Archivio mensile gennaio 2013

Digeneralmanager

Cinema dal basso: domani al Teatro civico 14 c’è “Emilio”

Domani, venerdì 1° febbraio, al Teatro civico 14 riprendeono gli appuntamenti della rassegna Cinema dal basso con la proiezione di “Emilio”, il nuovo lavoro della casa di produzione cinematografica Atellana Blow up film, diretto da Angelo Cretella, con Nandu Popu, Sergio Lecci, Sara Scarpati. Emilio, un ragazzo tanto buono quanto i suo 200 kg di peso, percorre spesso sul suo piccolissimo motorino le strade di campagna che conducono alla masseria dove c’é Alida, una sua amica prostituta.L’affetto criminale del ritrovato fratello Benito, appena uscito dal carcere, lo plagerà fino a farlo diventare un uomo violento.Un corto circuito dal quale Emilio proverà ad uscire.

Digeneralmanager

Don Anselmo Tartaglia, Scarpetta in scena a Puccianiello

2 Febbraio 2013 ore 21, Prospet” promozione spettacolo” presenta Roberto Capasso in “Don Anselmo Tartaglia” di Eduardo Scarpetta con Gino De Luca, Nino Bruno, Viviana Cangiano, Francesco Luongo allestimento scenico di Massimiliano Pinto costumi di Alessandra Gaudioso, regia Roberto Capasso. Lo spettacolo fa parte del cartellone 2012-2013 del Teatro “Caserta citta di pace”, presso la parrocchia di Puccianiello.

Digeneralmanager

Raffaele Paganini è Zorba il greco: al teatro Comunale

Raffaele PaganiniDomani venerdì 1° febbraio, al Teatro Comunale Raffaele Paganini in “La vera storia di Zorba il greco”Appuntamento a cura del  Circuito Campano della Danza per la direzione artistica di Mario Crasto De Stefano. La Compagnia Almatanz e la Compagnia Nazionale di Raffaele Paganini portano in scena “La vera storia di Zorba il Greco” per le coreografie di Luigi Martelletta, le musiche di Marco Schiavoni. Protagonista: Raffaele Paganini. Alle soglie del matrimonio, un uomo viene assalito dai dubbi e dai timori e inaspettatamente si allontana dalla sua amata e dalla sua terra, la Grecia, per iniziare un viaggio sia attraverso il mondo, sia attraverso se stesso. Nei suoi vagabondaggi visiterà terre lontane, luoghi di incantevole bellezza, città pittoresche. Le diversità di atmosfere culturali e di civiltà lo condurranno a vivere sconosciute esperienze di vita tra sogni, speranze, delusioni, dolori, e forti sentimenti d’amore e di amicizia.

Digeneralmanager

Cellole. Arrestato spacciatore 45enne

I Carabinieri della Stazione di Cellole, nell’ambito di un servizio finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, eseguito unitamente a personale del nucleo cinofili di Pontecagnano, hanno tratto in arresto in flagranza per detenzione ai fini di spaccio Carmine Mingione classe 1968, del luogo,  sottoposto alla misura della sorveglianza speciale dip.s. con obbligo di soggiorno. Nella circostanza i militari dell’Arma, a seguito della perquisizione domiciliare, hanno rinvenivano 3 grammi di cocaina suddivisi in 4 “ovuli” e 2 bilancini di precisione. L’uomo, durante il controllo,al fine di disfarsi di n. 3 “dosi”, spintonava i militari che, nonostante fossero rovinati a terra, riuscivano a bloccarlo recuperando lo stupefacente. La droga rinvenuta ed i bilancini di precisione sono stati sottoposti a sequestro. Nel contesto il Mingione è stato quindi deferito per resistenza, violenza e lesioni a p.u.. Inoltre è risultato provvidenzialel’intervento dei Carabinieri, in quanto l’uomo ha poi accusato un forte dolore al petto al punto da richiedere il trasporto presso il locale ospedale dove il personale medico ha riscontrato un principio di infarto molto probabilmente causato dall’assunzione dello stupefacente. L’arrestato, quindi, è stato trattenuto presso l’ospedale in regime di detenzione domiciliare.

Digeneralmanager

Carditello, niente da fare: non si trovano compratori

carditelloPer l’ex Reggia borbonica di Carditello ancora una fumata nera. E’ andata ancora deserta l’asta giudiziaria per la vendita del Real Sito; la procedura è in corso al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere.  Sul tavolo del giudice Valerio Colandrea, questa mattina, non sono infatti pervenute offerte; si partiva da una base di 10 milioni con incanto, per cui le eventuali richieste d’acquisto avrebbero dovuto superare la cifra del 15%. Non sono bastate le prese di posizione di politici, esponenti del mondo della Cultura, ministri, tutti – a parole -preoccupati per il futuro del complesso che da decenni viene depredato, sventrato e oggetto di ogni tipo di sfregio.

Digeneralmanager

Ascom e Confesercenti: assalto finale alla ztl di corso Trieste

traffico limitatoAscom e Confesercenti tornano all’assalto della Ztl al corso Trieste e si preparano – anche perchè evidentemente incalzati dai comitati spontanei che l’altra mattina sono scesi in strada – a presentare un’ulteriore richiesta, l’ennesima, all’amministrazione comunale. La proposta è stata messa a punto nel corso di un’assemblea congiunta tenutasi nel pomeriggio di oggi, giovedì,  presso l’Ascom e sostanzialmente punta a due obiettivi “forti”: il primo è l’abolizione della zona a traffico limitato nel tratto che va dal Monumento all’incrocio con via Colombo, mentre per quanto riguarda il secondo tratto, dunque dall’incrocio con via Colombo fino a piazza Margherita, ztl sì ma solo nei fine settimana. In pratica, a guardar bene, Ascom e Confesercenti chiedono l’abolizione pura e semplice del dispositivo che – proprio su loro richiesta – è già stato rivisto almeno in un paio di occasioni. In aggiunta le due associazioni del commercio chiederanno anche il ripristino del parcheggio, sempre nel primo tratto: sarà l’amministrazione stessa a istituirlo di nuovo, questo il loro calcolo, una volta ripristinato il transito veicolare. Del resto, se la sosta è stata reintrodotta in via Roma, che è strada a doppio senso, perché non si dovrebbe fare la stessa cosa al corso Trieste, che è senso unico? L’aria che si respirava oggi era quella della “battaglia finale”, perché questa volta si ha l’impressione che si voglia provare a forzare la mano ai vertici del Comune, anche ricorrendo ad azioni plateali. E’ un ritornello che la città sta sentendo da tempo, le vendite sono drasticamente calate (ed è vero), di sera il corso è diventata una strada a rischio (ed è vero), ma è anche vero che Ascom e Confesercenti continuano a puntare all’obiettivo sbagliato, fingendo di non sapere che i motivi veri del disastro del commercio casertano vanno ricercati altrove. E fingendo di non sapere che quell’arteria è stata rifatta con criteri tecnici che non la rendono percorribile dal traffico automobilistico.

Digeneralmanager

Casertana, Del Gaudio annuncia buone notizie

del gaudio facebookSu ‘Facebook’ il sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio, annuncia la messa a punto del passaggio di consegne, con un post breve ed intenso: “Casertana Calcio. Cedute le quote ex Verazzo_Buffolano. Tutto pronto per l’entrata in società di CEDI SIGMA”.

L’incontro tra Maiello, Buffolano e Lombardi ha dunque prodotto i suoi frutti: quest’ultimo, presidente della società rossoblù, ha acquisito il 95% delle quote, mentre il restante 5% diventa di Tonino Maiello. Attenzione, quindi, all’imminente ingresso in società di Sigma Campania, che entro un mese dovrebbe acquistare il 10% delle quote attualmente di proprietà di Lombardi. Un’altalena di numeri che, alla fine, dovrebbe fare il bene dei falchetti, con un incremento di capitale che servirà non soltanto a rinforzare l’attuale rosa a disposizione di mister Maiuri, quanto soprattutto a programmare in maniera più ampia e stabile il futuro della Casertana.

Digeneralmanager

Udc, sabato arriva Casini ad Aversa. Zinzi propone: “Apriamo la Reggia ai privati”

AMMINISTRATIVE:CASINI,BALLOTTAGGI?UDC CON CANDIDATI MODERATI“Sono convinto, e non da oggi, che per la Reggia di Caserta, così come per tutti i beni culturali italiani, sarebbe necessaria un’apertura ai privati per quel che riguarda la gestione. Alla Soprintendenza dovrebbe restare solo il compito della conservazione del bene. Per questo occorre naturalmente  una modifica legislativa”. Così si è espresso il commissario regionale dell’Udc e candidato alla Camera dei Deputati nella circoscrizione Campania 2, Gianpiero Zinzi. “La Reggia di Caserta rappresenta un inestimabile patrimonio artistico e culturale per l’intero territorio. E’ innegabile, però, che essa non è adeguatamente utilizzata come motore di sviluppo economico per la provincia di Caserta. Altrove – ha aggiunto Zinzi – attorno ad un attrattore quale la Reggia prospererebbero intere comunità”. Intanto i centristi si preparano ad accogliere il leader nazionale del partito Pierferdinando Casini che sabato prossimo 2 febbraio sarà alle 16 ad Aversa per una manifestazione pubblica presso il teatro Cimarosa.

Digeneralmanager

Bruciava rifiuti tossici su un fondo agricolo. Denunciato 52enne

OLYMPUS DIGITAL CAMERALa Polizia Provinciale di Caserta ha denunciato alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere , un 52enne di Aversa. L’uomo è stato sorpreso mentre bruciava i rifiuti presenti sul fondo agricolo di sua proprietà a Teverola, creando ben quattro roghi. Deve rispondere di illecito smaltimento di rifiuti tossici mediante combustione. Il fatto è avvenuto domenica scorsa. A richiamare l’attenzione della pattuglia della Polizia Provinciale, che stava effettuando un servizio di prevenzione roghi, era stata la nube di fumo che si innalzava dal cumulo di rifiuti. Una volta sul posto gli agenti hanno scoperto che il 52enne stava bruciando materiali legnosi misti a plastica e polistirolo. L’uomo è stato così denunciato per i reati ambientali di cui al D. Lgs. 152/06, art. 256 c. 1 lett. b). Il fondo, invece, è stato sottoposto a sequestro. Il provvedimento è stato convalidato dalla Procura della Repubblica di S. Maria C.V. con la quale la Polizia Provinciale sta collaborando per l’accertamento e le violazioni che vengono commesse in materia di smaltimento dei rifiuti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Digeneralmanager

L’ex scuola materna di via Barducci: Speranza per Caserta lancia l’allarme

Norma NaimI due consiglieri comunali di Speranza per Caserta, Norma Naim e Francesco Apperti , hanno presentato un’interrogazione congiunta sullo stato e soprattutto sul destino  dell’edificio, di proprietà comunale, sito in via Barducci (traversa senza uscita di via Ferrarecce) che ha ospitato per oltre trent’anni e fino allo scorso giugno alcune sezioni di scuola materna del Secondo Circolo Didattico di via Roma. “Una struttura – si legge – progettata e realizzata, negli anni ’70, con specifiche finalità d’uso di tipo scolastico: un solo piano, vani e corridoi spaziosi, ed un’ampia area a verde che circonda il plesso, ubicato peraltro in posizione ottimale, in una traversa tranquilla e senza traffico di una arteria centrale della città. Dal momento della chiusura, avvenuta appunto nello scorso giugno conseguentemente alle delibere di dimensionamento scolastico, lo stabile è abbandonato, senza particolari misure di protezione, ed essendo situato in una strada residenziale con scarso traffico automobilistico e pedonale, è a forte rischio di atti vandalici o di occupazioni abusive”. La preoccupazione, che i due consiglieri richiamano, è che si possa ripetere quanto accaduto con l’ex Biblioteca di via Roma, abbandonata per due anni e in uno stato di colpevole degrado, elevata a punto di riferimento anche di sbandati senza fissa dimora. L’ideale, secondo Speranza per Caserta, “sarebbe preservare la destinazione di tipo scolastico, ma, in alternativa, perchè non pensare ad un affidamento ad associazioni e movimenti, come ad esempio gli stessi studenti che tanto hanno lottato per conquistare l’ex Biblioteca di via Roma, e si sono visti ritirare “sotto al naso” la determina con la quale l’Amministrazione aveva promesso di affidare loro quegli spazi?”