Archivio mensile febbraio 2015

Digeneralmanager

Futsal, serie C2: vola la Marian capolista. Manita di Giordano, ma che partita Alessandro Palumbo!

marianAl PalaNewSystem di Casagiove la capolista Marian Futsal ospita lo Stregoni Five Soccer. Partono forte gli ospiti che vanno subito al tiro con Aquino, risponde presente il portiere di casa Mario Palumbo. Dall’altra parte la replica è di Alessandro Palumbo, che sceglie il primo palo, ma Maio è ben piazzato e mette in calcio d’angolo. Al 10° gran giocata di De Franco, che tocca con la suola e lancia in velocità Aquino: il talento beneventano scappa via e calcia verso la porta, il tiro è centrale, ma passa sotto le gambe di Palumbo. Stregoni in vantaggio. La reazione del Marian è un po’ confusa, Mazzarella si ritrova la palla all’altezza del dischetto, ma non è in giornata e calcia addosso al difensore avversario. Ci riprova poco dopo, ma il destro è ancora fuori misura. In fase di possesso palla si addormenta Fazio, che regala la sfera a Pisani, bravo ad evitare tutti e firmare lo 0-2. Anche stavolta la palla passa sotto le gambe di uno sfortunato Mario Palumbo. I padroni di casa accusano il colpo, Offreda tenta di scuotere i suoi con il mancino, ma prima angola troppo la conclusione, poi scheggia il palo sul suggerimento di Gravina. Aquino è una furia e con un gioco di gambe libera il sinistro sul quale si salva in qualche modo la retroguardia locale. Lo stesso Aquino però pochi istanti dopo è costretto a dare forfait: Gravina lo sbilancia appena, ma il n°23 ospite perde l’equilibrio e sbatte contro Palumbo. Il ginocchio sinistro va kappaò, grave perdita per lo Stregoni, che si fa recuperare anche nel risultato. E’ Fazio a sbloccare la Marian, chiudendo con il sinistro il tiro che vale l’1-2. Con questo parziale si va negli spogliatoi, ma alla ripresa del gioco Giordano indovina la traiettoria su calcio piazzato a pareggia immediatamente il punteggio. Con l’equilibrio raggiunto la partita diventa nervosa. CatturaaIl più agitato di tutti è De Franco, che allarga il gomito su Alfano, reo probabilmente si rispondere a sua volta, non inquadrato. De Franco non contento va a beccare anche Fazio, che non ci sta e prova a farsi rispettare. Il clima diventa rovente, la partita va in stand-by per una manciata di minuti. Quando si riprende a giocare l’inerzia è dei padroni di casa: Fazio accellera e trova Giordano sul secondo palo, tocco del n°10 e vantaggio Marian. Palumbo dalla parte opposta deve compiere un mezzo miracolo su De Franco e sugli sviluppi dell’azione si accende bomber Offreda: sprint e destro vincente, il palazzetto diventa una bolgia. Ma la gara non è chiusa, anzi. A riaprirla ci pensa Angelo Raffio, che prima battezza Palumbo sul primo palo, poi lo cresima sul secondo (4-4). Black-out che potrebbe costar caro alla Marian, che tuttavia non si scompone e riparte. Palumbo è geniale e dal limite cerca e trova Giordano sul suo palo, i casertani tornano in vantaggio (5-4). Lo Stregoni vuole reagire subito, ma De Franco non riesce a centrare lo specchio. Palumbo mette il turbo e prova a mandare ancora in gol Giordano, Serino si oppone e sventa la minaccia. Ma i gemelli del gol ci riprovano poco dopo con un esito diverso: Palumbo con l’assist perfetto, Giordano con la chiusura sul secondo palo. Nel basket sarebbe un 100% ai tiri liberi per il n°10, che poi scrive i titoli di coda segnando anche la quinta marcatura personale. Nel finale c’è spazio per un’altra magia di Offreda: tunnel a Serino, tunnel a Maio e firma con una doppietta sul definitivo 8-4.

Marco Petriccione

Digeneralmanager

Gli uomini più importanti del basket italiano: Caserta 46esima con Iavazzi, c’è anche Virginio Bernardi

iavazzi lelloBasket.net ha pubblicato un po’ di tempo fa la classifica degli uomini più importanti del basket italiano: 100 cognomi (più o meno) illustri del panorama nazionale della palla a spicchi, inseriti in una lista che vede Caserta piazzarsi al 46° posto con Raffaele Iavazzi, proprietario della JuveCaserta. Quantomeno discutibile, però, la presenza, il posizionamento ed in alcuni casi l’assenza in classifica di alcuni nomi. Scontata la vetta, con il presidente Fip Gianni Petrucci in testa, seguito dal coach della Nazionale Simone Pianigiani e dal presidente della Lega Fernando Marino. A seguire il presidente del Coni Malagò, poi il sottosegretario con delega allo Sport Graziano Delrio. Ma in classifica non mancano le sorprese. Stona il 98° posto di Virginio Bernardi (mentre alcuni suoi colleghi figurano anche nelle prime 50 posizioni, Riccardo Sbezzi è al 24° posto), che da anni ormai ha nelle sue mani i contratti di alcuni tra i più significativi allenatori e giocatori del campionato italiano e non solo. Fa sorridere, poi, il 12° posto dell’arbitro Lamonica, che si mette alle spalle fior fior di presidenti ed imprenditori del basket italiano. Al 26° posto – udite udite – c’è il telecronista della Rai Edi Dembinski, ben tre posizioni più in alto di Ettore Messina. Il telecronista Flavio Tranquillo, invece,  è relegato al 94° posto. Simpatico il 70° piazzamento di Raffaele Ferraro, fondatore de La Giornata Tipo, mentre a chiudere la classifica c’è un’altra persona che i casertani ben conoscono, coach Sacripanti.

Digeneralmanager

“Marzo 2015 in rosa”: lunedì l’evento presentato nella sala convegni di Villa Vitrone

Zinzi DomenicoLunedì 2 marzo, alle ore 12, presso la sala convegni del Polo Culturale di Villa Vitrone, in via Renella a Caserta, si terrà la conferenza stampa di presentazione del calendario di eventi ‘Marzo 2015… in rosa’, promosso dall’Assessorato alla Cultura della Provincia di Caserta. Si tratta di una ‘non stop’ di eventi sulle culture femminili, in programma presso il Polo Culturale dal 3 al 31 marzo, organizzata in collaborazione con la Biblioteca Provinciale, il Museo Provinciale dello Sport, il Museo Dinamico della Tecnologia Olivetti, Unitre, l’Agenzia Editoriale, la Consigliera di Parità della Provincia di Caserta, la Commissione Pari Opportunità e le Piazze del Sapere. Alla conferenza stampa, oltre al presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi, prenderà parte l’assessore provinciale Gabriella D’Ambrosio.

Digeneralmanager

JuveCaserta, le parole di coach Esposito pre-Cremona: “Reinserito Michelori, giocheremo 11 finali”

enzo esposito_02Prima della partenza per Cremona, in programma per oggi pomeriggio, ha parlato coach Esposito: “La pausa ci ha aiutato a reinserire nel roster Andrea Michelori ed a recuperare qualche piccolo acciacco fisico. In settimana siamo riusciti a svolgere allenamenti di qualità nonostante la necessità di apportare alcuni aggiustamenti tecnici determinati dalla partenza di Capin. Cremona – continua il tecnico casertano – è una squadra ben allenata e che ha raccolto tanto rispetto agli obiettivi di inizio anno. La formazione lombarda è una squadra atletica, con giocatori bidimensionali che riescono ad ottenere tanto dalle giocate di P&R che passano quasi esclusivamente dalle mani di Luca Vitali. Una partita complicata, ma la squadra – conclude Esposito – nonostante il -1 di cui abbiamo avuto notizia alla fine della scorsa settimana, è quanto mai concentrata e determinata a disputare in questo finale di stagione undici finali”.

Digeneralmanager

Del Gaudio sbotta dopo il trasferimento di Vona: “Mi candido a reggente della Reggia, sto pensando di far tornare il Corno”

cornoDopo un ennesimo cambiamento in capo alla sovrintendenza che dovrebbe provvedere, tra le altre cose, alla gestione della Reggia di Caserta, ed il trasferimento del sovrintendente Fabrizio Vona, è intervenuto il sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio. “Basta con le porte girevoli alla Reggia che cambiano continuamente gli interlocutori della città per la valorizzazione del nostro principale monumento. Sto seriamente pensando di rimettere il Corno in piazza Carlo III per non continuare a vedere mortificati i casertani, per ottenere le risposte chieste da mesi e per attirare l’attenzione nazionale e internazionale sui silenzi e sugli immobilismi che ancora ci vengono riservati. Mi candido a reggente della Reggia fino alle nomine del supermanager che il ministero non ha ancora definito. Apprendo dai giornali – dice il sindaco – del trasferimento ad altro incarico del soprintendente Fabrizio Vona, con il quale ancora giovedì continuavamo un necessario confronto per la bigliettazione unica della Reggia e del Belvedere di San Leucio e con il quale avevamo in corso ragionamenti comuni sulle azioni più necessarie da garantire alla Reggia e, contemporaneamente, alla città che la ospita. Ho perso il conto dei ministri e dei soprintendenti con i quali l’Amministrazione ha avviato ogni volta un’interlocuzione istituzionale per integrare finalmente la Reggia nella nostra città. Dal ministero dei Beni Culturali, nonostante i buoni propositi, non ho ricevuto alcuna risposta circa la riorganizzazione degli spazi di Palazzo Reale e nemmeno chiarimenti e certezze circa la realizzazione delle opere relative alla facciata finanziate con risorse regionali. Tutto ciò, mentre un ambito autoreferenziale della Reggia continua ad interessarsi dei riflessi policromatici dell’illuminazione della facciata che la Reggia non aveva e che è oggi esistente solo grazie all’intervento del Comune. Mi candido a reggente della Reggia – conclude il sindaco -. Almeno, la città avrà un interlocutore preciso. Sono pronto ad ogni necessaria azione affinché Caserta sia ascoltata”.

Digeneralmanager

JuveCaserta, a Cremona sfida tra i fratelli Vitali. La cabala dice Caserta: la Vanoli in casa è fragile

vitali nazionale

(Michele Vitali con la maglia della Nazionale)

Dopo le Final Eight di Coppa Italia vinte dalla Dinamo Sassari, torna ad essere protagonista il campionato di basket in serie A, con la lotta salvezza che si appresta a vivere un mese decisivo. La JuveCaserta riparte dall’ultimo posto in classifica, ulteriormente colpita dal punto di penalizzazione decretato dalla federazione per il ritardo nei pagamenti Irpef. Sanzione che la Juve spera di poter scontare con una multa, qualora dovesse andare a buon fine il ricorso. Intanto il penultimo posto di Pesaro è lontano tre punti, dunque Caserta è chiamata a vincere già a partire da domani. I ragazzi di coach Esposito saranno ospiti della Vanoli Cremona, una delle più solide sorprese di questa stagione. Cremona ha perso le ultime due gare casalinghe, ma l’ultima vittoria ottenuta al PalaRadi arrivò proprio contro una squadra campana, lo scorso 4 gennaio nel match con Avellino. Sfida dal risultato per nulla scontato: da una parte l’esperienza di caoch Pancotto, che in carriera ha battuto per nove volte Caserta, dall’altra la vivacità di Enzo Esposito, che può contare sulle 6 vittorie, a dispetto delle 5 sconfitte, che riassumono la storia degli scontri tra le due squadre. Se da una parte la Vanoli affronterà un roster completamente diverso rispetto a quello visto nel precampionato, in occasione del trofeo Irtet, e nella gara di andata, vinta in trasferta al PalaMaggiò, dall’altra parte la Pasta Reggia ritroverà da avversario Ed Daniel, pronto all’esordio casalingo con la nuova maglia. Dovrebbe recuperare dopo qualche problema fisico Luca Vitali, atteso dalla sfida in famiglia con il fratello bianconero Michele. Sarà al completo la Juve (con il rientro di Michelori), che tornerà in campo dopo i tagli di Capin ed Avramov, con la voglia di conquistare i due punti.

GUARDA IL SERVIZIO NEL TG DI TELEPRIMA DELLE ORE 14:30

Marco Petriccione

Digeneralmanager

Officine di fraternità, prosegue a Caserta la diffusione della ‘rete solidale’

GRUPPO MARIGLIANOContinua a diffondersi la rete solidale di “Officine di fraternità”, il progetto finanziato dal dipartimento della gioventù e del servizio civile e nazionale del Consiglio dei ministri, attraverso l’avviso pubblico “Giovani per il sociale” in corso di svolgimento nelle tre province campane di Caserta, Napoli e Benevento. Poco dopo la presentazione ufficiale dello scorso 19 gennaio, nella sede del Comune di Caserta, che ha concesso il suo patrocinio all’iniziativa, le undici officine di fraternità hanno cominciato a muovere i loro primi passi, coinvolgendo giovani tra i 15 e i 35 anni in attività culturali, di comunicazione, musicali, sportive, teatrali e circensi. Il progetto, che ha come soggetto proponente/capofila la Focus Focolari di Sant’Anastasia, mira, infatti, a trasmettere ai giovani partecipanti il valore della legalità e della solidarietà, attraverso l’impegno civico e la partecipazione attiva nelle problematiche sociali, la collaborazione in attività di sostegno alle fasce più deboli e disagiate, e la promozione di operazioni che avvicinino i ragazzi alle istituzioni, per renderli responsabili, rispettosi delle regole e dei diritti altrui. Il tutto grazie all’incontro in undici laboratori, diversi per attività svolte ma uniti dall’unica e indissolubile “rete della fraternità”. Sette le associazioni coinvolte che stanno portando avanti le officine col supporto di esperti e tutor, con la collaborazione di scuole, parrocchie, oratori e comunità sociali. Questi i titoli dei laboratori e i nomi delle rispettive Associazioni: «Fare squadra: l’assist perfetto» – quartiere Chiaiano di Napoli – Focus Focolari; «Lotto Infinito» – quartiere Ponticelli di Napoli – Focus Focolari; «Tutti i colori del mondo» – Marigliano– Associazione di volontariato “Fare Comunità”; «Accendiamo il domani, Illuminiamo il futuro, Spegniamo l’illegalità» – Pomigliano d’Arco – Associazione di volontariato “Fare Comunità”; «Circoteatro» – Benevento – Arcidiocesi di Benevento; «Ogni talento un dono» – Napoli, Centro Don Guanella – Associazione Mondo Unito Giovani; «La finestra sul mondo» – Casoria – Associazione Mondo Unito Giovani; «Officina Musicale» – Maddaloni – Associazione di volontariato SNC Libero Pensiero; «Vivere la legalità» – Caserta – Associazione Comitato Caserta Città di Pace con l’Istituto tecnico statale Michelangelo Buonarroti di Caserta; «RicuciAmo la Speranza» – Caserta – Cooperativa sociale NeWhope; «Summa Felix» – Somma Vesuviana – Centro Vita onlus. Già solo nel leggerli si può cogliere il valore dei contenuti. E infatti l’entusiasmo è alle stelle: «Primi incontri emozionanti e ricchi di sorprese – hanno raccontato soddisfatti i responsabili, subito dopo il via -. Tra presentazioni, lunghe chiacchierate, giochi divertenti e letture interessanti abbiamo cominciato a muovere i nostri primi passi». Un entusiasmo condiviso in pieno dai beneficiari, a tal punto che in alcune realtà è stato necessario modificare l’ora e il giorno degli incontri per accogliere anche i nuovi iscritti, sempre più numerosi. Ma la mission di «Officine di Fraternità» non si limiterà alle riunioni settimanali. Per questo pomeriggio, sabato 28 febbraio, alle ore 16, l’officina «Accendiamo il domani, illuminiamo il futuro, spegniamo l’illegalità» ha organizzato a Pomigliano d’Arco, nella sede della Congrega della rettoria Maria SS. del Carmine, in piazza Municipio, un incontro aperto a tutti per presentare il libro “Peppino Diana. Martire di terra di lavoro”. Interverrà Sergio Tanzarella, docente di Storia del Cristianesimo alla Federico II di Napoli. Tra pochi giorni, inoltre, i responsabili del progetto si rincontreranno con tutor ed esperti a Marigliano, nella sede dell’Associazione “Fare Comunità”, per valutare insieme l’andamento del progetto, scambiarsi consigli e programmare l’atteso meeting in programma dal 1 al 4 maggio prossimi a Benevento. Sarà quella l’occasione per riunire tutti i partecipanti alle officine, che parteciperanno ai workshop organizzati dal Gruppo artistico internazionale “Gen Rosso” e saranno coinvolti nella realizzazione dello spettacolo “Streetlight”, nell’ambito del suo progetto “Forti senza violenza”. L’evento coinciderà anche con l’VIII edizione del «Premio Fraternità Città di Benevento» e con un concorso di arte cinematografica e letteraria, promosso dalla Fondazione Mario Diana onlus, indirizzato agli studenti delle classi terze, quarte e quinte delle scuole secondarie di 2° grado della Campania, sul tema “Bisogna fare presto perché tutto sta per scomparire”. I partecipanti e gli Istituti aderenti al Concorso si confronteranno sul cortometraggio «Svanire» del regista Angelo Cretella, ambientato nella cosiddetta “Terra dei fuochi”.

Digeneralmanager

Caso Aos, Del Gaudio convoca un incontro in Comune per difendere la produzione serica di San Leucio

seta-san-leucioChiarezza e trasparenza, assenza di demagogia, azioni concrete per contribuire ad una soluzione positiva della vicenda dell’Aos srl“. E’ quanto dichiara il sindaco di Caserta Pio Del Gaudio, che ha invitato Andrea Sabelli di Aos e Bartolomeo Letizia del Gruppo Letizia ad un incontro per lunedì mattina, in Comune. “La storia e la cultura delle produzioni seriche di San Leucio – dice il sindaco – sono custodite nel Reale Belvedere, che da tempo abbiamo aperto anche al consorzio dei produttori casertani. E’ stato il segno di una disponibilità che l’Amministrazione ha continuato a rappresentare al comparto e che ha ispirato peraltro l’unanime voto del Consiglio nel corso della sua più recente riunione, che ha confermato anche l’indisponibilità a considerare possibili speculazioni edilizie nell’area dell’azienda. E’ quanto ho personalmente e nuovamente sollecitato, anche oggi, al ministro dello Sviluppo Economico, chiedendo l’attivazione di strumenti di programmazione per il comparto serico, dopo aver richiesto anche interventi e azioni del Consorzio Asi. Su questo versante, fuori del Consiglio, non scorgo sensibilità e attività che si coniughino utilmente ai nostri propositi. Con l’incontro di lunedì il Comune si fa luogo di un confronto reale, con l’auspicabile contributo di altri produttori del comparto per il mantenimento in zona di una produzione serica”.La crisi del comparto serico di San Leucio – aggiunge l’assessore Pasquale Napoletano, che ha rappresentato il Comune nel corso della riunione convocata giovedì dal prefetto sulla vicenda – viene da lontano e non ha registrato nel corso del tempo particolari prese di posizione delle forze sindacali che oggi denunciano strumentalmente un’inattività della politica. Lo stesso mondo dell’imprenditoria del settore, oggi protagonista in un suo segmento di una vicenda collegata strettamente a fatti giudiziari di una società immobiliare, oltre che delocalizzare e licenziare non ha mai fornito segnali reali di un’azione a largo raggio che potesse sollecitare l’intervento di strumenti nazionali a favore del comparto. Mi auguro che la nostra chiarezza serva a invertire una tendenza i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti”.

Digeneralmanager

Mondragone, furto in un negozio sulla Domiziana: arrestata una 22enne, si cercano le complici

posto_blocco_carabinieriLa scorsa notte i carabinieri di Mondragone hanno tratto in arresto una 22enne napoletana, Antonietta Biondi, in quanto sarebbe responsabile di furto aggravato in concorso. Il fatto sarebbe stato commesso dalla giovane donna, nella serata di ieri in via Domiziana, insieme ad altre due ragazze, ancora in corso di identificazione. Le tre donne avrebbero rubato vestiti ed altri accessori di marca, per un valore complessivo di oltre 600 euro, da un negozio di abbigliamento di proprietà di una donna di Mondragone. L’arrestata è stata sottoposta alla detenzione domiciliare, in attesa del rito direttissimo.

Digeneralmanager

Casal di Principe, nascondeva droga in un giocattolo: arrestato spacciatore di marijuana e cocaina

droga

E’ stato arrestato dai carabinieri per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Beccato in flagranza di reato un 32enne di Casal di Principe, Angelo Prece, già noto alle Forze dell’Ordine in quanto sottoposto precedentemente alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Recidivo, dunque, in reati riguardanti lo spaccio di droga. A seguito di una perquisizione domicilaire, infatti, il 32enne è stato trovato in possesso di circa 40 grammi di marijuana e di una dose di cocaina pronta per essere venduta. Nell’abitazione anche materiale utilizzato per il confezionamento dei pacchetti di droga. Lo stupefacente era stato nascosto all’interno di un giocattolo, per la precisione dentro una ricetrasmittente per bambini. Nell’abitazione i militari dell’Arma hanno sequestrato anche alcuni appunti, riportanti cifre, nominativi e numeri telefonici, relativi presumibilmente all’attività di spaccio. L’arrestato sarà giudicato con rito direttissimo.