Archivio mensile maggio 2014

Digeneralmanager

Sindaco per un giorno, il club Napoli “Montuoro” premia gli scolari dell’Istituto Comprensivo Maddaloni 1

PRENIOSindaco per un giorno, e i piccoli delle quinte classi dell’Istituto comprensivo Maddaloni 1 hanno messo per iscritto attraverso degli elaborati scritti le loro proposte per il sindaco e l’amministrazione comunale della loro città. Presente il sindaco Rosa De Lucia, l’assessore alla pubblica istruzione Cecilia D’Anna e la Dirigente Maria Lettieri, ieri sera nei locali dell’Istituto, il presidente del club Napoli “Montuoro” Rodolfo Crisci ha premiato gli alunni autori degli elaborati migliori. Non è un caso che sia stato il presidente del sodalizio a consegnare i premi perché l’iniziativa è partita proprio da loro, dagli iscritti al club e dal loro presidente, attivissimi in città e non solo per le partite degli amati azzurri del calcio. Per la cronaca il primo e il secondo premio – una tablet – sono andati rispettivamente a Raffaele Ravanni della 5H e a Michela Ventrone della 5B, il terzo premio – una macchina fotografica – se l’è aggiudicato invece Donato Lombardi della 5 A. Si sono classificati ex aequo al quarto posto invece Disireé Di Fonzo 5E, Mariapia Di Pietrantonio 5D, Giorgio Maria Martiriggiano 5D, Domenico Pio Tedesco 5C e Francesco Vinciguerra 5A, ma naturalmente a tutti i partecipanti sono andati dei gadget ricordo e il plauso di tutti, sportivi e amministratori.

Digeneralmanager

Consiglio provinciale, approvato il Rendiconto 2013

ConsiglioProvincialeIl Consiglio Provinciale, riunitosi stamani, ha approvato a larga maggioranza il rendiconto della gestione finanziaria 2013. Il documento, nella sua elaborazione, ha risentito dei pesanti tagli operati dal livello di governo centrale, che quest’anno ha portato ad una contrazione dei trasferimenti verso la Provincia di Caserta di circa 8 milioni di euro. A fronte di un bilancio basato sul rigore e sul contenimento della spesa si è registrato un avanzo di gestione di circa 14 milioni di euro, a testimonianza di una positività complessiva dei parametri finanziari.“Questo consuntivo – ha spiegato il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi – dimostra che il nostro è un Ente sano, con i conti a posto, nonostante i pesantissimi tagli subiti dal livello centrale oltre che da quello regionale. Siamo riusciti a limitare al massimo le spese e, al contempo, a garantire i servizi essenziali per i cittadini, intervenendo su alcuni settori di diretta competenza della Provincia.

Digeneralmanager

Il corpo carbonizzato rinvenuto a Villa Literno: si fa strada l’ipotesi che si tratti di un extracomunitario

VILLA LITERNO AUTO CARBONIZZATAL’autopsia sui resti del cadavere trovato carbonizzato in una vecchia Ford giovedì sera nel territorio di Villa Literno, ai confini tra le province di Napoli e Caserta, sarà eseguita martedì della prossima settimana, ma gli indizi raccolti finora dagli inquirenti e un primo esame compiuto dal medico legale all’esterno del cadavere indurrebbe a ritenere che trattasi di un cittadino extracomunitario. Sul cadavere sono stati individuati i segni di svariati colpi di pistola alla testa e un revolver è stato rinvenuto all’interno dell’autovettura, secondo il medico che ha eseguito le prime indagini la presenza di profonde lesioni sul cranio sono compatibili con quelle che possono essere provocate dalle ogive di proiettili. Ad avvalorare l’ipotesi di un extracomunitario, inoltre, anche la circostanza che di recente non sono state presentate denunce relative alla scomparsa di cittadini italiani.

Digeneralmanager

Perde gli occhiali e aggredisce la guardia carceraria: torna in isolamento Giuseppe Setola

setola giuseppeErano spariti i suoi occhiali da sole, dai quali, a causa dei problemi alla vista non si era mai separato, e per questo motivo ha aggredito l’agente della penitenziaria. È accaduto due giorni fa nel carcere milanese di Opera dove a tornare in isolamento è il killer del clan dei Casalesi Giuseppe Setola, più volte condannato all’ergastolo, che secondo quanto si apprende solo oggi, avrebbe ferito un secondino poco prima dell’udienza in video conferenza con il tribunale di Santa Maria Capua Vetere per il processo sull’omicidio di Domenico Noviello (ucciso il 16 maggio del 2008 a Castel Volturno). Secondo quanto si apprende dall’avvocato di Setola, Alberto Martucci, il killer avrebbe aggredito la guardia carceraria dopo essersi accorto che dalla sua cella erano spariti gli occhiali da sole. Dalle parole si è passati alle mani e la guardia sarebbe finita in infermeria. In video conferenza, infatti, quel giorno, Setola si è presentato senza occhiali scuri e l’episodio non è passato inosservato. “Con l’isolamento – ha confermato il suo avvocato – a Setola viene negata, tra l’altro, la l’ora d’aria, la tv e la radio”.

Digeneralmanager

Il bicentenario della fondazione dell’Arma: Caserta celebra i Carabinieri con una mostra al Centro Campania

ANNIVERSARIO CARABINIERIAnche Caserta celebra il bicentenario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri. Stamane,ANNIVERSARIO CARABINIERI 2 al Centro commerciale Campania di Marcianise, è stata inaugurata una mostra con opere pittoriche e sculture realizzate dagli studenti di numerosi istituti d’arte della Campania, che parteciperanno ad un concorso indetto a livello nazionale. Ad inaugurare la mostra, alle ore 11:30, il comandante provinciale dei Carabinieri di Caserta, il colonnello Giancarlo Scafuri, e il capitano Nunzio Carbone, comandante della Compagnia di Marcianise. Le opere, che resteranno esposte fino al prossimo 15 giugno, raffigurano i militari dell’Arma, le storiche uniformi e i mezzi usati nel corso di questi due secoli, come la mitica Alfa 159. L’evento casertano rientra nell’ambito delle iniziative promosse in tutta Italia per ricordare l’importante anniversario dell’Arma, recentemente definita da autorevoli rappresentanti dello Stato come custode della legalità ed elemento cardine nel sistema di sicurezza.ANNIVERSARIO ARMA 4

ANNIVERSARIO ARMA 3

Digeneralmanager

Nasce il nuovo universo sportivo casertano: Salesiani e JuveCaserta, insieme per i giovani

CatturaUtilizzare un impianto di basket coperto al centro della città: è questo il risultato dell’accordo sottoscritto tra la Juvecaserta e l’Istituto Salesiani, in base al quale la società cestistica casertana potrà avvalersi del PaladonBosco realizzato dall’Opera Salesiana in via Roma. È una intesa sottoscritta tra due eccellenze del territorio provinciale, entrambe storicamente orientate verso l’educazione dei giovani allo sport ed ai suoi valori, inteso come contributo alla promozione di nuove generazioni consapevoli e responsabili del senso civico, del rispetto delle regole, degli altri e di se stessi. Indubbiamente un risultato di grande prestigio per la società sportiva che, ancora una volta, offre una dimostrazione pratica e lampante dell’importanza che intende dare allo sviluppo dell’attività giovanile da sempre tra gli elementi trainanti della storia sportiva della Juvecaserta. L’accordo sottoscritto con l’Istituto Salesiano prevede anche una forma di collaborazione con il nuovo Liceo Scientifico Sportivo che prenderà il via presso lo stesso Istituto col il nuovo anno scolastico. pala don boscoEd il fatto che i Salesiani abbiano voluto scegliere la Juvecaserta come loro partner riempie di orgoglio la società cestistica, che intende ringraziare pubblicamente il direttore dell’Istituto don Francesco Gallone, oltre all’intera Opera Salesiana per la fiducia accordatale.

Digeneralmanager

Musica, scrittura e arte al Palazzo Lanza di Capua: prosegue l’incanto de “Il Luogo della Lingua Festival”

CAPUA LINGUA FESTIVALHa preso il via giovedì 29 maggio nella splendida cornice dell’ex Libris-Palazzo Lanza la IX edizione di “Capua il Luogo della Lingua Festival”, la rassegna diretta da Giuseppe Bellone. Al centro del ricco calendario di eventi ancora una volta musica e scrittura, per un evento che intende accendere i riflettori sulla cultura nel senso più completo e variegato. Anche quest’anno, fino a domenica 1 giugno, la manifestazione promossa dall’associazione Architempo proporrà un interessante viaggio tra teatro, arte, gastronomia, fotografia, scultura e architettura, per dar vita ad un unico grande spettacolo dal vivo, espressione della poliedricità che appartiene al linguaggio, e soprattutto alla lingua italiana.Un week-end di approfondimento culturale per visitatori e curiosi, che avranno la possibilità di incontrare tanti artisti. Ieri pomeriggio, alle ore 18, il ghiaccio è stato rotto dalla presentazione della rivista annuale ‘Quaderni Proustiani’, cui ha partecipato anche il console generale di Francia a Napoli, e direttore dell’ Istituto Le Grenoble, Christian Thimonier. In serata, poi, è stata la volta dei noti attori Giulio Scarpati, a Capua in veste di autore per presentare il suo primo libro ‘Ti ricordi la Casa Rossa? Lettera a mia madre’, e Mario Porfito, per anni amici e colleghi sul set della serie Rai ‘Un medico in famiglia’. Poi è stato il momento del concerto-spettacolo di Gennaro Vitrone, l’artista che ha da poco vinto il Premio Olmo per la Cultura. Questa sera, dopo l’esibizione della Scuola di clarinetto, diretta dal professor Luigi Pettrone, alle 20:30 ci sarà l’atteso incontro con le scrittrici Giorgia Wurth, Mariolina Venezia, e  Marilena Lucente, sul palcoscenico per presentare i loro ultimi lavori editoriali. Toccherà poi alla musica popolare e al tango la chiusura del terzo giorno del festival. La giornata di domenica sarà aperta con una mattina tra visite guidate al centro storico e ai monumenti, compreso il Museo provinciale di Capua. Contemporaneamente, a Palazzo Lanza, sarà possibile degustare ed acquistare i prodotti tipici dei nostri territori, presentati da Condotta Slow Food Terre di Capua. Seguirà, alle 17, la presentazione di “Le eccellenti eccellenze della provincia di Caserta, il libro di Jolanda Capriglione. Alle 21, ancora a Palazzo Lanza, gli scrittori candidati al Premio Strega 2014, Francesco Piccolo, Elisa Ruotolo e Paolo Piccirillo,incontreranno gli amanti della lettura. Il grande finale della rassegna sarà affidato al ricordo dell’indimenticabile Massimo Troisi, con la presentazione e la proiezione del documentario intitolato ‘Massimo. Il mio cinema secondo me’, frutto dell’intenso lavoro del regista e autore Raffaele Verzillo, che vanta la collaborazione di Rai Cinema. All’evento interverrà anche Francesco Massarelli, direttore artistico di Caserta Film Lab, che cura i cineforum del Multicinema casertano Duel Village.

 

 

 

Digeneralmanager

Musica, arte e solidarietà: ritorna a S.Maria C.V. il festival “La Musica può fare”

la musica può fareDagli artisti emergenti ai big della musica, dalle mostre fotografiche agli stand di artigianato: ritorna, per il terzo anno consecutivo, a Santa Maria Capua Vetere il Festival che unisce arte e cultura e che da sempre regala al pubblico una miscela esplosiva di emozioni sensazionali “La Musica può fare”. A fare da sfondo, anche stavolta, la suggestiva location di Villa Cristina, a Santa Maria Capua Vetere, che domenica 8 giugno a partire dalle 17 ospiterà musica, arte, giocoleria, teatro e tanto altro ancora. Anche quest’anno l’evento, ideato e realizzato dai giovanissimi membri dell’Associazione Culturale Club 33 giri, come nelle due precedenti edizioni, sostiene un importante progetto di stampo sociale ovvero le attività della Cooperativa Sociale Ottavia di Marigliano , da sempre attenta all’ attività di inserimento sociale e lavorativo di persone diversamente abili. Dal palco aperto dedicato alle nuove proposte al mondo cantautorale, sono numerosi gli artisti che a partire dalle 17 cavalcheranno i diversi palcoscenici allestiti nell’incantevole villa. In serata poi gli attesissimi live di: The Fabbrica 2.0, Gnut ed Ex-Otago. Un menù ricco di portate – così gli organizzatori hanno definito il cartellone dell’iniziativa – al  quale non mancheranno di certo i contorni quindi proiezioni, stands, mostrefotografiche e pittoriche, aree tematiche e angoli relax.

.

Digeneralmanager

Camorra, le rivelazioni di Iovine conducono alle armi: trovati kalashnikov a casa di un affiliato al clan

armi 1Prima gli intrecci tra camorra e politica, poi il racconto della connivenza tra criminalità e imprenditoria, infine, l’indicazione su dove trovare le armi della cosca. Uno scenario raccapricciante quello che , giorno dopo giorno, emerge dai racconti di Antonio Iovine, il boss del clan dei casalesi che poche settimane ha deciso di collaborare con la giustizia. Ieri, le sue rivelazioni hanno portato gli inquirenti al ritrovamento di quattro kalashnikov nascosti nella casa di un affiliato al clan a Casal di Principe. Fondamentali le rivelazioni del boss che ha già riempito diversi verbali con le sue dichiarazioni su delitti e affari del clan. A scoprire le armi, i Carabinieri diretti dal colonnello Gaetano Scafuri, comandante provinciale di Caserta nel corso di un’ operazione coordinata dal pm della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, Antonello Ardituro, che da alcune settimane sta raccogliendo le rivelazioni del boss catturato quattro anni fa dopo una latitanza durata circa quindici anni. Per recuperare le armi, nascoste nell’abitazione di un pregiudicato, Antonio Cioffo, già condannato per associazione camorristica e attualmente detenuto, i militari hanno dovuto sfondare un muro di cinta. Il ritrovamento rappresenta uno dei primi riscontri sulla attendibilità delle rivelazioni del pentito. Si tratta del secondo rinvenimento di armi avvenuto nella zona grazie alle precise indicazioni offerte da Iovine, in quella circostanza per non danneggiare gli sviluppi dell’ inchiesta non fu resa nota la fonte delle informazioni né il coinvolgimento di Iovine, così l’uomo nella cui abitazione erano nascoste le armi fu scarcerato dal gip del Tribunale Napoli Nord. La collaborazione di un esponente di altissimo livello del clan, che divideva il comando con l’altro boss Michele Zagaria, fa ipotizzare sviluppi eclatanti delle indagini sulle attività dell’organizzazione. Da quello che è emerso dai primi verbali, Iovine si è finora soffermato soprattutto sul sistema delle collusioni, che chiamano in causa imprenditori, funzionari, amministratori locali e esponenti politici, di certo questo è solo il primo passo di un cammino giudiziario che si annuncia assai complesso e faticoso per la mole di informazioni di cui il collaboratore è in possesso e che dovrà raccontare nei dettagli.

armi 4armi 2armi 3

Digeneralmanager

Sessa Aurunca, guida senza patente e assicurazione: denunciato affiliato al clan “dei muzzoni”

CONTROLLI STRADALI CARABINIERIUn 44enne di Lauro di Sessa Aurunca, Giuseppe Andreoli, affiliato al clan camorristico “dei muzzoni”, ieri è stato denunciato in stato di libertà dai carabinieri del locale Comando Arma per guida senza patente. L’uomo è stato fermato per un controllo mentre era alla guida di un ciclomotore targato, e risultato poi di sua proprietà, ma privo di certificato di idoneità poiché mai conseguito, e sprovvisto di assicurazione. Il mezzo è stato sottoposto a sequestro.