Archivio mensile maggio 2015

Digeneralmanager

Lite per vecchi rancori fuori ad un seggio a Carinaro: interviene la polizia

poliziaUna discussione sfociata in lite, proprio a due passi dalle urne. È accaduto ieri all’esterno di un seggio elettorale di Carinaro, dove, secondo quanto accertato dalla polizia due persone hanno litigato per vecchi rancori che sarebbero emersi nel momento in cui i due si sono incontrati nel seggio per votare. Sono intervenute le forze dell’ordine che hanno separato i due elettori.

Digeneralmanager

Macerata Campania, distribuiva materiale davanti al seggio: multato 47enne

carabinieri2 (2)Distribuiva materiale elettorale all’esterno di un seggio a Macerata Campania, dove oltre che per le regionali i cittadini sono stati chiamati al voto anche per scegliere il nuovo sindaco. Un uomo di 47 anni é stato sorpreso e bloccato dai carabinieri a Macerata Campania, mentre all’esterno di un seggio distribuiva materiale propagandistico, sequestrato poi dai militari dell’Arma. All’uomo è stata comminata una multa.

Digeneralmanager

Il voto regionale: alle 19 l’affluenza è pari al 36,75%. In testa alla classifica Teverola (65%), in coda Gallo Matese (9,7%). Nel capoluogo ha votato il 38,5%

cabina elettoraleAlle ore 19 nei centoquattro comuni della provincia di Caserta la percentuale di affluenza ai seggi è stata del 36,75%: significa che – pur ammettendo che nelle ore serali si verifica di solito un sostanzioso incremento di partecipazione – i timori della vigilia che facevano presagire un pericoloso segnale di disaffezione dell’elettorato si stanno rilevando fondati. Come era facile prevedere l’affluenza più significativa sul piano dei numeri la stanno facendo registrare quei comuni in cui si sta votando anche per il rinnovo delle amministrazioni locali, oltre che per la Regione: al top della classifica c’è Teverola con oltre il 65%, seguono Grazzanise con il 62%, San Nicola La Strada con il 56% e Santa Maria a Vico con il 55%. In coda alla classifica – ma anche questa non è una novità – si ritrovano i centri più piccoli della provincia, quelli che di solito subiscono meno l’invasione dei candidati: a Gallo Matese ha votato appena il 9.7% degli aventi diritto, a Sant’Angelo d’Alife siamo al 18%, a Ciorlano il 21%, percentuale bassa anche a Castelvolturno col 22,4%. Ultima annotazione il capoluogo: a Caserta fino alle 19 si era recato alle urne il 38,5% degli elettori. Si chiude alle 23, poi inizieranno le operazioni di spoglio per la Regione.

Digeneralmanager

Speranza per Caserta: “Fuori dal Movimento chi dovesse accettare la nomina per surroga”

Speranza-x-Caserta1Dopo l’altolà del Partito Democratico anche Speranza per Caserta dice no a eventuali surroghe. Era stato il capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Enrico Tresca, ad avvertire: “Se qualcuno dei non eletti nella lista del Pd dovesse accettare una eventuale nomina consiliare in surroga ai consiglieri dimissionari, lo farà eventualmente a titolo personale e si dovrà ritenere automaticamente fuori dal partito”. Analoga presa di posizione di Speranza per Caserta: “Ci auguriamo che quanto prima intervenga lo scioglimento del Consiglio Comunale da parte del Prefetto, ma se così non sarà, nessuno dei candidati della lista di Speranza accetterà la nomina per surroga, a meno di non volersi dichiarare ufficialmente fuori dal Movimento”. Mercoledì prossimo, 3 giugno, gli aderenti al Movimento si ritroveranno sotto i portici del Comune per un “presidio di legalità. Speriamo – si legge in una nota stampa – che a questo presidio si affianchino anche i rappresentanti degli altri partiti che hanno presentato le dimissioni dal consiglio comunale e che non vogliono in alcun modo essere invece la stampella ad un fantasma solo assetato di potere”. 

Digeneralmanager

Trofeo Latte Berna dal 22 al 28 giugno, la finale davanti alla Reggia

academyVentotto squadre, settanta partite, otre trecentotrenta bambini nati negli anni 2003 e 2004, sei campi di gioco: sono questi i numeri della seconda edizione del “Trofeo Latte Berna” promosso ed organizzato dalla Juvecaserta Academy in collaborazione con la Juvecaserta ed il suo centro minibasket. Anche quest’anno la manifestazione, che si svolgerà dal 22 al 28 giugno, avrà come title sponsor il prestigioso marchio del Latte Berna che, dopo il buon riscontro dello scorso anno, ha deciso di affiancare ancora una volta una manifestazione che punta a dare impulso all’attività sportiva, in generale, ed al basket, in particolare, tra i giovani della nostra provincia. E non poteva esserci connubio migliore visto che  la Parmalat, titolare del marchio Latte Berna, ha sempre inteso promuovere tra i giovanissimi il concetto di una crescita sana ed equilibrata, da realizzarsi tramite una corretta alimentazione e la costante pratica di attività sportiva. A differenza della prima edizione, svoltasi interamente sui playground del capoluogo, quest’anno la manifestazione avrà come campi di gara anche quelli dei comuni di Casagiove, S.Marco Evangelista e Riardo. Il torneo interesserà due categorie: quella degli “aquilotti” (nati nel 2004), cui daranno vita 16 formazioni, suddivise nella prima fase in quattro gironi, e quella degli esordienti (2003) con 12 squadre, anch’esse suddivise in quattro gruppi. Poi, i vari incroci con la partecipazione sempre di tutte le ventotto squadre per definire le ammesse alle varie finali, per la cui disputa si sta pensando ad un proscenio particolarmente suggestivo, quale potrebbe essere quello di un campo all’aperto appositamente realizzato nello spazio antistante la Reggia Vanvitelliana al fine di abbinare quella che è l’eccellenza in assoluto della città ad uno sport e ad una società, come la Juvecaserta, che da decenni è insostituibile testimonial del nome di Caserta in Italia ed in Europa.

Digeneralmanager

Semifinali play-off di pallavolo: per la Exton Aversa ci vorrà gara tre

gara3Sarà gara 3 delle semifinali dei play-off a decidere il destino della Exton Volleyball Aversa, sconfitta 3-1 (22-25; 25-23; 25-19; 25-19) in gara 2 in casa del Sol Lucernari Montecchio. L’accesso alla finalissima dei play-off validi per l’accesso in A2 si deciderà, dunque, al PalaJacazzi il prossimo 3 giugno, alle ore 20.30. In terra normanna, dove tutto ha avuto inizio e dove Di Santi e compagni vogliono vincere per recuperare immediatamente lo stop rimediato in Veneto in gara 2. Il match inizia inevitabilmente con i padroni di casa che tentano di dettare i tempi del gioco per mettere in difficoltà la squadra Draganov che scivola sotto 4-1. La reazione è immediata con Montò che riduce a due le distanze (5-3). Come all’andata, la sfortuna si accanisce sulla Exton Aversa, già priva di Enrico Libraro infortunatosi mercoledì. Scialò accusa un dolore al braccio ed è costretto ad uscire, al suo posto Di Santi che entra subito in partita. Ad accorciare ancora ci pensa Falanga a muro che consente al sestetto caro al presidente Di Meo di ritrovarsi sul 5-5 e prendere il largo 7-8 con una schiacciata out del Sol Lucernari Montecchio. Il sorpasso normanno costa caro ai padroni di casa che vanno in difficoltà su Giacobelli e poi affondano sotto i colpi di Rispoli che con una grande battuta realizza il 12-15. A siglare il punto del 12-16 è il capitano che mette la sua zampata sul match. Il vantaggio accumulato consente a Di Santi e compagni di essere mentalmente più tranquilli e giocare come sanno. Sulle ali della rimonta e dell’entusiasmo, infatti, i verdeblù sfilano sul 17-20 ancora con Rispoli ed allungano 19-22. Tutto sembra andare per il meglio ma il sestetto di Baraldo rinviene sul 21-22 costringendo Draganov a chiamare time-out discrezionale al rientro del quale in campo c’è una sola squadra: la Exton Aversa che chiude il set 22-25 con un muro di Antonio Libraro.  L’inizio del secondo set è simile al primo con la differenza che i padroni di casa riescono a mantenere il vantaggio fino al primo time – out tecnico 8-6. Due lunghezze che non spaventano affatto gli atleti normanni che giocano di classe con il tocco d’astuzia di Libraro e la pipe di Montò per l’8-8. Come un elastico, il match vede il tentativo di fuga dei padroni di casa che trovano in Di Santi un avversario determinato che tiene il sestetto aversano sempre in scia con il 14 pari. La Exton Aversa non può farsi sfuggire l’occasione di riportarsi in quota e lo fa ancora con Rispoli (14-15) dopo il cui punto viene fischiata la doppia che assegna il secondo tecnico 14-16 ai normanni. Nessuna delle due squadre in campo vuol mollare il sogno di qualificarsi alla finale. Il Sol Lucernari Montecchio, infatti, riesce a tornare avanti sul 18-16 tentando di mantenere il vantaggio vanificato subito dagli uomini del presidente Di Meo sul 22-22. E’ parità, però, solo temporanea. Il fattore campo incide sulla prestazione della squadra di coach Baraldo che trova lo sprint finale per il 25-23 che vale l’1-1. L’aver vinto gara 1 e poter essere ad un passo dalla finalissima che varrebbe la A2 spinge la Exton Volleyball Aversa a reagire con veemenza nel terzo set portandosi in pochi minuti 1-4 con Rispoli. Falanga stoppa immediatamente il tentativo vicentino di avvicinarsi sul 5-7 e poi tocca ancora al numero quindici normanno che realizza il 6-8. Le due distanze diventano sempre più preziose grazie alla parallela di Di Santi (11-13) che non mette al sicuro, però, la squadra di Draganov che si fa riprendere sul 13-13 e superare di una lunghezza che resta tale per i padroni di casa anche al secondo tecnico 16-15. L’infortunio di Scialò, la pressione del Sol Lucernari Montecchio ed un gioco che non riesce ad essere concreto creano problemi agli atleti normanni che rischiano di affondare sul 20-16, ritornano con due muri consecutivi di Giacobelli sul 20-18 ma non riescono a far paura ai padroni di casa che conquistano un vantaggio solo da gestire per chiudere anche il terzo set 25-19 e portarsi sul 2-1. Dopo il terzo set sul parquet c’è solo il sestetto ospitante che approfitta del cedimento totale della Exton Volleyball Aversa che lascia campo addirittura 8-2 al primo tecnico. Di Santi e compagni provano un timido tentativo di recupero (14-7) ma le distanze sembrano ormai incolmabili al secondo time-out tecnico 16-8. Draganov prova a giocare ogni arma a sua disposizione per recuperare, arrivando fino al 24-19, ma non riesce nell’impresa. Tutto è rimandato a gara 3. Il Sol Lucernari Montecchio vince 3-0 sulla Exton Volleyball Aversa che ora ha già testa a mercoledì prossimo, al PalaJacazzi, dove venderà cara la pelle per conquistare la tanto agognata finalissima dei play-off.

Digeneralmanager

I giovanissimi della Juve Sammaritana al torneo del Mar Adriatico

sammaritanaAnche quest’anno – per la terza volta – i giovani atleti della Juve Sammaritana saranno al Torneo del Mar Adriatico, una delle più importanti kermesse del calcio giovanile in Italia. Appuntamento dal 31 maggio al 2 giugno negli stadi di San Salvo, Termoli, Cupello e Petacciato in Abruzzo, nel meraviglioso scenario della Costa dei Trabocchi. La manifestazione è giunta alla sesta edizione e lo scorso anno ha visto la partecipazione di ben 158 squadre provenienti da tutta Italia. La scuola calcio di Santa Maria Capua Vetere – guidata dal presidente Luciano Fraschini – sarà presente con quaranta atleti e altrettanti accompagnatori (tra genitori e dirigenti). Sono iscritte al torneo le squadre delle seguenti categorie: Pulcini 2005 (mister Fraschini), Pulcini 2004 (mister Paolo Bagnini), Esordienti 2002-2003 (guidati da Gennaro Barbato e Gennaro Ciasca), Giovanissimi 2000-2001 (allenati da Domenico Tessitore e Francesco Sabatino). Il calendario prevede la cerimonia di apertura, con sfilata degli atleti nello stadio di San Salvo, domenica 31 maggio. Dopo le fasi a girone, le finali e le premiazioni sono previste per il pomeriggio di martedì 2 giugno. I giovani della Juve Sammaritana sono reduci da una stagione ricca di soddisfazioni: i 2004 primi al torneo di San Tammaro; i 2003 e i 2005 vittoriosi al torneo di San Paolo Apostolo; per tutte le categorie ottimi piazzamenti nel torneo di Casolla.

Digeneralmanager

Calvi Risorta, ruba materiale elettrico in un magazzino: domiciliari per un 54enne di Capua

carabinieri2 (2)A Calvi Risorta  i Carabinieri della locale stazione hanno arrestato, in flagranza di reato per furto aggravato,  Franco Grasso,  54 anni, residente a Capua. L’uomo è stato sorpreso dai militari dell’Arma all’interno di un magazzino  sulla Statale Appia, intento a rubare vario materiale elettrico, di elettronica e casalinghi. La successiva perquisizione personale ha consentito di rinvenire un attrezzo da scasso, utilizzato dall’uomo per accedere al deposito. Quanto rinvenuto è stato  sottoposto a sequestro. L’intera refurtiva, raccolta in grossi sacchi, per un valore di circa 500 euro, è stata restituita al proprietario. L’arrestato, invece, è stato accompagnato agli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del giudizio direttissimo innanzi alla competente Autorità Giudiziaria.

Digeneralmanager

Guasto alla condotta idrica di Santa Maria a Vico: sabotaggio?

condottaUn atto di sabotaggio ai danni del serbatoio idrico di Rosciano, frazione di Santa Maria a Vico, è stato commesso stanotte, impedendo alla pompa di sollevamento di funzionare. Un’azione che si assomma ad altre simili messe in atto di recente. Stamani i residenti della piccola frazione collinare sammaritana  hanno avuto la sgradita sorpresa di avere i rubinetti asciutti. I tecnici del Consorzio Idrico, prontamente intervenuti su segnalazione dell’ufficio preposto, hanno individuato il danno e hanno provveduto a rimettere il cavo della fase elettrica, pertanto nel giro di poche ore si è ripristinata la normale erogazione idrica.  Saranno le indagini delle  Forze dell’Ordine ad appurare i motivi del gesto sconsiderato. 

Digeneralmanager

Frignano, la posa della prima pietra per il nuovo cimitero

frignano«Stiamo inaugurando il cantiere di un’opera utile e attesa. Un’opera che, oltre a connotare la civiltà di un popolo, rappresenterà un piano di bonifica di un intero comparto urbano». Sulla necessità e sull’importanza strategica dell’ampliamento del cimitero Gabriele Piatto, sindaco di Frignano, non ha avuto dubbi. Armato di cazzuola, elmetto, guanti e giubbetto, il primo cittadino, questa mattina  ha posato la prima pietra del nuovo complesso. Il progetto prevede la realizzazione di 1865 loculi, di 67 cappelle gentilizie, di 72 campi di inumazione, di una chiesa con ossari, di un edificio servizi, di un parcheggio da 120 posti auto e di una strada di collegamento. La cerimonia si è svolta, alle 11, in via Croce di Aprano, sul fondo alle spalle del vecchio cimitero. All’evento hanno partecipato tra gli altri, il vicesindaco Vincenzo Mastroianni, l’assessore delegato Giuseppe Rurale, l’architetto Ulderico Di Bello dell’ufficio tecnico, il rappresentante del consorzio concessionario Italgeco, Angelo Racioppoli, e Vincenzo Caputo, amministratore della società di ingegneria Progeca di Capodrise, partner del consorzio di Roma. Il rito della benedizione è stato ufficiato dal parroco don Luigi Cacciapuoti. L’intervento, di circa 5milioni di euro, non costerà un centesimo al Comune e sarà finanziato attraverso un project financing, formula di partenariato pubblico-privato in virtù della quale all’ente spetterà solo l’onere del controllo. Dovrà essere l’aggiudicatario a reperire le risorse necessarie a realizzare i manufatti e a gestire l’opera per il tempo necessario a recuperare il capitale investito, che, in parte, rientrerà dalla vendita di loculi e cappelle.