di Terra di lavoro, ancora una volta la comunità casertana ha saputo dimostrare il proprio affetto al caro Eddi che a questo territorio è molto legato tanto da non tirarsi indietro quando un ragazzo dalla platea gli chiede, a proposito di Castel Volturno, cosa si possa fare per riqualificare quel territorio tanto bistrattato.  Sei sale occupate, oltre 1500 persone, un sold out che in realtà ci si aspettava e che ha fatto emozionare quanti in sala, dopo la proiezione, hanno potuto scambiare due chiacchiere con gli attori, il regista ed il produttore, Pierpaolo Verga.

Il bello e il brutto di un territorio torturato e svenduto ha fatto da sfondo alla bravura innata di due giovani esordienti: Marianna e Angela Fontana nel ruolo delle gemelle siamesi Dasy e Viola, desiderose di vivere la normalità, di non essere più fenomeni da baraccone, sfruttate da un padre padrone. Belle, brave ma soprattutto umane: le gemelle Fontana hanno regalato grandi emozioni chiudendo gran parte delle proiezioni con un live dal palco perché loro l’ugola d’oro ce l’hanno davvero. In tanti hanno rivisto nei loro atteggiamenti quel legame fraterno condiviso con la propria sorella, o il proprio fratello, in molti commuovendosi hanno detto “io lo dico sempre a mia sorella: teng’ sul’ a te”.

fullsizerender-6Tra i protagonisti, oltre che il territorio, anche l’inconfondibile sound di Enzo Avitabile con il quale Edoardo voleva da tempo collaborare, “     questo – ha raccontato il regista – era il film giusto per le musiche di Enzo e il suono dei bottari di Portico di Caserta”.

”Questo film dimostra come raccontare una realtà specifica come quella di Castel Volturno, non sia necessariamente una ghettizzazione, ma racconti al contrario, valori universali – ha spiegato Edoardo De Angelis, diventato il terzo gemello di questo film –  Il fatto che Marianna ed Angela fossero due esordienti è stato compensato dalla loro grande attitudine al lavoro”. La loro storia aggiunge: ”è quella di fuggire dal reality perenne in cui vengono costrette dalla loro famiglia. E, facendo questo, si conquistano la loro indipendenza, la loro libertà costa, ma a caro prezzo”.

Poi la parola in sala ai protagonisti, un simpaticissimo Massimiliano Rossi che ha raccontato il dolce e l’amaro del film ,il bene storpiato di un padre che ha un suo modo di amare e proteggere le proprie figlie, i racconti di Gianfranco Gallo, il parroco sui generis che ci mostra il rapporto del territorio con la religione, e poi Toni Laudadio, vero “indivisibile” di Edoardo, presente in tutti i suoi film e Marco Mario De Notaris.

Grande successo per il film già a Venezia, Toronto, Londra, in lizza anche per la candidatura agli Oscar raggiunta poi da Fuocammare di Gianfranco Rosi che, fino all’ultimo, è stato ‘testa a testa’ con Indivisibili: esattamente cinque voti per il documentario su Lampedusa contro quattro per il film ambientato a Castelvolturno. ”Quando i conti tornano ci trovano qua” risponde sarcasticamente Eddi a chi fa domande sulla mancata candidatura, seduto sul palco con Tiziana Ciccarelli, presidente dell’associazione Caserta Film Lab. Da Mozzarella stories, suo primo film nel 2011 a Indivisibili De Angelis ha ben focalizzato uno specifico linguaggio cinematografico. In piena sintonia con la storia delle due ragazze è riuscito a far sentire ogni spettatore un terzo gemello, con un’evidente e mai scontata relazione conflittuale tra uomo e ambiente.

Roberta Buonpane

Digeneralmanager

Censimento Fai: la Reggia solo terza in provincia di Caserta

Provocazione in viale Reggia Caserta, cartelli 'vendesi'La Reggia di Caserta è solo terza in Terra di Lavoro, finora, nel censimento Fai dei Luoghi del Cuore. La notizia, che rivela un interesse operativo di altre comunità del Casertano per i loro monumenti, arriva a un mese dal termine dell’ottavo censimento avviato dal Fondo Ambiente Italiano e da Intesa Sanpaolo spa rivolgendosi a tutti i cittadini italiani e stranieri e chiedendo loro di segnalare i luoghi italiani che amano e che vorrebbero vedere difesi, valorizzati, recuperati.

All’esito dell’iniziativa e dopo aver diffuso la classifica finale il Fai invierà  ai  sindaci  territorialmente  competenti  la notizia dell’avvenuta  segnalazione, indipendentemente  dal  numero  di  voti  ricevuti  dai  singoli  luoghi,  affinché conoscano il peso dell’interesse dei cittadini nei confronti dei beni sul loro territorio, impegnandosi inoltre a intervenire su alcuni dei luoghi più segnalati e attivandosi per promuovere sul territorio azioni di recupero, tutela e valorizzazione, anche attraverso la possibile erogazione di contributi per sostenere le iniziative promosse dai portatori di interesse.Ebbene, ad oggi, la Reggia di Caserta è solo terza, in Terra di Lavoro, per numero di segnalazioni trasformate in voti. Ne ha ricevuti 178, preceduta dal Palazzo Ducale di Piedimonte Matese con 1.250 voti e dalla Rocca Montis di Mondragone con 704 voti. Agli ultimi posti i Sentieri di Casertavecchia, con 4 voti.

Angelo Vitale

Digeneralmanager

Appalti truccati e mazzette: in manette anche il sindaco di San Felice a Cancello

pasquale de luciaAssociazione a delinquere, concussione, corruzione, finanziamento illecito ai partiti, turbata libertà degli incanti  e truffa. C’è anche il sindaco di San Felice a Cancello, Pasquale De Lucia, tra le persone arrestate stamane dai carabinieri di Maddaloni. Le ordinanze di custodia cautelare riguardano numerosi indagati  tra questi diversi appartenenti all’amministrazione comunale del Comune di San Felice a Cancello e diversi imprenditori. Fra gli altri, sono stati contestati fatti di corruzione, di falso in atto pubblico, di turbativa d’asta, ancora una volta legati alla gestione dei rifiuti. In particolare, è stata applicata la misura della custodia cautelare in carcere nei riguardi di: 1. De Lucia Pasquale, consigliere provinciale e sindaco del comune di San Felice a Cancello; 2. Auriemma Felice, responsabile ufficio tecnico comune di San Felice a Cancello: 3. De Lucia Andrea, imprenditore: 4. Scarano Francesco, Comandante polizia municipale; 5. Petrone Francesco, vicesindaco e assessore all’ambiente; 6. Basilicata Antonio, responsabile settore rifiuti; 7. Balsamo Massimo, imprenditore settore rifiuti; 8. De Lucia Clemente, consigliere comunale; mentre, è stata adottata la misura degli arresti domiciliari nei confronti di: 9. Di Giunta Rita Emilia Nadia, Dirìgente della provincia di Caserta, amministratore delegato “Terra di Lavoro” Spa, tesoriere della Fondazione “Campania Futura”. 10. Nuzzo Antonio, imprenditore; 11. Chersoni Roberto, imprenditore settore ristorazione; 12. Chersoni Francesco, imprenditore; 13. Chersoni Antonio, imprenditore; 14. Chersoni Carlo, imprenditore: 15. Papa Vincenzo, consigliere comunale; 16. Perrotta Luigi Raffaele, imprenditore; 17. Perrotta Giuseppe, imprenditore: 18. Schiavone Antonio, imprenditore: 19. Schiavone Salvatore, imprenditore; 20. Russo Annamaria, imprenditore: 21. De Rosa Giuseppe, imprenditore. Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di